domenica 31 dicembre 2017

L'adiuvante alluminio dei vaccini provoca l'infiammazione del cervello e anomalie comportamentali; La bassa dose è la più dannosa!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
l'alluminio-passa-dal-cuore-e-va-al-cervello


Traduzione a cura di: Vivere in modo naturale

Un nuovo articolo (Crepeaux et al.) Del gruppo di ricerca Gherardi in Francia riporta importanti risultati sulla tossicità e il trasporto di adiuvante di alluminio (Al) nei topi. 
Questo studio è particolarmente utile perché ha esaminato molti risultati: effetti comportamentali, attivazione immunitaria (microgliale) nel cervello e trasporto di Al nel cervello
Lo studio ha testato dosaggi di 200, 400 e 800 mcg / Kg (mcg = microgrammi, mcg / Kg = microgrammi per chilogrammo di peso corporeo dell'animale), iniettati per via intramuscolare (IM). 
L'adiuvante di Al utilizzato era AlOH (nome commerciale Alhydrogel), l'adiuvante del vaccino più comunemente usato. 
È nel vaccino contro il tetano, Hep A, Hep B, HiB, pneumococco, meningococco e antrace.
Sorprendentemente, lo studio ha rilevato che il dosaggio più basso (200 mcg / Kg) era il più tossico! 
I dosaggi di 400 e 800 mcg / Kg non hanno prodotto effetti statisticamente significativi, ma il dosaggio di 200 mcg / Kg lo ha fatto.
La bassa tossicità dei dosaggi più alti sembra essere una conseguenza dell'infiammazione dose-dipendente nel sito di iniezione. 
Gli alti dosaggi hanno causato un'infiammazione intensa nel sito di iniezione, formando "granulomi". 
Il dosaggio di 200 mcg / Kg non ha prodotto granulomi. 
I granulomi sono noduli rigidi nel tessuto prodotto in risposta a lesioni, infezioni o sostanze estranee. 
È un modo in cui il corpo "spegne" il tessuto danneggiato e previene la diffusione di infezioni o tossine. 


I granulomi apparentemente impedivano alle particelle adiuvanti di lasciare il sito di iniezione . 
Questo spiega perché il dosaggio di 200 mcg / Kg ha influenzato il cervello e il comportamento, mentre i dosaggi più alti no.
Di conseguenza, può essere più pericoloso somministrare numerose piccole dosi di adiuvante di Al, rispetto a una dose elevata che induce un granuloma.
relazione-dose-tossicità-alluminio
Sopra: iniezione adiuvante ad alta dose nel muscolo provoca un granuloma, che intrappola l'adiuvante di Al e gli impedisce di viaggiare nel cervello. 
La dose bassa non forma un granuloma. 
Quindi, la dose bassa è libera di viaggiare nel cervello. 
Di conseguenza, la dose più bassa è più tossica della dose più alta. 
Questo meccanismo spiega i risultati sorprendenti della dose-tossicità invertita di Crepeaux et al. 2017. 
Scopri i granulomi qui:  https://en.wikipedia.org/wiki/Granuloma
In sintesi, lo studio ha rilevato che il dosaggio di 200 mcg / Kg ha causato anomalie comportamentali, un aumento di 50 volte del contenuto di Al nel cervello con infiammazione / attivazione immunitaria nel cervello. Questi effetti non sono stati osservati ai dosaggi più alti di 400 e 800 mcg / Kg.
Giornale di tossicologia
Il lavoro è tratto dalla rivista Toxicology , che è ben rispettata nel campo. 
Ha un fattore di impatto di 5 anni pari a 3.967. Penso che il fattore di impatto dei giornali sia un modo scarso e pigro per valutare un documento. Il fattore di impatto è comunemente hackerato e manipolato da riviste e società farmaceutiche (ad esempio, l'industria farmaceutica paga scrittori fantasmi (goost writer) per pubblicare articoli che citano documenti favorevoli all'industria). Lo dico perché i promotori dei vaccini spesso affermano che gli studi sui vaccini-critici compaiono solo nelle riviste junky e predatorie. Questo non è assolutamente il caso in questione. Vedi il sito web della rivista: https://www.journals.elsevier.com/toxicology
Di 115 riviste scientifiche nel campo della tossicologia, il giornale di tossicologia è classificato # alla posizione 18. http://www.scimagojr.com/journalrank.php?category=3005&page=1&total_size=115
Disegno dello studio
Gli animali erano topi femmina di 8 settimane (che sono completamente maturi). 
10 topi erano in ciascuno dei 4 gruppi (40 topi totali). Al adiuvante è stato somministrato in 3 dosi uguali, consegnato a 4 giorni e a 4 giorni di distanza. I 4 gruppi:
1) Gruppo di controllo. Ricevuto IM salino (iniezione intramuscolare). 
2) 200 mcg / Kg (ricevuti 3 X 66mcg / Kg IM)
3) 400 mcg / Kg (ricevuti 3 X 133mcgKg IM)
4) 800 mcg / Kg (ricevuti 3 X 266mcg / Kg IM)
180 giorni dopo la terza e ultima dose, gli animali sono stati sottoposti a test comportamentali e quindi sacrificati per l'analisi cerebrale. Gli animali avevano circa 8 mesi quando venivano sacrificati.
I bambini umani ricevono dosi basse o alte? 
Secondo il programma di vaccinazione degli Stati Uniti raccomandato dal CDC, i bambini sono invitati a ricevere i seguenti dosaggi di adiuvante di Al:
Nascita: 74 mcg / kg (250 mcg per 3,4 kg di lattante) (solo Hep B) 
2 mesi: 245 mcg / kg (1225 mcg per 5 kg di lattante) (Hep B, DTaP, HiB, pneumococco, poliomelite) 
4 mesi: 150 mcg / kg (975 mcg per 6,5 kg di lattante) (DTaP, HiB e pneumococco) 
6 mesi: 153 mcg / kg (1225 mcg per 8 kg di lattante) (Hep B, DTaP, HiB, pneumococco, poliomelite)
Poiché ciascun vaccino contenente Al non viene somministrato esattamente nella stessa posizione (tipicamente somministrato su diversi arti), ciascun vaccino può fornire una dose locale "bassa" che non forma un granuloma. È quindi probabile che i neonati umani ricevano adiuvante di alluminio in un modo che sia trasportabile dai siti di iniezione.

Quanto sono comuni i granulomi nei bambini che ricevono i vaccini? Fortunatamente, c'è una carta piuttosto buona su questo, e riporta un tasso dello 0,83%. Nello specifico, la carta afferma:
La dimostrazione di granulomi da vaccinazione a lunga durata da prurito in 38 su 4.558 bambini (0,83%) che hanno ricevuto vaccini adsorbiti durante il loro primo anno di vita ha confermato la nostra ipotesi che lo 0,10-1,0% dei bambini nello studio ne sarebbe afflitto. 
Certo, questo è allarmante perché suggerisce che in circa il 99% dei bambini l'adiuvante di Al non è confinato in un granuloma; può lasciare il sito di iniezione e viaggiare nel cervello.

Risultati dettagliati
Effetti comportamentali
Sono state osservate differenze significative nel comportamento nei test in campo aperto nel gruppo 200 mcg / Kg, ma non nei gruppi con alto dosaggio.
In un test sul campo aperto i topi vengono posizionati, individualmente, in un'area vuota delimitata da muri e lasciati esplorare. 
I movimenti dei topi sono monitorati dalla visione computerizzata, che misura la distanza percorsa e il tempo trascorso in diverse aree del campo (ad esempio nell'area centrale rispetto all'area periferica vicino alle pareti) e altre caratteristiche. 
I test in campo aperto sono ben noti e vengono utilizzati per rilevare la neurotossicità. 
Test di campo aperto sono stati usati nelle neuroscienze per decenni.

schema-degli-esperimenti-con-i-topi
Sopra: i topi nel gruppo 200 mcg / Kg (verde) hanno mostrato anomalie comportamentali significative nei test in campo aperto. Si sono mossi meno dei topi di controllo (grigio) e hanno trascorso più tempo nell'area centrale del campo. Questi cambiamenti indicano neurotossicità.
I dosaggi più alti non hanno avuto alcun effetto sul comportamento. La riduzione della forza di presa nel gruppo 200mcg / Kg era vicina alla significatività statistica. Le autistiche umane hanno anche anomalie nei movimenti e ridotta forza di presa. Da Crepeaux et al. 2017. 
Contenuto di alluminio del cervello
Il dosaggio di 200 mcg / kg ha causato un aumento di 50 volte del contenuto medio di alluminio nel cervello, 180 giorni dopo l'iniezione. L'alluminio persiste nel cervello a lungo termine. Il contenuto di Brain Al era 0,02 mcg / grammo di peso a secco nei controlli e 1,00 mcg / grammo di peso a secco nel gruppo 200 mcg / Kg. Gli alti dosaggi non hanno causato un aumento significativo del contenuto di Al di cervello. Ciò è coerente con i risultati dei test in campo aperto, che non sono stati influenzati dai dosaggi più elevati.

Sopra: il dosaggio di 200 mcg / Kg ha aumentato il contenuto di alluminio del cervello di 50 volte, da 0,02 mcg / grammo a 1,00 mcg / grammo di peso a secco. I dosaggi più alti non aumentavano i livelli di Al di cervello, presumibilmente perché l'adiuvante di Al era intrappolato nel granuloma. Queste misurazioni sono state eseguite 6 mesi dopo l'iniezione finale, indicando che l'Al persiste nel cervello a lungo termine. Livelli superiori a 2 mcg / grammo sono considerati dai ricercatori (ad esempio il dott. Chris Exley) di preoccupazione patologica. Le vittime del morbo di Alzheimer hanno spesso livelli di Al di 3-10 mcg / grammo di alluminio in alcune aree del cervello (la distribuzione dell'alluminio nel cervello non è uniforme). Da Crepeaux et al 2017. (Nota: ug = mcg = microgram). 
Attivazione microgliale (Infiammazione del cervello)
Il dosaggio di 200 mcg / Kg ha causato un aumento dell'attivazione della microglia nel cervello. 
Questa misurazione è stata eseguita anche 180 giorni dopo l'iniezione, quindi l'infiammazione del cervello sembra essere cronica e forse permanente. 
Questo è stato determinato misurando il numero di cellule che producono una proteina chiamata iba1, che è prodotta dalla microglia in uno stato attivato. 
Le microglia sono le cellule del sistema immunitario del cervello. 
Normalmente sono in uno stato di riposo. Uno stato "attivo" indica un'infiammazione che può essere causata da infezioni, tossine o lesioni tissutali. Le microglia attivate producono citochine.
L'aumento dell'attivazione microgliale dimostra inequivocabilmente che l'adiuvante di Al provoca infiammazione nel cervello. 
Le microglia sono in grado di produrre interleuchina-6 (IL-6) e interleuchina-17, citochine che causano comportamenti autistici negli animali. Tuttavia, né IL-6 né ILK-17 sono stati misurati in questo studio.
adiuvante-alluminio-causa-microglia

Sopra: il dosaggio di 200 mcg / kg ha aumentato la densità della microglia attivata nel cervello, un segno di infiammazione. 
La presenza della proteina "iba1" indica che la microglia è attiva. 
Non è ancora noto quali citochine producono queste microglia attivate, ma le microglia sono in grado di produrre IL-6 e IL-17. 


Elevati IL-6 e IL-17 causano l'autismo. 
Queste misurazioni sono state eseguite circa 6 mesi dopo l'iniezione finale, il che suggerisce fortemente che l'attivazione della microglia è una condizione cronica, per tutta la vita. 
Da Crepeaux et al. 2017.
Le microglia sono sicuramente coinvolte nell'autismo, perché quando vengono attivate producono citochine e infiammazione nel cervello. 
L'autistica umana ha un'attivazione microgliale cronica in tutto il cervello. 
Un recente articolo di recensione (2015) sul tema degli stati di microglia e autismo:
... tutti i fattori che alterano il numero o lo stato di attivazione della microglia in utero o durante il primo periodo postnatale possono influenzare profondamente lo sviluppo neurale, con conseguenti disturbi dello sviluppo neurologico, incluso l'autismo. 
La citazione è tratta da questo articolo:  Ruolo della microglia nell'autismo: recenti progressi
La scoperta che l'adiuvante di alluminio induce l'attivazione microgliale cronica nel cervello, a dosaggi rilevanti per il vaccino, implica fortemente questo ingrediente del vaccino come causa di autismo.
Circa l'1,3% dell'Adiuvante viaggiato nel cervello. 
I ricercatori hanno fornito il peso approssimativo del cervello (al momento del sacrificio) e il peso corporeo (al momento dell'iniezione). 
Ciò consente un calcolo della percentuale di adiuvante di Al che ha viaggiato verso il cervello. 
Nello specifico, i pesi del cervello erano di circa 400 mg (0,4 grammi) e i topi pesavano circa 30 grammi all'iniezione. 
La concentrazione di Al misurata nel cervello era di 0,2 mcg / g di peso umido (pari a 1 mcg / g di peso secco). 
Da questi numeri, calcolo, per il dosaggio di 200 mcg / Kg, circa l'1,3% di Al iniettato viaggiato nel cervello. 
Ciò è allarmante perché suggerisce che il contenuto di alluminio nel cervello potrebbe aumentare nel tempo.
Conclusione:
questo studio fornisce una prova efficace del fatto che l'adiuvante di Al provoca lesioni cerebrali e infiammazione cerebrale. L'adiuvante di Al aumentava notevolmente il contenuto di alluminio nel cervello, provocava alterazioni comportamentali patologiche e provocava l'attivazione della microglia. 
Questi effetti avversi si sono verificati a dosaggi inferiori, ai dosaggi somministrati ai neonati umani secondo il programma di vaccinazione CDC.
I risultati contraddicono chiaramente la visione ortodossa secondo cui gli studi sull'ingestione di alluminio sono un valido metodo per stimare la tossicità adiuvante di Al, come ipotizzato da Mitkus et al. 2011. 
Il modello Mitkus della tossicità adiuvante di Al è decisamente sbagliato. Lo studio Mitkus è analizzato qui:  http://vaccinepapers.org/debunking-aluminum-adjuvant-part-2/
Il documento di Crepeaux conclude:
"... il confronto tra esposizione adiuvante del vaccino ad altre esposizioni dell'alluminio non rilevanti, ad esempio alluminio solubile e altre vie di esposizione, potrebbe non rappresentare approcci validi. Ad esempio, il tasso di ritenzione di alluminio osservato dopo iniezioni endovenose di citrato di alluminio solubile tracciabile (Priest, 2004) è stato utilizzato per impostare il rassicurante modello di ritenzione infantile di adiuvanti di alluminio (Mitkus et al., 2011). Il suo modello si basava sull'ipotesi che gli adiuvanti di alluminio siano solubilizzati dagli ioni citrato nel liquido interstiziale dei muscoli (Flarend et al., 1997), senza alcuna considerazione di rapido assorbimento cellulare adiuvante e diffusione sistemica a lungo termine di agglomerati adiuvanti (Khan et al. , 2013; Eidi et al., 2015). Nel contesto del massiccio sviluppo di strategie basate sui vaccini in tutto il mondo, questo studio potrebbe suggerire che la tossicocinetica e la sicurezza adiuvante dell'alluminio richiedono una rivalutazione . " (Enfasi aggiunta)
Infatti. È urgente una rivalutazione della sicurezza del coadiuvante in alluminio. 
Le affermazioni di sicurezza adiuvante sono basate su ipotesi false e non scientifiche, non sono supportate da alcun dato sperimentale con adiuvante di Al, e sono contraddette da questi nuovi risultati sperimentali.
L'adiuvante di alluminio è un ingrediente del vaccino pericoloso. 
Le prove mostrano chiaramente che può causare lesioni cerebrali ai dosaggi del vaccino.


Guarda anche:

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.