domenica 10 dicembre 2017

Studio: l'80% dei bambini negli Stati Uniti è nato affetto da antidolorifici "Big Pharma"

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina

I bambini affetti da dipendenza cronica da oppiacei rappresentano una grave epidemia negli Stati Uniti

bambini-affetti-da-antidolorifici-di-big-pharma
Il tasso di bambini nati con una dipendenza cronica da oppioidi è salito all'83%



Traduzione a cura di 
Vivere in modo naturale

Nuove cifre scioccanti hanno rivelato che l'80% dei neonati nati negli Stati Uniti dipende  dagli antidolorifici "sponsorizzati da Big Pharma ", con i primi giorni di vita consistenti in prelievi di farmaci intensi.  


Il tasso di bambini nati con una dipendenza cronica da oppiacei è salito all'83% nello stato del Colorado tra il 2010 e il 2015 a seguito dei tassi di abuso di antidolorifici prescritti da Big Pharma.


Funzionari del Dipartimento di salute pubblica e ambiente hanno rivelato lunedì dati scioccanti che mostrano il tasso di neonati che soffrono di prelievi di antidolorifici saliti da 2 bambini su 1.000 a 3,6 su 1.000.

Report giornalieri: i funzionari hanno detto che l'aumento è probabilmente il risultato del massiccio passaggio dagli antidolorifici prescritti all'eroina da parte di utenti dipendenti che costruiscono una tolleranza alle pillole. 


"Mentre cerchiamo di affrontare gli oppioidi da prescrizione e l'uso improprio di quelli nelle comunità del Colorado, alcune persone si rivolgono all'eroina e il rischio che un neonato diventi dipendente da oppiacei aumenta con l'eroina". Lindsey Myers, che gestisce gli sforzi di violenza e prevenzione degli infortuni del dipartimento, ha dichiarato; "Non è solo un trattamento. Sono anche le strategie di prevenzione, di intervento e di applicazione della legge, ecc., Che tutti devono collaborare per combattere questo problema ".

Il tasso di neonati che soffrono di astinenza da farmaci sta aumentando vertiginosamente negli stati in tutto il paese. 
I dati rilasciati il ​​29 novembre dal Dipartimento della salute e dei servizi umani nella Carolina del Nord tracciano un inquietante quadro di questa tendenza, che mostra un aumento del 893% del numero di bambini nati dipendenti da antidolorifici tra il 2004 e il 2015.
I neonati, nati con sindrome di astinenza neonatale (NAS), trascorrono i loro primi giorni soffrendo di forti sintomi da astinenza a causa dell'abuso di farmaci dei loro genitori e devono essere trattati nell'unità di terapia intensiva neonatale (NICU) per una media di 19 giorni.
I medici non sono ancora sicuri di quali potrebbero essere le ripercussioni sulla durata della NAS per i bambini, ma i sintomi a breve termine includono convulsioni, problemi di alimentazione, pianto eccessivo, diarrea e respiro rapido.
Il tasso di bambini nati che soffrono di tossicodipendenza è anche a livello storico e a livello nazionale, aumentando di cinque volte negli Stati Uniti tra il 2003 e il 2012, alimentato dall'epidemia di oppioidi.
Il Centro nazionale per le statistiche sanitarie, che fa parte dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha pubblicato il suo primo rapporto preliminare nel mese di agosto con una contabilizzazione delle morti per overdose nel 2016.
Il CDC stima che i decessi per farmaci siano aumentati di oltre il 22% nel 2016, con 64.070 americani che hanno subito una overdose fatale in quell'anno, guidati principalmente da Fentanyl.
Le overdose di farmaci sono ora la principale causa di morte accidentale per gli americani sotto i 50 anni.

Nessun commento:

Posta un commento