Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

lunedì 14 giugno 2021

Vaccino Pfizer legato all'infiammazione del cuore nei giovani, concludono gli esperti israeliani

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti


In un rapporto preliminare presentato martedì 1 giugno al Ministero della Salute israeliano , i ricercatori hanno trovato un probabile legame tra il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e i casi di infiammazione cardiaca a seguito della vaccinazione.

Tradotto dalla redazione di Vivereinmodonaturale.com


Il ministero ha sentito parlare per la prima volta del problema ad aprile dopo che i funzionari sanitari hanno segnalato almeno 60 casi di miocardite o infiammazione del muscolo cardiaco nei giovani uomini.

La maggior parte di loro ha ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech pochi giorni prima di sviluppare la condizione. I rapporti hanno spinto il ministero a nominare un gruppo di esperti per indagare sulla questione.

Il panel comprendeva esperti di salute pubblica e specialisti in malattie infettive  dell'Università di Tel Aviv , del Technion-Israel Institute of Technology e  dell'Università di Haifa .

Gli esperti trovano "probabilità di connessione" tra i casi di infiammazione cardiaca e il vaccino Pfizer COVID-19

Secondo il rapporto, tra uno su 3.000 e uno su 6.000 uomini di età compresa tra 16 e 24 anni che sono stati vaccinati con il vaccino di Pfizer hanno sviluppato miocardite . Tuttavia, la maggior parte dei casi era lieve e si è risolta in poche settimane.

Anche così, il rapporto suggerisce che il vaccino espone i giovani a un rischio maggiore di sviluppare miocardite. La condizione ha colpito 275 dei cinque milioni di persone che hanno ricevuto il vaccino negli ultimi sei mesi. La maggior parte dei pazienti che hanno sviluppato la condizione aveva meno di 30 anni. Molti erano pazienti di sesso maschile.

I sintomi della miocardite comprendono oppressione al petto, mancanza di respiro, febbre , palpitazioni e affaticamento . Sebbene spesso lieve, la miocardite può portare a esiti potenzialmente letali, come infarto e ictus .

Sulla base delle loro scoperte, i ricercatori israeliani hanno concluso che esiste una "probabilità di connessione" tra la ricezione della seconda dose del vaccino da parte di Pfizer e l'insorgenza di miocardite negli uomini di età compresa tra 16 e 30 anni.

La connessione sembra anche essere più forte nei giovani di età compresa tra 16 e 19 anni rispetto ad altre età. Anche la probabilità di sviluppare miocardite dopo la vaccinazione sembra diminuire con l'aumentare dell'età.

Dror Mevorach, capo di una delle unità COVID-19 all'Hadassah Hospital Ein Kerem di Gerusalemme e capo del panel, ha affermato che la loro analisi "è molto suggestiva di una natura causale" tra i due. Ha aggiunto di essere convinto che ci sia una relazione.

Peter Liu, un cardiologo  dell'Università di Ottawa Heart Institute che non faceva parte del panel, ha affermato che è importante indagare sul potenziale legame tra la somministrazione della seconda dose di vaccino e l'insorgenza della miocardite, anche se c'è solo un "accenno di un segnale”. Tuttavia, Liu ha affermato che gli scienziati dovrebbero esaminare anche altri gruppi di popolazione per essere certi che il collegamento esista.

In una dichiarazione, Pfizer ha affermato di non aver osservato un tasso di miocardite più elevato di quanto ci si aspetterebbe normalmente data una vasta popolazione. Il colosso farmaceutico ha anche affermato di essere a conoscenza dei risultati del panel israeliano. Tuttavia, Pfizer ha affermato che i risultati non hanno stabilito alcun nesso causale tra il vaccino e la miocardite.

BioNTech, d'altra parte, ha affermato che più di 300 milioni di dosi del suo vaccino sono state somministrate a livello globale. La società ha anche affermato che il "profilo rischio-beneficio" del suo vaccino rimane positivo. (Correlato:  CEO di BioNTech: terza dose di vaccino contro il coronavirus necessaria dopo un anno, seguita da vaccini di richiamo annuali .)

In una dichiarazione, BioNTech ha affermato che è in corso un'attenta valutazione delle segnalazioni di miocardite. Non è stato concluso. "Gli eventi avversi, tra cui miocardite e pericardite, vengono regolarmente e accuratamente esaminati dalle aziende e dalle autorità di regolamentazione", ha affermato la società.

Funzionari sanitari negli Stati Uniti stanno anche indagando su casi di miocardite in giovani uomini che hanno ricevuto un vaccino contro il COVID-19. In un rapporto pubblicato sul suo sito web il mese scorso, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno affermato che i casi si sono verificati entro quattro giorni dall'iniezione della seconda dose di un vaccino mRNA. I maschi hanno riportato più casi rispetto alle femmine.

Tuttavia, il CDC ha affermato che deve ancora determinare se l'insorgenza della miocardite e i vaccini COVID-19 siano correlati e come, in caso affermativo.

Vaccines.news ha più articoli sugli effetti collaterali negativi legati ai vaccini COVID-19.

Le fonti includono:

LifeSiteNews.com

NaturalHealth365.com

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina