Vivere in modo naturale: Grandi lacune nei test di tossicità per la sicurezza dei vaccini

Iscriviti alla Newsletter

lunedì 20 maggio 2019

Grandi lacune nei test di tossicità per la sicurezza dei vaccini

stampa la pagina


L'espressione "i vaccini sono sicuri ed efficaci" suggerisce che l'uso di piccole quantità di ingredienti tossici nei vaccini come alluminio, mercurio, formaldeide, polisorbato 80 e altre sostanze  sono stati testati per sicurezza e dimostrati sicuri quando iniettati, ingeriti o altrimenti introdotti nel corpo umano. Mentre le agenzie di regolamentazione federali affermano che  queste sostanze hanno superato singolarmente test di sicurezza standardizzati, vi sono legittime domande e preoccupazioni sulla metodologia utilizzata nei test di tossicità standard per giungere a conclusioni sulla sicurezza.

La comprensione delle basi dei metodi di prova della sicurezza chimica è il primo passo per comprendere come viene misurata la tossicità di una sostanza  mediante procedure di test di tossicità standard.


Scappatoie nei test di tossicità standard


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

La tossicologia è lo studio degli effetti avversi di agenti chimici, fisici o biologici su esseri umani, animali e l'ambiente. 1 I  test di tossicità sono richiesti dalle agenzie governative per fornire standard per la regolamentazione dei prodotti che gli esseri umani usano e consumano come cosmetici, prodotti farmaceutici, additivi alimentari, ecc. 2 L'esposizione a determinate sostanze può provocare effetti avversi immediati o a lungo termine nel corpo umano. Di conseguenza, i test tossicologici implicano una varietà di metodi e tassi di esposizione della sostanza diversi per l'animale da esperimento. 2
La maggior parte dei test di tossicità delle sostanze è stata condotta utilizzando animali sperimentali e risultati quindi estrapolati per prevedere una risposta fisiologica umana a quella particolare sostanza. 3 I test tossicologici sono generalmente progettati per duplicare il più possibile l'esposizione agli esseri umani.

Test di tossicità Bypassa l'esposizione per iniezione, utilizza endpoint limitati

La maggior parte dei test standardizzati utilizza tre vie di esposizione alla sostanza: inalazione, ingestione e vie cutanee dermiche (cutanee) di esposizione. 3  L'esposizione per iniezione non fa parte dei test di tossicità standard. 3  Questo presenta il primo problema con i test di tossicità per gli ingredienti utilizzati nei vaccinirespinge completamente l'iniezione come una via separata di esposizione e presuppone erroneamente che l'organismo reagisca alle sostanze tramite l'iniezione nello stesso modo che attraverso l'ingestione , l'inalazione o il contatto con la pelle.
La maggior parte dei test tossicologici standard esamina e misura la tossicità usando i cosiddetti "endpoint". 4  Un endpoint è il risultato di un test di tossicità per determinare la pericolosità di una sostanza per il corpo umano. 4 Gli  endpoint possono essere cambiamenti fisiologici come irritazione della pelle / degli occhi, cambiamenti biochimici, cancro, stato riproduttivo, mortalità, ecc. 5  Gli endpoint tossici sono usati per determinare le soglie di tossicità, il livello al quale gli effetti avversi non sono più facilmente rilevabili, noti anche come "Nessun livello di effetto avverso osservato" o NOAEL. 4  Anche se molte basse dosi di una sostanza possono infatti presentare reazioni avverse a lungo termine, molto raramente fare studi di tossicologia esaminano gli effetti avversi a dosi inferiori rispetto al NOAEL. 6

Endpoint standardizzati non riescono a misurare adeguatamente la tossicità del vaccino

Gli endpoint tossici sono anche classificati in acuta, subcronica o cronica. 4  Gli studi acuti sono a breve termine, non durano più di quattordici giorni e esaminano endpoint come mortalità e cambiamenti nel comportamento. Gli studi subcronici sono condotti per determinare la tossicità di una  sostanza che potrebbe derivare da esposizioni ripetute da trenta giorni a novanta giorni. 3  Gli studi cronici hanno una durata leggermente maggiore con esposizione ripetuta fino a dodici mesi e includono endpoint come la riproduzione, la sopravvivenza a lungo termine e la crescita. 4
L'uso di categorie di endpoint standardizzati pone un altro problema con i test di tossicità. Gli attuali paradigmi di test mancano di endpoint sensibili e funzionali come la distruzione del microbiota intestinale, dell'autoimmunità,  dell'encefalite, della  disfunzione cronica del sistema immunitario e del cervello, tutti effetti avversi sulla salute osservati nei pazienti vaccinati. Gli attuali metodi di test di tossicità non possono effettuare previsioni appropriate degli effetti degli ingredienti del vaccino a nessuna data dose a causa della mancanza di endpoint appropriati e completi. Non sono state condotte indagini sistematiche per accertare se alcuni individui siano geneticamente più a rischio di essere danneggiati dagli ingredienti del vaccino e se la tossicità degli ingredienti del vaccino comprometta l'integrità genetica.  
La questione attuale è l'urgente necessità di ripensare le attuali definizioni accettate di effetti avversi sulla salute  associati ai test di tossicità standardizzati per le sostanze incluse nei vaccini e ampliare l'elenco degli endpoint per consentire una misurazione più accurata della tossicità degli ingredienti del vaccino.

Brevi periodi di follow-up per i test di tossicità standard

Le prove standard di tossicità tecnicamente valutano solo la tossicità  acuta a breve termine di una sostanza. Sebbene studi cronici esaminino gli effetti avversi su un periodo di tempo leggermente più lungo rispetto agli studi subcronici e acuti, un periodo massimo di osservazione di dodici mesi non è adeguato per essere considerato uno studio a lungo termine dato che i bambini negli Stati Uniti sono ripetutamente esposti a ingredienti nei vaccini durante i primi sei anni di vita a partire dal giorno di nascita (il CDC raccomanda che neonati e bambini ricevano 50 dosi di 14 vaccini entro i sei anni7
Megan Gallagher, autore di un rapporto pubblicato su  Environs: Environmental Law and Policy Journal  spiega perché i test di tossicità sono in genere condotti a breve termine ... 
Ciò è particolarmente difficile poiché gli effetti tossici sono spesso di natura cronica e derivano da un'esposizione a lungo termine, il cui test, se completato in un periodo di diversi  anni, potrebbe rendere il prodotto obsoleto prima che entri nel mercato  La tecnologia e la concorrenza sul mercato richiedono la convenienza  dell'approvazione  del prodotto. Se i test approfonditi per ogni nuova sostanza chimica o prodotto fossero condotti per un periodo di decenni, i costi per l'industria sarebbero  stati così proibitivi che i benefici di tali sviluppi tecnologici  sarebbero stati raramente, se non mai, raccolti dal pubblico. Il raffreddamento dell'industria e della  tecnologia diventerebbe molto diffuso e coloro che le  linee guida per la verifica della tossicità cercano di proteggere sarebbero senza dubbio peggiori a lungo termine attraverso la privazione di tali progressi. Queste considerazioni sollevano la questione dei tipi di test che dovrebbero essere richiesti al fine di assicurare un'accurata valutazione del rischio di una sostanza. " 2

Lacune di ricerca nei test di tossicità sinergica

Oltre ai limiti evidenti dei test di tossicità per i singoli componenti del vaccino, vi è anche una mancanza di ricerca scientifica di base sugli effetti sinergici negativi sul corpo umano  quando gli ingredienti dei vaccini interagiscono tra loro. Nella tossicologia, il  sinergismo si riferisce all'effetto causato quando l'esposizione a due o più sostanze chimiche nel tempo porta a effetti dannosi sulla salute che sono maggiori della somma degli effetti delle singole sostanze chimiche. 8  Quando le sostanze chimiche sono sinergiche, i potenziali rischi delle sostanze chimiche dovrebbero essere rivalutati, prendendo in considerazione le loro proprietà sinergiche.
Prima che l'industria farmaceutica e le agenzie di regolamentazione possano persino iniziare a sostenere che i vaccini sono sicuri, la relazione sinergica tra tutti gli ingredienti utilizzati nei vaccini deve essere studiata a fondo .
I test di tossicità standard presentano numerosi limiti nella loro metodologia e portano a conclusioni imprecise sulla sicurezza. Misurare la tossicità di una sostanza chimica è molto più complesso e dipende da diversi fattori, tra cui la via attraverso la quale entra nel corpo, come può essere metabolizzato attraverso processi biologici in altre forme chimiche, sia che venga espulso dal corpo o immagazzinato negli organi del corpo, i suoi effetti cumulativi complessivi su un periodo di tempo e i suoi effetti sinergici.  
La direttrice dell'Istituto nazionale di scienze della salute ambientale, Linda Birnbaum, afferma così: " L'industria continua a porre" vecchie domande "sulla sicurezza chimica anche se la scienza è andata avanti9.

Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/05/grandi-lacune-nei-test-di-tossicita-per.html
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento