Vivere in modo naturale: Big Pharma, esecuzione di colpevolezza: è finito in manette dopo essere stato accusato di traffico di oppioidi

Iscriviti alla Newsletter

lunedì 27 maggio 2019

Big Pharma, esecuzione di colpevolezza: è finito in manette dopo essere stato accusato di traffico di oppioidi

stampa la pagina


L'ex amministratore delegato del sesto più grande distributore farmaceutico della nazione è stato messo in manette martedì dopo essere stato incriminato per due capi di cospirazione criminale legati al traffico di medicinali oppioidi. 



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com  24/04/2019
Fonte: Zerohedge.com

Il settantaseienne Laurence Doud III è diventata il primo CEO pharma negli Stati Uniti per far fronte al procedimento giudiziario legato alla crisi degli oppioidi, dopo essere stato accusato insieme ad un altro dirigente di ignorare le bandiere rosse mentre spingeva massicci attacchi di potenti antidolorifici nelle farmacie di tutto il mondo. Stati Uniti, segnala  ABC News . che Doud rischia un minimo obbligatorio di 10 anni di carcere se condannato . 



Embedded video

CEO CHARGED: Federal prosecutors charged Rochester Drug Cooperative, one of the nation's largest opioid distributors, and two of its former executives Tuesday, with the company's former chief executive Laurence Doud III being taken into DEA custody.
https://


261 people are talking about this
Questo procedimento giudiziario è il primo del suo genere: i dirigenti di un distributore farmaceutico e il distributore stesso sono stati accusati di traffico di medicinali, trafficando gli stessi farmaci che stanno alimentando l'epidemia di oppioidi che sta devastando questo paese . per combattere questa epidemia, dai trafficanti di strada ai dirigenti che distribuiscono illegalmente farmaci dai loro consigli di amministrazione ", ha detto in una nota il procuratore degli Stati Uniti Geoffrey S. Berman. 
L'ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha incaricato la Rochester Drug Cooperative (RDC), uno dei maggiori distributori di oppiacei del paese, "consapevolmente e intenzionalmente" violando le leggi federali sui narcotici "distribuendo oppiacei pericolosi e altamente avvincenti ai clienti della farmacia che sapeva che venivano venduti e usati illecitamente ", secondo un comunicato stampa.
RDC è stata anche accusata di non aver segnalato correttamente migliaia di ordini sospetti di ossicodone, fentanil e altre sostanze controllate alla Drug Enforcement Agency (DEA), hanno detto funzionari - ABC News
Secondo quanto riferito, Doud avrebbe incoraggiato il suo team di vendita a firmare nuove farmacie come clienti senza alcuna supervisione o indagini preliminari - raccogliendo i rifiuti della concorrenza mentre proponeva RDC come "il cavaliere in armatura scintillante" per le farmacie indipendenti, secondo l'accusa. 
"Sotto la direzione di Doud, RDC fornì decine di milioni di ossicodone, fentanil e altri pericolosi oppioidi ai clienti delle farmacie che il proprio personale addetto alla conformità determinò, e riferì a Doud, di distribuire questi farmaci a persone che non avevano bisogno di cure mediche legittime per loro ", si legge nel documento del tribunale, in cui si rileva che Doud intascava" milioni di dollari "in quanto l'azienda ha più che quadruplicato le vendite di sostanze controllate tra il 2012 e il 2016. 
RDC è sotto inchiesta da anni da parte della DEA per non aver rispettato le leggi sulla segnalazione farmaceutica, e in precedenza ha pagato per risolvere le richieste di non aver segnalato i furti di oppioidi. 
È anche accusato l'ex capo di conformità di RDC, William Pietruszewski. 
RDC ha accettato una sanzione da 20 milioni di dollari e ha stipulato un accordo di rinvio pregiudiziale  che consentirà alla società di continuare le operazioni soggette a tre anni di monitoraggio indipendente della conformità. Se tutti i termini sono rispettati,  la società eviterà l'azione giudiziaria. 
"Abbiamo commesso degli errori e RDC comprende che questi errori, diretti dall'ex management, hanno gravi conseguenze", ha dichiarato il portavoce della società Jeff Eller in una dichiarazione. 

"Un elemento dell'epidemia di oppioidi è un drammatico aumento del volume delle prescrizioni per gli oppioidi e tutti i narcotici: con questo aumento drammatico del volume è arrivato un aumento del nostro business, con conseguente aumento degli ordini che avremmo dovuto identificare come ordini sospetti, che non siamo riusciti a segnalare alla DEA. "


Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento