mercoledì 25 aprile 2018

L'antica terapia del "guardare al sole" può aiutare a riattivare una ghiandola pineale calcificata?

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Articolo tratto da Naturalnews.com

Un protocollo di guarigione un po 'insolito e da lungo tempo dimenticato che risale a migliaia di anni sta facendo un grande ritorno nei giorni moderni. 
I sostenitori dicono che può aiutare a migliorare drasticamente la qualità del sonno, aumentare i livelli di energia, migliorare la vista, migliorare la salute endocrina e, forse più interessante, "decalcificare" la ghiandola pineale


La tecnica è conosciuta come "guardare il sole" o "mangiare il sole" e risale a più di 2.000 anni nell'antica India. 

Fissando il sole per brevi intervalli ogni giorno, in determinati momenti della giornata, rivendica, difende, i raggi del sole vengono impartiti con la forza energetica universale che guida tutta la vita. 
In altre parole, si dice che "mangiare" il sole infonda letteralmente l'energia nelle cellule di tutto il corpo.



"Osservare il sole, una pratica conosciuta anche come mangiare al sole, è un regime rigoroso di consentire gradualmente la luce del sole negli occhi in determinati periodi della giornata", spiega la Earth Clinic.


L'obiettivo quando si implementa la pratica è guardare il sole nei periodi di indice ultravioletto più basso che si verificano all'alba e al tramonto ogni giorno. " 



Gli effetti benefici di questa pratica possono essere drammatici a seconda dello stato di salute individuale di una persona, con risultati che vanno dal dolore ridotto e una migliore cognizione alla guarigione fisica e alla coscienza espansa. 

Molto di questo ha a che fare con il modo in cui l'energia del sole aiuta a decalcificare la ghiandola pineale.


Fluoro, mercurio, pesticidi e altro ancora contribuiscono alla calcificazione della ghiandola pineale


Alcuni si riferiscono ad essa come alla "sede dell'anima" o al "terzo occhio" del corpo - la ghiandola pineale, un piccolo organo che produce ormoni situato nel profondo del cervello è responsabile della produzione di melatonina, un derivato della serotonina che regola il programma di sonno/veglia del corpo, noto anche come ritmo circadiano. 
Il sonno riposante è assolutamente vitale per la salute, il che significa che anche la funzione della ghiandola pineale ottimale è essenziale. 



Ma molte persone oggi soffrono, spesso inconsapevolmente, di una ghiandola pineale "calcificata" che è fondamentalmente chiusa per via dell'esposizione persistente al fluoro, agli additivi alimentari, allo zucchero raffinato, alle radiazioni e ad una moltitudine di altri veleni prolifici. 

Med-Health.net elenca le seguenti sostanze come fattori nella calcificazione della ghiandola pineale: 


• Alogenuri come il bromuro,

• Calcio sintetico da alimenti trasformati e integratori di calcio economici 
• Acqua di rubinetto, che oltre al fluoruro contiene sostanze tossiche come residui farmaceutici 
• Mercurio, che è ancora aggiunto ai vaccini influenzali multidose 
• Pesticidi come Roundup (glifosato) che è ora presente negli alimenti, acqua e ambiente 
• Dolcificanti artificiali come l'aspartame (Equal), il sucralosio (Splenda) e la saccarina (Sweet'N Low) 
• Deodoranti come i plug-in Glade, che sono caricati con profumi sintetici 
• Alcolici



Dei rimedi che una persona può prendere per decalcificare la ghiandola pineale comprendono l'integrazione con MSM, attivatore X, boro, melatonina, iodio, cacao crudo, acido citrico, aglio, acqua distillata e aceto di sidro di mele


Maggiori informazioni potete andare in questi siti: 



Un altro potente rimedio per la decalcificazione della ghiandola pineale è l'osservazione del sole, il cui protocollo di nove mesi è il seguente: 



1) Selezionare un periodo sicuro della giornata (per sapere di più andate qui ), all'alba o al tramonto, e guardare il sole per 5- 10 secondi. Fatelo ogni giorno per nove mesi, aggiungendo 5-10 secondi alla sessione di osservazione quotidiana fino a quando non raggiungerete una sessione di osservazione massima di 44 minuti. 



2) Dopo aver raggiunto la sessione massima di osservazione di 44 minuti, inizia a camminare a piedi nudi per 45 minuti al giorno per ben sei giorni, insieme alle sessioni di osservazione del sole di 44 minuti 



3) Dopo sei giorni, continua a camminare a piedi nudi per 45 minuti al giorno per mantenere ciò che hai raggiunto. 



Il protocollo completo è pubblicato su Earth Clinic, incluso come tranquillizzare lo sguardo del sole senza danneggiare gli occhi, disponibile qui: 



Fonti: 




Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento