Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

giovedì 13 febbraio 2020

Un ingegnere biomedico ha creato una maschera rivestita di sale che, secondo lui, potrebbe neutralizzare virus come il Coronavirus in 5 minuti

stampa la pagina
Nella foto la studentessa in dottorato Ilaria Rubino con l'ingegnere biomedico Hyo-Jick Choi


Le maschere mediche possono sembrare quasi impossibili da portare avanti correttamente. 
Chi le indossa le tocca costantemente per riadattarle, spostarle per grattarsi il volto e rimuoverle regolarmente e rimetterle.

Traduzione per l'Italia a cura di: -Vivereinmodonaturale.com-

Tutte queste azioni possono aiutare i germi sulla superficie di una maschera ad entrare nel tuo corpo. Gli esperti affermano che per la maggior parte delle persone al di fuori di Wuhan, in Cina, che è improbabile che le maschere facciali li proteggano dall'attuale epidemia di coronavirus, ad esempio. 

Ma Hyo-Jick Choi, un ingegnere biomedico e professore all'Università di Alberta in Canada, afferma di avere una potenziale soluzione: una maschera in grado di uccidere agenti patogeni dannosi, anziché bloccarli. L'ingrediente segreto è il sale da tavola.


wuhan maschera per il viso
Maschere per il viso viste in un negozio di East Palo Alto, in California, il 26 gennaio 2020. 
Yichuan Cao / NurPhoto via Getty Images

Poiché la struttura molecolare del sale è cristallina, i suoi angoli duri e acuminati possono perforare i virus, rendendoli non vitali, dice Choi.
Il suo team ha testato maschere rivestite con sale in laboratorio negli ultimi anni e ha scoperto che possono inattivare tre ceppi del virus dell'influenza. Il team ha pubblicato tali risultati iniziali sulla rivista Scientific Reports nel 2017. 
Pensano che la tecnologia di neutralizzazione dei patogeni potrebbe migliorare significativamente gli sforzi di prevenzione delle malattie infettive, e sperano di portare le maschere sul mercato entro i prossimi 18 mesi. 

Come funziona la maschera al sale

Virus e altri agenti patogeni viaggiano nell'aria; in goccioline come saliva o catarro da tosse, starnuti, parlare o respirare; o sulle superfici. 
"Le goccioline che trasportano il coronavirus, espulse da tosse, starnuti, parole o respirazione, possono rimanere sulla superficie delle maschere", ha detto Choi a Business Insider. "La più grande sfida tecnica dell'attuale maschera chirurgica e respiratore n95 è che non possono uccidere il virus che si trova sulla loro superficie, il che aumenta le possibilità di trasmissione del contatto."
Ma quando una gocciolina che trasporta virus incontra una maschera ricoperta dalla soluzione salina di Choi, dice, inizia ad assorbire il sale. Quindi una volta che il liquido evapora, tutto ciò che rimane è il virus e il sale cristallizzato - che taglia il virus, neutralizzandolo. 
Il processo richiede il tempo necessario all'evaporazione dell'acqua, ha affermato Choi.
Nei suoi test di laboratorio, ha aggiunto, "il virus è inattivo entro cinque minuti e tutto è stato distrutto entro 30 minuti".

Esperimenti falliti hanno scatenato un'idea per nuove maschere

Choi disse di aver avuto l'idea di una maschera rivestita di sale dal fallimento di un altro esperimento.
Stava cercando di sviluppare vaccinazioni orali più facili da somministrare rispetto ai vaccini. Come parte di quel processo, una forma indebolita di un virus è stata miscelata in una soluzione di zucchero. Ma la struttura degli zuccheri ha continuato a tagliare le particelle del virus, rendendo inefficace il vaccino.
"La formazione di cristalli nelle formulazioni a base di zucchero destabilizza i vaccini", ha dichiarato Ilaria Rubino, studentessa di dottorato dell'Università di Alberta nel gruppo di laboratorio di Choi, in una mail a Business Insider. "Ci siamo chiesti: la ricrescita cristallina del sale sarebbe in grado di inattivare i virus?" 

ChoiMasks4.JPG
Hyo-Jick Choi e Ilaria Rubino all'Università di Alberta. 
Hyo-Jick Choi

Il gruppo ha iniziato a sviluppare un rivestimento in pellicola salina e ad applicarlo alle fibre dei filtri maschera. Quindi hanno costruito e testato prototipi.
Choi ora ha un brevetto provvisorio sulla tecnologia.

Choi afferma che la tecnologia è commercialmente scalabile

Rubino ha affermato che la semplicità della soluzione di rivestimento con sale facilita l'integrazione nei processi di produzione delle maschere esistenti.
"Uno dei vantaggi della nostra tecnologia è che non è complicata, ma è robusta", ha detto. "Ciò richiederebbe un investimento di capitale molto basso e il materiale (sale) stesso è economico."
Ha aggiunto che il team spera di lavorare con le aziende per iniziare a produrre i dispositivi commercialmente entro due anni.
"Questo significa anche che le maschere rivestite di sale potrebbero essere stoccate in preparazione per pandemie ed epidemie", ha detto Rubino. "Potrebbero essere prontamente utilizzate al momento dello scoppio, indipendentemente dalla malattia".
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento