Iscriviti alla Newsletter

sabato 13 luglio 2019

Il Global Warming è una bufala colossale! La nuova scienza rileva che l'attività umana ha praticamente zero impatto sulle temperature globali

stampa la pagina


La bufala del cambiamento climatico è crollata. Una serie devastante di documenti di ricerca sono stati appena pubblicati, rivelando che l'attività umana non può rappresentare più di un aumento di 0,01 ° C nelle temperature globali, il che significa che tutta l'attività umana presa di mira da radicali allarmisti del cambiamento climatico - motori a combustione, voli aerei, trattori diesel - non ha praticamente alcun impatto misurabile sulla temperatura del pianeta.

Scienziati finlandesi hanno guidato la ricerca, rilasciando un documento dal titolo " Nessuna prova sperimentale per il significativo cambiamento climatico antropogenico ".


Il documento spiega che l'analisi IPCC delle temperature globali evidenzia un errore eclatante, ovvero la mancata considerazione delle "influenze della bassa copertura nuvolosa" e il modo in cui influiscono sulle temperature globali. 
Le variazioni naturali nella bassa copertura nuvolosa, che sono fortemente influenzate dalla capacità della radiazione cosmica di penetrare nell'atmosfera terrestre a causa delle variazioni nella forza della magnetosfera del nostro pianeta, rappresentano quasi tutti i cambiamenti nella temperatura globale, spiegano i ricercatori.

Come rivela questo grafico, più copertura nuvolosa è inversamente correlata alla temperatura. In altre parole, le  nuvole schermano la superficie della Terra dal sole, fornendo un raffreddamento della copertura cromatica, mentre una mancanza di nuvole risulta in un maggiore riscaldamento:

La copertura nuvolosa tiene conto dei reali cambiamenti delle temperature globali

Ciò è ulteriormente supportato dai ricercatori dell'Università di Kobe in Giappone che hanno pubblicato un documento quasi simultaneo che rivela come i cambiamenti nel campo magnetico del nostro pianeta regolano l'intensità della radiazione solare che raggiunge l'atmosfera inferiore, causando una formazione di nubi che alterano le temperature globali.


Questo studio, pubblicato su Nature, è chiamato " Intensificato il monsone invernale dell'Asia orientale durante l'ultima transizione di inversione geomagnetica ".


Le registrazioni delle variazioni climatiche suborbitali durante l'ultimo periodo glaciale e dell'Olocene possono essere utilizzate per chiarire i meccanismi dei rapidi cambiamenti climatici ... Almeno un evento è stato associato a una diminuzione della forza del campo magnetico terrestre. Pertanto, i registri climatici del MIS 19 interglaciale possono essere utilizzati per chiarire i meccanismi di una varietà di cambiamenti climatici, tra cui testare l'effetto dei cambiamenti nella forza del campo di dipolo geomagnetico sul clima attraverso la formazione di nuvole indotte dal galactic cosmic ray (GCR) ...

In effetti, i raggi cosmici normalmente deviati attraverso la magnetosfera sono, in tempi di campi magnetici deboli o mutevoli provenienti dalla Terra stessa, in grado di penetrare ulteriormente nell'atmosfera terrestre, causando la formazione di nuvole di basso livello che coprono la terra in un tipo di "effetto ombrello" che oscura la terra dal sole, consentendo il raffreddamento. Ma la mancanza di nuvole rende la superficie più calda, come ci si aspetterebbe. Questo fenomeno naturale è ora documentato come il principale motore delle temperature e del clima globale , non dell'attività umana.

In altre parole, brucia tutto l'olio che vuoi, ed è ancora solo una goccia nel secchio rispetto al potere del sole e di altre influenze cosmiche. Tutto il consumo di combustibili fossili nel mondo non contribuisce a nulla alle reali temperature globali, hanno confermato i ricercatori.

Come spiegano, i modelli climatici dell'IPCC stanno sopravvalutando l'influenza del biossido di carbonio sulle temperature globali:
... i modelli [IPCC] non riescono a derivare le influenze della bassa percentuale di copertura nuvolosa sulla temperatura globale. Un componente naturale troppo piccolo risulta in una porzione troppo grande per il contributo dei gas serra come il biossido di carbonio. Questo è il motivo per cui J. KAUPPINEN E P. MALMI IPCC rappresentano la sensibilità climatica più di un ordine di grandezza maggiore della nostra sensibilità di 0,24 ° C. Poiché la porzione antropogenica nell'aumento di CO2 è inferiore al 10%, non abbiamo praticamente alcun cambiamento climatico antropogenico. Le nuvole basse controllano principalmente la temperatura globale.

L'intera bufala del "cambiamento climatico" è una frode

L'anidride carbonica , in altre parole, non è la "sostanza inquinante" che gli allarmisti del cambiamento climatico hanno a lungo preteso che fosse. La CO2 non distruggerà il pianeta e quasi non avrà alcun effetto sulle temperature globali (la stima dell'IPCC sul suo effetto è, secondo i ricercatori finlandesi, su un ordine di grandezza troppo grande o dieci volte la quantità effettiva).
In effetti, la NASA è stata costretta ad ammettere di recente che il biossido di carbonio sta ri-inverdendo la Terra su larga scala sostenendo la crescita delle foreste pluviali, degli alberi e delle praterie. Vedi queste mappe che mostrano l'aumento della vita vegetale verde, grazie all'aumento di CO2:


È importante sottolineare che la riduzione del consumo globale di combustibili fossili non avrà praticamente alcun impatto sulle temperature globaliIl governatore molto più grande del clima e delle temperature è la forza e la configurazione della magnetosfera terrestre, che è sempre stata in movimento dalla formazione del pianeta miliardi di anni fa. Più debole è la magnetosfera, più i raggi cosmici penetrano nell'atmosfera, producendo la generazione di nuvole che schermano la superficie del pianeta dal sole. Quindi, una magnetosfera più debole causa un raffreddamento globale, mentre una magnetosfera più forte risulta nel riscaldamento globale, secondo questa ricerca. Questo fenomeno è chiamato "Effetto Svensmark".


Ciò suggerisce che l'aumento dei raggi cosmici sia stato accompagnato da un aumento della copertura delle nubi basse, l'effetto ombrello delle nuvole ha raffreddato il continente e l'alta pressione atmosferica siberiana è diventata più forte. Aggiunto ad altri fenomeni durante l'inversione geomagnetica - evidenza di un calo della temperatura media annuale di 2-3 gradi Celsius e un aumento delle temperature annuali dai sedimenti nella Baia di Osaka - questa nuova scoperta sui monsoni invernali fornisce un'ulteriore prova che il cambiamento climatico sia causato dall'effetto nuvola a ombrello.

La "guerra al carbonio" deriva dalla pura stupidità, dall'arroganza e dall'analfabetismo scientifico

L'estremo allarmismo dei pazzi per i cambiamenti climatici - meglio personificato da Alexandria Ocasio-Cortez che insiste che l' umanità sarà distrutta in 12 anni se non smettiamo di bruciare combustibili fossili - è tutta basata solo sulla propaganda dei media e sulla falsa scienza. (L'IPCC e il NOAA fondono regolarmente dati sulla temperatura per cercare di creare una "tendenza" di riscaldamento in cui non esiste nessuno).
È tutta una massiccia frode ben coordinata dei media mainstream che deliberatamente mentono al pubblico sui cambiamenti climatici per spingere controschemi di libero mercato che distruggerebbero l'economia degli Stati Uniti, trasferendo letteralmente trilioni di dollari nelle tasche di ricchi globalisti come parte di uno schema di "carbon tax ".
Eppure il carbonio non è affatto il problema, la "guerra al carbonio" è una stupida, insensata politica creata da idioti, dato che gli umani sono forme di vita basate sul carbonio, il che significa che qualsiasi "guerra al carbonio" è una guerra all'umanità.


Vedi altri documenti di ricerca di Jyrki Kauppinen a questo link su Researchgate.net
E rimani informato leggendo Naturalnews.com e Climate.news.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento