Shadowbox Effect L'alluminio delle vaccinazioni resta nel corpo, e può fare danni anche dopo dieci anni! Come nel caso della MIOFASCITE MACROFAGICA. | Vivere in modo naturale

sabato 30 dicembre 2017

L'alluminio delle vaccinazioni resta nel corpo, e può fare danni anche dopo dieci anni! Come nel caso della MIOFASCITE MACROFAGICA.

stampa la pagina
alluminio-vaccini-resta-in-corpo-danni-anche-dopo-dieci-anni

L'alluminio delle vaccinazioni resta nel corpo, e può fare danni anche dopo dieci anni! Come nel caso della MIOFASCITE MACROFAGICA.



Articolo segnalato dal fisico Corrado Penna.

Traduzione a cura di Vivere in modo naturale 
lendingtree .com

La miofascite macrofagica è una nuova malattia scoperta negli anni ’90 del secolo scorso. Uno dei primi articoli su di essa Macrophagic myofasciitis: an emerging entity [1] la descrive come una nuova forma di malattia infiammatoria dei muscoli, distinta dalla polimiosite a la polimialgia reumatica. lendingtree .com

Nel 2001 un gruppo di ricerca guidato dallo stesso medico, scopre che tale malattia è dovuta alla presenza di alluminio nel muscolo. 

Nel loro articolo Macrophagic myofasciitis lesions assess long-term persistence of vaccine-derived aluminium hydroxide in muscle [2] leggiamo che tale malattia, che si presenta in pazienti con artromialgia diffusa e fatica, è caratterizzata dall’infiltrazione nel muscolo di macrofagi e linfociti. 

Inoltre sono state notate intrusioni all’interno del citoplasma dei macrofagi, di idrossido di alluminio, composto stimolatore del sistema immunitario frequentemente utilizzato come adiuvante nei vaccini

I ricercatori hanno riprodotto la malattia nei ratti somministrando idrossido di alluminio e si sono resi conto che l’iniezione intramuscolo di vaccini contenenti idrossido d’alluminio causano una lunga persistenza di tale sostanza nel corpo del soggetto vaccinato.

A simili risultati è giunta un’altra équipe di ricercatori che ha pubblicato l’articolo Macrophagic myofaciitis a vaccine (alum) autoimmune-related disease [3] nel quale si legge che la persistenza dell’alluminio nei muscoli, che può generare la malattia, dura fino a 10 anni e più.



1) Lancet 1998 Aug 1;352(9125):347-52, autori Gherardi RK, Coquet M, et al.;

Miofascite macrofagica: un'entità emergente.

Groupe d'Etudes et Recherche sur les Maladies Musculaires Acquises et Dysimmunitaires (GERMMAD) de l'Association Française contre les Myopathies (AFM).

Astratto

SFONDO:

METODI:

RISULTATI:

INTERPRETAZIONE:





2) Brain 2001 Sep;124(Pt 9):1821-31, autori Gherardi RK, Coquet M et al.

Le lesioni di miofascite macrofagica valutano la persistenza a lungo termine di idrossido di alluminio derivato da vaccino nel muscolo.





Astratto
La miofascite macrofagica (MMF) è una condizione emergente di causa sconosciuta, rilevata in pazienti con artromialgia diffusa e affaticamento, e caratterizzata da infiltrazione muscolare da parte dell'acido periodico granulare - macrofagi e linfociti reagenti positivi di Schiff. Inclusioni intracitoplasmatiche sono state osservate nei macrofagi di alcuni pazienti. Per valutare il loro significato, la microscopia elettronica è stata eseguita in 40 casi consecutivi e l'analisi chimica è stata eseguita mediante microanalisi e spettrometria di assorbimento atomico. Le inclusioni venivano costantemente rilevate e corrispondevano all'idrossido di alluminio, un composto immunostimolante frequentemente usato come adiuvante del vaccino. Una componente linfocitica è stata costantemente osservata nelle lesioni MMF. I test sierologici erano compatibili con l'esposizione a vaccini contenenti idrossido di alluminio. L'analisi della storia ha rivelato che 50 su 50 pazienti avevano ricevuto vaccini contro il virus dell'epatite B (86%), il virus dell'epatite A (19%) o il tossoide del tetano (58%), 3-96 mesi (36 mesi mediani) prima della biopsia. Le mialgie diffuse erano più frequenti nei pazienti che senza una lesione da MMF alla biopsia muscolare deltoidea (P <0,0001). L'esordio della mialgia era successivo alla vaccinazione (mediana di 11 mesi) nel 94% dei pazienti. La lesione MMF è stata riprodotta sperimentalmente nei ratti. Concludiamo che la lesione MMF è secondaria all'iniezione intramuscolare di vaccini contenenti idrossido di alluminio, mostra sia la persistenza a lungo termine dell'idrossido di alluminio che una continua reazione immunitaria locale, ed è rilevata in pazienti con sintomi sistemici che sono apparsi successivamente alla vaccinazione.

3) Clinical Review in Allergy and Immunology 2011 Oct;41(2):163-8, autori Israeli E, Agmon-Levin N, Blank M, Shoenfeld Y; 

Miofacite macrofagica: una malattia correlata all'autoimmunità del vaccino (allume).


Astratto
La miofascite macrofagica (MMF) è una condizione immuno-mediata riportata per la prima volta nel 1998. L'MMF è caratterizzata da manifestazioni sistemiche post-vaccinazione e da lesioni stereotipate localmente e immunologicamente attive nel sito di inoculazione (muscolo deltoide). I sintomi sistemici di MMF includevano mialgia, artralgia, marcata astenia, debolezza muscolare, stanchezza cronica e febbre. Recentemente, gli studi hanno dimostrato che la lesione locale è dovuta alla persistenza per anni nel sito di iniezione di un adiuvante di alluminio (Al (OH) 3 comunemente usato nei vaccini umani. Il tempo trascorso dall'ultima immunizzazione con un vaccino contenente Al (OH) 3 alla biopsia muscolare varia da 3 mesi a 8 anni; in rari casi, la MMF può essere diagnosticata anche 10 anni dopo la vaccinazione. La discrepanza tra le vaste applicazioni di vaccini contenenti idrossido di alluminio e il numero molto limitato di casi di MMF riportati può essere risolta con osservazioni che suggeriscono che vaccinazioni contenenti alluminio possano scatenare l'MMF in soggetti geneticamente predisposti che trasportano l'HLA-DRB1 * 01. Pertanto, l'MMF può essere definita come una nuova condizione emergente che può essere scatenata dall'esposizione a vaccini contenenti allume, in pazienti con uno specifico background genetico, e questa associazione temporale può essere esposta da pochi mesi fino a 10 anni.


Nessun commento:

Posta un commento