Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

lunedì 3 febbraio 2020

La Cina accusata di "cremare" un numero indicibile di vittime di Coronavirus mentre la malattia e il bilancio delle vittime aumentano a livello globale

stampa la pagina
#Coronavirus 


Tra le notizie secondo cui la Cina potrebbe sottostimare la gravità dell'attuale epidemia di coronavirus, un quotidiano neozelandese ha riportato un'accusa che indicherebbe che il bilancio delle vittime è molto più alto dei numeri "ufficiali".


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Secondo il New Zealand Herald , i funzionari cinesi sono stati accusati di cremare le vittime del virus, suggerendo che i morti siano molti di più di quanto Pechino abbia ammesso: 

I funzionari della sanità mondiale, tornati da una visita a Pechino, hanno espresso grande preoccupazione per il diffondersi di un nuovo virus pericoloso tra le persone al di fuori della Cina, anche se il numero di malattie continua a crescere drammaticamente all'interno di quella nazione asiatica.
Il nuovo virus ha ora infettato più persone in Cina di quanto se ne fossero ammalate durante l'epidemia di sindrome respiratoria acuta grave tra il (2002-2003). Mercoledì, il numero di casi è salito a 5974, superando le 5327 persone con diagnosi di SARS.

Ufficialmente a venerdì, il bilancio delle vittime in Cina era di 132, meno della metà delle 348 persone che sarebbero morte a causa del virus SARS.
Ma "sono stati sollevati dubbi sul bilancio ufficiale delle vittime", ha osservato il documento, "sostenendo che le autorità cinesi hanno cremato i corpi in segreto".

Un punto di informazione in lingua cinese, Initium, ha affermato di aver intervistato i lavoratori in un centro di cremazione locale a Wuhan, una città di 11 milioni nella Cina centrale da cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus. 
Secondo quanto riferito, i funzionari hanno riferito al punto vendita che i corpi vengono inviati al crematorio direttamente dagli ospedali senza una corretta identificazione e senza essere aggiunti al bilancio ufficiale delle vittime.


... seriousness of the spread in , but also the lack of facilities that can handle the rising number of patients.
Also, one thing that is hiding is the number of death caused by the virus. Credible Chinese media outlet @initiumnews interviewed people working at local cremation centers, confirming that many dead bodies were sent directly from the hospitals to the cremation centers...


"Quindi ci sono ragioni per rimanere scettici su ciò che la Cina ha condiviso con il mondo perché mentre sono stati più trasparenti su alcune cose legate al virus, continuano ad essere imprecisi e inaffidabili in altri aspetti", ha osservato il corrispondente di DW News East Asia William Yang.

I funzionari sanitari globali sono chiaramente preoccupati per la diffusione del virus

La possibilità che il governo cinese stia sottovalutando il bilancio delle vittime del virus è molto reale, considerando quanto siano strettamente controllate tutte le informazioni che arrivano e che escono dal paese. Il governo controlla letteralmente tutte le agenzie sanitarie, ovviamente, così come tutti i media che vengono trasmessi e i social media che vengono pubblicati.

Quindi non sarebbe difficile elaborare una narrazione secondo cui la malattia è sotto controllo e il bilancio delle vittime ufficiale finora è basso.
Ma gli esperti di salute di tutto il mondo sono già sempre più preoccupati semplicemente a causa della rapida diffusione del virus e dell'aumento del numero delle vittime in altri paesi.

Inoltre, i funzionari dell'OMS hanno notato giovedì che non erano così preoccupati per la gestione dell'epidemia da parte della Cina, ma piuttosto per la sua diffusione in altri paesi con meno risorse.
"La nostra più grande preoccupazione è il potenziale per il virus di diffondersi in paesi con sistemi sanitari più deboli e che non sono preparati ad affrontarlo", ha dichiarato il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

La stragrande maggioranza dei casi al di fuori della Cina ha una storia di viaggio a Wuhan o contatti con qualcuno con una storia di viaggio a Wuhan. Non sappiamo che tipo di danno potrebbe causare questo virus se si diffondesse in un paese con un sistema sanitario più debole. "

L'organizzazione ha dichiarato un'emergenza globale a causa del coronavirus all'inizio di questa settimana.
Giorni fa, la Cina ha iniziato a mettere in quarantena milioni di persone quando il virus ha iniziato a diffondersi rapidamente. Venerdì, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie negli Stati Uniti hanno anche messo in quarantena 195 sfollati americani che vivevano a Wuhan.

Il fondatore di Natural News, Mike Adams, Health Ranger, ha riferito che “il CDC non ha torto nel farlo. In effetti, sarebbe stato pericolosamente sbagliato se non ci fossero riusciti."
Ha anche osservato che il governo federale non ha fatto abbastanza per impedire alle persone potenzialmente infette di attraversare illegalmente il confine degli Stati Uniti, anche se a credito del presidente Trump, è riuscito più dei suoi predecessori.

Le fonti includono:



stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento