Vivere in modo naturale: Un ricercatore giapponese scopre il legame tra il vaccino HPV e la sindrome da stanchezza cronica

Iscriviti alla Newsletter

lunedì 10 giugno 2019

Un ricercatore giapponese scopre il legame tra il vaccino HPV e la sindrome da stanchezza cronica

stampa la pagina


Dopo aver ricevuto la vaccinazione contro l'HPV, molte donne hanno riferito di aver sviluppato la sindrome da stanchezza cronica (CFS). Molti ricercatori ritengono che la condizione sia legata alla malattia autoimmune, tuttavia, fino a poco tempo fa, il motivo per cui alcune donne hanno sviluppato la condizione di vaccinazione post-HPV è rimasto un mistero.

di Christina England 


Per quelli di voi che non sono consapevoli, la CFS è una malattia debilitante caratterizzata da estrema stanchezza e stanchezza persistente. Altri sintomi che sono stati trovati elencati sul sito web NHS includono: 


dolore muscolare, dolori articolari e forti mal di testa, scarsa memoria e concentrazione a breve termine e difficoltà nell'organizzare pensieri e trovare le parole giuste ("nebbia del cervello") linfonodi dolorosi (piccole ghiandole del sistema immunitario) mal di stomaco e altri problemi simili alla sindrome dell'intestino irritabile, come gonfiore, stitichezza, diarrea e nausea,gola infiammata,problemi di sonno, come l'insonnia e la sensazione che il sonno non è rinfrescante, sensibilità o intolleranza alla luce, rumore forte, alcol e alcuni cibi, difficoltà psicologiche, come depressione, irritabilità e attacchi di panico, sintomi meno comuni, come vertigini, sudorazione eccessiva, problemi di equilibrio e difficoltà nel controllo della temperatura corporea 


Tuttavia, dopo anni di speculazioni sul perché alcune donne sviluppino questa condizione dopo la vaccinazione, un medico in Giappone ritiene di avere la risposta.


All'Aprile 2016, 4 ° Simposio internazionale sui vaccini ospitato dall'Istituto di ricerca sulla sicurezza medica per bambini (CMSRI) a Lipsia, Germania, Osamu Hotta, MD, PhD, dell'Ospedale Sendai Shakaihoken in Giappone, ha tenuto una conferenza intitolata Sessione 12, Sindrome da affaticamento cronico In seguito alla vaccinazione contro il virus del papilloma umano: la colpa è dell'epifaringite latente?


Ha spiegato che:


Epififaringite cronica non è una condizione ampiamente compresa. Tuttavia, a causa del suo possibile legame con la funzione immunitaria e il sistema nervoso centrale, è stato suggerito che vi sia stata una relazione tra epifaringite e disturbi immunitari autonomi, nonché epifaringite e malattie autoimmuni.




L'epifaringite cronica è difficile da diagnosticare perché è spesso asintomatica e non presenta aspetto anormale. L'epifaringe è ricca di linfociti con analisi fenotipica che mostra linfociti T e B altamente attivati. Le cellule epifiteliali ciliate esprimono l'antigene di classe II e agiscono come cellule presentanti l'antigene. L'epifaringite cronica può quindi agire come un'infezione focale, simile alla tonsillite cronica, nello sviluppo di vari tipi di malattie autoimmuni come la glomerulonefrite e le condizioni croniche della pelle.


Tra ottobre 2014 e settembre 2015, il dott. Osamu Hotta e il suo team hanno esaminato 41 pazienti con sintomi somatici "cellios" dopo il vaccino HPV. Il dott. Hotta ha spiegato che i sintomi più comuni sofferti dai loro pazienti sono stati mal di testa, stanchezza generale e disturbi del sonno.
 Tuttavia, altri sintomi elencati nella sua presentazione erano: 

rigidità del collo e della parte superiore della schiena 
fotofobia 
disturbo mestruale 
vertigini 
debolezza muscolare 
nausea 
deterioramento cognitivo, perdita di memoria 
tinnito 
dolore addominale e diarrea 
dolore generalizzato 
dolori articolari 
piressia 
mal di gola, fastidio faringeo 
gambe senza riposo 
tosse 
movimento involontario 
perdita di coscienza 
mancata presenza scolastica 


Ha spiegato che a causa dei loro sintomi, 34 dei pazienti esaminati non erano in grado di frequentare la scuola.

  
Per trattare la condizione, il team ha tamponato il dorso del naso e della gola dei pazienti con tamponi di cotone rivestiti con una soluzione di ZnCI2 allo 0,5% (una soluzione di cloruro di zinco). Il dott. Hotta ha spiegato che il grado di sanguinamento dall'epifaringe (retro del naso e della gola) dopo il trattamento indica la gravità dell'epifaringite che il paziente sta soffrendo e che sorprendentemente tutti i 41 pazienti hanno avuto un sanguinamento severo che indica che stavano soffrendo di grave epipharyngitis.


Ha affermato che:


Sedici pazienti hanno acconsentito all'osservazione ospedaliera per sottoporsi a un trattamento epifaringeo invasivo. In precedenza erano stati trattati con un numero di approcci, inclusi gli steroidi; farmaco antinfiammatorio non steroideo, farmaco che induce il sonno, farmaci anti-ansia, vitamine e prodotti biologici. Tuttavia, le loro condizioni non miglioravano significativamente e rispondevano a nessuno di questi interventi. I sintomi marcati di miglioramento sono stati rilevati in tredici dei sedici pazienti, quattro pazienti alla fine hanno raggiunto la risoluzione dei sintomi. Dato il grado di compromissione e la qualità della vita precedentemente osservati in questi pazienti, l'effetto complessivo di questo trattamento è stato notevole.


Il Dott. Hotta ha continuato la sua presentazione dimostrando quanto sia efficace il loro trattamento mostrando il filmato di una giovane donna con epifaringite grave che soffriva di paralisi completa. Nel suo primo giorno di trattamento, la giovane donna non è stata in grado di muoversi o sollevare le gambe in alcun modo. Tuttavia, dopo 46 giorni di trattamento con la soluzione ZnCI2, era completamente mobile e in grado di essere dimessa.


Il dott. Hotta ha concluso che:


L'epifaringite cronica può avere un ruolo importante nello sviluppo di varie malattie autoimmuni e disturbi del sistema nervoso autonomo.


La condizione di epifaringe può essere utile esaminarla nel più ampio contesto nel trattamento delle malattie autoimmuni e dei disturbi nervosi autonomi, indipendentemente dalla causa iniziale.


Dato che l'epifaringite cronica non è completamente compresa, questa condizione dovrebbe essere una direzione importante nella ricerca futura.


Il dott. Hotta non è il primo ricercatore a collegare i sintomi della CFS alla vaccinazione.

Ricercatore che ha scoperto il legame tra vaccini e CFS Rifiuti di finanziamento


Nel 1992, Doris Jones, una studentessa di ricerca medica post-laurea, ha presentato domanda di finanziamento al Medical Research Center (MRC) per ricercare ciò che riteneva essere il legame tra vaccinazioni, antibiotici e il successivo sviluppo di ME / CFS.


Il 25 maggio 1992, Jones scrisse una lettera al Dr. Peter Dukes dell'MRC, affermando come la Ciba (Ciba Geigy Corporation, una società farmaceutica svizzera ora è di proprietà di Novartis) aprisse un incontro dove per lei era stata un'esperienza unica. Ha spiegato che, sebbene non appartenesse alla professione medica e non fosse affiliata con alcuna organizzazione di pazienti, stava studiando l'argomento della ME / CFS per la sua laurea.


Descriveva quanto fosse scioccata che ci fosse stato quello che descriveva come; 
"un enorme abisso tra il modo in cui la malattia veniva percepita dai medici generici e dagli psichiatri rispetto a come influenzi i sofferenti nella vita reale e quale potrebbe essere la sua vera natura".


La signora Jones ha descritto a fondo un progetto di ricerca epidemiologico completo, multifattoriale, che aveva recentemente completato su ME / CFS. 

Racchiudendo l'abstract che Dr. Dukes leggeva, scrisse:


"Noterai che i dettagli su fattori associati come vaccinazioni, antibiotici e allergie possono essere particolarmente rilevanti, così come quelli su dieta, stress e infezioni precedenti. È sconcertante che alcuni di questi fattori associati possano essere visti anche in alcuni soggetti apparentemente sani, in particolare negli studenti normali, il che sembra coincidere con l'emergere concomitante di una sintomatologia simile."


Ha sostenuto le sue teorie con riferimenti ad altre ricerche pubblicate, in particolare il lavoro del professor Behan. Ha allegato uno dei suoi fogli da leggere ai Duchi. Lei scrisse:


In effetti uno del team del Professor Behan ha recentemente identificato sequenze di un enterovirus identico al virus del vaccino antipolio in una proporzione di pazienti PVPS accuratamente selezionati.


Jones ha offerto vari altri esempi di materiale accuratamente studiato per supportare le sue affermazioni, menzionando varie vaccinazioni e antibiotici come possibili fattori scatenanti per ME / CFS.


Sebbene Jones sembrasse fornire al MRC prove documentate sufficienti per ottenere finanziamenti, è stata rifiutata a favore di altri progetti di ricerca che fornivano meno prove a supporto della loro applicazione.


Al momento della sua domanda, la ME / CFS veniva descritta come un disturbo psichiatrico e Jones desiderava dissipare questo mito, dimostrando che la ME / CFS era in realtà un disordine fisico causato dalle vaccinazioni, in particolare la vaccinazione antitetanica e / o gli antibiotici.


Forse perché la ricerca su vaccinazioni e antibiotici è finanziariamente vantaggiosa per l'industria farmaceutica e quindi non un'opzione praticabile per la ricerca?


Consulta VacTruth per ulteriori dettagli e documenti segreti esposti che sono stati rivelati solo dopo l'avvio di una richiesta FOI.


Ovviamente la ricerca di vaccinazioni e antibiotici come possibile innesco di ME / CFS non era abbastanza scientifica da soddisfare gli "alti standard" richiesti dall'MRC. È un vero peccato che la MRC non abbia realizzato il vero potenziale di Doris Jones, mentre ha continuato a conseguire un Master of Science e pubblicare una selezione di articoli sull'argomento. Uno dei suoi documenti, intitolato ME and Vaccinations , è stato pubblicato nel 1997 ed ha detto:


"I casi in cui i soggetti ME erano stati vaccinati nel mese prima di sviluppare un'infezione e / o altri problemi di salute che hanno provocato ME, hanno attirato la mia attenzione particolare; in alcuni casi non c'erano infezioni - una sola immunizzazione sembrava aver scatenato l'insorgenza di ME. C'era anche un piccolo gruppo che mi ha informato di aver ricevuto un trattamento a lungo termine con corticosteroidi per problemi di salute prima di ricevere una vaccinazione che ha scatenato la loro malattia. Significativamente, forse, le reazioni avverse ai vaccini, i farmaci e la sensibilità alle sostanze chimiche e agli alimenti sono stati riportati con regolarità quasi prevedibile. I risultati del mio studio sono stati mostrati per la prima volta alla Conferenza Internazionale sulla Sindrome da Stanchezza Cronica, a Dublino, nel 1994."


All'epoca, trovare finanziamenti per una ricerca così controversa ma cruciale era quasi impossibile e non esistevano conferenze come il 4 ° Simposio internazionale sui vaccini. Questo perché il 90 percento di tale ricerca sarebbe finanziato dall'industria farmaceutica e questo è esattamente il motivo per cui esiste il CMSRI .


Il CMSRI è un ente di beneficenza pubblico istituito per fornire finanziamenti indipendenti per la ricerca sui fattori causali di malattie croniche e disabilità. Cresce il riconoscimento che le vaccinazioni e le malattie autoimmuni sono causalmente collegate. Gli scienziati devono disporre di fonti di finanziamento per perseguire ipotesi che promuovano la conoscenza di come i vaccini influenzano la nostra salute generale, fornendo risposte a domande sconcertanti e migliorando i risultati.


Si prega di notare che tutte le citazioni di Dr. Hotta sono state prese direttamente dalle riprese video.


Commenta questo articolo su VaccineImpact.com

Le giovani donne muoiono e perdono la capacità di avere figli dopo il vaccino HPV


Sanevax.org e Health Impact News sono leader nei Media alternativi che documentano storie di vita reale di giovani donne uccise e ferite dal vaccino HPV, che di solito viene censurato dai media tradizionali. Ecco alcuni che abbiamo coperto:




Giovani donne le cui vite furono distrutte da Gardasil.





Medici che si oppongono alle vaccinazioni forzate - Le loro opinioni dovrebbero essere messi a tacere?




Uno dei più grandi miti oggi propagati nei media mainstream conformi è che i medici sono pro-vaccino o anti-vaccino e che i medici anti-vaccino sono tutti "ciarlatani".


Tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità nel dibattito sui vaccini. I medici non sono affatto unificati sulle loro posizioni in merito alla "scienza" dei vaccini, né sono unificati nella posizione di rimuovere il consenso informato a una procedura medica come i vaccini.


Le due posizioni più estreme sono quei medici che sono al 100% contro i vaccini e non li somministrano affatto, e quei medici che ritengono che TUTTI i vaccini siano sicuri ed efficaci per TUTTE le persone, TUTTO il tempo, con la forza se necessario.


Pochissimi medici cadono in una di queste due posizioni estremiste, eppure è l'estrema posizione pro-vaccinica che viene presentata dal governo degli Stati Uniti e dai media mainstream come la posizione dominante del campo medico.


Tra questi due punti di vista estremi, tuttavia, la maggior parte dei medici che praticano oggi probabilmente classificherà la propria posizione. Molti medici che si considerano "pro-vaccino", per esempio, non credono che ogni singolo vaccino sia appropriato per ogni singolo individuo.


Molti medici raccomandano un programma di vaccino "ritardato" per alcuni pazienti, e non sempre il programma d'infanzia CDC su misura adatto a tutti. Altri medici scelgono di raccomandare i vaccini in base alla scienza e al merito di ciascun vaccino, raccomandandone alcuni, stabilendo che altri non valgono il rischio per i bambini, come il sospetto di influenza stagionale.


Questi medici che non ricoprono posizioni estreme sarebbero contrari alle vaccinazioni imposte dal governo e alla rimozione di tutte le esenzioni dei genitori.


Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/06/un-ricercatore-giapponese-scopre-il.html
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento