venerdì 11 maggio 2018

Il Professor Christopher Exley: "Forse ora abbiamo il nesso tra vaccinazione e autismo"

stampa la pagina

L'alluminio nei vaccini può causare l'autismo, suggerisce una nuova ricerca controversa

Traduzione a cura di: Vivereinmodonaturale.com
Tratto da: dailymail.co.uk

  • L'alluminio attraversa la membrana che separa il cervello dal sangue
  • Il metallo si accumula nelle cellule che mantengono un ambiente interno costante
  • I malati di autismo possono avere cambiamenti genetici che li inducono a tenere l'alluminio
  • Il dottore disonorato Andrew Wakefield ha collegato l'autismo al vaccino MMR nel 1995
  • I suoi punti di vista sono ampiamente screditati, ma l'OMS afferma che le paure sui vaccini mettono molto in discussione 

L'alluminio nei vaccini può causare l'autismo, lo suggerisce una nuova ricerca controversa.

I bambini autistici hanno nel cervello fino a 10 volte più alluminio di quello che è considerato sicuro negli adulti, secondo uno studio.

L'alluminio attraversa la membrana che separa il cervello dal sangue circolante e si accumula nelle cellule coinvolte nel mantenimento di un ambiente interno costante, come la temperatura, aggiunge la ricerca.

L'autore dello studio, il professor Chris Exley della Keele University, ha dichiarato:

 "Forse ora abbiamo il legame tra vaccinazione e disturbo dello spettro autistico (ASD), il cui collegamento è l'inclusione di un adiuvante di alluminio nel vaccino." 

I ricercatori ipotizzano che i malati di autismo possono avere cambiamenti genetici che gli fanno accumulare alluminio che persone sane invece, sono in grado di rimuovere.

I risultati sono controversi dopo che il Dr. Andrew Wakefield ha dichiarato nel 1995 che il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia (MMR) è legato alla malattia intestinale e all'autismo. 

L'opinione di Wakefield è stata da allora ampiamente screditata, tuttavia, l'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che la paura dei vaccini da parte delle persone significa che molti, in particolare i bambini, non sono protetti contro il morbillo. 

In un articolo per The Hippocratic Post, il professor Exley discute di come l'alluminio si accumuli nel cervello dei malati di autismo e se i vaccini possano esserne la causa.




L'alluminio entra nel cervello e si accumula

La ricerca presso la Keele University, pubblicata sul Journal of Trace Elements in Medicine and Biology, fornisce la più forte indicazione che l'alluminio sia una causa dell'ASD.

Il contenuto di alluminio dei tessuti cerebrali di cinque donatori morti con una diagnosi di ASD è risultato essere straordinariamente alto; alcuni dei valori più alti mai misurati nel tessuto cerebrale umano. 
Per esempio, uno dei quattro principali lobi cerebrali di un ragazzo di 15 anni con autismo dovrebbe essere 8,74 (11,59) microgrammi / g di peso secco - un valore che è almeno 10 volte più alto di quello che potrebbe essere considerato accettabile per un adulto, non importa un bambino?
Eppure, mentre il contenuto di alluminio di ciascuno dei cinque cervelli era incredibilmente alto, era la posizione dell'alluminio nel tessuto cerebrale che fungeva da osservazione straordinaria. 
La maggior parte dell'alluminio è stata identificata in cellule non neuronali, che sono coinvolte nel mantenimento di un ambiente interno costante.
L'alluminio è stato trovato anche nelle cellule infiammatorie nel cervello, accanto a una chiara evidenza di cellule infiammatorie pesantemente caricate con l'alluminio che penetra nel cervello attraverso le membrane circostanti e quelle che separano il cervello dal sangue circolante.
Il fatto che la maggior parte dell'alluminio trovato nei tessuti cerebrali dell'ASD fosse all'interno delle cellule e associato ai tessuti che mantengono l'ambiente interno del corpo è, almeno per ora, unico per ASD e si può cominciare a spiegare perché i giovani adolescenti hanno così tanto alluminio nei loro cervelli.



Chi soffre di autismo potrebbe essere meno in grado nel rimuovere l'alluminio accumulato 

Forse c'è qualcosa nella composizione genetica di individui specifici che li predispone ad accumulare e trattenere l'alluminio nel loro cervello, come è suggerito in modo simile per gli individui con malattia di Alzheimer geneticamente trasmessa. 
Le nuove prove suggeriscono fortemente che l'alluminio sta entrando nel cervello dell'ASD attraverso cellule infiammatorie che si sono caricate di alluminio nel sangue e / o nella linfa, così come è stato per certe cellule immunitarie nei siti di iniezione per i vaccini che contengono alluminio per aumentare la risposta immunitaria del corpo. 
Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Hippocratic Post. e riprodotto dal dailymail.co.uk con il loro permesso.



Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento