giovedì 27 settembre 2018

Uso di Diclofenac (Voltaren) e rischi cardiovascolari: serie di studi di coorte a livello nazionale.

stampa la pagina

Uso di Diclofenac e rischi cardiovascolari: serie di studi di coorte a livello nazionale.



A metterci in luce di questa spiacevole scoperta è uno studio dell'Università di Århus in Danimarca condotto dal Prof. Lars Pedersen

La ricerca ha avuto modo di far notare come il diclofenac, il principio attivo del Voltaren, accrescerebbe rischi cardiovascolari in pazienti che lo assumono, escludendo quanti ne subiscano la somministrazione a livello "topico" con l'ausilio di gel  pomate o creme. 
Lars Pedersen è il medico e professore responsabile che ha attuato lo studio, ed ha avuto come sviluppatore l'intero Dipartimento di Epidemiologia clinica dell'ospedale di Ahrhus. 
L'analisi statistica ha raccolto i dati di milioni di danesi e si è posto l'obiettivo di confrontare i dati di quanti abbiano utilizzato nel corso degli anni farmaci a base del principio attivo diclofenac (come il Voltaren) e come altri anti-infiammatori a carattere non steroideo, come il paracetamolo e la Tachipirina
L'avvio dell'indagine si è posta come paletto quello di prendere in esame soltanto pazienti che inizialmente non soffrissero di alcun tipo di patologie cardiovascolari, renali, ulcere o altri tipi di problemi.
Il Professor Pedersen consiglia alle persone l'assunzione di altri principi attivi come ad esempio il paracetamolo o altri Fans.
Il diclofenac sarebbe stato causa dello sviluppo di patologie cardiovascolari nel 50% in più dei pazienti rispetto al paracetamolo, un dato che non subiva alcun tipo d'influenza in base ai connotati anagrafici o sessuali del paziente. 


Come riportato in The BMJ, copre lo studio che coinvolge un'iniziativa nazionale per la salute della popolazione in Danimarca. Segui il link per saperne di più sui risultati. 

https://www.bmj.com/content/362/bmj.k3426
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento