Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

venerdì 10 gennaio 2020

18 fatti scientifici poco noti sui vaccini contro la meningite che non possono dirvi per ovvi interessi economici.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti



meningite
18 fatti scientifici poco noti sui vaccini contro la meningite che non possono dirvi per ovvi interessi


Di Dr. Sherri Tenpenny, DO, AOBNMM, ABIHM
"Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com"


Mentre le scuole medie stanno cercando di forzare i genitori a vaccinare i loro ragazzi senza dare loro informazioni sul loro diritto di rifiutare, i college stanno diventando ugualmente aggressivi nel forzare i vaccini per la meningite - e altri vaccini - prima di concedere l'accesso all'istruzione superiore.  

A proposito di N. meningite e vaccini contro la meningite

Mentre la meningite sembra spaventosa e l'infezione può essere grave, qui ci sono 18 fatti importanti, ma poco conosciuti, sull'infezione e sui vaccini per la meningite che devi sapere:
  1. Nel periodo di 10 anni tra il 1998-2007, solo 2.262 casi di meningite sono stati segnalati negli Stati Uniti. All'interno di una popolazione di oltre 300 milioni, quel numero è trascurabile e non vale la pena vaccinare milioni per "protezione".
  2. Dei 2.262 casi, l' 11,3% dei casi è stato mortale . Non minimizzare la perdita di vite umane, ma ciò significa anche che quasi l' 89% delle persone è sopravvissuto e guarito.
  3. La meningite non si diffonde rapidamente . Secondo la Meningitis Research Foundation , il batterio può vivere solo per pochi istanti al di fuori del corpo umano, quindi non si diffonde per contatto casuale e non viene trasmesso su vestiti, lenzuola, giocattoli o piatti.
  4. Infatti, the Foundation continua a dire che il rischio di infezione è molto basso e 97 di 100 casi si verificano in isolamento, senza altri casi .
  5. Neisseria  ha 12 ceppi batterici noti,  con sierogruppi A, B, C, W, X e Y che causano quasi tutte le infezioni in tutto il mondo. Esistono cinque   vaccini N. meningitidis approvati per l'uso negli Stati Uniti:
    1. Menomune, per sierotipi A, C, Y, W-135, approvato nel 1981
    2. Menveo, per sierotipi A, C, Y, W-135, approvato nel 2010
    3. Menactra, per sierotipi A, C, Y, W-135, approvato nell'aprile 2011
    4. Trumenba, per il sierotipo B, approvato nell'ottobre 2014
    5. Bexsero, per il sierotipo B, approvato nel gennaio 2015
  6. Prima non dopo - l'introduzione dei vaccini del coniugato meningococcico, l'incidenza della meningite negli Stati Uniti era già ai  minimi storici .
  7. Dall'introduzione dei vaccini contro la meningite non è stata osservata alcuna riduzione significativa dell'infezione da sierogruppo C o Y.
  8.  Menomune ,  Menactra ,e  Menveo,  consigliato per la scuola media e l'università, non generano anticorpi contro la forma più comune della malattia, sierotipo B.
  9. Menomune contiene ancora mercurio .
  10. Bexsero contiene  1.500 mcg di alluminio per dose, la quantità più alta in ogni singolo vaccino .
  11. Non ci sono stati  studi sulla sicurezza che indagano sull'iniezione di Menomune contemporaneamente ad altri vaccini, anche se spesso vengono somministrati insieme diversi vaccini, tra cui il vaccino per l'influenza o il vaccino per la pertosse adolescenziale.
  12. Nessuno dei vaccini contro la meningite è  stato testato per la cancerogenicità (capacità di provocare il cancro), la mutagenicità (capacità di alterare i geni) o la capacità di interferire con la fertilità. Questo vale per  tutti i  vaccini.
  13. Molte segnalazioni sono state archiviate con il Vaccine Adverse Reporting System (VAERS), che documenta gli effetti collaterali del vaccino.
    1. I vaccini approvati più di recente Trumenba (2014) e Bexsero (2015) hanno quasi 3.000 eventi avversi  depositati presso VAERS.
    2. Menactra  è stato incluso in 18,646 rapporti VAERS.
  14. I vaccini contro la meningite possono compromettere pericolosamente la capacità del corpo di creare il proprio  "meccanismo di protezione" naturale contro l'infezione da meningite .
L'incidenza della malattia meningococcica diminuisce rapidamente a partire dal secondo anno di vita, in coincidenza con la naturale colonizzazione da parte di Neisseria lactamica , una normale flora nella rinofaringe nei bambini piccoli. Prima dei 10 anni, quando la colonizzazione da N. lactamica è comune e protettiva. Quando la colonizzazione da parte di Neisseria meningitidis si verifica più tardi nella vita, gli anticorpi generati precedentemente contro N. lactamica reagiscono in modo incrociato e contribuiscono all'immunità naturale e alla difesa contro l'infezione da meningite .
15. I vaccini contro il serotipo B non sono stati prodotti fino a poco tempo fa perché le sequenze di zucchero sulla superficie di questo batterio sono molto simili alle sequenze di zucchero sulla superficie del cervello umano e delle cellule nervose. Pertanto, gli anticorpi indotti dal vaccino contro il sierotipo B  potrebbero attaccare il cervello e i nervi, provocando reazioni autoimmuni debilitanti, per tutta la vita .
16. Brexero è stato approvato subito dopo una prova non ufficiale presso la Stanford University nel 2013. Leggete il mio rapporto completo sull'abile manovra che Novartis ha compiuto sui genitori americani per ottenere l'approvazione di questo vaccino.
17. I   vaccini contro N. meningitite  non hanno effetti a lungo termineIn effetti, il CDC ammette:

Come parte del processo di concessione delle licenze, sia il coniugato meningococcico che i vaccini meningococcici del sierogruppo B hanno mostrato che producono una risposta immunitaria che suggerisce che i vaccini sono protettivi, ma ci sono pochi dati disponibili su come funzionano per proteggere contro le malattie ... 

I dati disponibili suggeriscono che la protezione dai vaccini coniugati per il meningococco diminuisce in molti entro 5 anni ... I dati precoci sui vaccini meningococcici del sierogruppo B suggeriscono che anche gli anticorpi protettivi diminuiscono abbastanza rapidamente dopo la vaccinazione.

Genitori, ancora una volta, vi stanno mentendo

Il CDC, i media, i college, le università e in particolare i pediatri hanno terrorizzato i genitori a vaccinare i loro figli in età universitaria affermando che sono un "rischio molto maggiore" di contrarre la meningite se vivono in un dormitorio.
Potresti aver sentito   dichiarazioni come questa:
Le matricole del college che vivevano in dormitori erano  più di sette volte più propensi ad acquisire l'infezione che porta alla meningite rispetto agli studenti universitari in generale e  tre volte e mezzo più propensi  della popolazione dei non studenti dai 18 ai 23 anni.
Questo è interessante perché in uno dei primi documenti del CDC (2005) sulla vaccinazione degli studenti universitari con il vaccino contro la meningite in realtà ha detto qualcosa di molto diverso:

Uno studio di coorte retrospettivo condotto nel Maryland nel periodo 1992-1997 indicava che l'incidenza complessiva della malattia meningococcica tra gli studenti universitari era simile a quella degli studenti della stessa età che non frequentavano l'università (rispettivamente 1,7 / 100.000 e 1,4 / 100.000); tuttavia, i tassi di infezione tra gli studenti che vivono in dormitori erano più alti dei tassi tra gli studenti che vivono fuori dal campus ( 3.2 / 100.000 e 1.0 / 100.000 , rispettivamente; p = 0,05).

I dati di sorveglianza statunitensi dell'anno scolastico 1998-1999 indicano che il tasso complessivo di malattia meningococcica tra gli studenti universitari era inferiore al tasso tra le persone di età compresa tra 18 e 23 anni che non erano state iscritte al college (rispettivamente 0,7 e 1,4 / 100.000).
Quindi, il fatto n. 18 sottolinea che l'aumento del rischio da 1 per 100.000 a 3,2 per 100.000 lo rende "tre volte" il rischio. Questa palese torsione di numeri avviene di continuo; bisogna scavare per trovare la verità.
Ecco un altro esempio:
In un periodo di 10 anni, 1.039 casi di meningite sono stati riportati  in Oregon (1993-2004). Solo 10 casi (<1%) si sono verificati in studenti universitari di quattro anni (0,7 / 100.000 studenti). Di questi, c'è stato un solo decesso; è stato causato da un ceppo del sierogruppo B.
Le università, i college e i loro consigli di amministrazione non sono protetti dalla responsabilità della National Injury Injury Compensation Act del 1986 (NVICP.) I genitori sono costretti a iniettare ai loro figli un vaccino che offre poco e presenta molti rischi in cambio di un'educazione da 20.000 a 50.000 dollari all'anno. Questo "mandato" del college deve essere seriamente contestato, forse anche in tribunale.

Cosa può fare il vostro studente per mantenersi bene

Ecco un elenco delle cose più importanti che puoi incoraggiare il tuo ragazzo del college a fare:
  • Dormi di più, mangia cibo migliore, prendi aria fresca, spesso difficile da fare al college, ma una buona abitudine da adottare come abilità per tutta la vita.
  • Non condividere il lucidalabbra o il rossetto.
  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone.
  • Se hai avuto uno stretto contatto con una persona che ha avuto la febbre e si sospetta la meningite, un ciclo di 7 giorni di antibiotici profilattici - somministrato con un probiotico di buona qualità - può essere prudente.
  • Fate dei gargarismi o lavate le vie nasali con argento colloidale o con una soluzione di Lugol e un Neti Lota almeno una volta alla settimana.
  • Prendi la vitamina C ascorbato 3.000-6.000 mg / giorno
  • Mantenere il livello di vitamina D intorno a 80 ng / ml può essere di grande aiuto per il sistema immunitario.
Ognuno di questi suggerimenti è decisamente meglio che accettare un vaccino non necessario che offre poca protezione e può potenzialmente portare a gravi conseguenze autoimmuni a lungo termine.
Pensa prima di vaccinare: la salute non passa attraverso un ago.


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento