Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

GOOGLE Traduttore

giovedì 28 aprile 2022

I dati mostrano che la maggior parte dei decessi per COVID si sono verificati dopo l'introduzione dei vaccini

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

I mandati di vaccinazione supportati dall'amministrazione di Joe Biden e imposti da datori di lavoro, ospedali e altre istituzioni sono collegati a un aumento dei decessi. Inoltre, i dati mostrano che la maggior parte dei decessi per COVID si è verificata dopo l'introduzione dei vaccini .

Dopo che le vaccinazioni Covid, annunciate come miracoli, sono state lanciate nel 2021, sono morti più di 61.000 Millennial e un numero record di Gen-Xer, creando una scia storica di mortalità nel quarto trimestre dell'anno.

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

L'ex portfolio manager di Blackrock Edward Dowd ha informato Steve Bannon di Breitbart in un'edizione del suo War Room a marzo che la generazione dei Millennial, di età compresa tra 25 e 40 anni, ha subito uno scioccante aumento dell'84% di mortalità in eccesso nell'autunno del 2021. È stato la "peggior mortalità sempre eccessiva, credo, nella storia”, secondo Dowd.


Tali decessi, che sono stati più del numero totale di decessi durante la guerra del Vietnam in un solo anno, hanno coinciso con l'aumento delle dosi di vaccino e richiamo imposto nell'agosto 2021.

'Democidio' 

Dowd ha affermato che le cifre, che ha raccolto dai dati del CDC per l'analisi, hanno anche dimostrato che i Gen-Xers (quelli di età compresa tra 40 e 55 anni) non hanno ottenuto risultati migliori, risultando in quello che ha soprannominato un "democidio" o il massacro sanzionato dal governo di ampi segmenti della popolazione.

La maggior parte dei decessi "pandemici" nel 2021 

Secondo un documento di lavoro appena pubblicato da un professore di economia applicata della Johns Hopkins University, l'apice delle vite perse negli ultimi due anni di politiche sanitarie urgenti per la pandemia è emerso nel gennaio 2021, quasi raddoppiando l'entità del presunto grave picco della "prima ondata" di decessi nell'aprile 2020. La ricerca della professoressa Genevieve Briand esamina le statistiche mensili sui decessi negli Stati Uniti dal 1999 al 2021.

Nel settembre 2021 si è verificata una seconda ondata di decessi imprevista, questa volta prevalentemente tra i giovani adulti, in coincidenza con l'introduzione della vaccinazione obbligatoria da parte dei datori di lavoro e delle istituzioni in tutti gli Stati Uniti.


“Il fatto che il picco di aprile 2020 sia inferiore a quello di gennaio 2021, di una grandezza maggiore rispetto al picco di gennaio 2018, e il fatto che il picco di settembre 2021 sia quasi alto quanto il picco di aprile 2020, danno ulteriore motivo che il tanto temuto picco di aprile 2020 non è stato così allarmante come si è fatto credere", afferma Briand.

La sua ricerca cita un calo dei decessi per disturbi respiratori, escluso il COVID-19, per le persone di età pari o superiore a 85 anni durante la pandemia, a un livello che non si vedeva dal 2009. Infatti, durante il picco della "prima ondata" di aprile 2020, le malattie respiratorie la mortalità per influenza e polmonite nei gruppi di anziani più vulnerabili è stata di migliaia inferiore rispetto al picco dei decessi per influenza negli anni precedenti, inclusi il 2018, 2015 e 2013.



Le malattie respiratorie, che hanno rappresentato dall'8,8% al 9,3% di tutti i decessi dal 1999, sono scese al 7,4% nel 2020 e al 6,6% nel 2021.

"I numeri dei decessi per COVID-19 sono stati sopravvalutati", ha detto Briand, aggiungendo che "tutti questi decessi avrebbero trovato una casa in altre categorie di cause di morte" se non si fosse formato un nuovo gruppo diagnostico COVID-19. La scomparsa dei decessi per malattie respiratorie è l'esempio più visibile di “ri-categorizzazione” della mortalità.

I decessi per altre cause sono diminuiti 

Anche i decessi per altre tre principali cause di mortalità - malattie cardiache, cancro e disturbi cerebrovascolari - sono scomparsi durante la pandemia, con ogni gruppo che ha raggiunto nuovi minimi, il che implica che è stata l'etichettatura della causa di morte a cambiare, piuttosto che il fatto che migliaia di persone sono morte per malattie circolatorie e cancro.



L'immagine statistica per le malattie cardiache nell'anziano fragile sembrava come se i picchi regolari di morte fossero stati tagliati nel 2020 e nel 2021; era "come se le punte delle montagne fossero tagliate", scrive Briand. Ancora una volta, questa anomalia statistica mostra che le persone non hanno smesso di morire di malattie cardiache in quantità record, ma piuttosto che le loro morti sono state classificate come decessi COVID-19.



Mentre gli adulti sono morti in numero record nel gennaio 2021, gli anziani hanno rappresentato la maggior parte dei decessi, iniziati a dicembre 2020, in concomitanza o subito dopo l'introduzione delle vaccinazioni, principalmente agli anziani e al personale sanitario.

Nel frattempo, le persone più giovani sono morte in numero storico, con le fasce di età 45-54, 35-44 e 25-34 che hanno raggiunto il picco nel settembre 2021. Anche i decessi tra quelli di età compresa tra 65-74 e 55-64 a settembre 2021 sono stati superiori a quelli di aprile 2020, quando l'impennata di settembre di morti tra i giovani era "inaudito" prima del COVID, secondo Briand.

Morti in eccesso da vaccini 

I mandati di vaccinazione supportati dall'amministrazione di Joe Biden e imposti da datori di lavoro, ospedali e altre istituzioni sono collegati a un aumento dei decessi. A settembre, il CDC ha riferito che le persone di età compresa tra 65 e 74 anni sono morte in numero maggiore rispetto a quelle di età pari o superiore a 75 anni e che quelle di età compresa tra 45 e 54 anni sono morte a tassi paragonabili a quelle di età pari o superiore a 85 anni per COVID-19.

"Questo non è mai successo prima per i decessi dovuti a malattie respiratorie, dal 1999 al 2019", ha detto Briand ed è "coerente con l'ipotesi delle morti per vaccino".

Ulteriori dati, in particolare da gruppi come i membri delle forze armate che sono stati costretti a vaccinare, confermerebbero le prove. Briand ritiene che anche le statistiche dell'ospedale rivelerebbero una parte significativa della storia. "Se questi vaccini possono portare alla morte, possono certamente portare a condizioni che richiedono il ricovero in ospedale", ha affermato.

"Questa ipotesi potrebbe quindi essere ulteriormente verificata esaminando i dati di ricovero relativi a tali condizioni documentate".

https://greatgameindia.com/covid-deaths-after-vaccines-rollout/

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento