Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

mercoledì 26 giugno 2019

"Qualche informazione in più (per non fermarsi ai titoli dei giornali).

stampa la pagina


Io mi auguro che tutti leggiate attentamente, per capire come ci manipolano gli sciacalli, vestiti da giornalisti e da medici Riporto da altro sito, quanto segue:


"Qualche informazione in più (per non fermarsi ai titoli dei giornali).
Grande clamore mediatico in questi giorni per la storia di Eleonora, la ragazza deceduta a causa “del rifiuto di fare la chemioterapia“.


(….a parte che poche settimane fa è morto un mio parente, di leucemia, ed aveva fatto tutto quello che gli era stato prescritto, dalla chemio al trapianto di midollo, e nessuno si è sognato di dire che sia morto per la chemio…)

Quel poco che mi sento di dire, che non trovo scritto da nessuna parte, è che Eleonora era (ed è) una persona splendida, un’anima bella, di quelle che di rado appaiono sulla terra.
Eleonora era molto più matura della sua età. Aveva visto morire una sua amica, l’anno prima, nonostante(forse proprio per?) le chemioterapie, ed aveva deciso autonomamente di non percorrere quella strada (strano che se una 17enne prende questa decisione la si sottrae alla patria potestà, viene minacciata, le viene imposto un tutore, mentre i medici che dichiarano che in caso di cancro non farebbero la chemioterapia sono sempre di più).
Eleonora si era completamente ripresa, tanto che era tornata a scuola ed era stata promossa, a Giugno. Ma lo stato di continua tensione, le minacce, la sottrazione della patria potestà ai genitori e l’imposizione delle cure da parte di uno stato sempre più invasivo nelle nostre vite private l’hanno fatta ripiombare in ospedale dove è morta.
Sì, perchè Eleonora è morta in ospedale. E di cosa? Non ci è dato sapere. Se penso che sia stata uccisa faccio peccato? Qualcuno diceva che a pensar male si fa peccato, ma ci s’azzecca. E io credo proprio di azzeccarci. Uccisa da una persecuzione ostinata, caparbia, continua, intollerante anche verso il più piccolo desiderio di libertà ed autonomia.
Quello che so è che i due genitori sono due persone stupende, ricche di una fede incrollabile, che pagano per una scelta che lo stato non tollera. Lo stato non tollera che ci sia chi non si sottomette. Non concepisce persone pensanti con la propria testa, che mettono in discussione i dogmi della medicina-farmaceutica. Uno stato talmente arrogante e crudele che va contro le sue stesse leggi, all’occorrenza, e riapre un processo anche quando i termini sono scaduti, pur di farla pagare a chi non si è piegato. Uno stato che non si cura di mietere vittime se serve a non essere messo in discussione.
Siamo in uno stato in cui medici corrotti, condannati, criminali, rimangono regolarmente iscritti all’ordine; ma chi solo prova a mettere in forse i sacri dogmi (dei vaccini, ad esempio) viene radiato e bollato come criminale.
Non esiste un singolo colpevole della morte di Eleonora. Ma colpevoli siamo tutti noi quando accettiamo, per quieto vivere, i soprusi di uno stato e di una burocrazia ottusa. E se non cominciamo a dire di no, ci renderemo complici dei crimini che questo stato commette."
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento