Per sostenere questo blog clicca sulle pubblicità correlate e certificate. Grazie



IpCeI-Pagina-Facebook

giovedì 27 settembre 2018

La radioterapia per il cancro provoca danni cerebrali, interrompendo il gusto e l'olfatto

stampa la pagina



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

I medici sanno da tempo che il trattamento con radiazioni per i tumori della testa e del collo possono spesso portare a cambiamenti nell'olfatto o nel gusto di un paziente, ma hanno attribuito questo effetto principalmente alla temporanea distruzione delle papille gustative. Ma secondo uno studio pubblicato sulla rivista Practical Radiation Oncology nel luglio 2013, almeno alcuni degli effetti potrebbero essere dovuti al danno cerebrale indotto dalle radiazioni.



Danno nasofaringeo e ai lobi temporali?


Lo studio è stato condotto su 22 persone sottoposte a trattamenti con radiazioni per una famiglia di tumori cerebrali noti come gliomi. 
Quattordici partecipanti sono stati trattati per glioblastoma, tre per gliomi di grado,3 e cinque per gliomi di basso grado. 

I ricercatori hanno condotto un'analisi dell'istogramma dose-volume per stimare la quantità di radiazioni ricevute da ciascun paziente in diverse regioni della testa, tra cui il talamo, i lobi temporali, il nasofaringe, il solco olfattivo, il polo frontale e la nicchia delle cellule staminali periventricolari. 

Ai partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario per valutare eventuali odori o alterazioni del gusto all'inizio dello studio (prima della radiazione), nonché a tre e sei settimane dopo l'inizio della radioterapia.


Venti pazienti hanno presentato questionari utilizzabili; di questi, a metà del disturbo sentito a metà dell'odorato, durante la radioterapia, mentre il 70 per cento ha subito un disturbo al senso del gusto. 
Anche i pazienti che hanno avuto un disturbo del gusto più grave hanno avuto maggiori probabilità di subire gravi problemi di odore. 



I ricercatori hanno scoperto che un'aumentata dose di radiazioni al rinofaringe era associata ad un rischio significativamente maggiore di disturbi del gusto. 
Sebbene non sia tecnicamente parte del cervello, la faringe è un organo all'interno della testa che svolge un ruolo importante sia nella digestione che nella respirazione. 
Il nasofaringe o (rinofaringe) è la parte più alta di questo organo e si trova appena dietro il naso.



I ricercatori hanno inoltre scoperto che, quando i pazienti con tumori dei lobi temporali sperimentavano disturbi del gusto, questi disturbi erano molto più gravi di quelli sperimentati da altri pazienti. Questi disturbi del gusto più gravi potrebbero essere stati causati dal tumore stesso, o come effetto collaterale di una radiazione applicata direttamente al lobo temporale. 



"La tossicità del gusto indotta dalle radiazioni sembra essere più comune nei tumori del lobo temporale e può essere correlata alla dose ricevuta dalla nasofaringe", hanno concluso i ricercatori.



Un problema diffuso


Gli studi hanno dimostrato che quasi l'85 per cento di tutti i pazienti sottoposti a radioterapia alla testa e al collo subiscono una qualche forma di spiacevole cambiamento nel senso del gusto. Questi cambiamenti sono significativamente più comuni nei tumori della testa e del collo rispetto ad altre forme di cancro . 


Le modifiche al gusto e all'olfatto possono manifestarsi come una perdita di sensibilità, una distorsione della percezione (che include l'incapacità di identificare odori / sapori familiari) o persino un'allucinazione (come percepire odori / sapori che non sono effettivamente presenti).



Oltre all'effetto emotivo che questo può avere sui pazienti, può anche portare a cambiamenti pericolosi nei modelli dietetici, poiché i pazienti evitano cibi nutrienti che hanno assunto un odore o un sapore sgradevole. In effetti, uno studio ha rilevato che il 20% della cattiva salute nei pazienti oncologici potrebbe essere attribuito alla malnutrizione, piuttosto che al cancro stesso. 



La prevalenza di questo effetto collaterale rende essenziale che medici e pazienti siano meglio istruiti, secondo uno studio condotto da ricercatori del Wake Forest University Comprehensive Cancer Center e Virginia Tech e pubblicato su The Journal of Supportive Oncology nel 2009.



"Gli oncologi che comprendono i tipi e le cause del gusto e le anormalità olfattive potrebbero essere meglio preparati a discutere ed empatizzare con questi effetti collaterali negativi", hanno scritto i ricercatori. 



Le fonti per questo articolo includono: 




Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Se ti piace questo post ti bastano 3 secondi per condividerlo
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

Nessun commento:

Posta un commento