Shadowbox Effect UN NUOVO STUDIO TROVA UNA "VASTA GAMMA DI RISCHI DEVASTANTI" ASSOCIATA AL VACCINO HPV | Vivere in modo naturale

sabato 2 dicembre 2017

UN NUOVO STUDIO TROVA UNA "VASTA GAMMA DI RISCHI DEVASTANTI" ASSOCIATA AL VACCINO HPV

stampa la pagina
studio-trova-rischi-devastanti-nel-vaccino-HPV


Traduzione a cura di Vivere in modo naturale

ROBERT F. KENNEDY JR.1 ° DICEMBRE 2017


Un nuovo studio pubblicato su Clinical Rheumatology  mostra come i produttori di vaccini hanno usato placebo fasulli negli studi clinici per nascondere una vasta gamma di rischi devastanti associati ai vaccini HPV. Invece di usare veri placebo inerti e confrontare gli impatti sulla salute per un certo numero di anni, come richiesto per la maggior parte delle nuove approvazioni di farmaci, Merck e GlaxoSmithKline hanno arricchito i loro placebo con un adiuvante neurotossico di alluminio e tagliato i periodi di osservazione in pochi mesi.
I ricercatori dell'Istituto Nazionale di Cardiologia del Messico hanno esaminato oltre 28 studi pubblicati a gennaio 2017-16 studi randomizzati e 12 casi serie post-marketing, relativi ai tre vaccini contro il papillomavirus umano (HPV) attualmente sul mercato a livello globale. Nel loro rapporto peer-reviewed del luglio 2017  , gli autori, Manuel Martínez-Lavin e Luis Amezcua-Guerra, hanno scoperto prove di numerosi eventi avversi, tra cui lesioni mortali, disabilità permanenti, ospedalizzazioni e decessi, riportati dopo la vaccinazione con il vaccino bivalente Cervarix di GlaxoSmithKline e i vaccini HPV quadrivalenti o nove valenti di Merck (Gardasil e Gardasil 9). Gli scienziati delle società farmaceutiche hanno liquidato di routine, minimizzato o nascosto quelle lesioni usando espedienti statistici e  confronti invalidi progettati per diminuire il loro significato relativo.
Dei 16 studi randomizzati sul vaccino HPV, solo due hanno usato un placebo salino inerte. Dieci dei sedici hanno confrontato il vaccino HPV con un  adiuvante neurotossico di alluminio e quattro studi hanno utilizzato un vaccino contenente alluminio già approvato come confronto.
I ricercatori scientifici considerano i trial in doppio cieco come il  gold standard  per testare nuovi farmaci. Per minimizzare la distorsione, i ricercatori assegnano casualmente i pazienti a un gruppo di "trattamento" o a un gruppo di "controllo" (placebo) e quindi confrontano i risultati di salute. La pratica standard è quella di confrontare un nuovo farmaco con un placebo farmacologicamente inerte ". Per minimizzare le opportunità di parzialità, né i pazienti né i ricercatori sanno quali persone hanno ricevuto il farmaco e quali il placebo. Tuttavia, nelle sperimentazioni cliniche dei vari vaccini HPV, i ricercatori farmaceutici hanno evitato questo tipo di rigore e hanno invece utilizzato flimflam di prestigio per mascherare la gravità delle lesioni da vaccino.
Dei 16 studi randomizzati sul vaccino HPV, solo due hanno usato un placebo salino inerte. Dieci dei sedici hanno confrontato il vaccino HPV con un   adiuvante neurotossico di alluminio e quattro studi hanno utilizzato un vaccino contenente alluminio già approvato come confronto. Uno non deve essere uno scienziato per capire che l'uso di placebo contenenti alluminio può confondere il confronto tra i gruppi di trattamento e di controllo. I critici del vaccino HPV hanno indicato l'adiuvante di alluminio come la causa più probabile di reazioni avverse, e  alcuni ricercatori  hanno messo in dubbio la sicurezza dell'uso di adiuvanti di alluminio nei vaccini, a causa del loro  probabile ruolo come contributore alla malattia cronica. I placebo contenenti alluminio sembravano provocare numerose reazioni avverse tra i pazienti presumibilmente inconsapevoli di averli ricevuti, consentendo ai ricercatori del settore farmaceutico di mascherare la cascata di reazioni avverse simili tra i gruppi che hanno ricevuto i vaccini. Sebbene sia il placebo che i gruppi di studio abbiano sofferto di numerosi eventi avversi in questi studi, ci sono state differenze minime tra i due gruppi. I risultati avversi simili in entrambi i gruppi hanno permesso ai  ricercatori del settore  e  ai regolatori del governo di affermare che i vaccini erano perfettamente sicuri, nonostante le molteplici reazioni disturbanti. La meta-revisione dei ricercatori messicani conferma la difficoltà di accertare le differenze attribuibili al vaccino da questo pasticcio; i ricercatori hanno identificato solo alcune indicazioni di "eventi avversi sistemici significativamente aumentati nel gruppo vaccinale contro l'HPV rispetto al gruppo di controllo" attraverso i 16 studi di pre-licensure.
I promotori dell'HPV hanno trovato più difficile impiegare dispositivi ingannevoli nelle 12 revisioni sulla sicurezza post-marketing, e gli autori messicani riassumono alcuni dei risultati più degni di nota. In  Spagna , hanno riscontrato una decuplicazione superiore degli episodi di eventi avversi correlati al vaccino in seguito alla vaccinazione contro l'HPV rispetto a "altri tipi di vaccini". In  Canada, hanno riscontrato uno stupefacente tasso di visite al pronto soccorso ospedaliero tra gli individui vaccinati con HPV "Entro 42 giorni dall'immunizzazione". Tuttavia, i ricercatori del settore hanno fatto il possibile per minimizzare queste lesioni. I critici messicani criticano gli autori dei vari studi post-marketing per non aver fatto domande essenziali, per valutare i molti eventi avversi gravi o per elaborare le loro scoperte spesso preoccupanti.
In genere, la FDA richiede alle aziende farmaceutiche che cercano l'approvazione per un nuovo farmaco per osservare i risultati di salute sia nel gruppo placebo che nei gruppi di studio per 4-5 anni. I produttori di vaccini approfittano delle lacune normative della FDA che consentono un  rapido monitoraggio dei vaccini  e riducono tale periodo a poche settimane o addirittura a pochi giorni. Ciò significa che le lesioni che si manifestano, o che vengono diagnosticate, in seguito, nella maggior parte dei disturbi del neurosviluppo della vita, per esempio, sfuggiranno completamente all'attenzione.

Ulteriori cortine di fumo

Martínez-Lavin e Amezcua-Guerra indicano i dati delle sperimentazioni cliniche pubblicati sulla pagina web della  FDA per il vaccino quadrivalente di Gardasil approvato nel 2006. Tali studi clinici hanno schierato una panoplia del genere di inganni usati dall'industria e dai ricercatori del governo. A differenza di molti altri studi clinici sui vaccini HPV, questi studi clinici hanno impiegato un vero placebo salino.
Attraverso gli studi clinici di Gardasil, un gruppo di 15.706 femmine di età compresa tra 9 e 45 anni e maschi di età compresa tra 9 e 26 anni ha ricevuto il vaccino quadruplo di Gardasil. Un gruppo di controllo di 594 individui ha ricevuto un placebo salino inerte. I ricercatori del settore non spiegano mai le minuscole dimensioni relative del gruppo placebo salino; è interessante notare che le dimensioni ridotte avrebbero l'effetto di indebolire i segnali indesiderati. Ma un secondo gruppo di controllo di 13.023 ha ricevuto un cosiddetto placebo "a spillo" caricato con un adiuvante di alluminio (solfato di idrossifosfato di alluminio amorfo o AAHS). Le grandi dimensioni di questo gruppo con "placebo a spillo" suggeriscono che la decisione di mantenere piccolo il gruppo placebo salino era strategica.
Mettendo da parte la spinosa questione etica di sapere se ai partecipanti allo studio è stato detto di essere stati iniettati con una neurotossina con probabili associazioni con l'Alzheimer, la demenza e altre forme di malattia del  cervello, l'inclusione di placebo sia in soluzione salina che in alluminio ha fornito a questi ricercatori la possibilità di fare una vera scienza. Ma la pagina web della FDA mostra la trappola problematica che è stata poi impiegata dalla FDA e dalla Merck, che sembra intenzionalmente progettata per sfocare i set di dati al fine di mascherare gli effetti negativi durante gli studi clinici. La tabella che mostra reazioni avverse al sito di iniezione relativamente minori - da uno a cinque giorni dopo la vaccinazione - mostra tre colonne distinte per i tre gruppi: i riceventi di Gardasil, i destinatari di alluminio "placebo" e i riceventi di placebo salino (vedere la tabella seguente). Nella tabella, "le differenze di intergruppi sono ovvie", nelle parole dei ricercatori messicani. Ad esempio, circa tre volte e mezzo più ragazze / donne hanno avuto un gonfiore nel sito di iniezione nel gruppo Gardasil rispetto al gruppo salino (25,4% vs 7,3%). Infatti,
Quando arrivò il momento per Merck di riferire sul verificarsi di reazioni più gravi, "Reazioni avverse sistemiche" e "Disturbi autoimmuni sistemici", per esempio, gli scienziati della compagnia passarono a un formato molto diverso. In queste tabelle, la terza colonna che riporta i risultati per i destinatari del placebo salino scompare. Invece, Merck ha combinato i gruppi ricevendo il placebo di alluminio addizionato in una singola colonna con il gruppo che ha ricevuto il placebo salino genuino (vedi esempio sotto). La fusione dei due gruppi di controllo rende impossibile confrontare i risultati di Gardasil rispetto al placebo salino o al placebo in alluminio rispetto al placebo salino. In questo modo, i ricercatori di Merck hanno cancellato ogni speranza di creare un confronto di sicurezza significativo.
Rischi e vantaggi

Data la neurotossicità nota dell'alluminio e la sua associazione con condizioni autoimmuni debilitanti , non sorprende che non vi siano differenze osservabili tra Gardasil e AAHS / gruppi salini. Ma, nonostante gli sforzi dei ricercatori per documentare gli effetti negativi, non sono stati in grado di nascondere le devastanti lesioni alla salute delle loro cavie umane. La linea di fondo di questi studi rivela una verità sconvolgente: un allarmante 2,3% di entrambi i gruppi di studio e di controllo aveva indicatori di malattie autoimmuni! Questi dati sono ancora più allarmanti se si considera che il periodo di osservazione è stato ridotto dopo solo sei mesi. Con questo livello di rischio, sembrerebbe che nessun amorevole genitore permetterebbe alla figlia di ricevere questo vaccino, in particolare dato il rischio relativamente basso posto dall'HPV in paesi con test appropriati di screening del cancro cervicale. Anche in paesi come l'India, I medici indiani  sostengono che uno screening completo dovrebbe essere la principale priorità del paese piuttosto che la "panacea" della vaccinazione contro l'HPV.
Considera la matematica: secondo il National Institutes of Health (NIH), si stima che  2,4 donne su 100000  muoiano di cancro cervicale negli Stati Uniti ogni anno. D'altra parte, la Tabella 2 (sopra) della FDA mostra che  2,3 su 100  ragazze e donne hanno sviluppato una "condizione di incidente potenzialmente indicativa di una malattia autoimmune sistemica" dopo l'arruolamento nello studio clinico di Gardasil. È difficile capire come qualsiasi regolatore razionale possa consentire a più di due ragazze su 100 di correre il rischio di contrarre una malattia autoimmune permanente, soprattutto quando i Pap test stanno già facendo un lavoro efficace per identificare le anomalie cervicali. Il NIH rileva che l'incidenza e il tasso di mortalità per il cancro del collo dell'utero negli Stati Uniti sono  diminuiti di oltre il 60% dopo l'introduzione di Pap test screening.
Sulla base dei risultati numerici di questo studio, i ricercatori messicani hanno calcolato la probabilità di essere effettivamente "aiutati o danneggiati dal vaccino HPV a 9 valenze". 
Martínez-Lavin e Amezcua-Guerra si sforzano di illustrare i folli rapporti rischio-beneficio associati a questi vaccini quando discutono i risultati di uno dei 16 studi clinici. Lo  studio ha  confrontato circa 14.000 donne che hanno ricevuto Gardasil 9 o il Gardasil quadrivalente originale. Sulla base dei risultati numerici di questo studio, i ricercatori messicani hanno calcolato la probabilità di essere effettivamente "aiutati o danneggiati dal vaccino HPV a 9 valenze". La loro "preoccupante" scoperta è che il "numero necessario per danneggiare" è solo 140, mentre 1757 donne avrebbero bisogno di ricevere il vaccino per uno solo di loro per godere dei suoi benefici previsti.

Implicazioni per coadiuvanti di alluminio

Merck ha scoperto che i conteggi delle vittime di incidenti astronomici erano uguali tra i destinatari del "placebo" di Gardasil e dell'alluminio. L'implicazione ineluttabile è che i coadiuvanti di alluminio possono essere il  principale responsabile  del diluvio di lesioni riportate per i vari vaccini HPV. Questa conclusione, se vera, richiede una rivalutazione dell'uso di adiuvanti di alluminio in diversi altri vaccini, compresi alcuni dati ai bambini. I livelli di adiuvante di alluminio si sono moltiplicati a partire dalla rimozione del thimerosal nel 2003 da tre vaccini pediatrici. Il seguente grafico, preparato dal Dr. Sherri Tenpenny, illustra la straordinaria quantità di alluminio nei vaccini.
Diversi studi peer-reviewed hanno collegato l'esposizione dell'alluminio a una serie di  disordini autoimmuni e neurologici , tra cui la demenza e il morbo di Alzheimer, che sono diventati epidemici con queste esposizioni di alluminio. Una  revisione  nel  European Journal of Clinical Nutrition avverte di un pericoloso accumulo di alluminio nel cervello quando, come nel caso della vaccinazione, "i meccanismi protettivi gastrointestinali vengono bypassati". È ora di tornare al tavolo da disegno sui vaccini HPV e sui coadiuvanti di alluminio. Ancora più importante, la FDA deve iniziare a richiedere lo stesso rigoroso test di sicurezza di pre-autorizzazione per i vaccini che ha richiesto a lungo per altri farmaci. Tutti i vaccini esistenti, in particolare quelli contenenti alluminio, dovrebbero essere sottoposti a revisione di sicurezza in base a questi standard più rigorosi.
Iscriviti  per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e World Mercury Project. La tua  donazione  ci aiuterà a supportarci nei nostri sforzi.

Nessun commento:

Posta un commento