Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

venerdì 14 giugno 2019

L'establishment medico giace abitualmente sul fatto che i pazienti siano "cerebralmente morti" al fine di raccogliere i loro organi per l'industria dei trapianti da molti miliardi di dollari

stampa la pagina

Un rinomato neurologo brasiliano si è fatto avanti con coraggio per esporre l'industria del trapianto di organi da molti miliardi di dollari, che ora sappiamo essere in gran parte basata su diagnosi fraudolente di "morte cerebrale" risalenti agli anni '60.

Secondo il dott. Cicerone G. Coimbra, MD, Ph.D., i pazienti in coma non sono sempre "morti nel cervello", come siamo stati tutti condizionati a credere. In molti casi, gli individui in coma potevano essere effettivamente "rianimati", se i loro medici fossero adeguatamente dotati delle conoscenze appropriate su come farlo.

Articolo e fonte: Natural News 
Traduzione a cura di Vivere In Modo Naturale

Ma in genere non lo sono, il che significa che molti pazienti vengono erroneamente dichiarati "morti". Una volta "morti", questi pazienti possono quindi avere i loro organi raccolti, per essere venduti per grossi dollari, cosa che il dott. Coimbra ha discusso approfonditamente durante un recente conferenza su 

In un'intervista personale, il dott. Coimbra ha spiegato come il concetto di "morte cerebrale" sia stato inventato per circa 60 anni, anche se non c'era "nessuna ricerca scientifica preliminare" a sostegno. E a causa di questo, ora c'è "una richiesta di organi vitali trapiantabili per essere prelevati dai pazienti", anche quando è medicalmente inappropriato farlo.
Nel dichiarare che un paziente è "cerebralmente morto", i medici sono in grado di aggirare rapidamente tutti gli ostacoli legali che altrimenti impedirebbero loro di raccogliere e vendere organi vitali. In altre parole, la "morte cerebrale" è un tipo di diagnosi chiave scheletrica che sblocca il potenziale illimitato di profitti illeciti.

È noto da almeno gli anni '80 che la "morte cerebrale" è un mito

Mentre una volta si credeva, almeno all'inizio, che la diminuzione del flusso di sangue al cervello con uno stato comatoso causasse danni cerebrali "irreversibili", sappiamo che almeno negli anni '80 questo non è vero. Anche a una riduzione del 50 percento del flusso sanguigno, si scopre, il cervello cade solo temporaneamente "in silenzio" - il che significa che può essere "svegliato" ad un certo punto nel futuro.

Alla fine degli anni '90, a questo fenomeno venne dato un nome: penombra ischemica . In questo momento è stato dimostrato, in altre parole, che la cosiddetta "morte cerebrale" è un mito. Ma il sistema medico non ha mai pienamente accettato questa verità, né i medici vengono insegnati.

"Nelle scuole di medicina, questi concetti di cui ti sto parlando, anche se sono pubblicati, non sono disponibili nei libri di testo medici", afferma il dott. Coimbra. "Non sono disponibili nelle riunioni mediche. Nelle conferenze mediche non riesci a trovarli. "

Mentre alcuni medici conoscono la verità e probabilmente lo ammettono in una conversazione individuale, il dott. Coimbra dice che, in definitiva, "non vogliono fare confusione con i sistemi di trapianto", il che, proprio come la convenzionale industria del cancro, ha "sistemi ben controllati" con cui viene diffusa la propaganda.

"Il sistema di trapianto è un sistema benestante; è un sistema potente ", ha ammesso il dottor Coimbra. "Sono ovunque nella comunità medica. Sono nei consigli medici e nelle accademie mediche; sono ovunque ... Politicamente, sono molto potenti. "

Per ulteriori storie su come l'establishment medico è nel business della diffusione della disinformazione e della propaganda, assicurati di controllare Disinformation.news .

L'industria dei trapianti di organi negli Stati Uniti prevede di DOPPIA i suoi profitti entro il 2025

Che ci crediate o no, molti, se non la maggior parte di pazienti in coma non hanno alcun danno al cervello , secondo il dott. Coimbra. Potrebbero essere facilmente rianimati, dice, se i medici sostituissero semplicemente tre ormoni essenziali, due dei quali erano ormoni tiroidei e surrenali.

Senza questi ormoni, i pazienti in coma si muovono a spirale "in un disastro", dice - che è generalmente come vanno le cose. Ma, ancora una volta, dal momento che questa conoscenza non viene insegnata all'interno della professione medica stabilita, i pazienti "cerebralmente morti" continuano a morire senza necessità e i loro organi continuano a essere inutilmente sfruttati, tutti a scopo di lucro.

"Solo negli Stati Uniti, nel 2016 il sistema di trapianto ha coinvolto le imprese per circa 25 miliardi di dollari", afferma il dott. Coimbra, aggiungendo che l'industria dei trapianti è "un grande business".

"Entro il 2025, si prevede che raggiungerà $ 51 miliardi all'anno", aggiunge ulteriormente.

Per dimostrare la sua opinione che la sostituzione ormonale risolve spesso la "morte cerebrale", il dott. Coimbra ha raccontato la storia di una ragazza di 15 anni che quasi immediatamente ha iniziato a mostrare segni di attività cerebrale dopo aver ricevuto il regime appropriato di ormoni sostitutivi.

"L'importanza di sostituire l'ormone tiroideo non è discussa in riunioni relative a lesioni cerebrali e come trattare le lesioni cerebrali", afferma il dott. Coimbra"Nessuna singola unità di terapia intensiva al mondo sostituisce gli ormoni tiroidei, nemmeno uno che io conosca."

Quindi, fino a quando queste informazioni non potranno uscire, i pazienti in coma continueranno a essere sfruttati e dichiarati falsamente "morti" per mantenere il flusso di denaro.

Puoi leggere l'intervista completa tra Life Site News e il Dr. Coimbra su LifeSiteNews.com .


Puoi anche dare un'occhiata a questo pezzo di Mike Adams tradotto da Vivere in modo naturale, l'Health Ranger, che discute i risultati di uno studio recente che ha scoperto che i trapianti di organi avvengono spesso mentre i pazienti sono ancora vivi 

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/06/gli-infermieri-si-dichiarano-colpevoli.html


stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento