venerdì 11 maggio 2018

GHIANDOLA PINEALE: FLUORO CAUSA DIMINUZIONE DI MELATONINA CONTRIBUENDO A UNA VARIETA' DI EFFETTI NELL'UOMO.

stampa la pagina

"Il fluoro può causare una diminuzione della produzione di melatonina e avere altri effetti sulla normale funzione pineale, che a sua volta potrebbe contribuire a una varietà di effetti nell'uomo." (National Research Council 2006).

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
tratto da: fluoridealert.org
Negli anni '90 una scienziata britannica, Jennifer Luke, scoprì che il fluoruro si accumula a livelli sorprendentemente alti nella ghiandola pineale. (Luke 2001). La ghiandola pineale si trova tra i due emisferi del cervello ed è responsabile della sintesi e della secrezione dell'ormone melatonina. La melatonina mantiene il ritmo circadiano del corpo (ciclo sonno-veglia), regola l'inizio della pubertà nelle femmine e aiuta a proteggere il corpo dai danni cellulari causati dai radicali liberi.
Mentre non è ancora noto se l'accumulo di fluoro influenzi la funzione della ghiandola pineale, esperimenti preliminari su animali hanno scoperto che il fluoro ha ridotto i livelli di melatonina e abbreviato il tempo alla pubertà. (Luca, 1997). Sulla base di questa e di altre prove, il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha affermato che "il fluoruro può causare una diminuzione della produzione di melatonina e avere altri effetti sulla normale funzione pineale, che a sua volta potrebbe contribuire a una varietà di effetti nell'uomo" (NRC, 2006). , 256).

La ghiandola pineale ha i più alti livelli di fluoro nel corpo

Come un tessuto calcificante esposto a un volume elevato di flusso sanguigno, la ghiandola pineale è un bersaglio importante per l'accumulo di fluoruro negli esseri umani. Infatti, le parti calcificate della ghiandola pineale (cristalli di idrossiapatite) contengono il più alto concentrazioni di fluoro nel corpo umano (fino a 21.000 ppm F), più alte di ossa e denti. (Luke 1997; 2001). Sebbene il tessuto molle della ghiandola pineale non accumuli fluoruro nella stessa misura della parte calcificata, contiene livelli di fluoruro più elevati rispetto a quelli di altri tipi di tessuti molli nel corpo - con concentrazioni (~ 300 ppm F) che sono noti in altri contesti per inibire gli enzimi. Mentre gli impatti di queste concentrazioni di fluoro nella pineale non sono ancora del tutto chiari, gli studi hanno rilevato che i depositi calcificati nella pineale sono associati a un numero ridotto di pinealociti funzionanti e alla riduzione della produzione di melatonina (Kunz et al., 1999) nonché a menomazioni nel ciclo sonno-veglia. (Mahlberg 2009).


Fluoruro e prima pubertà nelle ragazze

Negli Stati Uniti, i bambini raggiungono l'età della pubertà in età precoce rispetto al passato - una tendenza che porta conseguenze sulla salute, compreso un aumento del rischio di cancro al seno. 
Alcune prove indicano che il fluoruro, attraverso il suo effetto sulla pineale, potrebbe essere una causa che contribuisce a questa tendenza. 
Negli studi sugli animali, ad esempio, l'esposizione al fluoro ha causato una diminuzione della quantità di melatonina in circolo e ha portato ad una maturazione sessuale accelerata nelle femmine (Luca, 1997).
Risultati simili sono stati riportati in due studi epidemiologici su popolazioni umane che bevono acqua fluorizzata. 
Nel primo esperimento pubblicato sulla sicurezza della fluorizzazione a Newburgh, New York, gli autori hanno scoperto che le ragazze che vivono in una comunità fluorizzata hanno raggiunto la pubertà cinque mesi prima rispetto alle ragazze che vivono in una comunità non fluorurata. (Schlesinger 1956) 
Più tardi, nel 1983, Farkas riferì che le ragazze post menarca erano "presenti in età giovani nella città a più alto tasso di fluoruro che nella città a basso tenore di fluoruro, sebbene le età mediane riportate fossero le stesse".
RIFERIMENTI:
  • Farkas G, et al. (1983). Il contenuto di fluoruro nell'acqua potabile e nell'età menarca. Acta Univ Szeged Acta Biol. 29 (1-4): 159-168.
  • Kunz D, et al. (1999). Un nuovo concetto per il deficit di melatonina: sulla calcificazione pineale e l'escrezione di melatonina. Neuropsychopharmacology 21 (6): 765-72.
  • Luke J. (2001). Deposizione di fluoro nella ghiandola pineale umana invecchiata. Carie Res. 35 (2): 125-128.
  • Luca J. (1997). L'effetto del fluoro sulla fisiologia della ghiandola pineale. Ph.D. Tesi. Università del Surrey, Guildford.
  • Mahlberg R, et al. (2009). Il grado di calcificazione pineale (DOC) è associato a misure di sonno polisonnografico nei pazienti con insonnia primaria. Sonno Med. 10 (4): 439-45.
  • Consiglio Nazionale per la Ricerca. (2006). Fluoruro nell'acqua potabile: una revisione scientifica degli standard EPA. National Academies Press, Washington DC
  • Schlesinger ER, et al. (1956). Studio del fluoro sulla carie di Newburgh-Kingston. XIII. Risultati pediatrici dopo dieci anni. J Am Dent Assoc. 52 (3): 296-306.


Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento