Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

mercoledì 2 dicembre 2020

L'esperto sottolinea la "scienza traballante" dietro i risultati della sperimentazione sul vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

 

esperto-scienza-traballante-vaccino-coronavirus-astrazeneca
"scienza traballante" dietro i risultati della sperimentazione sul vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Tratto da Naturalnews.com

Un esperto ha avvertito che i risultati delle sperimentazioni sul vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca si basano su "scienza instabile". La scienziata diventata scrittrice Hilda Bastian ha sottolineato che i dati sul vaccino COVID-19 del produttore britannico di farmaci, sviluppato con l' Università di Oxford , sono stati "rattoppati" ed escludono i gruppi con il più alto rischio di COVID-19. 

Bastian ha scritto in un pezzo per Wired che i dati di AstraZeneca provenivano da due studi separati - uno a maggio e un altro iniziato alla fine di giugno - che erano sostanzialmente diversi l'uno dall'altro. Ha osservato: "Il fatto che possano aver dovuto combinare i dati di [queste] due prove per ottenere un risultato forte solleva la prima bandiera rossa".

Bastian ha detto che un errore di dosaggio ha contribuito a un tasso di successo più elevato: gli esperti hanno accidentalmente somministrato ad alcuni volontari una dose e mezza del vaccino invece di due dosi complete. Ha aggiunto che gli studi non sono mai stati progettati per testare questo metodo di dosaggio e gli scienziati hanno colto l '"errore" solo quando alcuni partecipanti non hanno mostrato il solito alto tasso di effetti avversi. Bastian ha osservato nel suo articolo su Wired che "degli unici due regimi ... la prima mezza dose sbagliata, seguita da una dose completa almeno un mese dopo è arrivata al 90 percento [efficacia], e le ... due dosi standard almeno un mese a parte [il regime] ha raggiunto solo il 62% di efficacia ".

L'esperto ha anche menzionato che le prove di AstraZeneca e Oxford sembrano includere solo una piccola quantità di persone di età pari o superiore a 55 anni, nonostante questo particolare gruppo di età sia vulnerabile al COVID-19. La sperimentazione del vaccino di giugno, svoltasi in Brasile, originariamente non consentiva alle persone con più di 55 anni; d'altra parte, una prova separata di Pfizer e BioNTech ha avuto il 41% dei volontari over 55 che hanno partecipato.

Un certo numero di esperti ha anche espresso preoccupazione per i dati presentati da AstraZeneca

L'ex presidente della Pfizer Global Research and Development John LaMattina ha sollevato la prospettiva che il vaccino di AstraZeneca potrebbe non ricevere l'approvazione delle autorità statunitensi. Ha twittato il 24 novembre che era "difficile credere" che la Food and Drug Administration rilascerà un'autorizzazione all'uso di emergenza per un vaccino "la cui dose ottimale è stata somministrata solo a 2.300 persone", aggiungendo che "più dati" erano necessari.

L'analista degli investimenti SVB Leerink Geoffrey Porges ha dichiarato al Financial Times che il candidato per il vaccino contro il coronavirus dell'azienda farmaceutica britannica sarebbe stato probabilmente rifiutato perché aveva "cercato di abbellire i risultati [della sperimentazione]" evidenziandone l'efficacia in un "sottoinsieme relativamente piccolo di" partecipanti allo studio. (Correlati: AstraZeneca afferma che "l'errore di dosaggio" ha portato a un aumento dei risultati della sperimentazione del vaccino, giustificando affermazioni di "efficacia al 90%" .)

Il virologo dell'Università di Reading Ian Jones ha dichiarato al Daily Mail che il problema del dosaggio era "confuso". Il professore ha spiegato che la protezione del 90% osservata nel sottoinsieme che riceveva una dose e mezza "era davvero buona", ma ha aggiunto: "Penso che equivarrebbe a solo circa 15 persone sulle 3.000 che l'hanno ricevuta, il che potrebbe essere troppo basso per convincere le autorità di regolamentazione [che il vaccino funziona.] "

Gli aspetti negativi del vaccino per il coronavirus di AstraZeneca superano i suoi presunti positivi

L'articolo di Bastian è arrivato dopo che AstraZeneca aveva annunciato il 23 novembre i risultati dei suoi test clinici per il suo vaccino. L'annuncio ha seguito i precedenti aggiornamenti di Pfizer e Moderna, i cui vaccini a base di mRNA hanno registrato tassi di efficacia superiori al 90%. Il vaccino dell'azienda britannica non richiede una conservazione ultra-fredda a differenza degli altri due candidati, ed è anche il vaccino COVID-19 più conveniente fino ad oggi a £ 2 (US $ 2,66) per dose rispetto al prezzo a dose singola di Pfizer £ 15 (US $ 19,96) e il prezzo di Moderna £ 26 (US $ 34,60).

Il vaccino di AstraZeneca utilizza un adenovirus innocuo, simile a quello che causa il comune raffreddore, per fornire materiale genetico che spinge il corpo a produrre proteine ​​note come antigeni. Questi antigeni che aiutano il sistema immunitario a sviluppare un arsenale contro le infezioni si trovano sulla superficie del patogeno SARS-CoV-2.

Tuttavia, le sperimentazioni per il vaccino dell'azienda hanno incontrato diversi ostacoli negli ultimi mesi. Due partecipanti hanno sperimentato un'infiammazione spinale a settembre, mentre un terzo partecipante è morto durante gli studi clinici in Brasile. Ulteriori indagini hanno rivelato che gli ingredienti tossici nel vaccino, come il tessuto fetale umano abortito, hanno svolto un ruolo negli effetti avversi riportati dopo la somministrazione del candidato vaccino.

Le fonti includono:

DailyMail.co.uk

Wired.com

Twitter.com

FT.com

STATNews.com

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento