Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

Cerca nel blog

domenica 8 dicembre 2019

Prof. Chris Exley. Coadiuvanti di alluminio nei vaccini: informazioni mancanti.

stampa la pagina



Ho studiato l'esposizione umana all'alluminio per oltre trentacinque anni 

Sono (a volte affettuosamente) noto come Mr. Aluminium.
Sono il Prof. Chris Exley

 

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Circa dieci anni fa, mi sono interessato agli adiuvanti in alluminio e in particolare a come aiutano a potenziare la risposta immunitaria nella vaccinazione. 

Finanziato inizialmente dal Medical Research Council

(Nanotossicità degli adiuvanti in alluminio), abbiamo iniziato a testare i dogmi associati al loro meccanismo d'azione nei vaccini. 

Di recente abbiamo esaminato questo argomento, inclusa la nostra ricerca sul campo 


 Ci sono, naturalmente, più domande rimanenti delle risposte ottenute, ma ora abbiamo una nascente comprensione del modo di agire dei coadiuvanti in alluminio. È chiaro che un vaccino comprendente un adiuvante in alluminio è un'esposizione acuta all'alluminio 

L'adiuvante di alluminio avvia una risposta infiammatoria nelle immediate vicinanze del sito di iniezione. Una miriade di cellule infiltranti inondano l'area danneggiata e rispondendo all'infiammazione assorbono adiuvante e antigene nel loro citoplasma ( https://www.nature.com/articles/srep06287 ) sebbene non necessariamente come complesso adiuvante-antigene 

L'adiuvante viene trasportato nelle ghiandole linfatiche 
(https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0300985818809142 ) e possono anche essere trasportati nei macrofagi 

e altri istiociti in tutto il corpo, incluso in il cervello 

Quest'ultimo, sebbene dimostrato in un modello animale 
( https://bmcmedicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/1741-7015-11-99 ), resta da dimostrare negli esseri umani. 
I vaccini che includono un adiuvante in alluminio sono una fonte di alluminio per il resto del corpo e questo dovrebbe essere un problema.


Queste informazioni importanti e aggiornate sugli adiuvanti in alluminio mancano da un sito Web di informazioni sulla sicurezza dei vaccini ospitato dal SSN ( https://www.nhs.uk/conditions/vaccinations/why-vaccination-is-safe-and-important/ ) . Forse della stessa importanza è che le informazioni fornite sono, nella migliore delle ipotesi, errate.


Esempio 1. "Gli adiuvanti vengono aggiunti ai vaccini in quantità molto piccole, che si sono dimostrate sicure."
Non sono stati condotti studi clinici per testare la sicurezza dei coadiuvanti in alluminio. Non un singolo studio clinico di sicurezza per qualsiasi vaccino che include un adiuvante in alluminio. I produttori di vaccini non sono tenuti a dimostrare la sicurezza dei coadiuvanti in alluminio. Infatti, i produttori di vaccini usano invariabilmente adiuvanti di alluminio come placebo negli studi di efficacia del vaccino 


Esempio 2. "Non ci sono prove che i livelli di alluminio che incontriamo ogni giorno aumentino il rischio di condizioni come la demenza o l'autismo".
Potrebbe non esserci consenso sul fatto che l'alluminio aumenti il ​​rischio di demenza, ma ci sono prove scientifiche in aumento che questo è il caso. Ricerche recenti sull'alluminio nel tessuto cerebrale nella malattia di Alzheimer familiare ( https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X16303777 ) lasciavano pochi dubbi sul fatto che l'alluminio, una neurotossina accettata, contribuisca alla malattia di Alzheimer 
Il consiglio dato dal SSN nella migliore delle ipotesi è errato e nella peggiore delle informazioni sbagliate. Mentre le prove che collegano l'alluminio con l'autismo rimangono preliminari, l'alto contenuto di alluminio nel tessuto cerebrale nell'autismo 
( https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X17308763 ) la cosa non dovrebbe essere così facilmente, forse convenientemente, scartata.



Esempio 3 . 'La quantità di alluminio utilizzata nei vaccini con virus attenuati è molto, molto piccola. Non sono stati osservati effetti dannosi con i vaccini che contengono un adiuvante a base di alluminio. "
Il mito secondo cui il contenuto di alluminio di un vaccino è minuscolo è stato ora ampiamente confutato nella letteratura scientifica sottoposta a revisione paritaria 
( https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0946672X19304201) e queste informazioni fuorvianti devono essere rimosse da tutti i consigli forniti ai pediatri e ai genitori. Allo stesso modo, il foglio illustrativo per i pazienti fornito con ogni vaccino elenca tutti gli effetti dannosi noti registrati per quel vaccino. 
I responsabili della somministrazione dei vaccini sono tenuti per legge a chiedere al destinatario o al tutore del destinatario di leggere il foglio illustrativo per i pazienti in modo che siano a conoscenza dei possibili effetti dannosi. 
È oltraggioso e sbagliato per i consigli del SSN essere così fuorvianti per coloro che sono accusati di proteggere.


Ho trascorso tutta la mia carriera accademica cercando di capire come l'esposizione umana all'alluminio influisce sulla nostra salute. 
Tutto ciò che ho appreso sull'alluminio indica che, oggi è un grave problema di salute, e se continueremo a essere compiacenti della nostra esposizione, in futuro. Dobbiamo garantire che le informazioni rese disponibili sulla possibile tossicità dell'alluminio nell'uomo siano interamente basate sulla scienza e il più aggiornate possibile. 
Viviamo nell'era dell'alluminio ( https://www.hippocraticpost.com/mens-health/the-aluminium-age/) e il mondo moderno sarebbe un posto minore senza alluminio. Tuttavia, è tempo che accettiamo che l'alluminio è nemico dei processi viventi e che dobbiamo continuare a utilizzarlo solo quando si è dimostrato efficace e sicuro. Ciò deve includere il suo uso compiacente e incompreso nei vaccini.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento