lunedì 18 dicembre 2017

L'autismo è un effetto collaterale della tossicità del metallo dei vaccini? Elevate concentrazioni di alluminio scoperte nel tessuto cerebrale di bambini autistici

stampa la pagina
autismo-collegato-alla-tossicità-del-metallo-dei-vaccini

E' veramente la tossicità dell'alluminio nei vaccini a generare i casi di autismo nei bambini ? Da delle ricerche scientifiche occultate dai media di regime mafiosi, sembrerebbe proprio di si. 


Traduzione a cura di 
Vivere in modo naturale

È risaputo che anche la più piccola quantità di alluminio, se presente nel tessuto cerebrale di una persona, può diventare un problema enorme. 
Ci sono anche stati molti studi che esaminano come avere alti livelli di alluminio nel tessuto cerebrale sia correlato con condizioni neurologiche come il morbo di Alzheimer. 

Ora un nuovo studio mette sotto i riflettori  il disturbo dello spettro autistico (ASD), e verifica se ci possa essere una connessione tra esso e avere alti livelli di alluminio nel cervello.

Lo studio, che è stato pubblicato per la prima volta nel Journal of Trace Elements in Medicine and Biology, mostra alcuni dei più alti livelli di alluminio mai registrati nel tessuto cerebrale umano. 

I dati sono stati raccolti dal cervello di 10 donatori con ASD. 
Lo studio è stato condotto dal Dr. Christopher Exley, uno dei maggiori esperti mondiali di tossicità dell'alluminio, dalla Keele University .

Usando un metodo di studio su due fronti attentamente elaborato, i ricercatori dello studio sono stati in grado di misurare e caratterizzare i depositi di alluminio trovati nei tessuti cerebrali dei 10 donatori ASD, la maggior parte dei quali è deceduta nell'adolescenza o negli anni '20. 
I risultati dello studio mostrano livelli di alluminio "costantemente elevati" basati su dati sia della componente quantitativa sia della sua componente qualitativa, che si dice rappresenti "alcuni dei valori più alti per il contenuto di alluminio nel cervello mai misurati in tessuti sani o malati.

Risultati della ricerca

Lo studio è interessante per il suo uso di un approccio su due fronti che contiene sia una componente quantitativa che una componente qualitativa. 


Il primo richiedeva l'uso della spettrometria di assorbimento atomico in forno di grafite o GRAAS, che misura il contenuto di alluminio in campioni di tessuto cerebrale congelati; quest'ultimo utilizza una tecnica chiamata microscopia a fluorescenza per visualizzare i depositi di alluminio nel cervello. 

In totale, i ricercatori sono stati in grado di quantificare i livelli di alluminio in 59 campioni di tessuto provenienti da cinque diverse aree del cervello.
Dopo i test, i ricercatori hanno scoperto che tutti i campioni mostravano un livello di alluminio "patologicamente significativo", certamente superiore a quello che potrebbe essere considerato normale. 

I cervelli maschili in particolare mostravano alti livelli di alluminio, compreso quello di un ragazzo di 15 anni con ASD che finì per essere quello con la misura più alta di alluminio del cervello. 
E per quanto esattamente tutto quell'alluminio sia finito nel loro cervello, i risultati della ricerca suggeriscono fortemente che ciò è dovuto alle cellule che sono entrate mentre erano caricate con alluminio nella periferia.
Il caso è voluto per l'ingresso dell'alluminio tramite coadiuvanti di alluminio nei vaccini, che vengono utilizzati dai produttori di vaccini per intensificare la risposta immunitaria dei destinatari del vaccino. 
Secondo i ricercatori, l'uso di vaccini contenenti alluminio adiuvante "è stato direttamente correlato alla crescente prevalenza di ASD", in particolare negli adolescenti e nei giovani adulti.

Arricchendo ulteriormente questo articolo inserisco una foto che mostra qualche vaccino americano contenente l'alluminio incriminato! 

vaccini-americani-con-alluminio

Implicazioni per il futuro

Più di mezzo decennio fa, nel 2011, uno studio separato ha mostrato che i bambini provenienti da paesi con la più alta prevalenza di ASD avevano anche la più alta esposizione all'alluminio dai vaccini. 
Ciò va di pari passo con le scoperte del dott. Exley, che osserva che "non ci sono livelli" normali "di alluminio del cervello." Il significato, "la sua presenza nel tessuto cerebrale, a qualsiasi livello, potrebbe essere considerata anormale".



Sulla base dei risultati e delle conclusioni dello studio, potrebbe essere giunto il momento di dare un'occhiata più da vicino a come vengono somministrati i vaccini , soprattutto perché sempre più bambini e adolescenti li assumono ogni giorno che passa.  Non solo per il rischio di ridurre i tassi di ASD ma anche per prevenire altre condizioni come il morbo di Alzheimer
Naturalmente, l'implementazione di regole che cambieranno le cose per il meglio è completamente diversa. 
Il tempo dirà bene se questo migliora o meno in futuro.

Maggiori informazioni sull'autismo su AutismTruthNews.com .

Le fonti includono:

Nessun commento:

Posta un commento