martedì 8 maggio 2018

DISGUSTO: Uno studio rileva che i vaccini animali non hanno garanzie contro la contaminazione e contribuiscono a gravi malattie degli animali come il cancro

stampa la pagina


Molti di noi sono incredibilmente attaccati ai nostri animali domestici. 
Pertanto, facciamo tutto il possibile per evitare che si ammalino, includendoli a vaccinarli agli intervalli raccomandati negli orari che riceviamo dai loro veterinari. 
Quello che potremmo non renderci conto, tuttavia, è che nel farli vaccinare potremmo esporli a retrovirus molto pericolosi, alcuni dei quali sono stati collegati al cancro e ad altre malattie animali mortali.

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Biologicals , intitolato "I retrovirus endogeni come potenziali rischi per i vaccini", avverte che il modo in cui vengono fabbricati i vaccini animali li rende vulnerabili alla contaminazione da retrovirus che sono presenti nel ceppo madre delle cellule utilizzate nella loro produzione.

La produzione di vaccini sia umani che animali dipende dall'uso di cellule viventi umane e animali come sementi di bestiame. 
Sfortunatamente, come notato da GreenMedInfo , molte di queste cellule sono contaminate da retrovirus endogeni (ERV). Quando i vaccini animali che sono stati creati usando cellule contaminate vengono iniettati nei nostri amici pelosi, queste malattie possono essere trasferite insieme ai contenuti "normali" del vaccino.
Lo studio, condotto da ricercatori del dipartimento di biologia cellulare dell'Università di Kyoto in Giappone, ha scoperto che i rischi associati a tali vaccini sono stati ampiamente ignorati, lasciando i nostri animali domestici vulnerabili a gravi malattie, tra cui la leucemia felina, il tumore primario diagnosticato in gatti. (Correlato: Leggi altri possibili pericoli per i tuoi amici felini su PetHealth.news )

La leucemia felina è particolarmente preoccupante per gli amanti dei gatti, poiché colpisce tra il 2 e il 3% di tutti i gatti negli Stati Uniti e fino al 30% dei gatti che stanno già combattendo altre malattie.


I gatti con infezione persistente da [Feline Leukemia Virus] FeLV fungono da fonti di infezione per altri gatti. 
Il virus è versato nella saliva, nelle secrezioni nasali, nelle urine, nelle feci e nel latte dei gatti infetti. 
Il trasferimento del virus da gatto a gatto può verificarsi da una ferita da morso, durante la cura reciproca e (raramente) attraverso l'uso condiviso di lettiere e piatti per l'alimentazione. 
La trasmissione può anche avvenire da un gatto madre infetto ai suoi cuccioli, sia prima che nascano o mentre stanno allattando.



E ora, lo studio dell'Università di Kyoto ha confermato che un'altra possibile via d'infezione è attraverso gli stessi vaccini che diamo ai nostri gatti per impedire loro di ammalarsi.

Quindi, quali sono esattamente i retrovirus e perché sono così difficili da combattere?

Un video di YouTube dello Sci Show , intitolato " Retroviruses: Microbial supervillains " spiega che mentre i nostri corpi (e quelli dei nostri amici animali) possono produrre anticorpi che riconoscono e distruggono le cellule infettate da virus prima che diventino troppo fuori mano, i retrovirus operano in un modo completamente diverso - un modo in cui il corpo non si identifica e quindi non combatte efficacemente:

[I retrovirus] ottengono il loro stato di supervillain a causa di un enzima chiamato transcriptasi inversa, che legge l'RNA del virus e lo trasforma in DNA, che quindi si fa strada nel DNA della cellula e si attacca. 
Una volta che il DNA retrovirale si trova nel DNA della cellula, la cellula inizia a copiare il nuovo DNA insieme al suo. Dopo che il DNA retrovirale infetta la cellula, può rimanere inattivo per un po 'prima che si attivi. 
Inoltre, questi virus sono riprodotti in tonnellate, quindi offrono molte opportunità di mutazione. 
Tutto ciò rende incredibilmente difficile per il sistema immunitario combatterli.



Non ha molto senso iniettare intenzionalmente questi pericolosi retrovirus nei nostri animali domestici, vero? Quindi, se ami davvero il tuo migliore amico, mantienilo sano con la sua dieta ed esercizio fisico e salta le vaccinazioni. 


Le fonti includono:




Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento