giovedì 10 gennaio 2019

E quando il Virus del Morbillo è un “Mutante di Fuga”?

stampa la pagina

E quando il Virus del Morbillo è un “Mutante di Fuga”?


Da uno scritto di Christine Flores

Cosa è successo quando l'attenuazione tecnologica del virus del morbillo e le relative campagne vaccinali in tutto il mondo hanno portato a mutazioni e ad un aumento del numero dei genotipi? 


È un dato di fatto che gli studi sull'evoluzione molecolare del MeV (Measles Virus) sono limitati, dal momento che per la genotipizzazione sono disponibili relativamente pochi ceppi MeV dell'era pre-vaccino. 


La maggior parte di queste sequenze più antiche è il genotipo A, che potrebbe essere stato distribuito globalmente negli anni '50, '60 e '70. Il ceppo vaccinale cinese S191, un membro del genotipo A, fu isolato da un bambino nel 1960 a Shanghai. L'isolamento e la genotipizzazione di routine dei MeV di tipo selvatico non sono iniziati su scala globale fino alla metà degli anni '90, dopo la rinascita del morbillo a fine anni '80, e i pochi ceppi pochi isolati di tipo selvatico sono disponibili da qualsiasi parte del mondo prima del 1990. (1)

I ceppi vaccinali del morbillo sono sequenziati dal genotipo A. Il morbillo è un virus relativamente stabile che ha un solo sierotipo, il che significa che i ceppi vaccinali del genotipo A susciteranno una risposta immunitaria nel corpo che copre tutti i genotipi. Attualmente ci sono 24 genotipi circolanti noti, 19 dei quali sono stati rilevati dopo il 1990.

La letteratura scientifica ha alcuni studi interessanti sulle mutazioni del genotipo del morbillo, come la dichiarazione di apertura di questo articolo: "Gli alti tassi di mutazione tipici dei virus RNA spesso generano una struttura unica della popolazione virale costituita da un gran numero di microvarianti genetiche. Nel caso dei patogeni virali, ciò può comportare una rapida evoluzione della resistenza antivirale o dei mutanti di fuga dal vaccino."(2).


Temporal distribution of measles virus genotypes 1951 – 2004. Summary of distribution of MV genotypes from the prevaccine era to 2004.



Come possono sostenere che non ci sono mai stati casi osservati di trasmissione del ceppo vaccinale?
Considerando che "è difficile distinguere i virus di tipo selvatico nel genotipo A dai ceppi vaccinali, questi rapporti devono essere interpretati con cautela poiché alcune sequenze potrebbero essere derivate da casi associati a vaccino o essere il risultato di contaminazione da laboratorio" (3).

Inoltre, come facciamo ade essere certi che il virus del morbillo non sta mutando in diversi genotipi anche durante la produzione di vaccini? Genotipizzano ogni lotto?

Sembra che le cellule usate per propagare il virus abbiano un peso importante nella sua variazione genetica ...

Un'indicazione che il particolare schema di passaggio della coltura tissutale determina la composizione delle modificazioni del genoma può essere visto nei dati della sequenza quando viene esaminato alla luce dei dettagli del lignaggio MV (4)

Si osserverà che i genotipi rilevati aumentano rapidamente parallelamente all’incremento delle campagne di vaccinazione di massa in tutto il mondo, l'immagine nei commenti. (3) (5)

Ciò è dovuto alla maggiore sorveglianza o all'aumento del potenziale di mutazione? Come possiamo sapere che il virus non sta mutando nell'ospite umano dopo l'inoculazione con un vaccino virus vivo attenuato? 
Dopotutto, "molti vaccini vivi attenuano il ritorno alla virulenza attraverso la mutazione precedente di mutazioni attenuanti, mutazioni compensatorie altrove nel genoma, ricombinazione o riassortimento, oppure attraverso dei cambiamenti nella diversità delle quasispecie." (6)

Sappiamo anche che la letteratura scientifica mostra che lo “shedding” (diffusione) virale è una realtà. 
Tuttavia, alcune osservazioni hanno rilevato solo la presenza dell'RNA del morbillo e non il test genotipico del virus attuale. Il che ci porta a chiederci che cos'è allora il genotipo del morbillo. (6)

L'unica cosa chiara da questa indagine è che la questione scientifica non è risolta. In un ambiente in cui più conoscenza porta a più domande, ci troviamo in un processo scientifico in continua evoluzione.

Special thanks to: Christine Flores

Bibliografia:
(1) Evolutionary genetics of genotype H1 measles viruses in China from 1993 to 2012 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4135087/…

(2) Spontaneous Mutation Rate of Measles Virus: Direct Estimation Based on Mutations Conferring Monoclonal Antibody Resistance 

(3) Review of the temporal and geographical distribution of measles virus genotypes in the prevaccine and postvaccine eras https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1318492/

(4) Comparison of Predicted Amino Acid Sequences of Measles Virus Strains in the Edmonston Vaccine Lineage https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC113987/…

(5) MEASLES VIRUS GENOTYPES - Victorian Infectious Diseases Reference Laboratory http://www.vidrl.org.au/…/measles-…/measles-virus-genotypes/

(6) The double-edged sword: How evolution can make or break a live-attenuated virus vaccine https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3314307/

(7) Detection of measles virus RNA in urine specimens from vaccine recipients. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7494055
Se ti piace questo post ti bastano 3 secondi per condividerlo
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

Nessun commento:

Posta un commento

Per sostenere questo blog clicca sulle pubblicità correlate e certificate. Grazie



IpCeI-Pagina-Facebook