domenica 29 aprile 2018

30 studi scientifici solidi che dimostrano che i vaccini causano il danno neurologico etichettato come "autismo"

stampa la pagina

Questi trenta studi scientifici mostrano un legame tra vaccini e autismo, confutando il mito che non esistono documenti di ricerca ufficiali a sostegno di ciò che i medici alternativi hanno detto per anni. 


Abbiamo compilato un elenco di 30 studi scientifici che mostrano un legame tra vaccini e autismo, che smentiscono il mito [1] che non esistono documenti di ricerca ufficiali a sostegno di ciò che i medici alternativi hanno detto per anni. 


(Articolo di Sean Adl-Tabatabai, ripubblicato da http://www.trueactivist.com .
Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com


Questi documenti possono essere mostrati a medici e funzionari della sanità pubblica che desiderano vedere studi scientifici peer reviewed per sostenere le affermazioni che l'autismo è un diretto risultato dalla ricezione di una vaccinazione [2].


Il primo documento di ricerca presentato fu il primo mai scritto sull'argomento, dal 1943. Lo psichiatra infantile Leo Kanner scoprì 11 bambini nel corso di diversi anni che mostrarono un nuovo insieme di sintomi neurologici che non erano mai stati descritti nella letteratura medica, dove i bambini sono stati ritirati, non comunicativi e hanno mostrato comportamenti strani simili. Questo disturbo diventerebbe noto come "autismo". Nel documento, il Dr. Kanner ha osservato che l'insorgenza del disturbo è iniziata dopo la somministrazione di un vaccino contro il vaiolo. Questo articolo è stato pubblicato nel 1943, e le prove che la vaccinazione causa un sempre crescente tasso di regressioni neurologiche e immunologiche, incluso l'autismo [3], hanno continuato a crescere da quel momento fino ad oggi. 
Articolo correlato: 



Disturbi autistici di contatto affettivo [4]


Leo Kanner, Johns Hopkins University, 1943

"Dal 1938, ci sono giunti alla nostra attenzione un numero di bambini la cui condizione differisce in modo così marcato e unico da qualsiasi cosa sia stata riportata finora, che ogni caso merita - e, spero, alla fine - una dettagliata considerazione delle sue affascinanti peculiarità."


Tutti i casi di Kanner sono nati dopo, e hanno cominciato a comparire in seguito all'introduzione della nuova forma di mercurio solubile in acqua di Eli Lilly alla fine degli anni Venti usata come antifungino nella silvicoltura, un prodotto per il trattamento del legno nell'industria del legname e come disinfettante e antibatterico nell'industria medica sotto il nome di "Thimerosal" incluso nei vaccini [5].


Come ho testimoniato in udienza, c'è un'abbondante ricerca a supporto del collegamento autismo-vaccino [6]. Ho incluso 49 articoli di ricerca per la tua recensione e ho incluso solo ricerche pubblicate negli ultimi dieci anni circa. Questo non è affatto un elenco completo, ma è uno di quelli che ho compilato negli ultimi anni quando sono venute alla luce le ricerche pertinenti. Ho incluso SOLO le informazioni relative all'autismo, non le ricerche su altre lesioni vaccinali di cui ce ne sono molte.


Come potete vedere, i medici che attestano che non esiste un supporto scientifico per la teoria della causalità del vaccino / autismo [7] non sono informati sullo stato attuale della scienza. Quando le decisioni di vaccinazione sono prese sulla base di un'opinione non informata, significa gravi danni potenziali per il paziente e, a causa della legge che previene le cause per lesioni da vaccino, significa anche che i professionisti non informati che fanno raccomandazioni sbagliate NON POSSONO essere ritenuti responsabili in alcun modo per aver dato al paziente cattive informazioni. 


I genitori vogliono sapere se il loro bambino può sviluppare l' autismo dai vaccini [8]. Se credono che la risposta sia sì, e il rischio di lesioni cerebrali derivanti dalla vaccinazione sia maggiore del rischio derivante da una malattia, è il loro diritto rifiutare la vaccinazione per sé e per i loro figli senza coercizione. 


I pazienti DEVONO essere informati per essere in grado di prendere le proprie decisioni sui vaccini , perché spesso sanno di più sui potenziali rischi del vaccino che dei maggiori funzionari della sanità pubblica.

1. Vaccinazione dell'epatite B di neonati maschi e autismo


Annals of Epidemiology, settembre 2009 

CM Gallagher, MS Goodman, Stony Brook University Medical Center 
ragazzi vaccinati come i neonati presentavano tre volte maggiori probabilità di diagnosi di autismo rispetto ai ragazzi mai vaccinati o vaccinati [9] dopo il primo mese di vita.


2. Porfirinuria nel disturbo autistico infantile: implicazioni per la tossicità ambientale


Tossicologia e farmacologia applicata, 2006 

Robert Natafa, et al, Laboratoire Philippe Auguste, Parigi, Francia



Questi dati implicano la tossicità ambientale nel disturbo autistico infantile.

3. Aspetti teorici dell'autismo: cause: una revisione


Journal of Immunotoxicology, gennaio-marzo 2011 

Helen V. Ratajczak, PhD L'



autismo potrebbe derivare da più di una causa, con diverse manifestazioni in individui diversi che condividono sintomi comuni. Le cause documentate di autismo [10] includono mutazioni genetiche e / o delezioni, infezioni virali ed encefalite a seguito di vaccinazione.

4. Un'accoppiamento della segnalazione di calcio mediata dall'ATP e della secrezione IL-6 disordinata nelle cellule dendritiche da parte del nanomollio a thimerosal


Environmental Health Perspectives, luglio 2006. 

Samuel R. Goth, Ruth A. Chu Jeffrey P. Gregg



Questo studio dimostra che livelli molto bassi di Thimerosal possono contribuire alla disregolazione del sistema immunitario.

5. Tossicità selettiva di genere nel thimerosal


Exp Toxicol Pathol. 2009 Mar; 61 (2): 133-6. Epub 2008 Set 3. 

Ramo DR, Dipartimenti di Medicina e Laboratorio di Medicina e Patologia, Università di Toronto



Un recente rapporto mostra una correlazione dell'uso storico del thimerosal nelle immunizzazioni terapeutiche con il successivo sviluppo dell'autismo [11]; tuttavia, questa associazione rimane controversa. L'autismo si verifica circa quattro volte più frequentemente nei maschi rispetto alle femmine; quindi, gli studi sulla tossicità del thimerosal dovrebbero prendere in considerazione gli effetti selettivi di genere. Il presente studio è stato originariamente intrapreso per determinare la dose massima tollerata (MTD) di thimersosal nei topi CD1 maschili e femminili. Tuttavia, durante gli studi MTD limitati, è diventato evidente che il thimerosal ha un MTD differenziale che dipende dal fatto che il topo sia maschio o femmina.

6. Confronto dei livelli di mercurio nel sangue e nel cervello nelle scimmie infantili esposte ai vaccini contenenti il ​​timerosal


Environmental Health Perspectives, agosto 2005. 

Thomas Burbacher, PhD, Università di Washington



Questo studio dimostra chiaramente e inequivocabilmente che il mercurio etilico, il tipo di mercurio presente nei vaccini , non solo finisce nel cervello ma lascia il doppio della quantità di mercurio inorganico come metile mercurio, il tipo di mercurio [12] trovato nei pesci. Questo lavoro è rivoluzionario perché poco si sa di etil-mercurio e molte autorità sanitarie hanno affermato che il mercurio presente nei vaccini è "sicuro". Questo studio fornisce anche un forte rimprovero alla raccomandazione dell'Istituto di Medicina nel 2004 di non perseguire più la connessione con mercurio / autismo.

7. Aumento del numero di glia reattiva nella corteccia visiva di Macaca fascicularis dopo esposizione subclinica a lungo termine con metilmercurio


Tossicologia e Farmacologia Applicata, 1994 

Charleston JS et al, Dipartimento di Patologia, Scuola di Medicina, Università di Washington



Le identità delle cellule gliali reattive e le implicazioni per la funzione a lungo termine e la sopravvivenza dei neuroni a causa di cambiamenti nelle popolazioni gliali vengono discusse le seguenti esposizioni subcliniche a lungo termine al mercurio.

8. Attivazione neuroglial e neuroinfiammazione nel cervello di pazienti con autismo


Annals of Neurology, Feb 2005. 

Diana L. Vargas, MD [Johns Hopkins University]



Questo studio, eseguito in modo indipendente e utilizzando una metodologia diversa da quella del Dr. Herbert (vedi sopra) ha raggiunto la stessa conclusione: il cervello dei bambini autistici soffre di infiammazione .

9. Autismo: un disturbo cerebrale o un disturbo che colpisce il cervello?


Neuropsichiatria clinica, 2005 

Martha R. Herbert MD, Ph.D., Università di Harvard 

L'autismo è definito comportamentalmente, come una sindrome di anomalie che coinvolgono linguaggio, reciprocità sociale e iperfocus o ridotta flessibilità comportamentale. È chiaramente eterogeneo e può essere accompagnato da talenti inusuali e da menomazioni, ma il suo sottostante biologico [13] e la base genetica sconosciuta. L'autismo è stato modellato come un disturbo genetico, basato sul cervello, ma le scoperte e le ipotesi emergenti supportano un modello più ampio della condizione come geneticamente influenzato e sistemico.


10. Attivazione della metionina sintasi mediante fattore di crescita insulino-simile e dopamina: un bersaglio per le tossine del neurosviluppo, e il thimerosal


Molecular Psychiatry, luglio 2004. 

Richard C. Deth, PhD [Northeastern University]



Questo studio dimostra come il Thimerosal inibisca la metilazione, un motore centrale della comunicazione cellulare e dello sviluppo.

11. Validazione del fenomeno della regressione autistica usando le videocassette domestiche



Archives of General Psychiatry, 2005 

Emily Werner, PhD; Geraldine Dawson, PhD, University of Washington



Conclusione Questo studio convalida l'esistenza di una regressione autistica precoce [14].

12. I livelli ematici di mercurio sono correlati alla diagnosi di autismo: una rianalisi di un set di dati importanti


Journal of Child Neurology, 2007 

M. Catherine DeSoto, PhD, Robert T. Hitlan, PhD -Dipartimento di Psicologia, Università dell'Irlanda del Nord



Estratto: "Abbiamo rianalizzato il set di dati inizialmente riportato da Ip et al. Nel 2004 abbiamo scoperto che il valore più originale era errato e esiste una relazione significativa tra i livelli ematici di mercurio e la diagnosi di un disturbo dello spettro autistico. Inoltre, i risultati dell'analisi dei campioni di capelli offrono un certo supporto all'idea che le persone con autismo possano essere meno efficienti e più variabili nell'eliminare il mercurio dal sangue ".

13. Regressione dello sviluppo e disfunzione mitocondriale in un bambino con autismo


Journal of Child Neurology, febbraio 2006 

Jon S. Poling, MD, PhD, Dipartimento di Neurologia e Neurochirurgia, Johns Hopkins Hospital



Estratto: "I bambini che hanno un metabolismo energetico disfunzionale (mitocondriale) potrebbero essere più inclini a sottoporsi a regressione autistica tra 18 e 30 mesi se hanno anche infezioni o vaccinazioni allo stesso tempo. "

14. Stress ossidativo nell'autismo: elevati livelli di Cerebellar 3-nitrotirosina


American Journal of Biochemistry and Biotechnology, 2008 

Elizabeth M. Sajdel-Sulkowska, - Dipartimento di Psichiatria, Harvard Medical School



Estratto: I dati preliminari suggeriscono la necessità di studi più approfonditi sullo stress ossidativo, la sua relazione con i fattori ambientali [15] e la sua possibile attenuazione da parte di antiossidanti nell'autismo. "

15. Grandi cervelli nell'autismo: la sfida dell'anomalia pervasiva


The Neuroscientist, 2005. 

Martha Herbert, MD, PhD, Harvard University



Questo studio aiuta a confutare l'idea che il cervello dei bambini autistici sia semplicemente cablato in modo diverso e osserva che "la neuroinfiammazione sembra essere presente nel tessuto cerebrale autistico fin dall'infanzia fino all'età adulta". Il dott. Herbert suggerisce che la malattia cronica o una fonte ambientale esterna (come i metalli pesanti) potrebbero causare l'infiammazione.


16. Prove di tossicità, stress ossidativo e insulto neuronale nell'autismo


Journal of Toxicology and Environmental Health, Nov-Dec 2006. 

Janet Kern, Anne Jones, Dipartimento di Psichiatria, Università del Texas Southwestern Medical Center



"Questo articolo discute le prove per il caso che alcuni bambini con autismo possano diventare autistici dalla morte delle cellule neuronali o danno cerebrale dopo la nascita a causa di un insulto e affronta l'ipotesi che la tossicità e lo stress ossidativo possano essere causa dell'insulto neuronale nell'autismo ... l'articolo discute cosa può accadere nel corso dello sviluppo e i molteplici fattori che possono interagire e rendere questi bambini più vulnerabili alla tossicità, allo stress ossidativo e all'insulto neuronale ".

17. Stress ossidativo nell'autismo


Fisiopatologia, 2006. 

Abha Chauhan, Ved Chauhan



Questo studio fornisce una utile panoramica delle prove crescenti a sostegno del legame tra lo stress ossidativo e l'autismo.

18. La neurotossicità da thimerosal è associata a deplezione del glutatione: protezione con i precursori del glutatione


Neurotossicologia, gennaio 2005 [16]. 

S. Jill James, PhD, University of Arkansas



Questo studio dimostra che il Thimerosal riduce o inibisce la capacità del corpo di produrre il glutatione, un antiossidante che è la principale difesa a livello cellulare del corpo contro il mercurio.

19. L'adiuvante di alluminio legato alla malattia da guerra del golfo induce la morte dei motoneuroni nei topi


Medicina neuromolecolare, 2007 

Christopher Shaw, Ph.D., Dipartimento di Oftalmologia e Programma in Neuroscienze, Università della British Columbia



Questo studio dimostra l'estrema tossicità [17] dell'adiuvante di alluminio usato come conservante nei vaccini.

20. Rilascio di mercurio ambientale, tassi di istruzione speciale e disordine autistico: uno studio ecologico del Texas



Health & Place, 2006 

Raymond F. Palmer, Università del Texas Health Science Center



Questo studio ha dimostrato la correlazione tra il tasso di mercurio ambientale e l'autismo in Texas.

21. Disturbi dello spettro autistico in relazione alla distribuzione di inquinanti atmosferici pericolosi nella zona della baia di San Francisco


Environmental Health Perspectives, settembre 2006 

Gayle Windham, Div. of Environmental and Occupational Disease Control, California Department of Health Services



Estratto: "I nostri risultati suggeriscono una potenziale associazione tra autismo [18] e concentrazioni di metallo stimate, e possibilmente solventi, nell'aria ambientale intorno alla residenza di nascita."

22. Una serie di casi di bambini con encefalopatie tossiche apparenti di mercurio che si manifestano con sintomi clinici di disturbo autistico regressivo


Journal of Toxicology and Environmental Health, 2007 

David A. Geier, Mark R. Geier



Questo studio ha esaminato i casi clinici e i profili medici di nove bambini autistici e ha concluso che otto dei nove bambini erano tossici al mercurio e questa tossicità si è manifestata in modo coerente con disturbi dello spettro autistico.

23. Disturbo da deficit di attenzione e iperattività e livello di mercurio: studio caso-controllo su bambini cinesi


Neuropediatrica, agosto 2006 -


Estratto da PR Kong : "C'era una differenza significativa nei livelli di mercurio nel sangue tra casi e controlli, che persistono dopo aggiustamento per età, sesso e stato professionale dei genitori.Il livello medio del sangue di mercurio era anche significativamente più alto nei bambini con disattenzione e sottotipi combinati di ADHD: il livello alto di mercurio era associato con l'ADHD: se la relazione è causale sono necessario ulteriori studi ".

24. La crescente prevalenza dell'autismo in California


Journal of Autism and Developmental Disorders, aprile 2003 

Mark F. Blaxill, David S. Baskin e Walter O. Spitzer



Questo studio aiuta a confutare la supposizione fatta da alcuni ricercatori che l'epidemia di autismo potrebbe essere dovuta solo a "sostituzione diagnostica".

25. Endofenotipo carente di energia mitocondriale nell'autismo


American Journal of Biochemistry and Biotechnology 2008 

J. Jay Gargus e Faiqa Imtiaz, Facoltà di Medicina, Università della California, Irvine,



Mentre le evidenze indicano un'eziologia multigenica della maggior parte degli autismi, la fisiopatologia del disturbo deve ancora essere definita e i geni sottostanti [19] e i percorsi biochimici a loro sottordine rimangono sconosciuti.

26. Un ponte tra le cellule e la cognizione nella patofisiologia dell'autismo: percorsi biologici verso funzioni cerebrali e plasticità difettose


American Journal of Biochemistry and Biotechnology 2008 

Matthew P. Anderson, Brian S. Hooker e Martha R. Herbert, Cambridge Health Alliance / Harvard Medical School / Beth Israel Deaconess Medical Center 

Esaminiamo le prove a sostegno di un modello in cui il processo patologico sottostante all'autismo può iniziare quando un insulto in utero o precocemente post-natale, infettivo, sequestro o insulto autoimmune innesca una risposta immunitaria che aumenta la produzione di specie reattive dell'ossigeno (ROS) nel cervello che porta al blocco del DNA (nucleare e mitocondriale) e all'enzima metabolico e che questi infiammatori e gli stress ossidativi persistono oltre lo sviluppo iniziale (con potenziali ulteriori esacerbazioni), producendo conseguenze funzionali continue.


27. Tossicità da metalli pesanti - Con enfasi su Mercurio


John Neustadt, ND, e Steve Pieczenik, MD, PhD


Conclusione: I metalli sono onnipresenti nel nostro ambiente e l'esposizione ad essi è inevitabile. Tuttavia, non tutte le persone accumulano livelli tossici di metalli o manifestano sintomi di tossicità da metalli, suggerendo che la genetica gioca un ruolo nel loro potenziale di danneggiare la salute.

28. Prove di disfunzione mitocondriale nell'autismo e implicazioni per il trattamento


American Journal of Biochemistry and Biotechnology 

Daniel A. Rossignol, J. Jeffrey Bradstreet



MtD e lo stress ossidativo possono anche spiegare l'alto rapporto maschio-femmina trovato nell'autismo a causa della maggiore vulnerabilità maschile a queste disfunzioni [20].

29. Vicinanza alle fonti puntuali di rilascio di mercurio ambientale come predittore della prevalenza di autismo


Health & Place, 2008 

Raymond F. Palmer et al, Centro di scienza sanitaria dell'Università del Texas



Questo studio dovrebbe essere considerato come un generatore di ipotesi, un primo passo per esaminare il ruolo potenziale del mercurio ambientale e dei disturbi dello sviluppo infantile. Non si sa nulla su specifici percorsi di esposizione, dosaggio, tempi e suscettibilità individuale. 
Sospettiamo che esposizioni persistenti a basse dosi a varie sostanze tossiche ambientali, incluso il mercurio [21], che si verificano durante le finestre critiche dello sviluppo neurale tra i bambini geneticamente predisposti (con una ridotta capacità di metabolizzare sostanze tossiche accumulate) possano aumentare il rischio di disturbi dello sviluppo dell' autismo.


30. Epidemiologia del disturbo dello spettro autistico in Portogallo: prevalenza, caratterizzazione clinica e condizioni mediche


Medicina dello sviluppo e neurologia infantile, 2007


Guiomar Oliveira MD PhD et al, Centro de Desenvolvimento da Crianca, Hospital Pediatrico de Coimbra; Assuncao Ataide BSc, Direccao Regional de Educacao do Centro Coimbra; 


L'obiettivo di questo studio era di stimare la prevalenza del disturbo dello spettro autistico (ASD) e identificare la sua caratterizzazione clinica e le condizioni mediche in una popolazione pediatrica in Portogallo. 


Maggiori informazioni su: http://www.trueactivist.com


Fonti: 


Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento