sabato 16 dicembre 2017

Nuovo studio: Massicci livelli di alluminio nel cervello degli autistici. E' questa la pistola fumante per i vaccini?

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
pistola-fumante-alluminio-nel-tessuto-cerebrale-degli-autistici

"Questi sono alcuni dei valori più alti per l'alluminio nel tessuto cerebrale unano mai ancora registrati."Il professor Chris Exley della Keele university, che discute le nuove scoperte dei livelli di alluminio nel cervello delle persone con autismo.




di Vivere in modo Naturale

STAFFORDSHIRE, Inghilterra, il Professor Chris Exley è un formidabile scienziato, forse più importante di quanto si pensi perché uno studio che oggi con i suoi colleghi sul Juornal of Trace Elements in Medicine and Biology potrebbe essere la "pistola fumante" per dimostrare che i vaccini stanno innescando l'autismo, una prova che tutti stavamo aspettando.




Il Professor Exley è un professore di chimica bioinorganica presso la Keely University nello Staffordshire, in Inghilterra.

Ha ricevuto un dottorato di ricerca in un argomento che lo rende altamente qualificato per l'autore di questo ultimo lavoro: "l'ecotossicologia dell'alluminio" 

La sua biografia spiega come la sua carriera sia stata dedicata al tema dell'alluminio nel cervello.

professor-chris-exley
Professor Chris Exley
La mia carriera di ricerca (Presente 1984)
si è concentrata su un intrigante paradosso;


"Come mai il terzo elemento più abbondante della crosta terrestre (l'alluminio) non è essenziale e in gran parte ostile alla vita."
Lo studio di questo mistero ha richiesto la ricerca in una miriade di settori, dalla chimica inorganica di base dalla reazione dell'alluminio e del silicio alla disponibilità biologica potenzialmente complessa dell'alluminio nell'uomo.
Sono anche affascinato dell'elemento silicio nell'uomo in relazione agli esseri viventi che come il secondo elemento più abbondante 
della crosta terrestre,è anche quasi privo di funzione biologica. 
Una possibile funzione del silicio è di tenere l'alluminio fuori dalla biologia (Biota) e questo costruisce una parte importante della ricerca nel nostro gruppo. 
Siamo anche interessati alla silicizzazione biologica.

Nuova Ricerca: Come l'alluminio faccia innescare l'autismo.

A Gennaio ho scritto un ampio articolo che dettagliava la ricerca emergente, la maggior parte pubblicata nel 2010, che sembrava spiegare esattamente come, biologicamente, i vaccini somministrati ai bambini potessero causare l'autismo attraverso qualcosa di noto come; "evento di attivazione immunitaria" .
Non lo hai ancora fatto? Ti chiedo rispettosamente di prendere in considerazione la lettura di quell'articolo (più di 300.000 letture fin'ora), perché le scoperte del professor Exley ti renderanno ancora più sensata l'importanza di questo nuovo articolo.

Gli scienziati cinesi hanno trovato il puzzle mancante dell'autismo?
Quadro generale, la ricerca appena pubblicata sta dimostrando che il processo seguente è coinvolti nell'attivazione dell'autismo. 

(Vedere una spiegazione molto più ampia alla fine di questo post):

alluminio-adiuvante-vaccini-provoca-autismo
Fonte: Vaccine papers


Guardando questo grafico per un momento il mio punto del mio articolo era che la nuova scienza pubblicata ci ha fornito risposte scientifiche chiare e inattaccabili ad OGNI FASE di questo processo. 

Sappiamo che l'adiuvante di alluminio dei vaccini arriva direttamente al cervello, sappiamo che sviluppa la produzione di una Chitochina nota come "IL-6" che è stata implicata nell'autismo, e sappiamo che innesca anche "attivazione microgliale", che innesca anche  autismo.

Esaminerò solo degli studi scientifici che aiutano a dipingere il quadro di come l'autismo è stato creato, e poi spieghiamo come il lavoro del Professor Exley porta le cose ad un nuovo livello.



2015: Biopersistenza e traslocazione del cervello di coadiuvanti di alluminio dei vaccini

Nel 2015 uno studio dell'université Paris Este Créteil (UPEC) in Francia ha rafforzato la nostra comprensione del fatto che l'adiuvante usato nei vaccini è una tossina pericolosa, biopersistente, e in ultima analisi, dannosa per il cervello.
(Lo studio ha dimostrato che l'adiuvante di alluminio si fa lentamente strada verso il cervello, dove rimane,forse per sempre.) 

studio-biopersistenza-traslocazione-adiuvante-vaccini-alluminio
Biopersistence and brain translocation of aluminum adjuvants of vaccines.

Lo studio ha spiegato che l'alluminio può generare una risposta immunitaria a lungo termine a causa della sua "biopersistenza", che fondamentalmente significa che il nostro corpo non ha la capacità di liberarsi dell'adiuvante alluminio, perché è una sostanza artificiale e non abbiamo progetti naturali da eliminare:


"Cosi l'allume e altri materiali scarsamente biodegradabili raccolti alla periferia dai fagociti circolano nella circolazione linfatica e del sangue e possono entrare nel cervello usando un meccanismo cavallo di Troia simile simile a quello usato dalle particelle infettive. Precedenti esperimenti hanno dimostrato che la somministrazione di allume può causare disfunzioni e danni al sistema nervoso centrale, sollevando dubbi sul livello esatto di  sicurezza da parte dell'allume.

Novembre 2016: Dose-risposta non lineare di particelle di adiuvanti di idrossido di alluminio:
neurotossicità selettiva a basse dosi.  

Lo scorso autunno 2016, lo studio più importante e rivelatore fatto su adiuvante di alluminio ha fornito molte più cattive notizie e informazioni.

E' sicuro che le conclusioni di questo studio hanno rivoluzionato la nostra comprensione e dell'adiuvante alluminio. Dalla rivista Toxicology, gli autori di studi francesi erano molto preoccupati per l'uso diffuso di adiuvante in alluminio.

"La preoccupazione per la sicurezza del suo [adiuvante di alluminio] è emersa dopo il riconoscimento della sua biodiversità inattesa di lunga durata all'interno delle cellule immunitarie di alcuni individui, e le segnalazioni di sindromi da stanchezza cronica, disfunzione cognitiva, mialgia,disautonomia e caratteristiche autoimmuni/infiammatorie temporalmente collegate a molteplici somministrazioni di vaccini contenenti Al."

Hanno anche scoperto attraverso il mouse-model, una caratteristica unica profondamente allarmante dell'adiuvante di alluminio: le dosi basse e consistenti erano PIU' neurotossiche di una singola dose in bolo:


"Concludiamo che l'alhydrogel [adiuvante di alluminio]  iniettato a basso dosaggio nel muscolo del topo può indurre in modo selettivo l'accumulo cerebrale alfa, a lungo termine e gli effetti neurotossici. Per spiegare questo risultato inaspettato, una strada che si riferisce in futuro si riferisce alla dimensione adiuvante poiché le sospensioni iniettate corrispondenti alla dose più bassa, ma non alle dosi più elevate, contenevano esclusivamente piccoli agglomerati nell'intervallo di dimensioni dei batteri, noti per favorire la cattura e presumibilmente, il trasporto da cellule di lignaggio monociti. In ogni caso, l'idea che la neurotossicità di alhydrogel obbedisca alla dose rende la regola del veleno della tossicità chimica classica appare eccessivamente semplicistica."

Questa è una conclusione confusa. Il sito Web Vaccine Papers ha fornito ulteriori spiegazioni: 

"Un nuovo articolo (Crepeaux et al.) del gruppo di ricerca Gherardi in Francia riporta importanti risultati sulla tossicità e il trasporto di adiuvanti alluminio (al) nei topi. Questo singolo studio è particolarmente prezioso perché ha esaminato molti risultati: effetti comportamentali, attivazione immunitaria (microgliale) nel cervello e trasporto di Al nel cervello. Lo studio ha testato dosaggi 200,400 e 800 mcg/Kg, iniettati per via intramuscolare (IM). L'adiuvante Al utilizzato era AIOH (nome commerciale alhydrogel), il coadiuvante di vaccino più comune in uso oggi. E' usato nei vaccini contro il Tetano, Hep A, Hep B, HiB, Pneumococco, Meningococco e Antrace.

Sorprendentemente,lo studio  ha rivelato che il dosaggio più basso 200 mcg/Kg era il più tossico! Per molti esisti i dosaggi di 400 e di 800 mcg/kg non hanno avuto effetti avversi osservabili, ma il dosaggio di 200 mcg/Kg lo ha fatto.

La bassa tossicità dei dosaggi più alti sembra essere una conseguenza dell'infiammazione dose-dipendente nel sito di iniezione. Gli alti dosaggi hanno causato un'infiammazione intensa nei siti di iniezione formando "granulomi". Il dosaggio di 200 mcg/Kg non ha prodotto granulomi. I granulomi sono noduli rigidi nel tessuto prodotte in risposta a lesioni, infezioni o sostanze estranee. E' un modo in cui il tessuto "spegne" il tessuto danneggiato e previene la diffusione di tossine o infezioni. Il granuloma sembra fornire protezione dalla tossicità dall' adiuvante di Al; apparentemente il granuloma impediva alle particelle adiuvanti di lasciare il sito di iniezione. Questo spiega perché il dosaggio di 200 mcg/Kg ha influenzato il cervello e il comportamento, mentre i dosaggi più alti no. Questo suggerisce che è più pericoloso e dannoso somministrare numerose e piccole dosi di adiuvante di Al.

Gli autori dello studio hanno anche contestato il modo in cui FDA e CDC attualmente pensano alla tossicità adiuvante dell'alluminio, basandosi sostanzialmente sul fatto che l'approccio attuale è sbagliato: 

"Come possibile conseguenza affrontare, confrontare l'esposizione adiuvante del vaccino ad altre esposizioni dell'alluminio non rilevanti, ad esempio alluminio solubile e altre vie di esposizione, potrebbero non rappresentare un approccio valido." 


"Nel contesto dello sviluppo massiccio di strategie basate sui vaccini in tutto il mondo, il presente studio potrebbe suggerire che la tossicocinetica e la sicurezza adiuvante dell'alluminio, richiedono una rivalutazione" 


Incontra il Professor Romain K. Gherardi.


Ci sono alcuni veri eroi che emergono mentre la ricerca pubblicata raggiunge la certezza scientifica sulla connessione vaccino-autismo, e il ricercatore francese Romain Gherardi è certamente uno di loro. Non solo è stato fondamentale per i due studi che ti ho appena descritto, ma lui sembra pronto, disponibile e capace di dire la verità in pubblico. Come dimostra questo recente aspetto televisivo. Basta guardare. 


Sto immaginando una conferenza stampa con il Professor Exley e il Professor Gherardi, chi è con me? 

Ti siamo grati caro topo per il tuo aiuto
2017 Alluminio nel tessuto cerebrale nell'autismo

L'unica cosa che manca a tutto il lavoro svolto finora sull'alluminio e il suo possibile ruolo nell'autismo? Tessuto cerebrale reale di persone con autismo. Tutti gli studi pubblicati che sembravano dimostrare una forte certezza biologica di come l'alluminio nei vaccini potesse scatenare l'autismo sono stati eseguiti con il MICE, e la nuova ricerca del Professor Exley e dei suoi colleghi che hanno studiato il cervello reale delle persone con autismo.
Le conclusioni dovrebbero farti sussultare.
Journal of Trace Elements in Medicine and Biology
Il contenuto di alluminio nei tessuti cerebrali dei donatori di ADS [autismo] era estremamente alto... 
Il contenuto medio di alluminio per ogni lobo tra tutti i cinque individui era verso la fine più alta di tutte le precedenti (storiche) misurazioni di contenuto di alluminio nel cervello, tra cui disturbi iatrogeni come l'ecefalopatia dialitica... Abbiamo registrato alcuni dei più alti valori di alluminio nel cervello mai misurati in tessuti sani o malati in questi donatori di ASD maschi... Perché, per esempio, un ragazzo di quindici anni ha un contenuto di alluminio cosi alto nel suo tessuto cerebrale?

nuovo-studio-autismo-cervello-alluminio


 In un'intervista in Francia il Professor Exley ha fornito molti più dettagli sul suo studio, spiegando che la POSIZIONE dell'alluminio che hanno trovato nei cervelli dell'autismo era altrettanto importante.

"Ora poiché ho visto le stesse cellule che vedremo in un sito di iniezione che trasportava un carico di alluminio nel tessuto cerebrale di individui morti con autismo, ora direi che dobbiamo pensare molto attentamente a chi riceve un vaccino che include un adiuvante in alluminio. Dobbiamo pensare attentamente, questo vaccino è un vaccino salvavita o no? Se non lo è, meglio non averlo un adiuvante in alluminio. 

Ed ha fornito maggiori dettagli su cosa hanno scoperto esattamente di unico per l'autismo.

"Forse altrettanto importanti se non piu' importanti sono stati gli studi in microscopia. Gli studi in microscopia ci permettono di individuare, identificare dove si trova l'alluminio nel tessuto cerebrale. Quando abbiamo esaminato il cervello con una diagnosi di autismo,abbiamo trovato qualcosa di completamente diverso, e qualcosa che non avevamo mai visto prima in nessun altro insieme di cervelli umani. Abbiamo scoperto che la maggior parte di alluminio era effettivamente all'interno delle cellule, intracellulare. Alcuni di questi erano all'interno dei neuroni, ma in realtà la maggior parte di essi erano all'interno di popolazioni di cellule non neuronali. Quindi abbiamo scoperto che queste celle erano pesantemente caricate con alluminio. Abbiamo anche visto prove del fatto che le cellule della linfa e del sangue stavano passando nel cervello. Questa è la prima volta che abbiamo visto in un tessuto cerebrale umano una cosa del genere, quindi questa è un'osservazione straordinaria e unica nell'autismo. Per me stesso implica molto l'alluminio nell'eziologia dell'autismo. Ciò non significa che l'alluminio lo causi, ma sta quasi certamente giocando un ruolo nella malattia."

Ecco la sua intervista completa 
LA RISPOSTA E' ABBASTANZA OVVIA.
Da dove viene tutto questo alluminio che il Professor Exley e i suoi colleghi hanno appena trovato? Quale fonte potrebbe aver sperimentato una crescita esplosiva negli ultimi tre decenni,adattandosi perfettamente all'epidemia di autismo?

alluminio-cervello-autismo-vaccini
Fonte: l'alluminio nei vaccini per l'infanzia non è sicuro Neil Z. Miller


Penso che la risposta sia abbastanza ovvia. Penso che il CDC e gli ufficiali della sanità pubblica di tutto il mondo abbiamo qualche seria spiegazione da dare.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento