Shadowbox Effect Lo studio del NIH collega le radiazioni dei telefoni cellulari al cancro aggressivo. | Vivere in modo naturale

mercoledì 21 febbraio 2018

Lo studio del NIH collega le radiazioni dei telefoni cellulari al cancro aggressivo.

stampa la pagina
Lo studio NIH collega le radiazioni dei telefoni cellulari a forme di cancro particolarmente aggressive
Nuovi studi dal National Institutes of Health (NIH) collegano le radiazioni dei telefoni cellulari a forme di cancro particolarmente aggressive. 

Traduzione a cura di Vivere in modo naturale
Le ricerche condotte dal National Toxicology Program hanno rilevato che l'esposizione al RFR cellulare [radiazione a radiofrequenza] è coerentemente collegata a un aumento dei tumori.
Rapporti del Techcrunch.com : gli studi hanno esposto topi e ratti a onde radio a lunghezza d'onda di 900 MHz e 1900 Mhz (ciascuna frequenza è il proprio esperimento) per circa 9 ore al giorno, con vari valori di resistenza compresi tra 1 e 10 watt per chilogrammo. 
Per confronto, il limite generale che l'FCC impone per l'esposizione è 0,08 W / kg; il massimo assoluto consentito, per le estremità delle persone con esposizioni professionali, è di 20 W / kg per non più di 6 minuti. 
Quindi stavano davvero facendo saltare questi topi.
"I livelli e la durata dell'esposizione a RFR erano molto più grandi di quello che le persone sperimentano anche con il più alto livello di utilizzo del telefono cellulare e hanno esposto l'intero corpo dei roditori. 
Quindi, questi risultati non dovrebbero essere estrapolati direttamente all'utilizzo del telefono cellulare umano ", ha spiegato John Bucher, scienziato senior NTP in un  comunicato stampa che  accompagna i documenti. 
"Prendiamo atto, tuttavia, che i tumori che abbiamo visto in questi studi sono simili ai tumori precedentemente riportati in alcuni studi di utenti di telefoni cellulari frequenti".
I roditori sono stati esaminati per vari effetti sulla salute dopo varie durate, da 28 giorni a 2 anni.
Prima di esprimere le conclusioni, una nota sulla terminologia. 
"L'evidenza equivoca" è appena al di sopra di "nessuna evidenza" sulla scala ufficiale, che significa "mostrare un aumento marginale di neoplasie che possono essere correlate al test agent". 
In altre parole, qualcosa di statisticamente significativo ma in definitiva ancora un po 'misterioso. 
"Alcune prove" sono al di sopra di questo, il che significa una risposta più misurabile, seguita dalle "prove chiare" anche autoesplicative.


A 900 MHz:
Alcune prove che collegano RFR con schwannoma maligno nel cuore di ratti maschi, nessuna prova per lo stesso nei ratti femmina. 
Evidenza equivoca che collega l'esposizione al glioma cerebrale maligno nelle femmine. 
Altri tumori di vario tipo in entrambi i sessi "potrebbero essere stati correlati all'esposizione RFR cellulare", il che significa che il collegamento non è chiaro o che i numeri non sono conclusivi. 
Le "lesioni non neoplastiche" meno gravi erano più frequenti nei maschi e nelle femmine esposti.
A 1900 MHz:
Prova equivoca di cancerogenicità nei polmoni, fegato e altri tessuti di organi in topi maschi e femmine.
Anche se esiterei a trarre conclusioni importanti da questi studi, sembra dimostrato che qui c'è un qualche collegamento, sebbene il livello di radiazione fosse di ordine di grandezza al di là di quello che una persona avrebbe mai sperimentato nella vita di tutti i giorni. 
Come sottolineano i ricercatori, tuttavia, studi relativamente a breve termine come questo fanno ben poco per illuminare il potenziale rischio di esposizione a lungo termine, come i bambini che non sono mai stati bagnati dalle radiazioni RF.
Una nota interessante è che i roditori esposti alle radiazioni di entrambi i tipi hanno vissuto significativamente più a lungo dei loro coetanei di controllo: il 28% del gruppo di controllo originale è sopravvissuto per ben 2 anni, mentre circa il doppio (48-68%) sopravvive nell'esposizione di gruppo.
Sono state fornite due spiegazioni per questo strano risultato: o la radiazione ha in qualche modo soppresso la "nefropatia cronica progressiva" che questi topi tendono a soffrire mentre invecchiano, o forse una ridotta assunzione di cibo correlata alla radiazione potrebbe averlo fatto. 
In ogni caso, nessuno sta suggerendo che la radiazione sia in qualche modo salutare per le costituzioni dei roditori.
I report e i dati arrivano a centinaia di pagine, quindi questo è solo un rapido sguardo di un non esperto. È possibile consultare le relazioni complete e i materiali supplementari qui , ma poiché questo è uno studio importante, ci si può aspettare presto repliche, analisi e critiche da tutte le parti, compresa una revisione di esperti esterni programmata e organizzata dall'NTP a marzo.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.
https://vivereinmodonaturale.blogspot.it/2018/02/lo-studio-del-nih-collega-le-radiazioni.html

Nessun commento:

Posta un commento