giovedì 11 gennaio 2018

L'assunzione di vitamine durante la gravidanza riduce il rischio di autismo del 73%, migliora la salute generale del bambino, nuovi studi lo dimostrano

stampa la pagina
vitamine-lista-completa-per-il-proprio-fabbisogno-

L'assunzione di vitamine e acido folico durante la gravidanza, riducono il rischio di autismo del 73% migliorando la salute generale del bambino.




Traduzione a cura di Vivere in modo naturale

L'assunzione di integratori vitaminici prima, durante e dopo la gravidanza può ridurre il rischio di disturbi dello spettro autistico e migliorare significativamente la salute generale del bambino, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association Psychiatry . 

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Haifa  in Israele ha seguito 43.500 bambini israeliani nati tra il 2003 e il 2007 fino al 2015 come parte dello studio.
I ricercatori hanno scoperto che i bambini nati da madri che assumevano multivitaminici e acido folico durante o prima della gravidanza avevano il 73% di probabilità in meno di sviluppare l'autismo. 
Allo stesso modo, i bambini nati da madri che hanno assunto integratori fino a due anni prima della gravidanza hanno avuto un rischio ridotto del 61 per cento di sviluppare la condizione.
"L'esposizione materna agli integratori di acido folico e multivitaminico prima e durante la gravidanza è associata a un ridotto rischio di disturbo dello spettro autistico nella prole rispetto alla progenie delle madri senza tale esposizione", ha detto al Daily Mail online il professor Stephen Levine .

I risultati possono essere associati a cambiamenti epigenetici innescati da fattori esterni come la dieta, ha detto l'autore dello studio. 
Secondo il gruppo di ricerca, i risultati evidenziano l'importanza di seguire una dieta sana, specialmente prima della gravidanza. 
Tuttavia, gli scienziati hanno notato che i risultati giustificano ulteriori indagini.
"In questo momento, il consenso generale è che non c'è una causa singolare di autismo, ma più probabilmente più fattori causali; tuttavia, questi risultati riflettono un'associazione positiva con la preconcezione materna e l'assunzione prenatale di acido folico / vitamine prenatali e un rischio ridotto di avere un bambino con autismo. 
Mentre abbiamo bisogno di mostrare la causalità biologica per rinforzare definitivamente questo legame, questi risultati servono come promemoria dell'importanza del preconcetto e della nutrizione prenatale ", ha detto la dottoressa Jennifer Ashton , corrispondente medica principale di ABC News .

Studio: carenza di vitamina alla nascita può aumentare il rischio di autismo

Le scoperte recenti hanno riflettuto su un gran numero di studi che dimostrano un legame tra carenza vitaminica e autismo. 
Ad esempio, un piccolo studio svedese pubblicato nel 2015 ha rivelato che i bambini con autismo avevano livelli di vitamina D significativamente più bassi alla nascita rispetto ai loro fratelli. 
I ricercatori hanno esaminato 58 coppie di fratelli come parte dello studio e hanno osservato che i fratelli più sani avevano un livello medio di vitamina D di soli 31,9 nanomoli per litro, rispetto ai soli 24 nanomoli per litro nei bambini con autismo.

I ricercatori hanno anche scoperto che i bambini nati durante l'inverno avevano livelli di vitamina D più bassi rispetto a quelli nati durante l'estate. 
La carenza di vitamina D era anche più diffusa nei bambini di discendenza africana e mediorientale, hanno aggiunto gli scienziati. (Correlato: I  ricercatori confermano il collegamento tra carenza di vitamina D durante la gravidanza e tratti di autismo .)

"Questi nuovi risultati suggeriscono che la vitamina D può essere un altro fattore nutrizionale importante nello sviluppo del disturbo dello spettro autistico durante la gravidanza e la vita in giovane età. I ricercatori hanno scoperto una vasta gamma di livelli di vitamina D tra i bambini con autismo e una sovrapposizione di livelli di vitamina D tra coloro che hanno sviluppato il disturbo e quelli che non lo hanno fatto. 
Quindi c'è ancora molto che non capiamo ", ha  detto il dott. Paul Wang , pediatra dello sviluppo e capo della ricerca medica presso l' autismo .

Informazioni rapide sui tassi di autismo negli Stati Uniti

I risultati di studi recenti e precedenti potrebbero avere potenziali implicazioni nei tassi di autismo negli Stati Uniti. 
I dati del Centro per il controllo e la prevenzione dei disabilità (ADDM) del Center for Disease Control and Prevention (CDC) hanno rivelato che:
  • Circa uno su 68 bambini in tutto il paese era stato identificato con la condizione.
  • L'autismo era circa 4,5 volte più comune tra i ragazzi che tra le ragazze.
  • Circa uno su sei bambini negli Stati Uniti ha avuto una disabilità dello sviluppo come l'autismo.
  • Il disturbo può verificarsi in tutti i gruppi razziali, etnici e socioeconomici in tutto il paese
Visita  AutismTruthNews.com per rimanere informato sulle ultime scienze che circondano l'autismo.

Le fonti includono: 


vai al sito macrolibrarsi vai al sito macrolibrarsi

Nessun commento:

Posta un commento