martedì 13 marzo 2018

Il cosiddetto "vaccino contro il cancro" non è affatto un vaccino; è in realtà l'immunoterapia che aumenta la funzione immunitaria del corpo.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
il_vaccino_contro_il_cancro_è_in_realtà_una_immunoterapia


Traduzione a cura di Scie chimiche:Informazione Corretta.

Non c'è dubbio che una diagnosi di cancro è assolutamente devastante. 
Purtroppo, molti di noi sono stati colpiti da questa malattia, direttamente o attraverso il dover guardare un amico o un familiare soffrirne. 

È quindi comprensibile che l'idea di un vaccino contro il cancro sia abbracciata a tutto cuore dalla maggior parte delle persone. 

Immagina se avessi fatto un vaccino contro il cancro, ti garantiresti di non avere mai il cancro in tutta la tua vita.
Bene, la macchina della propaganda vaccinale si è agganciata a un nuovo promettente trattamento del cancro e lo definisce un vaccino contro il cancro - ma non è affatto un vaccino. 
È un tipo di immunoterapia che innesca il sistema immunitario del corpo per combattere la malattia.

La distinzione è importante, perché mentre questo tipo di trattamento immunoterapico è conveniente ed è improbabile che causi effetti collaterali, i vaccini contengono ingredienti poco raccomandabili come il thimerosal (mercurio) e le cellule derivate da feti di bambini abortiti, oltre a causare una serie di gravi effetti collaterali.


Un vaccino è una preparazione biologica che migliora l'immunità a una particolare malattia. Un vaccino contiene tipicamente un agente che assomiglia a un microrganismo che causa la malattia , ed è spesso costituito da forme indebolite o uccise del microbo, dalle sue tossine o da una delle sue proteine ​​di superficie. L'agente stimola il sistema immunitario del corpo a riconoscere l'agente come estraneo, distruggerlo e "ricordarlo" , in modo che il sistema immunitario possa più facilmente riconoscere e distruggere uno qualsiasi di questi microrganismi che successivamente incontra. [Enfasi aggiunta]

Quindi, in termini molto semplificati, un vaccino comporta l'iniezione di una piccola quantità di una malattia nel corpo in modo che il corpo possa distruggerlo e quindi ricordarlo. 
Se una persona è esposta a quella malattia in una fase successiva, il sistema immunitario del corpo "ricorderà" come combatterlo e la persona non si ammalerà - almeno in teoria.

Sarebbe bello se i bambini non fossero sommersi da dozzine di vaccini, alcuni in combinazione e tutti in un periodo di tempo relativamente breve e se non contenessero conservanti e coadiuvanti pericolosi. 


L'immunoterapia, d'altra parte , non comporta l'introduzione del corpo in una piccola quantità della malattia, quindi può "imparare" a combatterla; semplicemente stimola i propri processi immunitari per distruggere le malattie.

Un team di ricercatori della Stanford University afferma di aver creato un trattamento immunoterapico che può essere iniettato direttamente in un tumore, con conseguente distruzione di quel tumore e di qualsiasi altro nel corpo, il tutto stimolando una risposta difensiva corporea completa da parte del sistema immunitario.

(Scopri perché potenziare il tuo sistema immunitario è più efficace dei pericolosi trattamenti chemioterapici alla chemioterapia.news .)

Il Daily Mail ha spiegato come funziona il trattamento:

Il metodo funziona per riattivare le cellule T specifiche per il cancro iniettando quantità di microgrammi (un milionesimo di grammo) di due agenti direttamente nel sito del tumore.
Il primo, un breve tratto di DNA, funziona con le cellule immunitarie vicine per intensificare l'espressione di un recettore attivante sulla superficie delle cellule T. 
Il secondo, un anticorpo che si lega al recettore, attiva le cellule T per attaccare le cellule tumorali. 
Iniettando direttamente [sic] nel tumore, è specificamente nella formazione delle cellule T, che già riconoscono il cancro perché sono già al suo interno.

Il gruppo di ricerca è ora pronto per passare a studi sull'uomo e sta cercando 15 pazienti con linfoma di basso grado per partecipare alla fase successiva dello studio. 

Sono fiduciosi che in futuro questo tipo di trattamento potrebbe trattare con successo molti diversi tipi di cancro.
"Non penso che ci sia un limite al tipo di tumore che potremmo potenzialmente trattare, purché sia ​​stato infiltrato dal sistema immunitario", ha detto al Mail il professor Ronald Levy, autore principale dello studio .

Le fonti includono:
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Scie Chimiche: Informazione Corretta
https://sciechimicheinformazionicorrette.blogspot.it/2018/02/il-cosiddetto-vaccino-contro-il-cancro.html

Nessun commento:

Posta un commento