Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

mercoledì 23 ottobre 2019

5G da incubo, la prova genotossica nello studio americano: rottura del DNA. E’ questa la verità!

stampa la pagina


 “Ecco la prova provata della tossicità delle radiofrequenze che provocano rottura del DNA negli animali (ratti e topi) sottoposti alle radiofrequenze nell’esperimento del National Toxicology Program, tanto criticato insieme al nostro condotto all’Istituto Ramazzini“, afferma la ricercatrice Fiorella Belpoggi appena pubblicato l’importante studio statunitense sulla genotossicità dell’elettrosmog: “non siamo nè visionari, nè allarmisti, nè diffusori di ingiustificate paure per un’effimera visibilità, come qualcuno ha detto in parlamento, ma svolgiamo il nostro lavoro con serietà ed onestà: diffondiamo la verità”.
Le dichiarazioni della scienziata italiana, impegnata nella denuncia dei gravi rischi del 5G e dell’elettrosmog anche in sede parlamentare, arriva con la pubblicazione dello studio in peer review sulla “Valutazione della genotossicità delle radiazioni di radiofrequenza del telefono cellulare in ratti e topi maschi e femmine a seguito di esposizione subcronica“.
Ecco il testo nell’abstract dello studio americano dell’NTP che adesso fa tremare politici e Governo di mezzo mondo, insensibili alla richiesta di moratoria sul 5G avanzata da ampia parte della comunità medico-scientifica , compresi i relatori attesi nel Convegno internazionale Stop 5G promosso dall’Alleanza Italiana Stop 5G a Roma il 5 Novembre nell’aula dei gruppi parlamentari di Montecitorio.
“Il National Toxicology Program ha testato due modulazioni di radiazione a radiofrequenza comune (RFR) emesse da telefoni cellulari in un biotest di 2 anni sul cancro del roditore che includeva valutazioni intermedie di animali aggiuntivi per endpoint di genotossicità. Hsd maschio e femmina: ratti Sprague Dawley SD e topi B6C3F1 / N sono stati esposti, rispettivamente, dal giorno 5 della gestazione o dal giorno postnatale 35, alla suddivisione in codice di accesso multiplo (CDMA) o al sistema globale per modulazioni mobili (GSM) oltre 18 ore al giorno, a intervalli di 10 minuti, nelle camere di riverbero a velocità di assorbimento specifiche (SAR) di 1,5, 3 o 6 W / kg (ratti, 900 MHz) o 2,5, 5 o 10 W / kg (topi, 1900 MHz). 
Dopo 19 (ratti) o 14 (topi) settimane di esposizione, gli animali sono stati esaminati per prove di genotossicità associata a RFR usando due diverse misure. Utilizzando il test della cometa alcalina (pH> 13), Il danno al DNA è stato valutato nelle cellule di tre regioni cerebrali, cellule epatiche e leucociti del sangue periferico; usando il test del micronucleo, il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti del sangue periferico immaturi e maturi. I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). 
Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti di sangue periferico immaturi e maturi. 
I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. il danno cromosomico è stato valutato negli eritrociti di sangue periferico immaturi e maturi. 


I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA. Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l’esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA.”

stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento