giovedì 4 gennaio 2018

Prevalenza stimata dei bambini con disabilità dello sviluppo diagnosticato negli Stati Uniti, 2014-2016. In Italia mente spudoratamente anche il sito dell'Ansa!

stampa la pagina

In risposta a un articolo falso scritto sul sito di ansa.it da un  ghost writer (scrittore invisibile) foraggiato dalla mafia medica.
Traduzione a cura di:  Vivere in modo naturale
Brief di dati NCHS n. 291, novembre 2017
Versione PDF (611 KB)
Benjamin Zablotsky, Ph.D., Lindsey I. Black, MPH e Stephen J. Blumberg, Ph.D.

Risultati chiave

Dati dal National National Interview Survey
  • Durante il periodo 2014-2016, la prevalenza di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni che avevano mai avuto una disabilità dello sviluppo è aumentata dal 5,76% al 6,99%.
  • Durante questo stesso periodo, la prevalenza del disturbo dello spettro autistico diagnosticato e della disabilità intellettiva non è cambiata significativamente.
  • La prevalenza del disturbo dello spettro autistico, della disabilità intellettiva, di altri ritardi nello sviluppo e di qualsiasi disabilità dello sviluppo era più alta tra i ragazzi rispetto alle ragazze.
  • La prevalenza di qualsiasi disabilità dello sviluppo era più bassa tra i bambini ispanici rispetto ai bambini di tutti gli altri gruppi etnici e di razza.
Le disabilità dello sviluppo sono un insieme di disturbi eterogenei caratterizzati da difficoltà in uno o più domini, incluso ma non limitato a apprendimento, comportamento e cura di sé. 
Questo rapporto fornisce le ultime stime di prevalenza per il disturbo dello spettro autistico diagnosticato, la disabilità intellettiva e altri ritardi di sviluppo tra i bambini di età compresa tra 3-17 anni dal National Health Interview Survey (NHIS) 2014-2016 
Le stime vengono anche presentate per qualsiasi disabilità dello sviluppo, definita come se avesse avuto una o più di queste tre diagnosi. Le stime di prevalenza si basano sul rapporto dei genitori o dei tutori per aver mai ricevuto una diagnosi di ciascuna disabilità dello sviluppo da un medico o da un altro operatore sanitario.

Parole chiave : disturbo dello spettro autistico, National Health Interview Survey

La prevalenza di bambini con diagnosi di disabilità dello sviluppo è aumentata dal 2014 al 2016.

  • Durante il periodo 2014-2016, la prevalenza di bambini mai diagnosticati con qualsiasi disabilità dello sviluppo è aumentata in modo significativo, dal 5,76% nel 2014 al 6,99% nel 2016 ( Figura 1 ).
  • La prevalenza di bambini mai diagnosticati con un ritardo dello sviluppo diverso dal disturbo dello spettro autistico o dalla disabilità intellettiva è aumentata, passando dal 3,57% nel 2014 al 4,55% nel 2016.
  • Non è stato rilevato un cambiamento statisticamente significativo nella prevalenza di bambini mai diagnosticati con disturbo dello spettro autistico dal 2014 al 2016.
  • La prevalenza di bambini mai diagnosticati con disabilità intellettiva non è cambiata significativamente dal 2014 al 2016.

Figura 1. Prevalenza dei bambini di età compresa tra 3-17 anni mai diagnosticati con disabilità dello sviluppo selezionate, per anno: Stati Uniti, 2014-2016
La Figura 1 è un grafico a barre che mostra la percentuale di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni che sono stati mai diagnosticati con disturbo dello spettro autistico, disabilità intellettiva, ritardo dello sviluppo e disabilità dello sviluppo nel 2014, 2015 e 2016.

1 L'aumento lineare dal 2014 al 2016 è statisticamente significativo ( p <0,05). 

NOTE: la disabilità dello sviluppo include il disturbo dello spettro autistico, la disabilità intellettiva e qualsiasi altro ritardo nello sviluppo. Accedi alla tabella dati per la Figura 1
SOURCE: NCHS, National National Interview Survey, 2014-2016.


Una percentuale più alta di ragazzi è stata diagnosticata con disturbo dello spettro autistico rispetto alle ragazze.

  • Durante il periodo 2014-2016, la prevalenza di bambini con diagnosi di disturbo dello spettro autistico era più alta tra i maschi (3,63%) rispetto alle ragazze (1,25%) ( Figura 2 ).
  • I bambini bianchi non ispanici (2,76%) avevano più probabilità di essere diagnosticati con disturbo dello spettro autistico rispetto ai bambini ispanici (1,82%).
  • I bambini di età compresa tra 8 e 12 anni (2,88%) avevano più probabilità di essere diagnosticati con disturbo dello spettro autistico rispetto ai bambini di età compresa tra 3-7 anni (2,23%).
  • La differenza nella prevalenza dei bambini con diagnosi di disturbo dello spettro autistico tra l'età di 8-12 anni (2,88%) e 13-17 anni (2,30%) non era statisticamente significativa ( p = 0,06).

Figura 2. Prevalenza di bambini di età compresa tra 3-17 anni con diagnosi di disturbo dello spettro autistico, per sesso, età, etnia e razza: Stati Uniti, 2014-2016
 La Figura 2 è un grafico a barre che mostra la percentuale di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni che sono stati mai diagnosticati con disturbo dello spettro autistico tra il 2014-2016, per sesso, età, razza ed etnia.


 1 Significativamente differente dalle ragazze ( p <0.05). 
2 Significativamente diverso da bambini di età compresa tra 3-7 anni ( p <0,05). 
3 Significativamente diverso dai bambini ispanici ( p <0,05). 

SOURCE: NCHS, National National Interview Survey, 2014-2016.


La prevalenza della disabilità intellettiva diagnosticata era più alta tra i ragazzi rispetto alle ragazze.

  • Durante il periodo 2014-2016, la prevalenza di bambini con diagnosi di disabilità intellettiva è stata dell'1,48% tra i ragazzi e dello 0,90% tra le ragazze ( Figura 3 ).
  • La prevalenza della disabilità intellettiva era più bassa tra i bambini più piccoli rispetto ai bambini più grandi: 0,73% tra i bambini di età compresa tra 3-7 anni, 1,45% tra i bambini di età compresa tra 8-12 anni e 1,40% tra i bambini di età compresa tra 13-17 anni.
  • La prevalenza di bambini con diagnosi di disabilità intellettiva non differiva significativamente dalla razza e dall'appartenenza etnica ispanica.
  • La differenza nella prevalenza della disabilità intellettiva tra bambini neri non ispanici (1,53%) e altri bambini non ispanici (0,86%) non era statisticamente significativa ( p = 0,21).

Figura 3. Prevalenza dei bambini di età compresa tra 3-17 anni con diagnosi di disabilità intellettiva, sesso, età, etnia e razza: Stati Uniti, 2014-2016
 La Figura 3 è un grafico a barre che mostra la percentuale di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni che sono stati mai diagnosticati con disabilità intellettiva tra il 2014-2016, per sesso, età, razza ed etnia.

1 Significativamente differente dalle ragazze ( p <0.05). 

2 Significativamente diverso da bambini di età compresa tra 3-7 anni ( p <0,05). 
SOURCE: NCHS, National National Interview Survey, 2014-2016.


La prevalenza di bambini mai diagnosticati con ritardo dello sviluppo diverso dal disturbo dello spettro autistico o dalla disabilità intellettiva era più bassa tra i bambini più grandi.

  • La prevalenza di altri ritardi dello sviluppo era più alta tra i maschi (4,77%) rispetto alle ragazze (2,98%) ( Figura 4 ).
  • Durante il periodo 2014-2016, i bambini di età compresa tra 3-7 (4,37%) e 8-12 (4,24%) avevano una maggiore prevalenza di altri ritardi dello sviluppo rispetto ai bambini di età compresa tra 13 e 17 anni (3,08%).
  • I bambini bianchi non ispanici (4,43%) avevano una maggiore prevalenza di altri ritardi dello sviluppo rispetto ai bambini ispanici (2,98%).

Figura 4. Prevalenza dei bambini di età compresa tra 3-17 anni mai diagnosticati con un altro ritardo dello sviluppo, per sesso, età, razza ed etnia: Stati Uniti, 2014-2016
 La Figura 4 è un grafico a barre che mostra la percentuale di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni a cui è stato mai diagnosticato un altro ritardo nello sviluppo tra il 2014-2016, per sesso, età, razza ed etnia.
1 Significativamente differente dalle ragazze ( p <0.05). 

2 Significativamente diverso da bambini di età compresa tra 13 e 17 anni ( p <0,05). 
3 Significativamente diverso dai bambini ispanici ( p <0,05). 
SOURCE: NCHS, National National Interview Survey, 2014-2016.


La prevalenza delle disabilità dello sviluppo era più bassa tra i bambini ispanici.

  • La prevalenza di disabilità dello sviluppo era più alta tra i maschi (8,15%) rispetto alle ragazze (4,29%) ( Figura 5 ).
  • I bambini di età compresa tra 13 e 17 anni (5,76%) avevano meno probabilità di avere una disabilità dello sviluppo rispetto ai bambini di 8-12 anni (6,87%).
  • Durante il periodo 2014-2016, i bambini ispanici (4,69%) avevano meno probabilità di avere alcuna disabilità dello sviluppo rispetto ai bambini bianchi non ispanici (7,04%), bambini neri non ispanici (6,20%) e altri bambini non ispanici (6,16%).

Figura 5. Prevalenza di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni con diagnosi di qualsiasi disabilità dello sviluppo, sesso, età, etnia e razza: Stati Uniti, 2014-2016
 La Figura 5 è un grafico a barre che mostra la percentuale di bambini di età compresa tra 3 e 17 anni a cui è stata mai diagnosticata una disabilità dello sviluppo tra il 2014-2016, per sesso, età, razza ed etnia.

1 Significativamente differente dalle ragazze ( p <0.05). 

2 Significativamente diverso da bambini di età compresa tra 8-12 anni ( p <0,05). 
3 Significativamente diverso dai bambini ispanici ( p <0,05). 
SOURCE: NCHS, National National Interview Survey, 2014-2016.


Sommario

Nel periodo 2014-2016, è stato registrato un aumento significativo della prevalenza di bambini a cui sia stata mai diagnosticata alcuna disabilità dello sviluppo. Questo aumento è stato in gran parte il risultato di un aumento della prevalenza di bambini con diagnosi di ritardo dello sviluppo diverso dal disturbo dello spettro autistico o dalla disabilità intellettiva. Non c'è stato un cambiamento significativo nella prevalenza del disturbo dello spettro autistico diagnosticato o della disabilità intellettiva nello stesso periodo di tempo.
La prevalenza delle disabilità dello sviluppo descritte in questo rapporto è inferiore rispetto ai risultati descritti nelle precedenti relazioni che utilizzano i dati NHIS ( 1 ). Questo rapporto utilizza una definizione più restrittiva per una disabilità dello sviluppo che non include condizioni quali disturbo da deficit di attenzione / iperattività o difficoltà di apprendimento, che possono spiegare differenze nelle stime. Una definizione simile è stata utilizzata in un rapporto nazionale sulle statistiche sanitarie del 2015 ( 2 ).
Per ogni condizione esaminata, la prevalenza era significativamente più alta tra i ragazzi rispetto alle ragazze, una scoperta comune tra i bambini con diagnosi di disabilità dello sviluppo ( 1 , 3 ). La prevalenza di qualsiasi diagnosi di disabilità dello sviluppo era più bassa tra i bambini ispanici rispetto a tutti gli altri gruppi etnici e di razza; le disparità razziali ed etniche nella prevalenza delle disabilità dello sviluppo sono risultati comunemente riportati nella letteratura scientifica ( 1 , 4 ). La prevalenza tra i gruppi di età varia a seconda delle condizioni, il che può riflettere i recenti miglioramenti nella consapevolezza e lo screening per il ritardo dello sviluppo, con il risultato che le coorti più giovani hanno una prevalenza più alta diagnosticata ( 4). Tuttavia, per alcuni bambini con disabilità meno gravi, le disabilità dello sviluppo, come il disturbo dello spettro autistico e la disabilità intellettiva, possono non essere diagnosticate fino a quando il bambino non entra a scuola e viene osservato da insegnanti addestrati ( 5 ).

definizioni

Disabilità intellettiva diagnosticata : in base a una risposta positiva alla domanda del sondaggio, "Un medico o un operatore sanitario ha mai detto che [bambino campione] ha una disabilità intellettiva, nota anche come ritardo mentale?"
Disturbo dello spettro autistico diagnosticato : basato su una risposta positiva alla domanda del sondaggio, "Un medico o un operatore sanitario le ha mai detto che [bambino campione] aveva Autismo, disturbo di Asperger, disturbo pervasivo dello sviluppo o disturbo dello spettro autistico?"
Diagnosi di altri ritardi dello sviluppo : in base a una risposta positiva alla domanda del sondaggio, "Un medico o un operatore sanitario ha mai detto che [bambino campione] ha avuto altri ritardi di sviluppo?"
Disabilità dello sviluppo diagnosticato : una misura composita di bambini con una diagnosi di disturbo dello spettro autistico, disabilità intellettiva o qualsiasi altro ritardo dello sviluppo.
Razza ed etnia : basata su due domande separate che determinano l'origine e la razza ispanica o latina. Persone di origine ispanica o latina possono essere di qualsiasi razza.

Fonte dei dati e metodi

I dati del NHIS 2014-2016 sono stati utilizzati per questa analisi. Il NHIS è un'indagine rappresentativa a livello nazionale della popolazione civile statunitense non istituzionalizzata. È condotto continuamente durante tutto l'anno dal National Center for Health Statistics (NCHS). NHIS è un'intervista di persona condotta a casa del convenuto. In alcuni casi, il follow-up per completare l'intervista viene condotto telefonicamente. Il sondaggio consiste di (a) la componente nucleo familiare, che raccoglie informazioni su tutti i membri della famiglia; (b) la componente Sample Adult, che raccoglie informazioni aggiuntive da un adulto selezionato casualmente per famiglia; e (c) la componente Sample Child, che raccoglie informazioni aggiuntive su un bambino selezionato casualmente per famiglia. Il componente figlio di esempio è completato da un rispondente di famiglia, di solito il genitore (circa il 91% di tutti i casi). I dati per questa analisi provengono dai componenti Sample Child e Family Core di NHIS. Per ulteriori informazioni su NHIS, visitahttps://www.cdc.gov/nchs/nhis.htm .
NHIS è progettato per fornire un campione rappresentativo a livello nazionale e queste analisi hanno utilizzato i pesi per produrre stime nazionali. Il disegno di esempio è descritto in maggior dettaglio altrove ( 6 ). Le stime dei punti e gli scostamenti corrispondenti per questa analisi sono stati calcolati utilizzando il software SUDAAN ( 7 ) per tenere conto della complessa progettazione del campione di NHIS. Le tendenze lineari e quadratiche nel tempo e le differenze tra le percentuali sono state valutate utilizzando test di significatività bilaterali a livello 0,05.

Riguardo agli Autori

Benjamin Zablotsky, Lindsey I. Black e Stephen J. Blumberg sono al National Center for Health Statistics, Division of Health Interview Statistics.

Riferimenti

  1. Boyle CA, Boulet S, Schieve LA, Cohen RA, Blumberg SJ, Yeargin-Allsopp M, et al. Tendenze nella prevalenza delle disabilità dello sviluppo nei bambini statunitensi, 1997-2008. Pediatrics 127 (6): 1034-42. 2011.
  2. Zablotsky B, Black LI, Maenner MJ, Schieve LA, Blumberg SJ. Prevalenza stimata di autismo e altre disabilità dello sviluppo in seguito a modifiche al questionario dell'Indagine sulla salute nazionale del 2014. Rapporti statistici nazionali sulla salute; no 87. Hyattsville, MD: National Center for Health Statistics. 2015.
  3. Maenner MJ, Blumberg SJ, Kogan MD, Christensen D, Yeargin-Allsopp M, Schieve LA. Prevalenza della paralisi cerebrale e della disabilità intellettiva tra i bambini identificati in due indagini nazionali statunitensi, 2011-2013. Ann Epidemiol 26 (3): 222-6. Il 2016.
  4. Christensen DL, Baio J, Van Naarden Braun K, Bilder D, Charles J, Constantino JN, et al. Prevalenza e caratteristiche del disturbo dello spettro autistico tra i bambini di 8 anni-Autism and Developmental Disabilities Monitoring Network, 11 siti, Stati Uniti, 2012. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 65 (3): 1-23. Il 2016.
  5. Johnson CP, Myers SM. Identificazione e valutazione dei bambini con disturbi dello spettro autistico. Pediatrics 120 (5): 1183-215. Del 2007.
  6. Parsons VL, Moriarity C, Jonas K, Moore TF, Davis KE, Tompkins L. Progettazione e stima per la National Health Interview Survey, 2006-2015. Centro nazionale per le statistiche sanitarie. Vital Health Stat 2 (165). Il 2014.
  7. RTI International. SUDAAN (versione 11.0.0) [software per computer]. 2012.

Citazione suggerita

Zablotsky B, Black LI, Blumberg SJ. Prevalenza stimata di bambini con disabilità dello sviluppo diagnosticato negli Stati Uniti, 2014-2016. NCHS Data Brief, n. 291. Hyattsville, MD: National Center for Health Statistics. 2017.

Informazioni sul copyright

Tutto il materiale che appare in questo rapporto è di pubblico dominio e può essere riprodotto o copiato senza permesso; la citazione di fonte, tuttavia, è apprezzata.

Centro nazionale per le statistiche sanitarie

Charles J. Rothwell, MS, MBA, direttore

Jennifer H. Madans, Ph.D., direttore associato per la scienza

Division of Health Interview Statistics
Stephen J. Blumberg, Ph.D., direttore ad interim

Stephen J. Blumberg, Ph.D., direttore associato per la scienza







Ultima revisione: il 29 novembre 2017
Ultimo aggiornamento della pagina: 29 novembre 2017
Fonte di contenuto: 

Nessun commento:

Posta un commento