Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

venerdì 1 marzo 2019

Trovato in Gardasil 9 un collegamento a molti tipi di cancro

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Il gruppo di ricerca italiano, Corvelva, sta continuando a pubblicare maggiori informazioni su cosa stia realmente attraversando quell'ago quando tu o tuo figlio ricevete un vaccino.

dal Dr. Sherri Tenpenny, DO, AOBNMM, ABIHM vaxxter.com

Finora, Corvelva ha rilasciato tre rapporti. Il primo era su  Infanrix-Hexa, il vaccino comunemente somministrato ai bambini in Europa come una delle prime vaccinazioni. Questo vaccino sei-in-uno non è stato trovato in grado di offrire alcun beneficio; è solo un'iniezione di sostanze chimiche e tossine. Mentre Infanrix-Hexa non è stato usato negli Stati Uniti, la FDA ha recentemente approvato questo vaccino per bambini americani con un altro nome: Vexelis .
Altri due rapporti sono stati rilasciati da Corvelva. Un rapporto ha rivelato gli ingredienti di un altro vaccino sei-in-uno denominato Hexyon o Hexacima, a seconda del paese in cui viene utilizzato. Abbiamo precedentemente riportato su questa analisi qui.  Hanno anche pubblicato un rapporto preliminare su Gardasil 9, il vaccino dato apparentemente per prevenire il cancro alla cervice 
Questa settimana sono stati rilasciati ulteriori dettagli insieme all'analisi completa di Gardasil 9. Ciò che hanno trovato è oltre il disgusto. Sii preparato: quello che stai per leggere è davvero inquietante.
Corvelva ha scoperto materiale genetico randagio - sia il DNA che l'RNA - nelle soluzioni delle fiale. Ecco alcuni dei loro risultati:

Presente materiale genetico avventizio come RNA:

  • Batteri: i batteri sembrano essere attivi e si riproducono durante il processo di produzione.
  • Lievito e suoi virus: l' RNA orientale può dare origine a proteine ​​allergeniche. In effetti, vi sono preoccupazioni significative e legittime che l'iniezione di proteine ​​del lievito in un muscolo possa essere associata a malattia infiammatoria intestinale . I possibili effetti che il virus dell'iniezione e il lievito potrebbero avere sul microbiota intestinale sono sconosciuti.

Materiale genetico avventizio presente come DNA:

  • Batteri - contaminanti principalmente dalla coltura del lievito.
  • Virus del mollusco contagioso:  questo virus appartiene alla famiglia dei virus del vaiolo, Poxviridae. È responsabile della causa del mollusco , un'infezione della pelle benigna caratterizzata da piccole protuberanze bianche il cui nucleo può essere espresso, producendo un materiale di formaggio bianco.
  • Topo e DNA umano - origini sconosciute
  • I fagi - i fagi sono un tipo di virus che infetta i batteri, si replicano all'interno dei batteri, quindi uccide il suo ospite quando viene rilasciato per invadere altri batteri. I fagi attivi sono stati trovati in Gardasil 9.
  • Virus infettivo dell'anemia equina e virus della leucemia del topo -
    • Innanzitutto, come è finito un virus di CAVALLO in un vaccino UMANO ?
    • In secondo luogo, il virus del topo è presente sia come DNA che come RNA. Pertanto, è un virus completo e può comportarsi come un virus infettante primario.
  • Retrovirus : sono stati identificati sia il virus della leucemia del topo sia il retrovirus endogeno umano K (HERV-K).
Diamo un'occhiata alla potenziale ramificazione di questi contaminanti:
  • Il DNA batterico potrebbe interagire con l'alluminio adiuvante e causare allergie, infiammazioni e autoimmunità. Gardasil 9 contiene 500 mcg di idrossifosfato di alluminio solfato (AAHS), la forma più tossica di alluminio utilizzata nei vaccini.
  • I frammenti di DNA di topo, cavallo e umano possono integrarsi nel DNA (umano) ospite, causando rilascio di citochine, infiammazione e autoimmunità.
  • Non è noto se si formino anticorpi contro i fagi. È anche sconosciuto se i fagi si possano infettare con una normale flora batterica nell'intestino causando significative interruzioni del microbioma intestinale.
  • Il topo e i retrovirus umani possono integrarsi nel DNA umano e trasformare le cellule in cancro.
Il rapporto completo di Corvelva può essere trovato qui.

Gardasil: può causare il cancro? 

Negli ultimi anni ci sono state segnalazioni secondo cui Gardasil e Gardasil 9 NON stanno prevenendo il cancro e il tasso di cancro alla cervice è in realtà aumentato.
"La vaccinazione contro l'HPV non sta riducendo i tassi di cancro alla cervice", hanno detto il chirurgo ortopedico, oncologo e lo statistico francese Gérard Delépine. "Al contrario, la ricerca dimostra che sta peggiorando le cose .... Gli studi dovrebbero essere effettuati immediatamente per scoprire perché questi aumenti stanno accadendo. Questa è una catastrofe per la salute pubblica che richiede un ripensamento urgente delle politiche di vaccinazione HPV ".
E se ciò non bastasse, forse la scoperta più inquietante è la presenza di Retrovirus endogeno umano K (HERV-K) nel vaccino. Ciò suggerisce che Gardasil 9 potrebbe anche aumentare l'incidenza di altri tumori.
Nel 2012, un ricercatore presso MD Anderson in Texas ha valutato campioni di plasma, siero e tessuti da pazienti con carcinoma mammario invasivo (N = 19), carcinoma duttale in situ (N = 13), carcinoma ovarico (N = 12), e tumori ovarici benigni (N = 9). Il retrovirus HERV-K era associato a ciascuno di questi tumori ed era largamente assente dai controlli (tessuto normale).
Il documento concludeva: "I risultati supportano la nostra ipotesi che la presenza di HERV-K nella circolazione sanguigna del paziente è un indicatore di cancro o pre-malignità".
Altri tumori associati a HERV-K sono il cancro ai testicoli , il cancro alla prostata e il  melanoma maligno . C'è stata anche un'associazione tra HERV-K e ALS , artrosi , sarcoma di Kaposi (osservato con infezioni da HIV) e ipertensione polmonare .
Il cancro è un problema significativo e in crescita in tutto il mondo. Gardasil 9 sta accelerando questo aumento?
Ora, accoppiare l'HERV-K con gli ingredienti tossici conosciuti in Gardasil - alluminio, polisorbato 80 e borato di sodio, possono contribuire all'infertilità  - questo vaccino è un disastro umano in divenire. Nessun bambino dovrebbe essere soggetto ai potenziali effetti di questi contaminanti.
In realtà, l'intera razza umana è seriamente a rischio per tutti i vaccini, non solo per Gardasil 9.

Se queste scoperte sono confermate da altri laboratori, in particolare confermando la presenza di HERV-K, questa evidenza dovrebbe essere presentata come una richiesta per una completa moratoria globale di Gardasil 9. Se c'è qualche dubbio che potrebbe causare il cancro, non ci dovrebbero essere dubbi  che il programma dovrebbe essere fermato
Comprendiamo quanto sia importante la condivisione in ogni modo e in ogni dove visti gli argomenti trattati, ma preghiamo gli altri blogger che la riproduzione venga attuata senza che l'articolo sia modificato in nessuna parte, indicando l'autore e il link attivo a questo sito visto che l'articolo alle volte è tradotto dai nostri collaboratori. Grazie per l'attenzione, dallo staff di Vivereinmodonaturale.com che per ragioni di sicurezza preferisce rimanere anonimo.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

domenica 24 febbraio 2019

India, il vaccino antipolio provoca 490.000 paralisi.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In India le campagne di vaccinazione con vaccino antipolio orale (OPV) hanno prodotto oltre 490.000 casi di paralisi nel periodo 2000-2017, secondo un nuovo studio basato sulle statistiche degli organi sorveglianza nazionale.

Fonte italiana: www.renovatio21.com 11 OTTOBRE 2018

L’India, un paese di 1,3 miliardi di persone, è stata dichiarata libera dalla polio dall’OMS nel maggio 2014, in quello che è stato considerato un traguardo nella lotta globale per l’eradicazione della polio. Attualmente, il poliovirus selvaggio, che attacca il sistema nervoso portando alla paralisi infantile, è confinato in Afghanistan, Nigeria e Pakistan.


Il vaccino orale utilizza ceppi di poliovirus vivi ma attenuati per produrre anticorpi che dovrebbero proteggere i bambini dall’essere infettati da virus della polio «selvaggi» o che si manifestano naturalmente. 

In India le campagne di vaccinazione con vaccino antipolio orale  hanno prodotto oltre 490.000 casi di paralisi nel periodo 2000-2017
Jacob Puliyel, responsabile della pediatria del St. Stephen’s Hospital di Nuova Delhi, e coautore dello studio che è stato pubblicato in agosto sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, afferma che «la frequenza della somministrazione di antipolio è stata trovata direttamente o indirettamente collegata all’incidenza della paralisi flaccida acuta non-polio».

Anche se l’ultimo caso di polio in India è stato segnalato nel 2011, un sistema di sorveglianza continua a indagare annualmente circa 50.000 casi di paralisi flaccida acuta (AFP) – definita come un improvvisa insorgenza di paralisi o debolezza in qualsiasi parte del corpo di un bambino sotto i 15 anni di età.
«In assenza di trasmissione della polio selvatica, ci si aspettava che i casi di paralisi si sarebbero ridotti a un tasso accettabile di circa due su 100.000, ma questo non si è concretizzato»

Mentre nessun caso di AFP è risultato positivo alla polio dal 2012, il tasso di paralisi non-polio ha continuato ad essere insolitamente alto, soprattutto negli stati settentrionali del Bihar e dell’Uttar Pradesh, che insieme hanno una popolazione di 300 milioni di persone.

«In assenza di trasmissione della polio selvatica, ci si aspettava che i casi di paralisi si sarebbero ridotti a un tasso accettabile di circa due su 100.000, ma questo non si è concretizzato», dice Puliyel a SciDev.Net. Lo studio ha trovato che il tasso di paralisi è di 30 su 100.000 persone nel Bihar e nell’Uttar Pradesh.

Lo studio ha dimostrato che il numero di cicli di antipolio (campagne di immunizzazione) effettuati in uno stato aveva una «alta correlazione» con il tasso di paralisi non-polio. «Abbiamo scoperto che i ….. tassi nel Bihar e nell’Uttar Pradesh erano più alti in quegli anni in cui i cicli di antipolio eseguiti erano più frequenti», dice Puliyel.
«La frequenza della somministrazione di antipolio è stata trovata direttamente o indirettamente collegata all’incidenza della paralisi flaccida acuta non-polio»

I risultati suggeriscono che le vaccinazioni orali contro la polio sono responsabili delle paralisi.

Madhavi Yennapu, scienziato responsabile presso il National Institute of Science, Technology and Development Studies di Nuova Delhi, avverte che lo studio deve essere convalidato con dati sierologici. «Gli effetti reali dell’OPV sul sistema immunitario degli individui così come sull’immunità di gregge devono essere studiati, così come i cambiamenti potenzialmente avversi al microbioma» dice.

Gli autori suggeriscono che «dosi ripetute del vaccino con virus vivo rilasciato nell’intestino possono colonizzare l’intestino e alterare il microbioma virale dell’intestino».
Gli autori suggeriscono che «dosi ripetute del vaccino con virus vivo rilasciato nell’intestino possono colonizzare l’intestino e alterare il microbioma virale dell’intestino»

Il microbiota è formato da una comunità ecologica di microrganismi favorevoli o patogeni che condividono gli spazi corporei. Di questi, il microbiota intestinale è noto per cambiare rapidamente nei primi due o tre anni di vita e continua a cambiare in base a fattori come la dieta, l’ambiente e il trattamento con antibiotici o vaccini orali.

«Mentre il meccanismo coinvolto è speculativo, i nostri risultati supportano l’ipotesi che la frequenza di somministrazione di antipolio è direttamente o indirettamente correlata all’incidenza di AFP non-polio», scrivono gli autori. «Ora che l’India è libera dalla polio da oltre sei anni, potremmo essere in grado di ridurre l’AFP non-polio riducendo ulteriormente i cicli di antipolio».

Puliyel sottolinea che l’aumento dell’AFP non-polio è stato notato solo grazie all’eccellente sorveglianza e alla meticolosa registrazione dei dati da parte delle agenzie governative. «I 491.000 casi aggiuntivi di paralisi, altrimenti, non sarebbero stati notati».

Puliyel e i membri del suo team sperano che i risultati dello studio porteranno a ridurre le campagne di vaccinazione con OPV come misura contro l’incidenza relativamente alta di paralisi nei bambini vaccinati.

«C’è la necessità di ottimizzare il numero e il dosaggio dei cicli di OPV, poiché c’è la possibilità di effetti avversi derivanti da cambiamenti nel microbioma», dice Dinesh Kumar, pediatra e ricercatore del Holy Family Hospital, Nuova Delhi. «Potrebbe essere meglio, in questa fase, passare dall’OPV alla vaccinazione per inoculazione come parte dei programmi di vaccinazione», dice Kumar a SciDev.Net.
«C’è la possibilità di effetti avversi derivanti da cambiamenti nel microbioma»»

Il piano strategico 2013-2018 dell’OMS per l’eradicazione e la fine della polio richiede una transizione verso i vaccini che richiede la rimozione di tutti gli OPV nel lungo termine per «eliminare i rari rischi di poliomielite paralitica associata al vaccino e poliovirus derivato dal vaccino». Ciò è dovuto al fatto che i ceppi di vaccino attenuati o indeboliti diventano virulenti e possono causare una poliomielite infettiva.

«Razionalizzare il numero di cicli OPV a livello nazionale, sulla base di prove scientifiche, può avere molti benefici, tra cui enormi risparmi sulle risorse sanitarie pubbliche», aggiunge Yennapu.


Fonte: Scidev.net
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina