giovedì 10 maggio 2018

D.r Chris Exley: Il primo test clinico del legame tra il morbo di Alzheimer e l'alluminio.

stampa la pagina
Nella foto il D.r Chris Exley


E se un bicchiere d'acqua potesse prevenire l'Alzheimer?

Il professor Chris Exley ha studiato alluminio per oltre 30 anni

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
Tratto da: www.futsci.com

Ciao, mi chiamo Chris Exley e sono talvolta noto come Mr Aluminium . Considero quest'ultimo come un segno di rispetto. Ho fatto ricerche e pensieri sull'alluminio per oltre trent'anni e ho pubblicato oltre 150 articoli scientifici su questo argomento. 
Per lo scopo specifico di raccogliere fondi per questa importante e storica sperimentazione clinica, sto collaborando con il  Children’s Medical Safety Research Institute ( CMSRI ), un'organizzazione registrata senza fini di lucro 501 (C) (3), di cui sono membro scientifico del Comitato consultivo. Il CMSRI garantisce che il 100% dei proventi netti raccolti attraverso questo appello saranno resi disponibili per questa sperimentazione clinica.

Testimonianze a supporto di questo progetto

"Completamente supportivo"
Redattore capo, Journal of Alzheimer's Disease
Decano e Professore,
Distinto presidente della Semmes Foundation in Neurobiologia,
College of Sciences,
L'Università del Texas a San Antonio

Alti livelli di alluminio possono contribuire alla malattia di Alzheimer

Negli ultimi dieci anni il mio gruppo ha studiato il legame tra alluminio e morbo di Alzheimer in più di 100 cervelli umani e le nostre scoperte ci hanno portato a una conclusione molto semplice 2 .
Ora dobbiamo accettare che, laddove il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale di un individuo supera un certo livello che questo alluminio contribuirà a qualsiasi malattia di Alzheimer in corso in quell'individuo 3, 4 .
Recenti ricerche suggeriscono che possiamo proteggerci contro le devastazioni della malattia di Alzheimer adottando misure per ridurre la nostra esposizione quotidiana all'alluminio 5 .  

Viviamo nell'"età dell'alluminio"

Viviamo nell'era dell'alluminio e tutti abbiamo beneficiato enormemente della tecnologia che circa 120 anni fa ci ha permesso di produrre alluminio e sali di alluminio da depositi inerti all'interno della crosta terrestre.
L'alluminio è ora il metallo più comunemente usato su tutta la Terra e ci sono una miriade di modi in cui siamo esposti ad esso nella nostra vita quotidiana, tra cui; la nostra dieta (in particolare bevande e alimenti trasformati); medicine (in particolare antiacidi, aspirina tamponata, vaccinazioni); cosmetici (esempi compresi antitraspiranti e filtri solari); aerosol (l'aria che respiriamo può essere piena di materiali particolati composti da alluminio).
L'esposizione umana all'alluminio sta germogliando e, supponendo che le proiezioni correnti della sua estrazione e l'utilizzo saranno aumentate di 100 volte tra il 1950 e il 2050 6 . L'alluminio non ha alcun beneficio noto in nessun organismo vivente, dal virus agli esseri umani, è solo tossico e solo le attività dell'uomo lo hanno portato alla nostra maggiore esposizione negli ultimi 100 anni circa.
L'alluminio è la sostanza tossica ecologica più onnipresente sulla Terra che è responsabile della morte del pesce nei laghi acidi, il declino delle foreste in aree colpite da piogge acide e il declino delle colture alimentari su suoli solfatici acidi. Tutti gli effetti sono attribuibili alle attività dell'uomo 7 .

Aiutare il corpo umano ad affrontare il peso dell'alluminio

Anche se non riusciamo a rimettere il genio dell'alluminio nella bottiglia, ci farebbe comodo non cercare di utilizzare l'alluminio nel modo più sicuro ed efficace possibile. 
Prima di essere in grado di comprendere appieno il ruolo dell'alluminio nella malattia umana, sarebbe sensato adottare un approccio precauzionale e in particolare prendere provvedimenti per aiutare il corpo umano a gestire il suo carico di alluminio e più direttamente per aiutare il corpo a espellere l'alluminio e così prevenire il suo accumulo in aree potenzialmente vulnerabili come il cervello. 
Noi tutti espelliamo l'alluminio dal nostro corpo nelle nostre urine. 
Tuttavia, questo non impedisce l'accumulo di alluminio nel corpo con l'età. 
Abbiamo scoperto che attraverso l'assunzione regolare di acque minerali che sono ricche di silicio (più di 30 ppm di silice) l'escrezione di alluminio nelle urine è facilitata in modo tale che per lunghi periodi di tempo l'alluminio viene rimosso dal corpo. 
Il carico corporeo dell'alluminio può essere quindi significativamente ridotto.

Questo studio ci dirà se l'alluminio sta contribuendo alla malattia di Alzheimer

La sperimentazione clinica proposta non ci dirà se l'alluminio è una causa del morbo di Alzheimer. 
Ci dirà se l'alluminio nel nostro corpo sta contribuendo alla malattia di Alzheimer. 
Questa è una potente informazione e se decidiamo di agire su di essa riducendo la nostra esposizione quotidiana all'alluminio e aiutando la rimozione dell'alluminio dal nostro corpo rendendo le acque minerali ricche di silicio una parte naturale della nostra dieta quotidiana, per la prima volta si avranno gli strumenti per combattere contro una condizione così devastante come la malattia di Alzheimer.
I nostri maggiori costi nella pianificazione e nella gestione di questa sperimentazione clinica saranno il reclutamento dei partecipanti e il monitoraggio successivo dei partecipanti nel tempo. 
L'ammontare dei fondi disponibili determinerà il numero di individui che saranno reclutati, il periodo della sperimentazione e il metodo di monitoraggio delle differenze che possono essere correlati alla malattia di Alzheimer.
Il numero di individui richiesti sarà in certa misura determinato dal modo in cui sono interessati dalla terapia con acqua minerale. 
Grandi effetti potrebbero significare dati statisticamente significativi da un numero minore di partecipanti.

500.000 sterline di finanziamento sosterranno la nostra ricerca sull'Alzheimer per tre anni

Realisticamente avremo bisogno di un gruppo minimo di 50 e il costo del monitoraggio di questo numero di partecipanti nell'arco di 24 mesi sarà di 500.000 sterline. 
Questo ammontare di finanziamenti ci consentirà di determinare se il consumo regolare di un'acqua minerale ricca di silicio in 2 anni influenza il loro stato cognitivo rispetto alla progressione "normale" accettata della malattia.

Un finanziamento superiore a 1 milione di sterline ci permetterebbe di completare studi cognitivi su un numero più ampio di individui e di estendere lo studio corrente per includere trattamenti aggiuntivi

Se siamo in grado di ottenere finanziamenti superiori al livello di 1 milione di sterline, possiamo cercare di reclutare più persone nello studio, monitorarle per un periodo di tempo più lungo e potremmo anche essere in grado di integrare gli studi cognitivi con alcune forme di imaging cerebrale. 
Quest'ultimo sarebbe complementare e non necessario per testare la nostra ipotesi di lavoro.  
Se potessimo raggiungere un livello eccezionale di finanziamento (significativamente superiore a 1 milione di sterline), potremmo anche cercare di trarre vantaggio da ricerche molto recenti nel mio gruppo che hanno evidenziato l'importanza della sudorazione e dell'esercizio fisico nella rimozione dell'alluminio dal corpo. 
La nostra ricerca suggerisce che se questa terapia con acqua minerale venisse combinata con una specifica routine di esercizio quotidiana, potremmo aspettarci un effetto protettivo ancora più forte della terapia. 
Sarebbe interessante creare un gruppo di trattamento aggiuntivo in cui l'esercizio quotidiano è aggiunto alla terapia con acqua minerale. 
L'esercizio ha già dimostrato di essere benefico in soggetti con malattia di Alzheimer (Williams PT (2015) a basso rischio di mortalità per malattia di Alzheimer con esercizio fisico, statine e assunzione di frutta. Journal of Alzheimer's Disease 4 , 1121-1129.).
Siamo nelle prime fasi della discussione degli specifici dettagli pratici ed etici di questo studio di ricerca proposto, ma un processo di approvazione pienamente informato sarà completato prima che il processo possa iniziare



D.r Chris Exley: L'alluminio ed i suoi pericoli.

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento