lunedì 5 novembre 2018

Evitare l'influenza? Forse no.

stampa la pagina
dal Dr. Sherri Tenpenny, DO, AOBNMM, ABIHM
Facciamo di tutto per combattere questi potenziali invasori; noi impieghiamo di frequente il lavaggio delle mani con abbondanti quantità di sapone e facciamo una smorfia al pensiero di mangiare un boccone di cibo raccolto dal pavimento. Medici e media discutono della stagione influenzale come se l'influenza fosse inevitabile a meno che, naturalmente, non si ottenga un vaccino antinfluenzale.
Ma simile ad altri concetti medici senza dubbio accettati, convincerci che abbiamo un sistema immunitario fragile che deve essere rafforzato dai vaccini è un mito medico. Una migliore comprensione della relazione simbiotica tra uomo e microbi è attesa da tempo.
Il sistema immunitario è l'interazione tra globuli bianchi, anticorpi, ormoni, proteine, enzimi e molecole infiammatorie chiamate citochine. Insieme, eseguono una danza complessa, lavorando perfettamente insieme per mantenere la salute. Ogni momento, il tuo corpo è esposto a migliaia di miliardi di microbi. Vivono su di noi, in noi e su tutto ciò che tocchiamo. È stato stimato che più di 1000 specie di batteri vivono sulla nostra pelle e portiamo tra i 30 e i 50 miliardi di microbi nel nostro intestino. I microbi che coesistono con gli esseri umani sono chiamati simbionti - organismi con cui abbiamo sviluppato una relazione reciprocamente vantaggiosa e che fanno parte della normale flora del corpo. Il nostro sistema immunitario - in particolare i recettori Toll-like e macrofagi - riconosce i batteri stranieri che non fanno parte della nostra flora normale e li elimina in modo efficace. Questo processo si verifica migliaia di volte al giorno con poca o nessuna fanfara. Pertanto, non è un'invasione di microbi stranieri che porta a sintomi che chiamiamo influenza; è una rottura e una contaminazione del terreno che porta a sintomi simil-influenzali: febbre, tosse e congestione.
Una delle principali differenze tra i medici convenzionali e coloro che adottano pratiche mediche più olistiche è nella loro interpretazione della Teoria della malattia Germ, accreditata a Louis Pasteur. Quando la Teoria Germica viene messa in discussione, la discussione generalmente si deteriora in un certo livello di disprezzo e ostilità perché la Teoria Germe è uno dei capisaldi fondamentali della medicina di oggi. L'idea meccanicistica di Pasteur di individuare la cura giusta (farmaco) per ogni germe, conduce alla crescita esponenziale dell'impero farmaceutico / medico e al suo predominio sull'assistenza sanitaria. È spiacevole che la sua premessa sia stata accettata con l'esclusione di tutte le altre considerazioni. Ciò che è stato presentato in una teoria è diventato l' unico microbi di verità: gli insetti sono cattivi e devono essere eliminati con farmaci e vaccini.
Dalla maggior parte dei resoconti storici, Pasteur è considerato uno degli eroi luminari dell'umanità. Alcune delle sue scoperte furono indubbiamente degne di nota. Ad esempio, la sua scoperta di microbi ha posto le basi per ridurre al minimo la diffusione dell'infezione negli ospedali e il suo lavoro con la rabbia ha iniziato lo studio dei virus. A Pasteur è stato anche attribuito lo sviluppo di un processo noto come "pastorizzazione", un metodo per riscaldare e distruggere i microbi che presumibilmente danneggiano il cibo. La verità sulla pastorizzazione è un altro argomento, per un altro giorno.

Opporsi alla Teoria Germe 

Riscrivere il dogma medico generalmente accettato è un compito monumentale, specialmente quando si analizza in modo critico una premessa presentata da qualcuno con la statura di Pasteur. Tuttavia, esiste un'altra visione dei microbi e dell'infezione che mette in discussione la premessa di Pasteur, vecchia di 150 anni: la salute si basa sulle condizioni del corpo chiamato terreno o il suo terreno. Solo quando il terreno non è buono, gli agenti patogeni "invadono" e si propagano.
Il dibattito sulla teoria dei germi contro il terreno del corpo è profondamente sepolto nella storia della medicina. Medici illustri tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 furono coinvolti nell'acceso dibattito, ma le figure più vocalizzate furono Pasteur e due suoi contemporanei, Claude Bernard e Antoine de Béchamp. Entrambi critici forti del lavoro di Pasteur, è stato Bernard - un fisiologo considerato il padre della medicina sperimentale - ha fatto questa affermazione in mezzo a un gruppo di medici e scienziati: "Il terreno è tutto; il germe non è nulla "  , creando così il grande dibattito che è continuato fino ad oggi.
Bernard ha usato un semplice esempio: quando una pesca o una mela è seduta su uno scaffale, rimane intatta. Ma quando la pelle è rotta o la polpa è contusa, i microbi possono accedere al corpo del frutto. Quando un corpo umano è intatto e ben mantenuto, rimane bene. 
Quello che è poco noto è che durante la sua carriera Pasteur aveva dei dubbi sulle sue stesse supposizioni. Pasteur e Bernard spesso discutevano se i germi producessero malattie o se la resistenza del corpo fosse più importante. Pasteur mise più enfasi sul microbo, mentre Bernard si concentrò maggiormente sull'ambiente, sul terreno e sulla capacità del corpo di mantenere la salute. Sul suo letto di morte, Pasteur avrebbe detto, Bernard avait raison. Le germe n'est rien, c'est le terrain qui est tout. " (" Bernard aveva ragione, il germe non è niente, il terreno è tutto ") [i]
Tuttavia, anche ai tempi di Pasteur, la teoria dei germi della malattia era diventata così proficua che la medicina moderna liquidò le sue ultime confessioni come nient'altro che le divagazioni di un moribondo. Si ripete: il denaro è nella medicina - non è salute e sta bene.
OTTIENI 3 eBook gratuiti oggi 

Unisciti alla lotta di Vaxxter contro i vaccini obbligatori.
bb03fe93618e1527257965-tenpenny.jpg
ISCRIVITI e aiutaci a combattere! 

Notizie sull'attivismo di benessere e vaccinazione consegnate ogni giorno. 



Gli ultimi 3 libri del Dr. Tenpenny verranno consegnati alla tua casella di posta in pochi minuti!

Ci impegniamo a non utilizzare la tua email per spam! Ti invieremo una newsletter giornaliera e non venderemo mai i tuoi dati. Si prega di fare riferimento alla nostra politica sulla privacy per ulteriori informazioni.
Detto in altre parole, la visione di Bernard era che la malattia è un "lavoro interiore". Quando i normali processi fisiologici del corpo vengono interrotti dalle tossicità che sperimentiamo nel nostro mondo industrializzato: vaccini, prodotti farmaceutici, sostanze chimiche ambientali, metalli pesanti, trasformati (OGM) cibo, pesticidi (glifosato e altro), campi elettromagnetici e altro ancora: il terreno è compromesso e le cellule iniziano ad accumulare rifiuti acidi. Il manuale di Guyton di Fisiologia medica insegna che un pH normale, l'equilibrio tra acido e alcalino, è uno dei parametri più importanti per il mantenimento della salute. Quando le cellule diventano acide, l'omeostasi viene compromessa e praticamente tutte le funzioni del corpo sono influenzate negativamente. Le cellule iniziano a morire e queste cellule morte devono essere rimosse per ripristinare la salute.
In una foresta prosperano alberi sani e un arto morto viene distrutto da batteri invasori. Al contrario di quanto sembra, i germi sono attratti dai tessuti malati; non sono la causa principale di esso. Una citazione del Dr. Rudolph Virchow, padre della patologia moderna, supporta questa idea:
"Se potessi rivivere la mia vita, la dedicherei per dimostrare che i germi cercano il loro habitat naturale - tessuto malato - piuttosto che essere la causa del tessuto malato; in altre parole, le zanzare cercano l'acqua stagnante, ma non fanno diventare la piscina stagnante ".
I sintomi generalmente descritti come la febbre o la polmonite, i brividi, la tosse e l'eccessiva produzione di muco sono in realtà secondari; la prima malattia è la perdita di un terreno sano.
Una visione diversa dei microbi
Se tutto sul pianeta è qui per una ragione, potrebbe essere che i microbi siano qui per aiutare gli umani a disintossicarsi. Invece di essere il problema, cosa succede se virus e batteri fanno parte della soluzione? Forse gli agenti patogeni sono la squadra di pulizia della natura, che aiuta il corpo a disintossicare e pulire i nostri sistemi intasati. Sarebbe interessante testare le secrezioni espulse durante un attacco di "influenza". Dopo tutto, la razza umana si è evoluta a causa della sua relazione con i microbi, non a dispetto di ciò
La razza umana si è evoluta a causa della sua relazione con i microbi,
non a dispetto di ciò.
Ad esempio, se una persona fosse morta per polmonite, forse il suo corpo stava cercando di espellere un'enorme quantità di muco contenente sostanze chimiche. Se la persona era troppo debole per raccogliere una risposta adeguata (febbre) e i suoi vasi linfatici erano troppo congestionati per drenare i detriti accumulati - e più sostanze chimiche venivano aggiunte come antipiretici, antibiotici, anti-infiammatori e steroidi - il suo corpo poteva essere sopraffatto , che porta alla morte della persona.  La causa della morte è stata attribuita all'infezione, ma la vera causa della morte è stata l'incapacità della persona a disintossicarsi. Questo, ovviamente, va completamente contro l'attuale dogma medico che abbraccia la medicina soppressiva e nutre una paura irrealistica - e dannosa - della febbre.
Forse le persone che raramente si ammalano di un carico tossico inferiore, cioè mangiano prevalentemente cibo biologico, consumano una quantità minima di cibi raffinati, non fumano, non bevono alcolici, bevono molta acqua fresca e usano tè disintossicanti. Possono allenarsi e sudare regolarmente, ottenere un sonno adeguato e prendersi cura intenzionalmente delle vie di disintossicazione del loro corpo - fegato, pelle, vasi linfatici e colon - con integratori di supporto, come zolfo elementare (MSM), N-acetil cisteina (NAC ), silimarina (cardo mariano) e probiotici.
Abbraccia la salute: fai amicizia con i microbi 
Molto è stato scritto sul microbioma umano. Stiamo imparando che i microbi sono utili da avere in giro e possono anche essere utili per infiammare il sistema e pulire il letame. Forse un episodio dell'influenza, con una febbre e una tosse forte per eliminare il muco, è un modo per eliminare le scorie interne. Invece di vedere ogni infezione come il nemico, forse una soluzione migliore è quella di sostenere il corpo attraverso il suo processo di eliminazione con cibo vero, molta acqua purificata, erbe cinesi e omeopatia - ed evitare di sopprimere i sintomi con la medicina occidentale.
Hai mai notato quanto ti senti meglio dopo il recupero da un'infezione? La disintossicazione è la chiave per la salute e la longevità complessiva a lungo termine. 
Dopotutto, virus e batteri sono forse i nostri amici.
[i] DeAngelo, LeAnna. Germs on Our Mind: The Psychology of Contagion , Washington: New Academia, 2005.
Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo è stato tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2018/11/evitare-linfluenza-forse-no.html

Nessun commento:

Posta un commento