Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

GOOGLE Traduttore

giovedì 28 aprile 2022

I partecipanti agli studi clinici di MRNA Booster Shot di Moderna continuano a morire

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

 E Moderna continua a oscurare le loro morti.


La scorsa settimana, Moderna ha rivelato un decesso nel suo ultimo processo di richiamo in un unico grafico a pagina 49 di un rapporto di 53 pagine, mentre altrove nel rapporto affermava in modo impreciso che il processo "non ha avuto eventi fatali".

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Oggi, un lettore ha sottolineato  un altro  decesso in un precedente processo di richiamo di Moderna, questo per arresto cardiaco in un uomo di 72 anni. La vittima aveva ricevuto la sua terza dose o "richiamo" nove giorni prima.

La morte sembra essere avvenuta nell'agosto 2021, almeno sei settimane prima che la Food and Drug Administration tenesse un'udienza in ottobre per discutere l'autorizzazione di un richiamo di Moderna a una dose inferiore a quella utilizzata nel processo di agosto.

Ma la morte non è stata menzionata in udienza.

Invece, Moderna ha rivelato silenziosamente la morte il mese scorso in un rapporto sul processo pubblicato su un server di "prestampa". Quasi nessuno sembra aver visto il rapporto. La versione full-text del rapporto, in cui è possibile trovare una descrizione della morte, era stata visualizzata online meno di 70 volte a partire da questa mattina.

Il rapporto rivela anche un ictus subito da un altro partecipante al processo.

Da notare che entrambe le vittime erano uomini sulla settantina, sebbene solo circa 50 dei 305 partecipanti allo studio fossero uomini di età superiore ai 65 anni. L'ictus si è verificato solo quattro giorni dopo la dose di richiamo di mRNA.

La società ha affermato che i suoi investigatori credevano che il richiamo avesse causato l'ictus ma non l'arresto cardiaco; non offriva dettagli su come fossero giunti a tale conclusione. Nessun investigatore esterno sembra aver esaminato nessuno dei due casi.

FONTE


Moderna ha iniziato la sperimentazione, che ha chiamato Studio P205, il 3 agosto 2021 per testare una dose di richiamo di mRNA da 100 microgrammi. Quel dosaggio equivalente alla quantità di mRNA utilizzata nei due vaccini originali e più di tre volte più alto dell'mRNA utilizzato da Pfizer e BioNTech nel loro colpo.

Moderna aveva già provato una dose di richiamo più piccola da 50 microgrammi in una prova di richiamo iniziata nella primavera del 2021.

Ma entro la metà dell'estate 2021, i dati di Israele e Gran Bretagna avevano mostrato che i vaccini di mRNA stavano fallendo, specialmente contro l'allora comune variante Delta. La società sperava che una dose più potente potesse portare a più anticorpi anti-spike-proteina e una protezione più forte contro Sars-Cov-2.

Tra il 3 agosto e il 16 agosto, i ricercatori della sperimentazione clinica hanno arruolato 305 persone nella sperimentazione da 100 microgrammi. Tutti avevano fatto parte dello studio clinico cardine di Moderna su 30.000 persone che ha portato all'approvazione originale del regime a due dosi e tutti avevano ricevuto due dosi.

Il booster da 100 microgrammi ha prodotto più anticorpi proteici anti-spike rispetto alla dose da 50 microgrammi nel primo test di richiamo di Moderna. Ma ha anche prodotto più effetti collaterali rispetto alla dose più bassa e più effetti collaterali anche rispetto alla seconda dose del regime originale.

Nel rapporto del processo, gli investigatori sono apparsi preoccupati per il livello degli effetti collaterali e li hanno menzionati nella prima frase dei risultati. Hanno suggerito che la dose di 100 microgrammi fosse considerata solo "quando suscitare una risposta anticorpale potrebbe essere difficile come in ospiti moderatamente o gravemente immunocompromessi".


In definitiva, Moderna non ha chiesto alla FDA di autorizzare un'iniezione di richiamo da 100 microgrammi.

Invece, il 1 settembre, ha chiesto un booster da 50 microgrammi. Nell'udienza del 14 ottobre, ha presentato i dati dello studio di richiamo della primavera 2021, chiamato 201B. Quello studio ha incluso solo 171 persone che avevano ricevuto un richiamo di 50 microgrammi dopo il regime primario di 100 microgrammi. Non ha riportato decessi o gravi eventi avversi, secondo i dati che la FDA ha presentato a un comitato consultivo il 14 ottobre.

Il panel della FDA ha votato all'unanimità per raccomandare il booster Moderna da 50 microgrammi per le persone immunocompromesse o con più di 65 anni. Alla fine di novembre, la FDA ha esteso l'autorizzazione del booster a tutti gli adulti.

Ma una dose di richiamo non si è dimostrata più efficace delle prime due nel fornire una protezione duratura contro Covid.

Pertanto, il 29 marzo, la FDA ha autorizzato una  seconda  dose di richiamo da 50 microgrammi, nonché una seconda dose di richiamo di Pfizer, per gli adulti di età superiore ai 50 anni.

Per giustificare la sua raccomandazione, che porterà gli adulti a ricevere l'equivalente della dose di 100 microgrammi che ha causato l'ictus nello studio di agosto, la FDA si è basata sui dati di sicurezza del vaccino Pfizer, un prodotto diverso somministrato a una  dose più bassa  , nonché uno studio condotto in modo indipendente in cui il vaccino Moderna COVID-19 è stato somministrato come seconda dose di richiamo a 120 partecipanti di età pari o superiore a 18 anni che avevano ricevuto una serie primaria a due dosi e una prima dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 almeno 4 mesi prima. Non sono stati segnalati nuovi problemi di sicurezza durante un periodo fino a tre settimane di follow-up dopo la seconda dose di richiamo.

Sì. Hai letto bene.

Anche se gli stessi scienziati di Moderna riconoscono che i vaccini di mRNA dell'azienda hanno una tossicità dose-dipendente, la FDA ha detto a oltre 100 milioni di americani che potrebbero prendere un altro vaccino sulla base di uno studio che ha riguardato  120  persone. E ha seguito la loro sicurezza per tre settimane.

Cosa potrebbe andare storto?

Alex Berenson è un ex giornalista del New York Times e autore di 13 romanzi, tre libri di saggistica e opuscoli di Unreported Truths. Il suo ultimo libro, PANDEMIA, sul coronavirus e la nostra risposta ad esso, è stato pubblicato il 30 novembre. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Unreported Truths .

Abbiamo bisogno del tuo supporto per portare avanti il ​​nostro giornalismo indipendente e investigativo basato sulla ricerca sulle minacce dello Stato profondo che l'umanità deve affrontare. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a rimanere a galla. Si prega di considerare di supportare GreatGameIndia.
https://greatgameindia.com/participants-mrna-trials-dying/
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento