Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

giovedì 2 luglio 2020

Venduti 50 milioni di passaporti sanitari digitali!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti


Azienda britannica di sicurezza informatica, VST Enterprises ha firmato un contratto con la società internazionale di tecnologia sanitaria digitale Circle Pass Enterprises (CPE), proprietaria di "Covi-Pass", per fornire 50 milioni dei suoi "passaporti sanitari digitali" a 15 paesi.


VST è stata fondata dall'imprenditore tecnologico Louis-James Davis per integrare le sue tecnologie VCode e VPlatform all'avanguardia nel passaporto sanitario digitale Covi-Pass, che sarà abbinato a kit di test approvati.


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
Fonte originale in inglese: Eealthcare-in-europe.com

In parole povere, l'utente scarica l'app sul proprio dispositivo smartphone e carica le informazioni chiave come nome, indirizzo, età. La loro identità viene quindi verificata utilizzando un'impronta digitale biometrica o una scansione facciale. Un test COVID-19 viene quindi eseguito da un operatore sanitario, un infermiere o un medico autorizzato. Il test è geo-recintato in quella posizione - utilizzando GPS, RFID, Wi-Fi o dati cellulari per impostare un confine virtuale attorno a una posizione geografica - e i risultati del test vengono quindi scansionati dal kit di test nel Covi-Pass Health Passport.

Un sistema di mappatura dei colori (verde, ambra, rosso) autentica e fornisce la cronologia dei test COVID-19 e le informazioni sanitarie pertinenti, quindi le metriche accurate dei dati possono valutare coloro che hanno testato positivo e negativo e solo la posizione dei loro test. L'utente può quindi mostrare il Covi-Pass per autenticare il proprio stato di salute. "Un sistema di semafori conferma il loro stato di salute come rosso o verde, rosso per positivo e verde per negativo", sottolinea la società. 'Il colore ambrato indica un conto alla rovescia per quando un altro test sarebbe dovuto e richiesto. Il Covi-Pass può essere utilizzato come gateway autenticato per servizi pubblici, aziende e dipendenti per gestire un ritorno sicuro al lavoro, alla vita e ai viaggi sicuri. Una delle tante caratteristiche uniche della sicurezza informatica VCode ", aggiunge Adam Palmer, c-fondatore di CPE, "è che la tecnologia può essere scansionata fino a 100 metri, garantendo che la conformità a distanza sociale sia solida e rendendola l'unica scelta per un passaporto digitale sicuro". Inoltre, sottolinea CPE, la scansione è praticabile mentre la persona è in movimento e con varie angolazioni. "



La spedizione ha inizio

"Crediamo fermamente che il passaporto digitale sulla salute, insieme ai kit di test approvati dal governo, sia la chiave per rimuovere le restrizioni di blocco in modo graduale e controllato"
Louis-James Davis

La spedizione è iniziata per il primo rilascio graduale di questi 50 milioni di passaporti sanitari digitali per il settore privato e i governi in oltre 15 paesi, tra cui Italia, Portogallo, Francia, Panama, India, Stati Uniti, Canada, Svezia, Spagna, Sudafrica, Messico , Emirati Arabi Uniti e Paesi Bassi, riferisce la società. "Siamo fermamente convinti che il passaporto digitale per la salute, insieme ai kit di test approvati dal governo, sia la chiave per rimuovere le restrizioni di blocco in modo graduale e controllato", ritiene Davis, aggiungendo: "L'attuale tecnologia in fase di sperimentazione tramite Bluetooth e le app di prossimità è fondamentalmente fondamentale imperfetto a causa dei suoi problemi di privacy relativi al monitoraggio in tempo reale, alle violazioni della sicurezza e dei dati che stiamo già vedendo e che vengono segnalati e alla reticenza per i cittadini di utilizzare e scaricare l'app di tracciamento ".


Problemi esistenti relativi al passaporto sanitario

"La tecnologia utilizzata nella tracciabilità dei contatti e nelle app di prossimità Bluetooth attualmente utilizzate da vari governi è fondamentalmente difettosa", ritiene Davis. 'Non solo l'app Bluetooth e i suoi dati possono essere compromessi e compromessi, ma possono anche portare a dati falsi. Ci sono anche reali problemi fondamentali della privacy e del monitoraggio in tempo reale, a cui la maggior parte dei cittadini resisterà a tutti i livelli. Ciò contribuirà anche all'ansia per la tecnologia, con conseguente scarsa diffusione. Senza un assorbimento del 100% della popolazione che utilizza la tecnologia, i suoi dati sono inefficaci e non forniscono un quadro reale della traccia dei virus. Aggiungete a ciò il fatto che il Bluetooth può penetrare anche in vetro e pareti. Quindi qualcuno per esempio,

"Allo stato attuale, il problema con altri passaporti sanitari non è solo che il feed di informazioni è volontario, ma la tecnologia utilizzata (nella maggior parte dei casi un codice QR o un codice a barre) non può essere interagita al di fuori della zona di distanza sicura", Aggiunge Davis. 'I dati e le informazioni sensibili scansionati o memorizzati in un codice QR e codice a barre possono essere hackerati e sono intrinsecamente insicuri, lasciando compromessi dati e dati personali. Sia i codici a barre che i codici QR sono una vecchia tecnologia di seconda generazione. VCode e VPlatform rappresentano la prossima "terza generazione" di tecnologia di codice ultra-sicura e versatile per la crittografia di livello militare con oltre 2 quintilioni di permutazioni di codice. "


Cyber-tech per NHS

La società con sede a Manchester menziona anche discussioni avanzate con alti funzionari del governo del Regno Unito, NHSX, il braccio tecnologico dell'NHS e il Ministero degli Interni sulla sua tecnologia di sicurezza informatica. La tecnologia di sicurezza informatica sviluppata da VSTE può essere utilizzata da vari settori tra cui operatori di terapia intensiva, medici, infermieri e operatori sanitari del Servizio sanitario nazionale e operatori chiave dei servizi di emergenza a luce blu. L'uso di un VCode integrato con un passaporto sanitario contribuirebbe a riportarli in prima linea in modo sicuro e controllato, ritiene VSTE. VSTE riporta inoltre la fornitura della sua tecnologia VCode e VPlatform per collaborare con le Nazioni Unite nell'ambito del loro programma di collaborazione SDG (Sustainable Development Goals) - per fornire una vasta gamma di servizi tecnologici a 9 miliardi di persone entro il 2030, che saranno presto annunciati.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento