giovedì 8 febbraio 2018

Biopersistenza e traslocazione del cervello di adiuvanti di alluminio dei vaccini

stampa la pagina
biopersistenza_traslocazione_adiuvanti_alluminio_al_cervello




Traduzione a cura di Vivere in modo naturale

Autori della ricerca: Romain Kroum Gherardi , 1, Housam Eidi , Guillemette Crépeaux , François Jerome Authier , 1 e Josette Cadusseau 1
L'ossidrossido di alluminio (allume) è un composto cristallino ampiamente usato come coadiuvante immunologico dei vaccini
Le preoccupazioni legate all'uso delle particelle di allume sono emerse in seguito al riconoscimento del loro ruolo causativo nella cosiddetta lesione miofascite macrofagica (MMF) rilevata in pazienti con encefalomielite mialgica / sindrome affaticamento cronico. 

L'MMF ha rivelato una biopersistenza inattesa di allume all'interno delle cellule immunitarie in individui presumibilmente suscettibili, sottolineando il precedente malinteso fondamentale della sua biodisposizione. 
In precedenza abbiamo dimostrato che le particelle rivestite di alluminio scarsamente biodegradabili iniettate nei muscoli sono prontamente fagocitate nel muscolo e nei linfonodi drenanti e possono diffondersi all'interno delle cellule fagocitiche in tutto il corpo e lentamente accumularsi nel cervello

Questo suggerisce fortemente che la biopersistenza adiuvante a lungo termine all'interno delle cellule fagocitiche è un prerequisito per la traslocazione del cervello lento e la neurotossicità ritardata. 
La comprensione dei meccanismi di base della biopersistenza delle particelle e della traslocazione del cervello rappresenta un'importante sfida per la salute, poiché potrebbe aiutare a definire i fattori di suscettibilità per sviluppare il danno neurotossico cronico. 

La biopersistenza di allume può essere collegata al suo effetto destabilizzante del lisosoma, che è probabilmente dovuto alla rottura diretta del cristallo delle membrane phagolysosomal. 
I macrofagi che percepiscono continuamente particelle estranee nel loro citosol probabilmente ripeteranno, con efficienza interindividuale variabile, una forma dedicata di autofagia (xenofagia) fino a quando non disporranno di materiali alieni. 

Una compartimentazione riuscita delle particelle all'interno di autofagosomi a doppia membrana e successiva fusione con lisosomi riparati e re-acidificati esporrà l'allume al pH acido lisosomiale, l'unico fattore che può solubilizzare le particelle di allume. 
La traslocazione del cervello di particelle di allume è collegata a un meccanismo di cavallo di Troia precedentemente descritto per particelle infettive (HIV, HCV), che obbedisce a CCL2, segnalando il principale chemoattrattante infiammatorio monocitario.

Nessun commento:

Posta un commento