Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

sabato 11 aprile 2020

La Vera Storia della Guerra contro le Vitamine.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

vera-storia-della-guerra-alle-vitamine
La guerra al paradigma vitaminico
La seguente lettera narra di come sia restia la classe medica ad accettare terapie a base di sostanze che non rientrano nella sfera degli interessi delle multinazionali farmaceutiche. Peccato che le conseguenze le paghiamo, in salute e in cash, tutti i giorni sulla nostra pelle.

di Abram Hoffer, MD, Ph.D.




Sono stato coinvolto in controversie megavitaminiche dal 1955 quando con due colleghi [1] abbiamo pubblicato il nostro documento che mostrava che la niacina riduceva i livelli di colesterolo totale. Ciò è stato rapidamente confermato dal Dr. WB Parsons, Jr [2]. È stato facile misurare i livelli di colesterolo. Dr Parsons è uno degli internisti più esperti nell'uso della niacina per abbassare i livelli di colesterolo. Ma dopo che [3] abbiamo pubblicato un articolo molto più completo in cui abbiamo concluso: (1) che l'aggiunta di niacina o niacinamide in grandi dosi era terapeutica per gli schizofrenici acuti e non deteriorati; (2) non era terapeutico per i pazienti cronici, il nostro coinvolgimento nelle controversie è diventato enorme, fino ad oggi anche se ogni studio che utilizzava lo stesso tipo di pazienti, gli stessi metodi e lo stesso regime, ha corroborato le nostre scoperte.


Le conclusioni raggiunte dal Dr. E. Cameron e Linus Pauling [4] sull'effetto benefico dell'acido ascorbico sull'esito del cancro terminale sono state altrettanto fortemente respinte dall'istituzione medica oncologa. La ragione principale della non accettazione delle conclusioni e della non accettazione delle nostre scoperte psichiatriche è molto semplice: Stiamo appena iniziando a emergere dal paradigma delle vitamine come prevenzione nel paradigma delle vitamine come trattamento. La psichiatria è semplicemente dieci o più anni indietro rispetto al resto delle scienze mediche.


I 5 stadi della scoperta delle Vitamine e il loro uso


Machlin [5] ha diviso la storia delle vitamine in cinque periodi. La prima fase fu presente dal 1500 aC circa nel 1900 d.C., quando fu osservato empiricamente che certi cibi prevenivano alcune malattie. Gli egiziani usavano il fegato per prevenire la cecità notturna. Gli indiani centroamericani hanno usato mais trattato e cotto appositamente per prevenire la pellagra per diverse migliaia di anni.


Il secondo periodo iniziò intorno al 1890 e continuò fino al 1910 circa. Durante questo periodo si stabilì il rapporto tra la mancanza di certi cibi e le malattie. È stato dimostrato che il riso levigato provoca il beri-beri. Naturalmente, se il riso integrale fosse rimasto l'alimento base della Marina giapponese, non ci sarebbe stato alcun problema e nessuna scoperta della tiamina come vitamina. Durante il primo periodo si è riconosciuto che alterare l'approvvigionamento alimentare naturale avrebbe prodotto malattie. Questa lezione è ancora imperfettamente compresa dalla maggior parte delle società moderne.


La terza fase dal 1900 al 1948 fu l'età d'oro della scoperta delle vitamine, l'isolamento e la sintesi delle vitamine. La quarta fase del 1933 iniziò con la prima sintesi commerciale della vitamina C e continua ancora oggi. Queste quattro fasi comprendono il paradigma delle vitamine come prevenzione. Questo paradigma divenne così fermamente stabilito che solo ora sta iniziando a indebolirsi con l'assalto di nuove informazioni.


La quinta fase è il riconoscimento degli effetti sulla salute oltre la prevenzione e nuove funzioni biochimiche. È il paradigma della vitamina come trattamento. Sta cominciando ad entrare nella professione medica, non è ancora stato accettato dalle scuole di medicina che rimangono molti anni indietro nell'insegnamento sulla nutrizione ed è ancora strettamente tenuto da dietisti e molti nutrizionisti, specialmente quelli che lavorano per le istituzioni.


L'introduzione di quest'ultima fase è stata accreditata da Machlin nel nostro articolo del 1955, che ha dimostrato che le megadosi di acido nicotinico diminuivano il colesterolo totale, con una diminuzione relativamente maggiore quanto maggiore era il livello ematico iniziale. Ha scritto: "In qualche modo ho arbitrariamente iniziato il quinto periodo con la relazione nel 1955 dell'effetto di abbassamento del colesterolo della niacina, che è una risposta ben accettata della vitamina che non ha nulla a che fare con il suo ruolo di coenzima ed è un chiaro effetto sulla salute oltre a prevenire la deficienza della malattia pellagra ". Avevo concluso molti anni fa che questa prima relazione sarebbe stata una delle scoperte più importanti che ci avrebbe portato nel paradigma moderno. È la prima vitamina approvata per l'uso in megadosi da parte della FDA, per abbassare il colesterolo, ma potrebbe anche essere utilizzata per qualsiasi altra indicazione inclusa la schizofrenia.


Il paradigma della vitamina come prevenzione 
Questo paradigma è descritto dalle seguenti regole o credenze:


1) Che le vitamine sono catalizzatori e quindi sono necessarie in dosi molto piccole poiché possono essere riciclate quasi indefinitamente.


2) Che sono necessarie solo per prevenire le malattie da carenza cioè malattie causate da una carenza di queste vitamine. La tiamina è necessaria per prevenire il beri beri, l'acido nicotinico è necessario per prevenire la pellagra e la vitamina C è necessaria per prevenire lo scorbuto.


Ne consegue quindi che qualsiasi uso di vitamine che disobbedisce a queste regole non è indicato e che da molte società mediche è stata considerata pratica non etica o negligenza. Se sono necessarie solo in piccole dosi, l'uso di grandi dosi deve essere vietato. Se sono usate solo per prevenire la malattia, qualsiasi uso per il trattamento di altre malattie deve essere vietato.


Per questi motivi, i requisiti normativi giornalieri sono stati sviluppati come guida per la società e le professioni. Sono invariabilmente piccole dosi basate su questo paradigma e su pochissime reali prove concrete della loro praticità e utilità. I sostenitori del paradigma di prevenzione hanno presentato un fronte duro e sicuro contro coloro che avrebbero infranto le sue regole facendo valere l'idea che non erano mai necessarie grandi dosi, che erano potenzialmente pericolosi (questi pericoli non erano mai chiaramente definiti e correlati al livello di dose, e l'altezza del sarcasmo che si scagliava contro i medici che usavano vitamine era che l'unica cosa che le vitamine avrebbero dovuto fare era arricchire l'urina e le acque in cui scorreva l'urina. Solo pochi mesi fa un medico attaccò alcune delle mie opinioni in una famosa rivista medica rivendicando che le acque intorno a Victoria devono essere ricche di vitamina C. Se avessi replicato, avrei aggiunto che è sempre meglio che arricchirle con antibiotici, tranquillanti, antidepressivi e le migliaia di farmaci che ora arricchiscono le acque. Un amico e un collega medico hanno perso la patente medica in Saskatchewan. Una delle accuse contro di lui è stata che ha dato a un paziente acido ascorbico per via endovenosa. Un altro è che ha diagnosticato un paziente schizofrenico con l'aiuto di un test sviluppato da Humphry Osmond che ho chiamato il test HOD [6]. Questo è un test percettivo molto utile che fornisce i livelli di probabilità per la presenza di schizofrenia.


Paradigma della vitamina-come-trattamento 
Questo paradigma contiene le seguenti nuove regole, basate su una buona quantità di prove:


1) Quelle dosi ottimali dovrebbero essere utilizzate sia nella prevenzione che nel trattamento e che queste dosi variano da molto piccole a molto grandi, cioè nell'intervallo di megavitaminici. Ad esempio per prevenire la pellagra si ha bisogno di circa 10 milligrammi di acido nicotinico al giorno, ma per evitare che i sintomi della pellagra cronica si ripresentino occorrerà quasi 1000 mg al giorno. Non ci sono dosi ottimali per l'intera popolazione. Dipende dall'età, dal sesso, dal tipo di malattia, dal tipo di stress, cioè dall'individuo. Dovremo determinare i livelli ottimali per gli schizofrenici, per le depressioni, per le artriti, per il lupus, per il cancro e così via. Questo è ben descritto da Roger Williams [7] nelle sue opere classiche sull'individualità biochimica. 
2) Che le vitamine possono avere un'attività che sembra non essere correlata alle loro proprietà come vitamine. Questo è stato un concetto molto difficile da accettare, ma l'introduzione della parola antiossidanti ha colpito una corda reattiva e molti medici che erano terribilmente timorosi di usare le vitamine non hanno avuto alcuna compunzione contro l'uso delle stesse vitamine come antiossidanti. Ciò si adatta alla visione sempre più diffusa secondo cui l'iperossidazione, la formazione di radicali liberi, è fondamentale nella patologia di un gran numero di condizioni tra cui il cancro, la senilità e così via.


L'assalto al paradigma della vitamina come prevenzione


È iniziato circa 55 anni fa con il rapporto dei pellagrologi americani che la pellagra cronica non poteva essere curata se non con dosi molto elevate di acido nicotinico; hanno usato 600 mg al giorno. È stato inoltre dimostrato che i cani sottoposti a dieta a base di pellagraca per lungo tempo non hanno più risposto a piccole dosi di questa vitamina. Erano diventati dipendenti e avevano bisogno di dosi molto più grandi.


Il successivo assalto a questo paradigma nacque dagli studi classici di William Kaufman [8] che riportarono in due libri prima del 1950 il marcato beneficio terapeutico per gli artritici somministrando loro dosi multigrammi di vitamina B-3 al giorno. Ma questo importante lavoro è stato ignorato e quasi nessun medico è consapevole di averlo mai fatto.


Il prossimo attacco venne da una direzione diversa, dal lavoro di Drs. Wilfred e Evan Shute [9] dell'Ontario che hanno dimostrato che dosi elevate di vitamina E somministrate per periodi di tempo adeguati sono state molto utili nel trattamento della malattia coronarica, delle ustioni e sono state utili nella prevenzione. Non sono stati ignorati. Erano quasi distrutti da una professione medica che ignorava completamente l'importanza del loro lavoro, non credevano che la vitamina E fosse una vitamina e sapevano con assoluta certezza che il loro lavoro era inutile. La Shute Clinic, ancora esistente, trattava oltre 30.000 pazienti da tutto il Nord America. L'agenda dei pochi tentativi di ripetere il loro lavoro era di mostrare quanto fosse inutile la vitamina E. Oggi i principali studi [10] che hanno confermato questo primo lavoro rifiutano costantemente di riconoscere il lavoro precedente di questi grandi pionieri, come se l'idea fosse spuntata di fresco dalle loro stesse fronti quando lanciarono gli studi sulla vitamina E di Harvard. Se le scoperte dei Shutes fossero state prese sul serio nel 1960, pensate all'enorme risparmio sulla salute umana, all'enorme diminuzione della miseria umana e all'enorme risparmio finanziario degli ultimi 35 anni.


Nei primi anni Cinquanta, il dott. Fred Klenner iniziò il suo lavoro su megadosi di vitamina C. Usava dosi fino a 100 grammi al giorno per via orale o endovenosa. Nei rapporti clinici ha registrato l'eccellente risposta che ha visto quando è stata somministrata in grandi dosi. Ha riferito, ad esempio, che i pazienti trattati con vitamina C non soffrivano di difetti residui della polio. In uno studio controllato in Inghilterra su 70 bambini, metà trattati con vitamina C e metà con placebo hanno mostrato che nessuno dei casi trattati ha sviluppato alcuna paralisi, mentre fino al 20% del gruppo non trattato lo ha fatto [11]. Questo studio non è stato pubblicato perché il vaccino Salk era appena stato sviluppato e nessuno era interessato alle vitamine. Il lavoro del Dr. Klenner è stato ignorato.


Tuttavia, solo dopo che Linus Pauling entrò in campo con il suo classico rapporto su Science nel 1968, l'uso di megadosi di vitamine ricevette una grande attenzione mondiale. Il pubblico e alcuni scienziati sono stati immediatamente attratti dalle sue conclusioni in tutto il mondo, mentre la professione medica in blocco lo ha scaricato dappertutto. La loro principale obiezione apparentemente era che non aveva un medico. Il dott. Pauling si interessò alle vitamine nel periodo in cui aveva deciso di andare in pensione. Aveva vinto il suo secondo Nobel senza riconoscimenti ed era stanco e frustrato dall'opposizione al suo lavoro per la pace. Si era fatto alcuni nemici potenti tra cui il senatore McCarthy di fama anti-comunista, e Joseph Stalin di fama comunista che considerava le sue opinioni sull'atomo direttamente opposte alla teoria comunista. Durante un incontro a New York nel 1966, io e il Dr. Irwin Stone incontrammo il dott. Pauling per la prima volta. Il dott. Stone aveva raccolto una grande collezione di carte sulla vitamina C (odiava la parola vitamina C e preferiva il termine più corretto acido ascorbico). Il Dr. Stone ha usato per la prima volta la parola megavitamina e la parola ipoascorbemia. Considerava lo scorbuto, non una malattia da deficienza, ma un errore metabolico. Lo esortai a pubblicare la sua recensione sull'acido ascorbico che fece diversi anni dopo [12]. Irwin sentì il dott. Pauling affermare che avrebbe desiderato poter vivere altri 25 anni perché la scienza stava facendo tante scoperte interessanti. Il dottor Stone gli scrisse e gli disse che avrebbe potuto raggiungere il suo obiettivo se avesse preso la vitamina C in megadosi. Il dottor Pauling la provò, era convinto perché si sentiva molto meglio e ha vissuto per altri 30 anni.


L'impeto principale dato da Linus Pauling al concetto di megadose di vitamina C stimolato da Irwin Stone ha finalmente portato questa vitamina all'accettazione pubblica e medica. Molti anni fa Linus Pauling concluse che le persone che assumevano acido ascorbico sarebbero vissute più a lungo [13]. Tutte le informazioni che abbiamo sull'acido ascorbico portano a questa conclusione. È quindi molto utile vedere effettivamente cosa può fare in pratica perché il test finale è pratico: funziona? In effetti, lo fa. Il Dr. James Enstrom [14], School of Public Health dell'Università della California a Los Angeles ha analizzato uno studio di dieci anni su 11.348 persone di età compresa tra 25 e 74 anni. Gli uomini che hanno consumato almeno 300 mg di acido ascorbico hanno subito il 41% di morti in meno durante questo periodo rispetto a quelli che ne hanno assunto solo 50 mg, nel loro cibo. Hanno vissuto in media 6 anni in più. Per le donne i risultati non furono così sorprendenti. Questa quantità di acido ascorbico non può essere ottenuta dalla sola dieta e dimostra che gli integratori sono essenziali. Se avessero usato le dosi di grammi ogni giorno, penso che i risultati sarebbero stati ancora più sorprendenti.


Il dr. AG Brox [15] e colleghi della McGill University hanno scoperto che due grammi di acido ascorbico quotidianamente hanno trattato con successo 7 pazienti su 11 con porpora trombocitopenica idiopatica (ITP). Erano tutti malati da più di due mesi e non avevano risposto agli adrenocorticosteroidi. Tre avevano avuto splenectomie. Quattro avevano fallito il trattamento aggiuntivo inclusi i trattamenti abituali correnti. Il loro rapporto era stato respinto dal New England Journal of Medicine, credo, perché erano stati coinvolti in una disputa con Linus Pauling. Si erano rifiutati di consigliargli se una lettera di confutazione che rispondeva al cancro di Mayo e agli studi sull'acido ascorbico che aveva presentato sarebbe stata pubblicata finché non li avesse minacciati di azione legale. Quindi lo hanno respinto. Ora ho un paziente con ITP sull'acido ascorbico che ha superato i cinque anni, ma solo finché rimane sul suo acido ascorbico. Se lo interrompe, il numero delle piastrine inizia ad affondare nel giro di poche settimane.


Linus Pauling [16] portò i concetti ortomolecolari nel campo del cancro e di nuovo sollevò un nido di ostilità. Per una buona discussione del suo lavoro vedi Hoffer [17]. Ma sono totalmente convinto che fosse corretto. I suoi numerosi rapporti scientifici sono stati molto impressionanti. I miei studi con Pauling [18] su 660 pazienti oncologici a partire dal 1978 sono stati confermativi.


La prima grande attenzione alle megadosi di vitamine ha seguito il nostro rapporto sull'effetto dell'acido nicotinico sul colesterolo, non perché lo avessimo segnalato ma perché è stato prontamente confermato dalla Mayo Clinic. Ero stato invitato dalla Fondazione Mayo a tenere una serie di conferenze sulla schizofrenia. Durante una cena ho detto al loro psichiatra capo sull'effetto dell'acido nicotinico sul colesterolo. Lo trasmise al capo della medicina alla presenza del suo anziano residente, il dott. WB Parsons Jr [19]. Il dott. Parsons è uno dei maggiori esperti nell'uso di megadosi di acido nicotinico. Il lavoro fu poi ripreso dal dott. E. Boyle, poi dal National Institute of Health e in seguito dal Coronary Drug Study, che alla fine stabilì l'acido nicotinico come trattamento di scelta per l'ipercolesterolemia.


Durante quel periodo Humphry Osmond e io pubblicammo il nostro secondo libro, "How To Live With Schizophrenia" [20]. Un paziente californiano [21] aveva recuperato con il trattamento ortomolecolare avendo fallito con il meglio che la California potesse offrire in quattro anni. Suo padre era così grato che decise di educare ogni medico nella sua comunità. Lo fece distribuendo copie del nostro libro. Uno di questi capitò nelle mani di uno psichiatra. Il dottor Pauling un pomeriggio lo andò a trovare e vide il libro sul suo tavolino da caffè. Cominciò a leggerlo, lo prese in prestito e lo finì al mattino. Andò a letto pensando ancora di andare in pensione e si alzò il giorno dopo, deciso che sarebbe entrato in questo nuovo campo di terapia megavitaminica. Era affascinato dalle grandi dosi di vitamina B-3 che stavamo usando con sicurezza. Ciò portò al suo rapporto su Science [22] e al suo straordinario contributo alla teoria della terapia dei meganutrienti, all'uso della vitamina C per le infezioni virali e di altro tipo, per il suo recente contributo al problema del colesterolo e delle malattie cardiache. Il dott. Pauling ha dato il massimo contributo individuale al rovesciamento del vecchio paradigma e alla sua sostituzione con il più recente, più accurato e utile.


La terapia con megavitaminici è stata ignorata dalla medicina in generale ed è stata denigrata dalla psichiatria. Solo dopo che il dott. Pauling entrò nella mischia, la grande professione se ne accorse, ma poi anche questa divenne molto ostile e critica, specialmente dopo che apparve il primo libro sul raffreddore comune del dott. Pauling. Il National Institute of Mental Health finanziò uno studio nel New Jersey sotto la direzione del Dr. Wittenborn, uno psicologo di ricerca. Avevano prima contattato uno psichiatra a St. Louis, che accettò di fare lo studio se fossi coinvolto come consulente. Quindi il NIMH si rivolse al New Jersey. Lo studio di Wittenborn era in doppio cieco ed era un tentativo di ripetere i nostri studi controllati in doppio cieco originariamente iniziati un decennio prima. Il Dr. Wittenborn nel suo primo rapporto rilevò che non vi era alcuna differenza tra il placebo e il gruppo trattato. Avevamo affermato che funzionava meglio per i pazienti in fase iniziale o acuta e non aiutava quelli molto cronici. Lo studio di Wittenborn [23] verteva principalmente su questi casi cronici. Più tardi il Dr. Wittenborn ha riesaminato i suoi risultati estrapolando i primi casi come avevamo fatto, e nel suo secondo rapporto ha mostrato di avere gli stessi risultati che avevamo avuto noi. Il suo primo rapporto fu accolto con grida di entusiasmo dal NIMH e in seguito dall'American Psychiatric Association quando fecero il loro rapporto sulla task force su Megavitamine e Psichiatria Ortomolecolare. Il suo secondo rapporto venne accolto da un freddo silenzio e potrebbe essergli costato un ulteriore sostegno. Il suo secondo lavoro non è mai stato citato dai critici della terapia megavitaminica.


L'American Psychiatric Association chiamò Humphry Osmond e me prima della loro commissione per l'etica perché avevo pubblicato sul giornale della California. Dopo un vigoroso dibattito di mezza giornata più di 20 anni fa a Washington, ci dissero che avrebbero preso una decisione in poche settimane. Stiamo ancora aspettando. Tuttavia, hanno effettivamente ucciso l'interesse nell'uso delle vitamine per il trattamento della schizofrenia quando hanno pubblicato il loro rapporto irresponsabile e imperfetto [24]. L'APA ha la maggiore responsabilità nel prevenire l'introduzione di un trattamento che avrebbe salvato milioni di pazienti dalle devastazioni della schizofrenia cronica. Proprio come un tempo l'APA era stato catturato dalla psicoanalisi, ora è stata catturata dai tranquillanti (neurolettici o antipsicotici detti tranquillanti maggiori ndt).


L'acido folico è un'altra vitamina idrosolubile sicura. È stato usato in dosi fino a 15 mg al giorno. È stato riportato che questa dose ha causato disturbi gastrointestinali, ma in un altro studio con la stessa dose questo non è stato osservato. La maggior parte dei pazienti non ha bisogno di più di 5 mg. Recentemente è stato dimostrato che le donne daranno alla luce bambini con spina bifida e difetti del tubo neurale simili (NTD) molto meno frequentemente se assumono acido folico supplementare, 1 mg al giorno. Generalmente raccomando 5 mg al giorno. La dottoressa Smithells [25] nel 1982 ha dimostrato che dare alle donne incinte acido folico in più riduce l'incidenza di NTD. In precedenza aveva misurato il livello di folato globuli rossi e di vitamina C a cellule bianche delle madri che avevano avuto bambini affetti da NTD e hanno scoperto che erano inferiori in entrambi.


La reazione immediata ai risultati originali è stata di forte incredulità e ostilità, e l'estabilisment medico si è rifiutato di consigliare alle donne di assumere acido folico fino a che non fosse stato fatto il numero richiesto di esperimenti in doppio cieco. Alla fine sono rimasti soddisfatti 11 anni dopo, culminando con un rapporto nel J. American Med. Ass. nel 1989. L'acido folico forniva protezione per la maggior parte delle cause del difetto. Anche nelle donne con una storia familiare, la frequenza dei bambini con i difetti era più di cinque volte maggiore - 18 su 1000 contro 3,5 su 1000, nelle donne che non assumevano la vitamina nelle prime sei settimane di gravidanza. Quanti bambini avrebbero potuto essere salvati con una soluzione così semplice? Anche se i risultati originali fossero stati errati, quale danno avrebbe fatto per consigliarli immediatamente riguardo a questo importantissimo risultato? Sono rimasto sbalordito nel 1981 dalla veemenza della reazione di medici e nutrizionisti, e sono ancora stupito. Gli studi recenti hanno mostrato che l'acido folico diminuiva di NTD del 75%. Se fossero state utilizzate anche tutte le altre vitamine, sono certo che la cifra sarebbe più vicina al 100%.


Non riesco a ricordare negli ultimi 40 anni una singola paziente femmina che assume vitamine che ha dato alla luce un bambino con un difetto congenito. Sono stato in grado di consigliare a tutti loro che non solo non avrebbero danneggiato il loro bambino in via di sviluppo assumendo vitamine, ma che le loro possibilità di dare alla luce un bambino difettoso sarebbero notevolmente diminuite. Mi è stato spesso chiesto questo dai miei pazienti ai quali i loro medici avevano detto che dovevano interrompere tutte le loro vitamine durante la gravidanza. Hanno considerato le vitamine come droghe tossiche. Mi viene ancora posta la stessa domanda per lo stesso motivo oggi.


Tuttavia, i governi possono imparare e rispondere. Ora è ufficiale che le donne in gravidanza debbano assumere ulteriore acido folico per prevenire la spina bifida e altri difetti alla nascita. Il servizio sanitario pubblico americano ha pubblicato il seguente avviso: "Al fine di ridurre la frequenza dei NTD (difetti del tubo neurale) e la loro conseguente disabilità, il servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti raccomanda che: Tutte le donne in età fertile in grado di rimanere incinta dovrebbero consumare 0,4 mg di acido folico al giorno allo scopo di ridurre il rischio di avere una gravidanza colpita da spina bifida o altri NTD ". Questo importo non viene fornito dalla maggior parte delle diete e richiede un supplemento. Apparentemente il Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti sta considerando di fortificare il pane con acido folico. L'acido folico viene distrutto dal calore ma una parte sopravviverà.


Negli Stati Uniti circa 25.000 bambini nascono ogni anno con la spina bifida. In Canada è stato stimato che ciascuno di questi bambini avrà un costo di circa $ 40.000 quando avranno 14 anni. Dare alle donne l'acido folico all'inizio della loro gravidanza avrebbe evitato forse 3/4 di queste nascite. In più di dieci anni, mentre gli scienziati prudenti discutevano se l'acido folico fosse abbastanza sicuro ed efficace, nacquero 250.000 bambini per un costo totale di 10 miliardi di dollari (in oltre dieci anni). L'acido folico per pochi centesimi al giorno avrebbe potuto risparmiare agli Stati Uniti 7,5 miliardi di dollari in questo periodo di dieci anni. Il risparmio in dollari per la salute pubblica sarà enorme. I rifiuti in questo lungo ritardo sono imperdonabili, poiché l'acido folico è totalmente sicuro e potrebbe essere stato somministrato a tutte le donne incinte oltre dieci anni fa. Questo è il costo dell'inattività. 


Conclusione


Il paradigma delle vitamine come trattamento si sta sviluppando molto rapidamente e assorbirà il paradigma della vitamina come prevenzione che non è più necessario. Le vitamine sono importanti sostanze nutritive che verranno utilizzate in dosi ottimali, piccole o grandi, per condizioni che reagiscono indipendentemente dal fatto che siano considerate malattie da carenza di vitamine. Solo i medici fossilizzati che sono stati i più potenti antagonisti della nuova medicina continuano ad aderire al vecchio, assolutamente inadeguato paradigma. Ma ci sono ancora medici che si chiedono se la vitamina B-3 è il trattamento corretto per la pellagra. Continueranno a promuovere le loro vecchie idee e le sosterranno producendo tossicità. Di norma, quando non ci sono tossicità, è semplice inventarle, come la vitamina C provoca calcoli ai reni o danneggia il fegato, o interferisce con il trattamento del diabete e così via. Ogni mese sento nuove tossicità che mi sorprendono e mi deliziano totalmente perché indicano quanto possano essere fantasiosi i miei colleghi. 
A. Hoffer, MD, Ph.D.


RIFERIMENTI


[1] Altschul R, Hoffer A & Stephen JD: Influence of Nicotinic Acid on Serum Cholesterol in Man. Arch Biochem Biophys 54:558-559, 1955.
[2] Parsons WB Jr, Achor RWP, Berge KG, McKenzie BF & Barker NW: Changes in Concentration of Blood Lipids Following Prolonged Administration of Nicotinic Acid to Persons With Hypercholesterolemia: Prelimary Observations. Proc. Mayo Clinic 31:377-390, 1956.
[3] Hoffer A, Osmond H, Callbeck MJ & Kahan I: Treatment of Schizophrenia with Nicotinic Acid and Nicotinamide. J Clin Exper Psychopathol 18:131-158, 1957.
[4] Cameron E & Pauling L: Cancer and Vitamin C. W. W. Norton & Co. New York, 1979. Updated and Expanded Cancer and Vitamin C, E. Cameron and L. Pauling, Camino Books, Inc., P.O. Box 59026, Phila., PA 19102, 1993
[5] Machlin LJ: Introduction. Beyond Deficiency. New Views on the Function and Health Effects of Vitamins. Annals, New York Academy of Sciences 669:1-6, 1992.
[6] Hoffer A, Kelm H & Osmond H: The Hoffer-Osmond Diagnostic Test. RE Krieger Pub Co., Huntington, New York, 1975. Available from Behavior Science Press, Institute for Social and Educational Research, 3710 Resource Dr., Tuscaloosa, AL 35401-7059.
[7] Williams RJ: Nutrition Against Disease, Pitman Publishing Co. New York, 1971.
Williams RJ: You Are Extraordinary. Random House, Inc. New York, 1967.
Williams RJ: Physicians Handbook of Nutritional Science, C. C. Thomas, Springfield, IL, 1975.
[8] Kaufman W: Common Forms of Niacinamide Deficiency Disease: Aniacin Amidosis. Yale University Press, New Haven, CT 1943.
Kaufman W: The Common Form of Joint Dysfunction: Its Incidence and Treatment. E.L. Hildreth and Co., Brattelboro, 1949
[9] Shute EV: The Heart and Vitamin E. The Shute Foundation for Medical Research, London, Canada, 1969.
Shute WE & Taub HJ: Vitamin E for Ailing and Healthy Hearts. Pyramid House, New York, 1969.
Shute WE: Vitamin E Book. Keats Publishing, New Canaan, CT, 1978
[10] Stampfer MJ, Hennekens CH, Manson J, Colditz GA, Rosner B & Willett WC: Vitamin E consumption and the risk of coronary disease in women. New England J. Med. 328:1444-1449, 1993.
Rimm EB, Stampfer MJ, Ascherio A, Giovannucci E, Colditz GA & Willett WC: Vitamin E consumption and the risk of coronary heart disease in men. New England J Med 28:1450-1456, 1993.
[11] Gould, Jonathan: Private Communication to me in London, England, in 1954.
[12] Stone I: The Healing Factor, Vitamin C Against Disease. Grosset and Dunlap, New York, 1972
[13] Pauling L: How To Live Longer and Feel Better. W. H. Freeman, New York, 1986.
[14] Enstrom JE, Kanim LE & Klein MA: Vitamin C Intake and Mortality among a Sample of the United States Population. Epidemiology 3:194-202, 1992.
[15] Brox AG, Howson-Jan KJ & Fauser AA: Treatment of idiopathic thrombocytopenic purpura with ascorbate. Br. J Haematology 70:341-344, 1988.
[16] Cameron E: Protocol for the use of vitamin C in the treatment of cancer. Medical Hypothesis 36:190-194, 1991.
Cameron E & Campbell A: The orthomolecular treatment of cancer II. Clinical trial of high-dose ascorbic supplements in advanced human cancer. Chemical- Biological Interactions 9:285-315, 1974.
Cameron E & Campbell A: Innovation vs quality control: an "unpublishable" clinical trial of supplemental ascorbate in incurable cancer. Medical Hypothesis 36:185-189, 1991.
Campbell A, Jack T & Cameron E: Reticulum cell sarcoma: two complete "spontanous"; regressions, in response to high-dose ascorbic acid therapy. A report on subsequent progress. Oncology 48:495-497, 1991.
[17] Hoffer J: Nutrients as Biologic Response Modifiers. Adjuvant Nutrition in Cancer Treatment. Ed. P. Quillin & R. M. Williams. 1992 Symposium Proceedings, Cancer Treatment Research Foundation and American College of Nutrition, Cancer Treatment Research Foundation, 3455 Salt Creek Lane, Suite 200, Arlington Heights, IL 60005-1090, 1993
[18] Hoffer A & Pauling L: Hardin Jones Biostatistical Analysis of Mortality Data for Cohorts of Cancer Patients with a Large Fraction Surviving at the Termination of the Study and a Comparison of Survival Times of Cancer Patients Receiving Large Regular Oral Doses of Vitamin C and Other Nutrients with Similar Patients not Receiving those Doses. J Orthomolecular Medicine 5:143-154, 1990.
Hoffer A & Pauling L: Hardin Jones Biostatistical Analysis of Mortality Data for a Second Set of Cohorts of Cancer Patients with a Large Fraction Surviving at the Termination of the Study and a Comparison of Survival Times of Cancer Patients Receiving Large Regular Oral Doses of Vitamin C and Other Nutrients with Similar Patients Not Receiving These Doses. Journal of Orthomolecular Medicine 8:1547-167, 1993.
Hoffer A: Orthomolecular Oncology. In, Adjuvant Nutrition in Cancer Treatment. Ed. P. Quillin & R. Michael Williams, Cancer Treatment Research Foundation, 3455 Salt Creek Lane, Suite 200, Arlington Heights, IL 60005-1090, 1994.
[19] Parsons WB Jr: Clinical Alternatives Chap 8. In, Coronary Heart Disease. The Dietary Sense and Nonsense. An Evaluation by Scientists. Ed. G.V. Mann, Janus Publishing Company, London, England, pages 119-135, 1993.
[20] Hoffer A & Osmond H: How To Live With Schizophrenia. University Books, New York, NY, 1966. Also published by Johnson, London, 1966. Written by Fannie Kahan. New and Revised Edition, Citadel Press, New York, NY, 1992.
[21] Hoffer A: Five California Schizophrenics. J Schizophrenia 1:209-220, 1967.
[22] Pauling L: Orthomolecular Psychiatry. Science 160:265- 271, 1968.
[23] Wittenborn JR, Weber ESP & Brown M: Niacin in the long term treatment of schizophrenia. Arch Gen Psychiatry 28:308-15, 1973. Wittenborn JR: A Search for Responders to Niacin Supplementation. Arch Gen Psych 31:547-552, 1974.
[24] Hoffer A & Osmond H: In Reply to The American Psychiatric Association Task Force Report on Megavitamin and Orthomolecular Therapy in Psychiatry. Canadian Schizophrenia Foundation, Regina, SK, now at 16 Florence Ave., Toronto, ON, Canada M2N 1E9. August 1976.
[25] Smithells RW: Prevention of Neural Tube Defects by Vitamin Supplements. Ed. John Dobbing, Academic Press, New York, 53-84, 1983.


Vitamina C guarì polio durante l'epidemia del 1948 - 49.


La vitamina C supera i vaccini. 


La vitamina C protegge dal Coronavirus 

La rivista medica raccomanda la vitamina C per COVID-19 e la sindrome da distress respiratorio acuto correlata



Alcuni integratori di vitamina C consigliati dallo staff di 
Vivere in modo naturale




Vitamina C - 1000 Voto medio su 28 recensioni: Da non perdere
€ 16,00

C Cristallina - Vitamina C - Aroma Limone
Integratore alimentare di Vitamina C con edulcorante
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 18,00

Vitamina C Plus - Integratore di Vitamina C e Boflovanoidi Vegetali
Integratore alimentare a base di vitamina C e bioflovanoidi vegetali
Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere
€ 21,51

Vitamina C 500 con Rosa Canina
Vitamina C e rosa canina
Voto medio su 34 recensioni: Da non perdere
€ 18,50

Vitamina C 500
Integratore alimetare a base di Vitamina C
Voto medio su 53 recensioni: Da non perdere
€ 13,00

Rose Vita C 1000 - Integratore di Vitamina C e Rosa Canina
€ 23,20

Vita-C Immuno - Integratore con Vitamina C, Rosa Canina ed Echinacea
Contribuiscono alla normale funzione del sistema immunitario
€ 18,00
Vitamina C1 - Sodio L-Ascorbato - Integratore di Vitamina C in Polvere
Integratore alimentare a base di Vitamina C
Voto medio su 37 recensioni: Da non perdere
€ 30,50

Vitamin C Santè - Acido Ascorbico - Integratore di Vitamina C in Polvere
Integratore alimentare a base di Vitamina C
Voto medio su 103 recensioni: Da non perdere
€ 34,00
Vitamina C 500 - Integratore a base di Vitamina C, Acerola e Rosa Canina
Aiuta anche l'organismo a liberarsi più in fretta di influenza, tosse e raffreddore e ritrovare la normale omeostasi
Voto medio su 91 recensioni: Da non perdere
€ 15,50

Amocamu - Vitamina C
Complemento alimentare di Vitamina C
Voto medio su 20 recensioni: Da non perdere
€ 18,90

Natural Vitamin C - Integratore Alimentare con Vitamina C, Acerola, Amla e Rosa canina
Supporto del sistema immunitario
Voto medio su 47 recensioni: Da non perdere
€ 31,50

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento