Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

sabato 27 luglio 2019

I farmaci chemioterapici sono pericolosi per le famiglie, gli operatori sanitari e i pazienti

stampa la pagina

La chemioterapia è così pericolosa che in realtà non dovrebbe essere chiamata medicina. 


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

A breve termine, ha effetti collaterali debilitanti tra cui dolore allo stomaco e ai muscoli, ulcere alla bocca, mal di testa, diarrea, nausea e vomito, disturbi del sistema nervoso, perdita di appetito e perdita di capelli.

Poi ci sono gli effetti a lungo termine, che sono ancora più gravi e possono includere danni al cuore, al fegato, ai polmoni, ai reni o al sistema riproduttivo, oltre al “ cervello da chemio ”: memoria permanente, concentrazione e problemi di pensiero. Gli esperti avvertono inoltre che la chemioterapia aumenta notevolmente il rischio di tumori secondari più avanti nella vita .

Tutto considerato, quindi, la chemioterapia è un modo davvero rischioso per curare il cancro. Tuttavia, molte persone spaventate scelgono ancora di esporsi a questi rischi, credendo di non avere davvero scelta se vogliono riprendersi. Ciò che molti di questi pazienti potrebbero non rendersi conto, tuttavia, è che quando scelgono di sottoporsi a chemioterapia, espongono le loro famiglie e gli operatori sanitari agli stessi identici rischi .

La chemioterapia mette a rischio la famiglia e gli operatori sanitari

Come riportato da Natural Health 365 , uno studio pubblicato nel Journal of Oncology Pharmacy Practice nel 2012, ha scoperto che i membri della famiglia che vivono con qualcuno sottoposto a chemioterapia sono esposti alle stesse sostanze chimiche tossiche del paziente attraverso le loro escrezioni urinarie e altre. Anche gli operatori sanitari rischiano l'esposizione allo stesso modo, nonché attraverso il contatto diretto con il farmaco stesso.

Natural Health 365 ha riferito:

I ricercatori [R] hanno analizzato campioni di urina in pazienti che avevano ricevuto il farmaco antineoplastico ciclofosfamide - nelle ultime 48 ore.
Il team ha anche analizzato campioni di membri della famiglia, oltre a testare i campioni cancellati dalle loro case.
Usando la gascromatografia e la spettroscopia di massa, i ricercatori hanno trovato ciclofosfamide in tutti i campioni di urina, sia in pazienti trattati che ai familiari. Secondo gli scienziati, tra il 9 e il 34 percento della dose originale di ciclofosfamide veniva escreta nelle urine.
Inoltre, hanno trovato contaminazione superficiale nelle case di pazienti ambulatoriali trattati con ciclofosfamide - con 8 dei 12 campioni di salvietta contenenti il ​​farmaco.
I ricercatori hanno affermato che la contaminazione delle superfici - e l'esposizione dei membri della famiglia - si è verificata attraverso l'esposizione alle escrezioni dei prodotti di scarto dai pazienti chemioterapici.
Questo non è stato l'unico studio per raggiungere questa conclusione. Uno studio pubblicato sul Journal of Nursing Education and Practice ha preso una decisione simile. 

I ricercatori hanno testato le escrezioni urinarie di cinque pazienti con carcinoma mammario per 48 ore dopo aver ricevuto il trattamento, oltre a prendere i tamponi da bagni, rubinetti e maniglie delle porte nelle loro case.
Il risultato? Tutte e cinque le case sono risultate contaminate, con 17 dei 28 campioni di tampone trovati contenenti il ​​ciclofosfamide per il trattamento chemioterapico.
La maggior parte dei campioni contaminati sono stati prelevati da sedili di gabinetti e pavimenti del bagno, ma anche le leve di scarico e le maniglie dei bagni hanno rivelato contaminazione.
I ricercatori hanno avvertito che i loro risultati hanno rivelato che le famiglie dei pazienti chemioterapici sono ad "alto rischio" degli stessi effetti a lungo termine e di altri farmaci tossici.

Proteggi la tua famiglia

Mentre gli operatori sanitari sono consapevoli dei rischi e generalmente li mitigano indossando guanti e adottando altre misure protettive, i membri della famiglia sono generalmente totalmente inconsapevoli del fatto che anche loro sono a rischio.

Natural Health 365 menziona alcuni semplici passaggi che è possibile adottare per proteggersi da questo rischio:

Gli esperti raccomandano che il paziente chemioterapico usi una toilette separata - se disponibile - per almeno 48 ore dopo il trattamento. Se è disponibile solo una toilette, i pazienti di sesso maschile devono urinare seduti per ridurre gli schizzi.
Dopo la minzione, il coperchio deve essere chiuso e il gabinetto deve essere lavato due volte.
Seguire lo stesso protocollo - chiudendo il coperchio e sciacquando due volte - dopo che un paziente vomita nella toilette.
Gli esperti consigliano inoltre di indossare guanti monouso per pulire gli schizzi sopra o intorno alla toilette e di pulire l'area con asciugamani di carta. 

I guanti devono essere gettati nella spazzatura in un sacchetto di plastica sigillato e gli asciugamani usati lavati nella toilette. - di nuovo, sciacquare due volte con il coperchio chiuso. Le mani devono quindi essere lavate accuratamente con acqua calda e sapone.

Si deve anche prestare attenzione quando si maneggiano le stoviglie dei pazienti chemioterapici, e questi preferibilmente dovrebbero essere lavati in lavastoviglie, se possibile. La biancheria e la biancheria da letto sporche devono essere lavate separatamente, non una, ma due volte, e sul ciclo più caldo della macchina.
Ulteriori informazioni su Cancer.news.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento