Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

martedì 23 giugno 2020

ECCO PERCHE' NON DOVETE ASSOLUTAMENTE FARVI FARE IL TAMPONE!!

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

ECCO PERCHE' NON DOVETE ASSOLUTAMENTE FARVI FARE IL TAMPONE!! 

RIFLETTIAMO SUI FATTI
CASO YARA GAMBIRASIO: Dal 2010 fino al 2015 analisi del DNA a tappeto a Bergamo e provincia, mappa genetica dell’intera zona.
2018-2019 - creato un enorme allarme in Lombardia sul pericolo meningite e influenza.
2019 preparati e somministrati centinaia di migliaia di vaccini in particolare nella zona del bergamasco.
2020 - zona più colpita dal coronavirus.
2020 - CHIESTA DAL GOVERNO LA MAPPATURA GENETICA DELLA POPOLAZIONE, DANDO INCARICO PERSINO ALL’ISTAT.
CHIEDITI: PERCHE’ MAI VOGLIONO MAPPARE GENETICAMENTE ANCHE LE ALTRE ZONE D’ITALIA, AVENDO GIA’ MAPPATO IL BERGAMASCO?
Ti do un aiutino: c’è un progetto per diminuire la popolazione mondiale, e i danni dei vaccini e dei virus sono spesso legati alle caratteristiche genetiche.
Ad esempio, c’è una parte delle persone con gruppo sanguigno 0 che è immune ai virus, ovviamente queste persone non possono essere uccise con un virus, e saperlo significa trovare un altro modo per uccidere adatto alla loro genetica. Inoltre, gli stessi vaccini sono più distruttivi per alcuni e non per altri. CONOSCERE LA MAPPATURA GENETICA RAPPRESENTA UNA POSSIBILITA’ ENORME DI CONTROLLO SULLA SALUTE.
L’Italia è diventata la cavia per sporchi esperimenti di soppressione della gente. La conoscenza della mappatura genetica della bergamasca ha permesso di inoculare i vaccini “giusti” per uccidere di più?
E quando gli italiani di altre zone accetteranno la mappatura, anche in quelle zone cresceranno i morti per vaccino-virus?
NON DARE IL TUO CORREDO GENETICO ALLE INDUSTRIE FARMACEUTICHE!
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

lunedì 22 giugno 2020

La promozione di ricerche pericolose di Anthony Fauci ha contribuito a creare la pandemia di COVID-19?

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Nella foto Antony Fauci



Mentre giornalisti e agenzie governative continuano a indagare sulle origini della pandemia di COVID-19, appare sempre più probabile che il nuovo coronavirus sia stato scatenato, inavvertitamente o no, da un laboratorio di virologia cinese a Wuhan, dove pericoloso “guadagno di funzione "Sono state condotte ricerche sui coronavirus di pipistrello della varietà COVID-19.

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

(Articolo di Matthew Cullinan Hoffman ripubblicato da LifeSiteNews.com )

Tuttavia, il potenziale scandalo è amplificato dal fatto che i cinesi non stavano conducendo questi pericolosi esperimenti da soli; gran parte della ricerca presso i laboratori di Wuhan Institute of Virology era sostenuta, difesa e finanziata dalla leadership del National Institutes of Health degli Stati Uniti e dall'Agenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti, in coordinamento con l'Organizzazione mondiale della sanità e varie università statunitensi e istituti.

Se è in definitiva si dimostrasse vero che l'Istituto Wuhan di virologia abbia scatenato i nuovi coronavirus sul mondo, allora non solo la Cina, ma gli Stati Uniti e l'istituzione di salute globale, sarebbe implicato nella peggiore crisi socio economica e politica del 21 °  secolo, una pandemia che ha ormai tolto la vita a oltre 400.000 persone e ha devastato l'economia globale.

Il caso circostanziale contro i laboratori gestiti dall'Istituto di Virologia di Wuhan è forte, anche se non definitivo. I ricercatori del WIV si sono specializzati in coronavirus di pipistrello che sono più strettamente correlati al nuovo coronavirus che causa COVID-19, e ammettono di aver campionato almeno uno di questi virus identici nel 96% del suo genoma. Questo parente del romanzo coronavirus, RaTG13, è il  più vicino noto agli scienziati , con il secondo è un coronavirus Pangolin che è solo il 91% lo stesso.

Inoltre, la teoria inizialmente adottata dal governo cinese, secondo cui la pandemia derivava dalla manipolazione di animali selvatici in un mercato di Wuhan, è stata così accuratamente smentita che ora è stata  ufficialmente scartata  dalle stesse autorità cinesi. Questa teoria era l'alternativa più praticabile alla teoria dell'origine del COVID-19 dal laboratorio.

Ora un  nuovo studio condotto da ricercatori australiani  ha messo in evidenza l'evidenza che il virus si è sviluppato nelle cellule umane, possibilmente in una coltura cellulare di laboratorio, prima di essere rilasciato sul mondo. Di fronte allo studio australiano, il Dr. Francis Collins, direttore del National Institutes of Health, sembra aver fatto un passo indietro nella sua narrativa sul romanzo coronavirus. In passato ha  trombato  uno studio che ha concluso che il virus era di origine naturale e ora  afferma  che non può escludere la possibilità che, qualunque sia la sua origine, fugga da un laboratorio.

Persino l'ex capo del servizio di intelligence straniero britannico MI6 ritiene che l'evidenza favorisca la teoria dell'origine del laboratorio. Sir Richard Dearlove ha recentemente dichiarato  al quotidiano britannico Telegraph  che "Penso che sia iniziato come un incidente" in un laboratorio cinese, anche se ritiene che siano necessarie ulteriori ricerche per confermare o scartare la teoria. “Solleva il problema, se la Cina dovesse mai ammettere la responsabilità, paga le riparazioni? Penso che farà ripensare ogni paese del mondo su come tratta i suoi rapporti con la Cina e come la comunità internazionale si comporta nei confronti della leadership cinese ", ha detto Dearlove al programma di podcast di The Telegraph Planet Normal.

Dopo aver esaminato in modo esauriente le prove a favore della teoria del laboratorio di Wuhan,   due eminenti virologi , Jonathan R. Latham e Allison Wilson,  hanno recentemente concluso  che “una fuga di laboratorio è di gran lunga l'ipotesi principale per spiegare le origini di Sars-CoV-2 e la Pandemia di covid19." Il  Bulletin of Atomic Scientists  cita con approvazione l'articolo di Lathamm e Wilson e afferma che la teoria dell'origine del laboratorio è una "plausibile, se non dimostrata, possibilità". Aggiungono che "sicuramente non è 'una teoria della cospirazione'"

La preoccupante possibilità che un laboratorio virologico di Wuhan sia la fonte dell'epidemia non solo incolperebbe i ricercatori cinesi, ma lo stesso istituto sanitario globale, che ha collaborato alla ricerca attraverso una collaborazione tra agenzie sanitarie statunitensi, governo comunista cinese e Nazioni Unite . La leadership morale in questo sforzo di ricerca internazionale fu, indiscutibilmente, il National Institutes of Health degli Stati Uniti, guidato dal Dr. Francis Collins e dal Dr. Anthony Fauci, i cui nomi sono ora famosi anche per la loro leadership nella pandemia di coronavirus.

In aggiunta al potenziale scandalo c'è il motivo inutile per una ricerca così pericolosa: un impulso ossessivo per i vaccini e i trattamenti antivirali per affrontare le epidemie di massa di malattie, un approccio che è stato ampiamente screditato in oltre 60 anni di esperienza. Mentre i vaccini hanno avuto un effetto relativamente scarso sulle nuove forme di influenza pandemica, gli scienziati hanno ripetutamente messo in guardia contro la ricerca sempre più pericolosa sui virus che potrebbero scatenare le piaghe del tipo che dovrebbero affrontare.
Nel frattempo, gli Stati Uniti e la maggior parte delle nazioni del mondo sono rimasti tristemente impreparati per le epidemie di pandemia. Negli Stati Uniti, Fauci, Collins e altri importanti funzionari sanitari si sono trovati incapaci di prevenire un'epidemia che presumibilmente avevano trascorso decenni preparandosi, dithering e litigi per  sei settimane  a sviluppare un test per il nuovo coronavirus mentre la malattia si diffondeva inosservata attraverso il Popolazione americana. In altri paesi, come Corea, Singapore e Taiwan, i test e la ricerca dei contatti sui viaggiatori in entrata e sui loro contatti sono stati immediatamente implementati, salvando persone ed economie da devastanti "blocchi".

A seguito del loro pasticcio della crisi, Fauci e altri leader sanitari hanno essenzialmente dettato la prigionia di milioni di persone nelle loro case e la chiusura dell'economia globale, a imitazione della Cina comunista, un paese con cui hanno collaborato per decenni nonostante il suo triste passato di bugie e insabbiamenti riguardanti epidemie. Fino a poco tempo fa incoraggiavano gli Stati a continuare in uno stato di isolamento e imponevano il "distanziamento" fino alla produzione di un vaccino, un progetto che potrebbe richiedere anni. Hanno anche pubblicato un flusso di linee guida discutibili e spesso contraddittorie che potrebbero aver aggravato il bilancio delle vittime di COVID-19 piuttosto che reprimerlo.

Come è successo? In che modo il mondo è stato gettato nel caos dalle cattive decisioni di una piccola élite di funzionari sanitari e burocrati globali? La storia potrebbe iniziare con l'ossessione di Anthony Fauci per i vaccini e i trattamenti antivirali, piuttosto che per testare e confinare i focolai di malattie. Il desiderio di cure per la prevenzione ha portato Fauci e Collins ad approvare controverse e pericolose ricerche di "guadagno di funzione" sui virus, che in effetti erano esternalizzate in Cina mentre era vietata negli Stati Uniti

Studi di "guadagno di funzione" pericolosi sui virus animali promossi da Fauci e Collins

Anthony Fauci e Francis Collins promuovono e difendono pubblicamente pericolosi studi di "guadagno di funzione" sui virus da quando sono stati annunciati i primi esperimenti del genere nel 2011. Tali studi, che cercano di rendere i virus infettivi in ​​nuove specie di mammiferi e persino nell'uomo, venivano praticati presso il Wuhan Institute of Virology, la sospetta fonte dell'epidemia di COVID-19 che sta spazzando il mondo, e in parte venivano finanziati dal National Institutes of Health e dall'Agenzia statunitense per gli affari internazionali Sviluppo.
Fauci sostiene da tempo che il modo principale per rispondere alle epidemie della malattia è produrre vaccini e altri trattamenti per la malattia. Ciò lo ha portato a spingere per la controversa ricerca sui virus universalmente riconosciuta come altamente pericolosa, ancor più delle ricerche precedenti che hanno portato a focolai passati e persino pandemie.

La ricerca "Gain of Function" cerca di prendere virus animali da pipistrelli, uccelli e altri portatori di virus non umani e di modificarli geneticamente per alterare il loro modo di funzionare, consentendo loro di diventare infettivi in ​​altre specie animali, anche nell'uomo. I ricercatori medici hanno ripetutamente espresso allarme riguardo a tali esperimenti, sostenendo che potrebbero inavvertitamente causare nuove pandemie.

Questo nuovo campo di sperimentazione è stato avviato alla fine degli anni 2000 da Ron Fouchier, un ricercatore dell'Università Erasmus in Olanda, in risposta alle epidemie di un altro virus, un "virus dell'influenza aviaria" della varietà H5N1 che poteva infettare le persone ma non poteva essere trasmesso da persona a persona. Fouchier voleva sapere se una mutazione poteva consentire al virus H5N1 di diventare trasmissibile nei mammiferi, quindi lo modificò e tentò di passarlo attraverso una popolazione di furetti. Ha avuto successo e ha  annunciato i suoi risultati  nel 2011, e li ha pubblicati su  Science  nel 2012. Un altro scienziato, Yoshihiro Kawaoka dell'Università del Wisconsin-Madison, ha  pubblicato risultati simili  nello stesso anno su  Nature  dopo aver infettato i furetti con un virus ibrido creato nel suo laboratorio.

La pubblicazione di entrambi gli studi ha generato allarme e ha incontrato serie resistenze. Prima della loro pubblicazione, il National Science Advisory Board for Biosecurity (NSABB) degli Stati Uniti ha  sollecitato la rimozione di alcuni dettagli  dalla versione pubblicata degli studi a causa del pericolo che potrebbero essere utilizzati per il bioterrorismo. Tuttavia, il loro consiglio è stato alla fine respinto e gli articoli sono stati pubblicati integralmente.

In risposta alla controversia, il dottor Fauci e il suo superiore, il dottor Collins, sono venuti in difesa della controversa nuova ricerca nel dicembre 2011, in un articolo pubblicato dal  Washington Post,  in cui  ammettevano  che gli studi erano stati finanziati in parte dal National Institutes of Health. Nel pezzo, i due hanno dato un'appassionata difesa degli studi di Gain of Function. Il titolo della dichiarazione era franco e al punto: "Un rischio di virus influenzale che vale la pena prendere".
"Informazioni importanti e approfondimenti possono derivare dalla generazione di un virus potenzialmente pericoloso in laboratorio", hanno scritto i due, insieme a Gary Nabel, direttore del Centro di ricerca sui vaccini della NIAID.

Tuttavia, hanno assicurato al pubblico che misure di "alta sicurezza" li avrebbero protetti dal pericolo di epidemie. "I virus ingegneristici sviluppati negli esperimenti sul furetto sono mantenuti in laboratori ad alta sicurezza", hanno scritto. "Gli scienziati, i redattori di riviste e le agenzie di finanziamento coinvolti stanno lavorando insieme per garantire che l'accesso a informazioni specifiche che potrebbero essere utilizzate per creare agenti patogeni pericolosi sia limitato a quelli con un bisogno stabilito e legittimo di sapere."

In seguito alla pubblicazione degli articoli, eminenti scienziati come Marc Lipsitch, professore di epidemiologia presso la Harvard School of Public Health, hanno ripetutamente lanciato l'allarme contro la ricerca. Nel 2014  ha organizzato una grande coalizione  di eminenti ricercatori di virologia, chiamata Cambridge Working Group, che ha pubblicato una "Dichiarazione sulla creazione di potenziali patogeni pandemici" esprimendo la loro preoccupazione che una pandemia potesse essere scatenata da un laboratorio di virologia, soprattutto dato il grande numero di violazioni della sicurezza che si sono verificate di recente.

"I recenti incidenti che coinvolgono il vaiolo, l'antrace e l'influenza aviaria in alcuni dei principali laboratori statunitensi ci ricordano la fallibilità anche dei laboratori più sicuri, rafforzando l'urgente necessità di una rivalutazione approfondita della biosicurezza", ha dichiarato il gruppo. "Tali incidenti hanno accelerato e si sono verificati in media più di due volte a settimana con agenti patogeni regolamentati nei laboratori accademici e governativi di tutto il paese."

Per quanto riguarda i controversi studi di Gain of Function, il gruppo ha osservato che "i rischi di incidenti con" potenziali agenti patogeni "di nuova creazione sollevano gravi nuove preoccupazioni. La creazione in laboratorio di nuovi ceppi altamente trasmissibili di virus pericolosi, in particolare ma non limitato all'influenza, comporta rischi sostanzialmente maggiori. Un'infezione accidentale in tale contesto potrebbe scatenare focolai che sarebbero difficili o impossibili da controllare. Storicamente, nuovi ceppi di influenza, una volta stabilita la trasmissione nella popolazione umana, hanno infettato un quarto o più della popolazione mondiale entro due anni ".

Gli sforzi di Lipsitch e del Cambridge Working Group sembravano raggiungere il successo: nello stesso anno 2014, il National Institutes of Health ha  finanziato tale ricerca  e avviato una  massiccia riforma  delle procedure dopo la  scoperta  di fiale a lungo scartate e incontrollate di agenti patogeni mortali in un alimento e Drug Administration lab nel suo campus che ha rivelato guasti sistematici alla sicurezza del laboratorio negli Stati Uniti.

Tuttavia, i sostenitori del guadagno della ricerca funzionale alla fine prevalgono quando il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti iniziò a consentire finanziamenti per tali esperimenti nel 2018 - una decisione che fu pubblicamente applaudita da Anthony Fauci, il cui NIAID iniziò a pagare per la ricerca in una struttura americana . 
L'approvazione, che appare nel  documento  "Decisioni di finanziamento guida su proposte di ricerca che coinvolgono agenti patogeni pandemici potenziati" ha esplicitamente consentito la creazione di virus che potrebbero causare una pandemia, cioè un "potenziale patogeno pandemico" (PPP), anche uno il cui PPP) la potenza è stata potenziata artificialmente, se vengono soddisfatti determinati criteri.
Tuttavia, nel frattempo, il National Institutes of Health aveva già iniziato a finanziare la ricerca sul coronavirus presso un'altra organizzazione al di fuori degli Stati Uniti: il Wuhan Institute of Virology a Wuhan, in Cina. L'istituto, che da anni riceveva denaro dall'agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, avrebbe ricevuto parte di una  sovvenzione di 3,7 milioni di dollari  dal NIH incanalata attraverso un'altra organizzazione, la "EcoHealth Alliance".

Entra nell'Istituto di virologia di Wuhan

Le origini del Wuhan Institute of Virology (WIV) risalgono al 1956, quando l'Accademia cinese delle scienze lo fondò come "Laboratorio di microbiologia di Wuhan". Dopo diversi cambi di nome, ha ricevuto il suo nome attuale nel 1977. Il suo scopo principale era lo studio delle malattie allo scopo di migliorare l'agricoltura ed era noto per aver creato un insetticida altamente efficace per uccidere gli insetti usando virus di insetti.
Tuttavia, nel 2002 è scoppiata una nuova malattia in Cina: la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), che  è stata definita  "la più grave crisi socio-politica per la leadership cinese dal giro di vite di Tiananmen del 1989". Un totale di 8.098 persone sono state infettate in 29 paesi e 774 sono morti. È stato causato, come COVID-19, da un coronavirus, e come COVID-19, l'epidemia di SARS è stata inizialmente coperta dal governo cinese,  permettendogli di diffondersi  in un gran numero di paesi stranieri. In risposta alla crisi, la portata dell'indagine del WIV è stata ampliata allo scopo di ricercare malattie virali nell'uomo.

Dato che si ritiene che il coronavirus SARS sia originato da pipistrelli, i ricercatori del WIV hanno iniziato a  raccogliere e studiare  tali virus da varie caverne di pipistrelli in Cina. Entrerebbero nelle caverne, catturerebbero pipistrelli, prendere campioni di sangue e saliva, tamponare i loro ani e ottenere materia fecale e urina che potrebbero contenere coronavirus simili alla SARS.

La ricerca è stata pericolosa fin dall'inizio. La semplice raccolta e studio dei coronavirus può causare nuovi focolai se i protocolli di sicurezza non vengono seguiti alla lettera, e questo è esattamente ciò che è accaduto in un laboratorio cinese nel 2004, dove due diversi focolai di SARS sono stati causati da  violazioni della sicurezza . Gli scoppi si sono verificati nonostante il fatto che i protocolli di sicurezza siano stati classificati come livello di biosicurezza "accettabile" tre, ma sembra che le regole non siano state effettivamente rispettate nella struttura di Pechino. Nove individui sono stati infettati e uno è morto - e ancora una volta, il governo cinese ha atteso settimane per informare il pubblico. Altri focolai minori sono stati anche causati da laboratori di Taiwan e Singapore nel 2003.
Il principale esperto del WIV sui coronavirus dei pipistrelli era Shi Zhengli, un eminente ricercatore che divenne noto a livello internazionale come la "donna pipistrello". Durante gli anni 2000, Shi ha guidato un team internazionale di ricercatori per campionare virus da migliaia di pipistrelli a ferro di cavallo in tutta la Cina, e ha pubblicato le loro  scoperte iniziali  con i Centri statunitensi per il controllo delle malattie nel 2007. Hanno finalmente trovato pipistrelli che vivevano nelle caverne nella provincia dello Yunnan in il sud-est della Cina che sono stati infettati da coronavirus simili all'uomo e hanno  trascorso cinque anni a  tamponare le loro estremità posteriori e raccogliere le loro feci. All'inizio del 2010, la ricerca del WIV stava ricevendo finanziamenti dall'Agenzia per lo sviluppo internazionale (USAID) degli Stati Uniti come parte del suo ormai defunto programma "PREDICT".
Nel 2013 i ricercatori avevano  trovato  un coronavirus simile alla SARS nelle grotte dello Yunnan e  nel 2017 avevano dimostrato che tutto il materiale genetico per produrre il virus SARS originale era presente in quei coronavirus, e che era possibile generare un virus attraverso il processo di scambio genetico. Tuttavia, la teoria secondo cui i pipistrelli delle grotte dello Yunnan erano la fonte dell'epidemia originale di SARS era al massimo debole, dato che le caverne erano a migliaia di miglia di distanza dal luogo originale dell'epidemia, nella provincia del Guangdong e mai mostrato segni di SARS. Tuttavia, è stato valutato come un grande passo avanti da colleghi ricercatori.
Un guadagno di ricerca funzionale del tipo difeso da Fauci e Collins era in corso anche nel laboratorio WIV. Già nel 2015 il laboratorio ha fatto un esperimento in cui ha combinato una parte del virus SARS originale, la "proteina spike" che gli ha permesso di penetrare nelle cellule umane e lo ha inserito in un coronavirus "selvaggio" per creare un ibrido o " patogeno "chimera" che è stato in grado di infettare le cellule umane e i polmoni dei topi in modo simile al virus SARS che ha causato l'epidemia del 2002.

“I risultati indicano [che i virus chimerici]. replicarsi efficacemente nelle cellule primarie delle vie aeree umane e ottenere titoli in vitro equivalenti ai ceppi epidemici di SARS-CoV ”, hanno scritto Shi Zhengli e i suoi colleghi nel  loro articolo per  Nature .  "Inoltre, esperimenti in vivo dimostrano la replicazione del virus chimerico nel polmone del topo ha notevole patogenesi."
In modo allarmante, i ricercatori hanno anche scoperto che il loro nuovo virus della chimera non poteva essere fermato dagli anticorpi umani né dall'equivalente di un vaccino. “La valutazione delle modalità immunoterapiche e profilattiche basate sulla SARS ha rivelato scarsa efficacia; entrambi gli approcci con anticorpi monoclonali e vaccini non sono riusciti a neutralizzare e proteggere dalle infezioni con CoV usando la nuova proteina spike ”, hanno scritto.

I risultati sono stati accolti con espressioni di grave preoccupazione da parte degli scienziati critici sull'aumento degli studi funzionali. Simon Wain-Hobson, un ricercatore di virus presso l'Istituto Pasteur di Parigi, ha  dichiarato alla  rivista Nature   che non approvava la ricerca, sottolineando che il WIV aveva creato un nuovo ibrido virale che "cresce molto bene" nelle cellule umane. "Se il virus fosse fuggito, nessuno avrebbe potuto prevedere la traiettoria", ha detto alla pubblicazione.

Il biologo molecolare Richard Ebright fu d'accordo e respinse l'utilità della ricerca sulla medicina umana. "L'unico impatto di questo lavoro è la creazione, in un laboratorio, di un nuovo rischio non naturale", ha detto a  Nature.
Nonostante la rischiosità della ricerca e nonostante la propria moratoria sul finanziamento di esperimenti di questo tipo negli Stati Uniti, nel 2014 il National Institutes of Health degli Stati Uniti ha  iniziato a dare un totale di $ 600.000  al WIV attraverso un'organizzazione intermedia denominata "EcoHealth Alliance", come parte di una sovvenzione di 3,4 milioni di dollari per la ricerca sul coronavirus, la maggior parte dei quali è andata a organizzazioni cinesi (alcune fonti, tuttavia,  riportano che la sovvenzione totale era di $ 3,7 milioni). Secondo Politico, l'NIH si è unito al suo finanziamento del WIV da diverse università statunitensi e dalla National Wildlife Federation. Il WIV è stato anche incluso in una rete di laboratori riconosciuti dall'Organizzazione mondiale della sanità ed è stato aggiornato a un laboratorio di livello di biosicurezza (BSL-4), il più alto livello di sicurezza disponibile, nel 2015, anno dell'esperimento chimera.

I fondi provenienti dal National Institutes of Health stavano quindi andando in un istituto che stava conducendo il tipo di ricerca che il NIH aveva temporaneamente rimborsato negli Stati Uniti a causa di problemi di sicurezza. La pericolosa ricerca, in effetti, era stata esternalizzata alla Cina, un paese con relativamente poca esperienza nella ricerca di virus sofisticati e una lunga tradizione di violazioni della sicurezza.

La rivista  Nature ha  riferito di  nuovo nel 2017 sulla controversa ricerca condotta dal WIV, rilevando che "alcuni scienziati fuori dalla Cina si preoccupano della fuga di agenti patogeni e dell'aggiunta di una dimensione biologica alle tensioni geopolitiche tra Cina e altre nazioni". Tuttavia, ha aggiunto  Nature , "i microbiologi cinesi stanno celebrando il loro ingresso nel gruppo d'élite abilitato a lottare con le maggiori minacce biologiche del mondo".

L'  articolo di Nature  ha anche osservato che le preoccupazioni per il laboratorio erano in parte basate sul fatto che "il virus SARS è fuggito dalle strutture di contenimento di alto livello a Pechino più volte" nei primi anni 2000 ".
Una seconda fase di finanziamento da parte del National Institutes of Health per la ricerca virale da parte della WIV è stata approvata nel 2019. Tuttavia, sulla scia della pandemia di COVID-19, e sotto la pressione del presidente Trump e di altri membri della sua amministrazione, il NIH ha ora  annullato  tutti i finanziamenti al WIV, per la costernazione del guadagno dei sostenitori della ricerca di funzioni. Il NIH  sostiene  che la seconda fase del finanziamento non era intesa a sostenere il guadagno della ricerca di funzioni presso i laboratori WIV.

Il comportamento sinistro del laboratorio di Wuhan riguarda i collaboratori francesi e canadesi

Sulla scia della pandemia di SARS nel 2004, il governo francese aveva accettato di aiutare la Cina a costruire un laboratorio BSL-4 per lo studio dei virus, un laboratorio che avrebbe permesso ai cinesi di svolgere il tipo più pericoloso di ricerca virale.

Secondo i funzionari cinesi, lo scopo principale del laboratorio sarebbe quello di sviluppare trattamenti per le malattie. "Il laboratorio di Wuhan darà al suo gruppo la possibilità di studiare in che modo tali virus causano malattie e di sviluppare trattamenti basati su anticorpi e piccole molecole", ha detto  Nature  parafrasando George Gao, direttore dell'Accademia cinese delle scienze Laboratorio chiave di microbiologia e immunologia patogene a Pechino. Tuttavia, secondo alcuni rapporti, fin dall'inizio alcuni funzionari francesi erano diffidenti nei confronti del progetto, preoccupati che il governo cinese non avrebbe fornito loro informazioni chiare su ciò che era accaduto ai laboratori BSL-3 che la Francia aveva aiutato la Cina a costruire per la pandemia di SARS del 2004.

Tuttavia, la costruzione della nuova struttura è finalmente iniziata a Wuhan nel 2010 sotto l'egida dell'Istituto di virologia di Wuhan. I francesi hanno supervisionato la costruzione, con il contributo del bioindustrialista miliardario Alain Merieux, anche se le aziende cinesi hanno svolto gran parte del lavoro. L'edificio è stato completato nel 2015 e ha iniziato una fase di test, ma era già emerso un grave problema relativo alla sicurezza del laboratorio: a causa della discutibile competenza delle società di costruzione cinesi, l'organizzazione francese incaricata di certificare il laboratorio, Technip, ha  rifiutato  di farlo.

Nel 2016, il laboratorio WIV ha suscitato preoccupazione tra i funzionari di sicurezza nazionali francesi quando hanno presentato una richiesta per più tute anti-virali BSL-4 di quelle di cui avevano bisogno, sollevando il sospetto che le tute extra sarebbero state deviate ai laboratori di ricerca virale gestiti dai militari, presumibilmente per la ricerca sulla guerra biologica. La loro richiesta fu respinta dai francesi.

"L'ordine era molto più elevato rispetto alle reali esigenze del laboratorio di Wuhan", un diplomatico anonimo informato del caso ha detto alla pubblicazione francese  Challanges ,  spiegando che le cause in eccesso potrebbero essere state destinate a scopi di ricerca in un laboratorio militare. "La Cina è stata a lungo sospettata di avere un posto simile nel nord del paese, ma non abbiamo prove sufficienti", ha detto alla pubblicazione.

Inoltre, le relazioni iniziarono a rompersi tra i funzionari sanitari francesi e il laboratorio. Nel 2015, Alain Merieux si è dimesso dalla copresidenza del comitato misto franco-cinese supervisionando l'operazione,  definendo il laboratorio  uno "strumento molto cinese" e aggiungendo: "Appartiene a loro, anche se è stato sviluppato con l'assistenza tecnica di Francia." L'anno seguente, secondo Merieux, il comitato cessò di riunirsi del tutto. Nel 2017, il ministro della salute francese Marisol Touraine ha annunciato una collaborazione in cui 50 ricercatori francesi avrebbero lavorato nel nuovo laboratorio per cinque anni, ma non è mai successo. Sembra che il governo cinese non condividesse più informazioni con i loro ex aiutanti francesi.

Ulteriori preoccupazioni sono state sollevate riguardo al WIV quando un ricercatore cinese affiliato al laboratorio di Wuhan, il dottor Xiangguo Qiu, così come suo marito Keding Cheng e un certo numero di studenti cinesi di Xianuggo sono stati scortati fuori  dal National Microbiology Laboratory (NBL) del Canada a luglio 5, 2019 e il loro accesso di sicurezza al laboratorio è stato revocato.

Le azioni sono state intraprese a seguito di un'indagine avviata dalla Royal Canadian Mounted Police su richiesta dei funzionari della NBL. I media canadesi hanno riferito che nel processo, il computer di Xianuggo era stato confiscato e le sue richieste di viaggio in Cina avevano iniziato a essere respinte. Più tardi, la coppia fu anche rimossa dalle loro posizioni di insegnamento presso l'Università di Manitoba. La polizia ha detto ai giornalisti che stavano indagando su una "violazione delle politiche" presso la struttura, ma non ha voluto parlare ulteriormente della questione.

Rapporti successivi sulla stampa canadese indicavano che tre mesi prima, scienziati senza nome presso il laboratorio avevano inviato campioni vivi dei virus altamente pericolosi di Ebola e Henipah a Pechino su un volo Air Canada. Fonti anonime hanno riferito  alla Canadian Broadcasting Company che i virus "potrebbero essere stati spediti all'Accademia cinese delle scienze in un modo che ha eluso le procedure operative del laboratorio e senza un documento a tutela dei diritti di proprietà intellettuale del Canada", nelle parole del CBC. La Public Health Agency del Canada ha rifiutato di comunicare alla CBC se la spedizione avesse o meno a che fare con la rimozione dei due scienziati, ma ha affermato che "tutti i protocolli sono stati seguiti" nelle spedizioni.

Nell'ottobre del 2019, il CBC ha riferito che Xiangguo Qiu aveva effettuato cinque diversi viaggi nel laboratorio BSL-4 dell'Istituto di virologia di Wuhan nel periodo 2017-18, in un caso per la formazione dei ricercatori WIV. Il personale del laboratorio canadese aveva trovato i viaggi preoccupanti e sospetti.
Secondo l' articolo della  CBC , "ci sono sempre state domande sui viaggi di Qiu in Cina e su quali informazioni e tecnologia condividesse con i ricercatori". Un dipendente del laboratorio canadese ha detto alla CBC: "Non è giusto che sia una dipendente del governo canadese che fornisce dettagli sul lavoro top-secret e il know-how per creare un laboratorio ad alto contenimento per una nazione straniera".
Infine, il 26 gennaio °  di quest'anno, affiliazione del laboratorio con l'esercito cinese è stata confermata quando la leadership delle operazioni  è stato dato a un importante generale  in Cina Esercito di Liberazione Popolare, Chen Wei, che guida l'Istituto di Bioingegneria presso l'Accademia Militare Scienze mediche.

Il Daily Telegraph australiano ha  anche  recentemente rivelato che un membro del consiglio del Wuhan Institute of Virology, il professor Wu-Chun Cao, è il direttore del State Key Laboratory of Pathogen and Biosecurity, che fa parte dell'Accademia delle Scienze mediche militari . Ricopre il grado di colonnello nell'esercito popolare di liberazione.
La rappresentazione del governo di Chen come eroico combattente contro le malattie è stata ingenuamente echeggiata da fonti dei media mainstream americane come  Anna Fifield  del  Washington Post . Tuttavia, gli  esperti  che studiano la proliferazione delle armi di distruzione di massa affermano che l'Istituto di bioingegneria di Chen è coinvolto in ciò che il governo cinese chiama "bio-difesa", cioè l'uso di agenti patogeni in guerra - presumibilmente a scopi difensivi.

I diplomatici americani sono preoccupati per la sicurezza nel nuovo laboratorio WIV

Nonostante le presunte precauzioni di sicurezza adottate in laboratorio, all'inizio del 2018 i diplomatici americani a Wuhan stavano iniziando a esprimere gravi preoccupazioni per il livello di sicurezza nel nuovo laboratorio BSL-4 del WIV, che era in una fase di test pre-apertura. A seguito di una visita di una delegazione diplomatica al laboratorio a gennaio, i funzionari dell'ambasciata hanno inviato due cavi a Washington per esprimere le loro preoccupazioni riguardo ai risultati. Il testo di uno dei due cavi è stato recentemente trapelato al  Washington Post .

"Durante le interazioni con gli scienziati del laboratorio WIV, hanno notato che il nuovo laboratorio ha una grave carenza di tecnici e investigatori adeguatamente formati necessari per operare in sicurezza in questo laboratorio ad alto contenimento", ha affermato uno dei cavi,  secondo la  Posta .
"Il cavo è stato un colpo di avvertimento", ha detto al giornale un funzionario americano senza nome. "Stavano implorando la gente di prestare attenzione a quello che stava succedendo."

Forti prove circostanziali di origine di laboratorio riconosciute per la prima volta dai ricercatori cinesi

La teoria secondo cui un incidente di laboratorio a Wuhan potrebbe essere la causa del nuovo focolaio di coronavirus è diventata sempre più supportata da prove circostanziali. La teoria è stata portata per la prima volta all'attenzione del pubblico da due scienziati cinesi, Botao Xiao e Lei Xiao dell'Università della Tecnologia della Cina meridionale, che hanno pubblicato una pre-stampa del loro articolo nel febbraio di quest'anno su ResearchGate prima che sparisse senza spiegazioni (è ancora possibile trovare una versione dell'archivio web  qui ).
La coppia sottolinea che le due fonti più probabili del nuovo coronavirus a Wuhan sono due laboratori che stavano raccogliendo e conducendo esperimenti sui coronavirus dei pipistrelli al momento dell'epidemia, non sul mercato del pesce di Wuhan Huanan, che è la fonte originariamente chiamata dai cinesi governo.
I due scienziati osservano che, sebbene un'alta percentuale di persone che presentavano sintomi COVID-19 a Wuhan avesse visitato il mercato ittico di Huanan e un gran numero di aspetti positivi sono stati trovati in campioni raccolti sul mercato dopo lo scoppio, il mercato stesso non lo era vendendo pipistrelli, ed era a più di 1000 miglia di distanza dalle grotte di pipistrelli in cui si sa che esistono coronavirus simili alla SARS. Tuttavia, i due laboratori che studiano lo stesso virus erano molto vicini al mercato del pesce.
Il più vicino dei due laboratori al mercato del pesce di Huanan era il Centro Wuhan per il controllo e la prevenzione delle malattie (WHCDC), che si trovava a circa 280 metri di distanza. Secondo i due scienziati, il centro stava raccogliendo agenti patogeni da pipistrelli e altri animali.
"WHCDC ha ospitato animali in laboratori a scopo di ricerca [sic], uno dei quali era specializzato nella raccolta e identificazione di agenti patogeni", scrivono gli autori. "In uno dei loro studi, 155 pipistrelli tra cui Rhinolophus affinis sono stati catturati nella provincia di Hubei e altri 450 pipistrelli sono stati catturati nella provincia di Zhejiang." Notano anche che l'esperto di raccolta del laboratorio ha dovuto mettersi in quarantena dopo che i pipistrelli sanguinavano e urinavano su di lui, e che i primi medici infettati dal nuovo coronavirus stavano lavorando nell'Union Hospital vicino al WHCDC.
Tuttavia, notano gli autori, anche un laboratorio dell'Istituto di Virologia di Wuhan era abbastanza vicino, a soli 12 km dal mercato del pesce. Inoltre, fu l'Istituto di Virologia di Wuhan a fare ricerche sul tipo di coronavirus di pipistrello che causava COVID-19, che includeva ricerche che prevedevano la creazione di ibridi virali che potevano infettare l'uomo. Gli autori notano anche che erano state sollevate preoccupazioni sui pericoli di scatenare una pandemia dal laboratorio.
La teoria del mercato dei frutti di mare di Huanan è ulteriormente screditata da uno  studio  pubblicato a gennaio da Lancet, che rileva che il primo caso noto di COVID-19, sorto il 1 ° dicembre 2019,  non aveva alcun legame noto con il mercato . Di recente il governo cinese ha  abbandonato  del tutto la teoria sull'origine del mercato ittico, ma ora sostiene che la pandemia è iniziata al di fuori di Wuhan.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina