Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

sabato 25 marzo 2017

I medici continuano a spingere non testati “vaccini combinati”, anche se stanno uccidendo i nostri bambini

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
Natural News ) Sembra che l'industria farmaceutica stia cercando di stipare il maggior numero di vaccini come umanamente possibili in una siringa e pubblicizzare questi vaccini combinati come sicuri ed efficaci. In realtà, tuttavia, un numero crescente di professionisti medici sono preoccupati che la somministrazione di troppe vaccinazioni per un bambino in una sola volta aumenti la loro probabilità di soffrire per una reazione avversa.
(Articolo di Christina England dal  healthimpactnews.com )
Ciò vale in particolare per le vaccinazioni di combinazione, e sembra che i timori di medici professionisti siano giustificati, in quanto, nel corso degli anni, la storia ha dipinto un quadro molto preoccupante.

La storia dimostra che i vaccini di combinazione non siano sicuri

Nell'ottobre 2000, la vaccinazione 6-in-1 Hexavac è stato concesso in licenza per l'uso in Europa. Il vaccino prodotto da Sanofi Pasteur è stato formulato come una vaccinazione combinazione che combina il vaccino difterite, vaccino contro il tetano, pertosse acellulare, ricombinante del virus dell'epatite B vaccino antigene di superficie, il vaccino inattivato della poliomielite e il vaccino influenzale Haemophilus in una siringa.
Solo cinque anni dopo, tuttavia, la vaccinazione è stata ritirata dall'uso da parte dell'Agenzia europea per i medicinali per “ragioni commerciali”.   Tuttavia, il dottor Klaus Hartmann crede che il vaccino è stato ritirato per ragioni molto diverse. In un documentario del 2015, intitolato We Do not vaccinare - Mito e realtà delle campagne di vaccinazione , ha spiegato le sue ragioni e i perché. 

Per pagare per un collegamento al film completo clicca qui . Guarda in HD / 1080p.
Ordine DVD:
Il dottor Hartmann ha lavorato per il rilascio delle licenze al Paul-Ehrlich-Institut ed è stato responsabile della sicurezza del vaccino. Egli non era contrario alla vaccinazione; tuttavia, egli era preoccupato per le adiuvanti di alluminio contenute nei vaccini ed era particolarmente preoccupato per la vaccinazione 6-in-1 Hexavac perché aveva notato un massiccio aumento del numero di bambini che soffrono di reazioni avverse. Egli ha dichiarato che:
Qui abbiamo avuto un altro problema con Hexavac. Un patologo aveva autopsia di un bambino che era morto due giorni prima, dopo aver ricevuto il vaccino Hexavac. Egli ha scoperto che il bambino aveva un cervello in maniera massiccia gonfio, qualcosa che non aveva mai incontrato prima nella sua carriera come patologo. Diversi i casi che sono stati menzionati ; non era solo questo un bambino.
Questa osservazione aveva sollevato preoccupazioni del dottor Hartmann, in quanto, al momento, il vaccino era stato concesso in licenza come sicuro in Europa. Ha spiegato che gli esperti hanno discusso il vaccino in modo approfondito durante gli incontri e avevano deciso che non era saggio collegare il vaccino per la morte di questi bambini, perché politicamente, non si è ritenuto, “una cosa intelligente da fare, per non danneggiare il pubblico della fiducia nelle vaccinazioni.”
Di conseguenza, il dottor Hartmann si è dimesso dal suo incarico, e un anno dopo, la messa a fuoco la rivista ha affermato che il tasso di mortalità tra i bambini vaccinati nelle prime 48 ore dopo la vaccinazione con Hexavac è stato di 2,5 volte superiore rispetto alla mortalità media in questa fascia di età.
Un anno dopo, Hexavac è stato tolto dal mercato e scomparve per sempre. Nel giro di pochi mesi, uno studio intitolato lo studio Token è stato pubblicato, che, secondo il giornalista investigativo austriaco Bert Ehgartner, era uno scandalo e in una classe tutta sua. Egli ha spiegato che:
Naturalmente la gente è diventata molto inquieta semplicemente perché la probabilità di morte a seguito di una vaccinazione aveva dimostrato di triplicare, quindi non si sono seduti nelle sale delle conferenze, si chiedono come potrebbero gestire la situazione. Per fortuna, hanno avuto buoni consiglieri perché questi idioti presso l'Istituto Robert Koch hanno avuto il loro studio finanziato completamente dai produttori di vaccini, che è per questo che quando tutto questo è successo hanno dovuto comunicare immediatamente la loro industria sponsor, per i più volevano avere a disposizione esperti per avere a che fare con l'aspetto delle relazioni pubbliche delle vaccinazioni, che naturalmente sono impiegati dai produttori dei vaccini stessi.
Lui continuò:
La pubblicazione dei risultati dello studio è stata ritardata di due anni, come l'industria farmaceutica ha dovuto tenere numerosi incontri e conferenze per affrontare la questione. Infine, hanno annunciato che era tutto a posto, che assolutamente nulla fosse accaduto di non etico, semplicemente rimescolati i  dati e ridefiniti i parametri, hanno semplicemente usato le statistiche per rendere il legame tra le vaccinazioni e le vittime scomparse.
Confermando l'informazione che era stata trasmessa dal dottor Hartmann, Rolf Kron, MD, ha spiegato che la versione più completa inglese dello studio Token ha detto che centinaia di morti si erano verificati dopo la vaccinazione. Egli ha dichiarato che:
Quando si cerca attraverso la banca dati del Paul-Ehrlich-Institut, troverete pochissimi morti e casi sospetti, elencati. Allo stesso tempo, costante menzione del fatto che non è ancora chiaro se questi casi siano davvero correlati al vaccino.
Se ora, per esempio, non v'è alcun aumento del numero di morti tra il quarto e il settimo giorno dopo la vaccinazione, allora solo questo è menzionato nei documenti medici. Quando però, diamo uno sguardo ai giorni prima e dopo questo periodo per scoprire ciò che il tasso di mortalità è, vediamo all'improvviso un enorme aumento.
Nella versione tedesca più corta, si afferma solo che i vaccini sono sicuri e che i vaccini multipli non pongono alcun rischio significativo di un aumento del tasso di mortalità infantile.

Un'altra vaccinazione letale 6-in-1 si scatena

Nel 2011, le notizie trapelate su un altra pericolosa vaccinazione 6-in-1, che era stata anche concessa in licenza come sicura ed efficace.
I rapporti hanno rivelato che un confidenziale documento GlaxoSmithKline era trapelato alla stampa, che ha svelato il fatto che entro un periodo di due anni, per un totale di 36 bambini erano morto dopo aver ricevuto la vaccinazione 6-in-1, Infanrix Hexa.
Secondo l'Iniziativa Citoyenne sito web, un documento di 1.271 pagine, aveva rivelato che GlaxoSmithKline ha ricevuto un totale di 1.742 segnalazioni di reazioni avverse tra il 23 ottobre 2009 e il 22 ottobre, 2011, tra cui 503 gravi reazioni avverse e 36 morti. L'iniziativa Citoyenne ha dichiarato:
Non è che i 14 morti sono stati registrati da GSK tra ottobre 2009 e la fine di ottobre 2011, come inizialmente avevamo calcolato ma 36 (14 2010-2011 e 22 2009-2010). In aggiunta a queste 36 morti almeno 37 altri morti (morte improvvisa principalmente), per un totale di almeno 73 morti dal lancio del vaccino nel 2000, e di nuovo, ciò riguarda esclusivamente la morte con la morte improvvisa, un ulteriore recupero di sotto-segnalazione.
Usando la cifra di 36 morti nel corso di un periodo di due anni, le cifre in media sono 1,5 morti al mese, che sono sicuro la maggior parte sarà d'accordo in un tasso estremamente alto. Va inoltre notato che solo l'1 e il 10% delle reazioni avverse ai vaccini sono effettivamente riportate. Quindi, in realtà, il problema potrebbe essere potenzialmente molto più grave e il numero effettivo di morti sarebbe potuto essere molto più alto.

Il cocktail chimico mortale

grafici hanno rivelato che molti dei bambini che erano scomparsi erano morti entro i primi giorni di somministrazione del vaccino. Un totale di tre neonati sono stati segnalati per essere morti poche ore dopo la somministrazione del vaccino.
Questo non era certo sorprendente, dati gli ingredienti della vaccinazione, che sono stati elencati sul GSK Infanrix Hexa informazioni sul prodotto illustrativo.
Purtroppo, non è solo il 6-in-1 vaccinazione che si ritiene avrebbe ucciso i nostri figli, perché, secondo i rapporti, più morti sono anche avvenuti dopo le vaccinazioni 5-in-1.

Rapporti dall' India

Verso la fine del 2016, una marea di segnalazioni provenienti dall' India hanno rivelato che 237 bambini erano morti dopo essere stati vaccinati con pentavalente vaccinazione (5-in-1) 
Nel mese di novembre 2016, il sito web SundayGuardianLive ha pubblicato un articolo dal titolo 237 morti per il vaccino pentavalente e stiamo ancora contando . L'autore, pediatra Jacob Puliyel, ha rivelato che, dopo la presentazione di una libera relazione informativa, sono rimasto scioccato di apprendere che:
Sotto Diritto di informazione sappiamo che fino ad agosto 2016 ci sono stati 237 decessi segnalati al governo qui entro 72 ore dalla vaccinazione con pentavalente. Abbiamo esaminato decessi in stati che stavano dando DPT e vaccini pentavalente contemporaneamente.
Come previsto, le cifre reali non sono mai state rivelate al pubblico e il link alla vaccinazione è passato dall'essere probabile “improbabile” in modo estremamente rapido. Ha scritto:
Ci sono stati tre morti in seguito all'uso del vaccino pentavalente in Sri Lanka. Il governo dello Sri Lanka ha sospeso l'uso del vaccino. esperti che hanno studiato le morti. Hanno trovato che c'era una chiara associazione temporale delle morti per il vaccino (OMS Terminologia, il che significa la morte seguita subito dopo la vaccinazione) e non c'era alcuna spiegazione alternativa per i morti. Secondo il protocollo standard nelle indagini dei morti da vaccino, queste morti avrebbero dovuto essere dichiarate come 'probabilmente' causate dal vaccino pentavalente. Gli esperti hanno esitato di fronte alla prospettiva di dare una tale relazione. Nessun paese userebbe questo vaccino dopo. Invece hanno scritto nel loro rapporto che stavano cancellando 'probabile' e 'possibile' dalla classificazione standard. Il rapporto sostiene che anche se è stato probabilmente legato al vaccino, che stavano segnalando come “improbabile” essere correlato alla vaccinazione. Il rapporto completo non è stato pubblicato online, solo la conclusione è stata resa pubblica.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento