martedì 8 maggio 2018

Ricerca: Inquinamento aereo implicato nell'aumento pericoloso delle radiazioni ultraviolette.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina


RILASCIO IMMEDIATO
Transdyne Corporation rivela che le radiazioni ultraviolette mortali ora raggiungono la superficie terrestre
Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
SAN DIEGO, 2 aprile 2018 - È un'opinione diffusa che l'ozono atmosferico blocchi la porzione mortale della radiazione solare, UV-C e la maggior parte dei raggi UV-B, dal raggiungere la superficie terrestre. Un documento scientifico appena pubblicato contesta questa ipotesi.
Pubblicato sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International , il lavoro di J. Marvin Herndon, PhD, di Transdyne Corporation, Raymond D Hoisington di iRay SpectraMetrics e Mark Whiteside, MD, MPH, un medico della Florida Department of Health , conferma le prove pubblicate dalla NASA che poi non è riuscito a dare seguito nel 2007.
Undici anni fa gli scienziati della NASA hanno pubblicato la prima prova che UV-C e UV-B stavano penetrando nello strato dell'ozono raggiungendo la superficie terrestre, evidenze ora confermate da Herndon et al. Dopo che il documento di D'Antoni et al. Del 2007 ha mostrato che UV-C e UV-B raggiungono la superficie terrestre, contrariamente ai protocolli etici, la NASA non ha condotto indagini di follow-up, nonostante le gravi implicazioni delle proprie misurazioni.

L'articolo afferma: "Nella scienza quando viene fatta una scoperta che contraddice la comprensione attuale, gli scienziati hanno la responsabilità di tentare di confutare la scoperta oltre ogni ragionevole dubbio. Se non fossero in grado di farlo, le implicazioni della nuova scoperta dovrebbero essere discusse nella letteratura scientifica. Nel 2007 D'Antoni et al. fanno la scoperta delle radiazioni UV-C che raggiungono la superficie terrestre e questo sarebbe dovuto essere oggetto di un'intensa indagine da parte della NASA per due motivi, uno scientifico e uno etico ".
"Nonostante le implicazioni delle scoperte della NASA per la scienza atmosferica del 2007 e nonostante le loro profonde implicazioni per la salute umana e ambientale, la NASA non ha condotto un'indagine di follow-up .... Questa inazione solleva la domanda: la NASA è complice di un'attività segreta globale, come la proiezione aerea di aerei da difesa della "national-defense" per l'irroramento aereo di ceneri volanti di carbone tossico che pone seri rischi per la vita sulla Terra?
Per almeno 20 anni, con quantità e durata sempre maggiori, i militari si sono impegnati a irrorare particelle nelle regioni in cui si formano le nuvole per manipolare e armare l'atmosfera e le condizioni meteorologiche. 
I dati analitici su campioni di pioggia e neve sono coerenti con le ceneri volanti di carbone tossico come principale sostanza aerosolica utilizzata. 
Dal 2010 circa questa irrorazione aerea è diventata un'operazione quasi quotidiana, quasi globale.
Come rivela l'articolo , l'irrorazione aerea "immette nell'atmosfera enormi quantità di cloro, bromo, fluoro e iodio che possono esaurire l'ozono .... Altre sostanze potenzialmente presenti negli aerosol di ceneri volanti, comprese le nanoparticelle, potrebbero influire negativamente sull'ozono atmosferico "L'esaurimento dell'ozono è ormai globale e sta permettendo che l'ultravioletto mortale raggiunga il livello del suolo.
L'articolo rileva inoltre che "la radiazione ultravioletta è la componente più dannosa e genotossica dello spettro della radiazione solare. La mutagenicità e l'azione letale della luce solare mostrano due massimi, entrambi nella regione UV dello spettro. "
Gli autori "forniscono informazioni introduttive sugli effetti devastanti di UV-B e UV-C su esseri umani, fitoplancton, coralli, insetti e piante".

I militari potrebbero considerare tutto questo come un "danno collaterale", ma è molto più grave, minacciando praticamente tutta la vita sulla Terra.
Fonte:
Marvin Herndon, Ph.D
Transdyne Corporation

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento