Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

martedì 19 marzo 2019

La confutazione di uno scienziato allo studio di coorte danese.

stampa la pagina
Appunti con lista vaccini, MMR spuntato


Brian S. Hooker, PH.D., PE
BRIAN S. HOOKER, PH.D., PE

CONSULENTE SCIENZA, FOCUS PER LA SALUTE | BIO

13 marzo 2019

Lo studio sul vaccino MMR recentemente pubblicato da Hviid et al. (2019, Annals of Internal Medicine)  intitolato "Morbillo, parotite, rosolia, vaccinazione e autismo: uno studio di coorte nazionale", lascia molte più domande serie rispetto alle risposte definitive.



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Gli autori affermano che il loro lavoro "sostiene fortemente che la vaccinazione MMR non aumenta il rischio di autismo, non innesca l'autismo nei bambini suscettibili e non è associato al raggruppamento di casi di autismo dopo la vaccinazione".
Questa è un'affermazione estremamente ampia che sfortunatamente non è supportata dalle prove che presentano. Ci sono otto difetti fondamentali nello studio di ricerca che portano a domande sull'accuratezza delle conclusioni.

1. I bambini sono stati in particolare assenti dal campione di studio:

Innanzitutto è il sottovalutazione dei casi di autismo all'interno del proprio campione di dati. Gli autori dello studio hanno utilizzato registri demografici della Danimarca di bambini nati in Danimarca da madri nate danesi che dovrebbero riflettere l'incidenza di autismo segnalata in Danimarca all'1,65% ( Schendel et al., 2018, JAMA ). Tuttavia, l'incidenza dell'autismo all'interno del campione di Hviid et al. la carta è dello 0,98%, il che significa che in questo studio mancano circa 4.400 bambini autistici . Gli autori non discutono la discrepanza nel numero di casi. 

2. Molti dei bambini nel campione erano troppo giovani per una diagnosi di autismo:

La ragione più probabile per la discrepanza nei casi è che il campione di Hviid et al. la carta è troppo giovane per accertare completamente le diagnosi di autismo. L'età media del campione è di 8,64 anni con una deviazione standard di 3,48 anni. L'età media della diagnosi di autismo è di 7,22 anni con una deviazione standard di 2,86 anni. Supponendo che l'età della diagnosi segua una curva a campana standard, ciò significherebbe che il 31,5% del campione era troppo giovane per ottenere una diagnosi di autismo . Questo potrebbe spiegare fino a 3.400 casi aggiuntivi non inclusi nelle analisi, che avrebbe pregiudizi i risultati per favorire non trovare una relazione tra il vaccino MMR e l'autismo.

3. La mancata eliminazione di quelli con autismo legati alle condizioni genetiche dal campione:

Inoltre, le persone a cui è stata diagnosticata una comorbidità genetica (nota per condurre all'autismo) dopo l'età 1 sono state "censurate", il che significa che sono state seguite fino al momento della diagnosi, ma non sono state rimosse dallo studio. Quindi, sono stati contati tra i campioni con molti di loro molto probabilmente autistici a causa di una condizione genetica. Questi dovrebbero essere stati opportunamente eliminati dal campione.

4. Uso di due (2) vaccini MPR diversi:

Inoltre, in questo studio sono stati utilizzati due diversi vaccini MMR . La formulazione GlaxoSmithKline Prolix® è stata utilizzata dal 2000 al 2007 e la formulazione MMR®II di Merck è stata utilizzata dal 2008 al 2013. Prolix® contiene il ceppo di morbillo di Schwarz e MMR®II contiene il ceppo di morbillo di Edmonston di Ender. Pertanto, i bambini che usano la formulazione Merck erano troppo giovani per ricevere una diagnosi di autismo, dato che i più grandi che sarebbero al momento dello studio hanno 6 anni o meno. Questo è importante per il confronto con l'esperienza in altri paesi, in particolare negli Stati Uniti, dove la formulazione Merck è stata utilizzata esclusivamente per l'intero periodo di studio.

5. Mancato controllo per "l'effetto di dosaggio":

Inoltre, l'età alla quale i bambini danesi nel campione hanno ricevuto la seconda dose di vaccino MMR è stata ridotta da 12 anni a 4 anni nel 2008. Ciò significa che i bambini nati dopo il 2004 riceveranno due vaccini MMR prima dell'età media di un autismo diagnosi, mentre i bambini nati prima del 2004 avrebbero ricevuto solo un vaccino MMR . Se in effetti esiste un "effetto di dosaggio" dell'MMR (cioè, dove entrambe le dosi erano casualmente correlate all'autismo), questo non poteva essere chiarito nel campione e, di nuovo, ciò distorcerebbe erroneamente i risultati per non trovare una relazione.

6. Il metodo statistico non è riuscito a catturare quei bambini con una diagnosi ritardata di autismo:

Gli autori hanno anche utilizzato un metodo statistico non trasparente in cui gli "anni-persona" sono stati considerati dopo il vaccino MMR a una diagnosi di autismo in cui i bambini che ricevevano una diagnosi subito dopo aver ricevuto il loro primo vaccino MMR sarebbero stati pesati più pesantemente dei bambini con un ritardo nella diagnosi . Questo non ha senso dato che l'età della diagnosi di autismo varia notevolmente tra le popolazioni in base all'accesso ai servizi e alla gravità del caso di autismo, tra gli altri fattori. Questo tipo di metodo è "preso a prestito" dall'epidemiologia delle malattie infettive in cui un'esposizione conduce direttamente a uno stato di malattia piuttosto rapidamente, ad esempio la varicella. Tuttavia, il metodo non ha alcun ruolo nella valutazione delle sequele croniche alla vaccinazione, che può richiedere un periodo di anni per ricevere una diagnosi accurata.

7. I fratelli maschi vaccinati di bambini con autismo mostrano più diagnosi di autismo:

Medico che fa l'iniezione di vaccino a un bambino
È interessante notare l'aumentata incidenza di autismo nei ragazzi con fratelli autistici nel gruppo vaccinato mostrato nella Figura 2 del supplemento dell'articolo . L'aumento verso la fine della "curva di sopravvivenza" mostra che più ragazzi vaccinati con MMR (con fratelli autistici) sono diagnosticati con autismo rispetto ai ragazzi non vaccinati. La differenza non è statisticamente significativa, ma potrebbe essere un artefatto del sottogruppo molto piccolo di ragazzi considerati in questa analisi.

Gli autori dello studio citano anche il CDC Destefano et al. Studio del 2004 che mostra effettivamente una relazione statisticamente significativa tra i tempi MMR e l'incidenza dell'autismo . Questo è ulteriormente discusso in una rianalisi dei dati di CDC sul Journal of American Physicians and Surgeons ( Hooker, 2018 ).

8. Conflitto di interessi degli autori dello studio

Va notato che tre degli autori dello studio sono attualmente impiegati presso lo Statens Serum Institut che è un produttore di vaccino for-profit in Danimarca . Inoltre, questo lavoro è stato finanziato con una sovvenzione dalla fondazione Novo Nordisk . Novo Nordisk è un produttore farmaceutico multinazionale danese. Questi sono due gravi conflitti di interesse.
L'autore principale, Anders Hviid, è stato il secondo autore del giornale dell'autismo MMR del New England Journal of Medicine del 2002 ( Madsen ed altri 2002 ). Questa ricerca è stata completata nonostante il fatto che gli autori dello studio non abbiano mai ricevuto un'approvazione etica adeguata per completare lo studio .  Un'analisi dettagliata di questo è descritta da Children's Health Defense .
Con questi problemi, questo documento non può essere invocato come prova del fatto che il vaccino MMR non causa l'autismo. 

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento