domenica 30 settembre 2018

Gli Stati Uniti ora guidano il mondo industrializzato nella mortalità infantile dovuta alle vaccinazioni tossiche.

stampa la pagina


Tra le prime trenta nazioni industrializzate del mondo, gli Stati Uniti sono in cima alla lista quando si tratta di mortalità infantile nei primi giorni di vita. 



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Tratto da: worldtruth.tv


Con così tante moderne tecnologie mediche disponibili, è difficile capire perché ci siano così tante morti improvvise infantili, ma tutto diventa chiaro quando si inizia a riconoscere il peso della tossicità che i vaccini impongono a questi bambini vulnerabili e in via di sviluppo. Sapevi che un vaccino contro l'epatite B (somministrato dogmaticamente ai bambini il primo giorno di vita) ha dimostrato di causare un aumento del 700% negli attacchi di cuore rispetto a quelli che non assumono il vaccino?
Per ogni 100.000 gravidanze, circa 26 si concludono tragicamente il primo giorno negli Stati Uniti. 
Ciò comporta un aumento di 11.300 morti neonatali all'anno. 
Questo non tiene conto del numero di aborti spontanei che si verificano durante la gravidanza, ovvero quando il feto non può sopravvivere in un ambiente tossico. Questo inoltre non tiene conto del numero crescente di emergenze di rianimazione che si verificano nel primo giorno di vita del bambino (dopo la vaccinazione) o nella quantità astronomica delle consegne di emergenza nella sezione C che vengono effettuate per salvare sia la madre che il bambino.
Un rigoroso protocollo vaccinale per le donne incinte sta danneggiando sia la madre che il nascituro, causando complicazioni per un parto sano e normale. Una brutta vaccinazione alla nascita con il vaccino sintetico della vitamina K e il vaccino contro l'epatite B sta appesantendo i corpi dei bambini al primo giorno di vita. L'assalto di metalli pesanti e sostanze chimiche sintetiche nel grembo materno subito dopo la nascita, combinato con una scarsa nutrizione prenatale, sta causando problemi di salute nei bambini che portano ad un numero allarmante di morti premature.
Nella maggior parte delle strutture ospedaliere negli Stati Uniti, la nascita è definita come emergenza medica sin dall'inizio. Una volta che il neonato arriva, il cordone ombelicale viene solitamente tagliato prematuramente, non consentendo a tutto il sangue, i nutrienti e i batteri sani rimasti di raggiungere il neonato. Invece, il neonato è separato dal cuore pulsante della madre, solo per essere iniettato con un vaccino di vitamina K sintetico che ha lo scopo di costringere il sangue a coagularsi. Indipendentemente dalle sue intenzioni, questo infuso sintetico scuote il sistema del bambino, riempie il sangue di sostanze chimiche, appesantisce il fegato e quindi causa la sparizione dei livelli di bilirubina e la comparsa di sintomi di ittero. È imperativo che il neonato riceva immediatamente un contatto pelle a pelle con la madre e inizi l'allattamento al seno per ricevere le importantissime immunoglobuline attraverso il colostro della madre.
In un ambiente ospedaliero, i pediatri cercano di costringere i genitori a far vaccinare il loro neonato con il primo vaccino contro l'epatite B. Questa procedura errata presuppone che il bambino condivida gli aghi con una prostituta o uno spacciatore positivo Hep-B. La somministrazione di vaccino Hep-B alla nascita è un insulto alle madri e ai padri.
Anche se il sistema immunitario del bambino non si sviluppa nel primo anno di vita, l'establishment medico concorda sul fatto che i corpi dei bambini dovrebbero essere iniettati con forza più e più volte con più dosi di sostanze come l'alluminio dannoso per il cervello, che è progettato per aumentare e forzare una risposta immunitaria dove non esiste un sistema immunitario completo. 
Il DNA estraneo che viene iniettato, tra cui sangue di mucca e maiale malato, cellule di scimmia e tessuto fetale abortito , viene introdotto nel corpo di un bambino attraverso un percorso anormale, ancora e ancora. Queste tossine vengono iniettate e non possono essere processate prima attraverso il loro tratto gastrointestinale, fegato e reni. L'afflusso di tossine vaccinali in un'età così vulnerabile è il fattore nascosto dietro molti casi di sindrome della morte improvvisa infantile. (SIDS)
Il latte materno di una madre, con tutti i suoi nutrienti, grassi sani e immunoglobuline, è l'unico modo sano per costruire il sistema immunitario e il cervello di un bambino. Come documentato estesamente dal compianto Dr. Andrew Moulden , ogni dose di vaccino produce danni allo sviluppo neurologico e all'immunità naturale a causa del suo contenuto tossico e della via di esposizione innaturale. Le malattie che questi vaccini sono destinati a prevenire possono essere affrontate in modo naturale, per conferire un'immunità permanente che contribuisce anche a migliorare i tassi di immunità della mandria per proteggere i bambini e gli immuni-compromessi. Non è necessario sacrificare il corpo di un neonato o di un bambino a una complicazione del vaccino, tutto per la presunta protezione che questi vaccini promettono e che ancora non possono dimostrare.
Le misure più coraggiose che potremmo prendere per migliorare i tassi di mortalità infantile includono:
  • Ripristinare lo stato di diritto e annullare le tutele legali per le società farmaceutiche a loro assegnate dalla legge sull'infortunio ai vaccini contro l'infanzia . Attuata nel 1986, questa legge fornisce ai vaccinati l'immunità legale dall'azione penale quando i loro vaccini causano danni, creando un sistema di pagamento stabile solo per selezionare le famiglie danneggiate dai vaccini. La legge ha creato una corsa all'oro per nuovi vaccini e ha assicurato una fornitura costante di vaccini senza fornire NESSUNO studio scientifico sui rischi associati alla vaccinazione di composti. Annullare questa legge costringerebbe le compagnie farmaceutiche a ripulire i loro vaccini e prendere sul serio le decine di migliaia di casi di danno da vaccino che vengono ignorati nel sistema di segnalazione degli eventi avversi da Vaccino.
  • Dichiarare le leggi sulla vaccinazione obbligatoria una violazione del consenso informato e dei diritti personali e parentali. Questa misura dovrebbe anche ritenere responsabili i pediatri e gli infermieri arroganti che costringono i genitori a vaccinare i loro neonati.
  • Fornire percorsi più sani per la cura del sistema immunitario, che includono la preparazione di integratori di vitamina D, selenio e cromo prontamente disponibili e incoraggiati per le donne in gravidanza.
  • Rimuovere la campagna di vaccinazione Hep-B per i neonati dal protocollo standard degli ospedali e il programma di vaccino antipatico del CDC.
  • Rimuovere le vaccinazioni antinfluenzali e le campagne di vaccini TDAP rivolte alle donne incinte.
  • Condividi gli inserti del vaccino, i rischi del vaccino e sii aperto sugli eventi avversi.
  • Discutere della malattia individuale che questi vaccini dovrebbero prevenire e quanto sono facili da trattare o da superare con una dieta nutriente e sostanze come argento colloidale e l'olio di origano.
  • Consentire alla saggezza ostetrica di guidare le moderne pratiche di parto medico per consegne più sicure e naturali che non fanno affidamento su antidolorifici, antibiotici, vaccini e interventi chirurgici.
  • Ritardare il taglio del cavo e incoraggiare prima il contatto pelle a pelle con la madre.
  • Fornire supporto per l'allattamento al seno, compresa la disponibilità di infermieri, banche del latte materno e galattogoghi a base di erbe da banco.
  • Fornire il meglio della linea, supporto nutrizionale prenatale e postnatale, mettendo a disposizione minerali tracciati, vitamine integrali alimentari, acido folico e grassi sani per un corretto sviluppo fetale.
In conclusione, ci sono molti passi coraggiosi che possiamo prendere come famiglie e come sistema medico per migliorare il triste stato della mortalità infantile negli Stati Uniti. 
Ciò inizia con la comprensione della natura tossica dei vaccini e del loro uso non necessario nel primo giorno di vita del bambino e nel grembo materno.
Le fonti includono:
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

https://www.vivereinmodonaturale.com/2018/09/gli-stati-uniti-ora-guidano-il-mondo.html

La Vitamina D è da considerarsi un potente “vaccino” antinfluenzale naturale e non solo…

stampa la pagina
Nella foto la Dott.ssa Debora Rasio


La Vitamina D è da considerarsi un “vaccino” antinfluenzale naturale, capace di rinforzare le difese anche contro virus e batteri, abbassando quindi la probabilità di ammalarsi di raffreddore. 


Secondo i risultati di uno studio del 2010, nei bambini l’assunzione di questa vitamina riduce del 42% la possibilità di ammalarsi. Nello studio sono stati utilizzati dosaggi pari a 1.200 UI al giorno, molto al di là di quelle raccomandate nelle tabelle ufficiali.

La Vitamina D possiede un rimarchevole effetto sulla salute, influenzando circa 3000 dei 25000 geni che abbiamo e giocando un ruolo critico nella risposta immunitaria, un ruolo superiore rispetto alla risposta immunitaria sintetica. La vitamina D potrebbe giustamente venire descritta come un “nutriente miracoloso” per il sistema immunitario, in quanto abilita il corpo alla produzione di più di 200 peptidi con funzione antimicrobica, indispensabili nella lotta contro un vasto numero di infezioni. Finché la vitamina D è presente in abbondanza nel nostro corpo , teniamo lontano l’influenza ma quando i livelli di vitamina D cominciano a calare l’influenza ci può colpire in ogni momento.

La migliore fonte di Vitamina D è il sole, ma si può ricorrere ad integratori di Vitamina D3 (Vegetale), che siano di ottima qualità. Evitare invece quelli derivati dalla Lanolina (lana di pecora), possono risultare pesanti per i reni e compromettere la funzionalità renale creando tossicità. Il livello ottimale di Vitamina D si aggira attorno agli 80 ng/ml.
In questo video la Dottoressa Debora Rasio, oncologa e nutrizionista, ci spiega quanto è importante la vitamina in questione:


Prodotti consigliati da Vivere in modo naturale.


Vitamina D
Regina del sistema immunitario
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere
€ 12.5

La Vitamina D
Il Superormone: come proteggersi dalle malattie croniche
Voto medio su 11 recensioni: Buono
€ 14.9

D300 con Vitamina D3
70 Capsule
Voto medio su 38 recensioni: Da non perdere
€ 10

Il Sole che Guarisce - Le incredibili Proprietà Terapeutiche della Vitamina D
Un'efficace protezione contro tumori, diabete e malattie cardiache
Voto medio su 2 recensioni: Buono
€ 11.9

I Poteri Curativi della Vitamina D
Vitamin D Revolution - Come prevenire e curare: osteoporosi, diabete, rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma, deterioramento cognitivo senile, fibromialgia... e molto altro
Voto medio su 36 recensioni: Buono
€ 7.9

D1000 - Integratore Alimentare a base di Vitamina D
Una vitamina fondamentale per il benessere psicofisico
Voto medio su 55 recensioni: Da non perdere
€ 12.8

Calmag Life - 160 Grammi
In polvere - nuova formulazione Magnesio + Calcio
Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere
€ 16.005

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

giovedì 27 settembre 2018

Uso di Diclofenac (Voltaren) e rischi cardiovascolari: serie di studi di coorte a livello nazionale.

stampa la pagina

Uso di Diclofenac e rischi cardiovascolari: serie di studi di coorte a livello nazionale.



A metterci in luce di questa spiacevole scoperta è uno studio dell'Università di Århus in Danimarca condotto dal Prof. Lars Pedersen

La ricerca ha avuto modo di far notare come il diclofenac, il principio attivo del Voltaren, accrescerebbe rischi cardiovascolari in pazienti che lo assumono, escludendo quanti ne subiscano la somministrazione a livello "topico" con l'ausilio di gel  pomate o creme. 
Lars Pedersen è il medico e professore responsabile che ha attuato lo studio, ed ha avuto come sviluppatore l'intero Dipartimento di Epidemiologia clinica dell'ospedale di Ahrhus. 
L'analisi statistica ha raccolto i dati di milioni di danesi e si è posto l'obiettivo di confrontare i dati di quanti abbiano utilizzato nel corso degli anni farmaci a base del principio attivo diclofenac (come il Voltaren) e come altri anti-infiammatori a carattere non steroideo, come il paracetamolo e la Tachipirina
L'avvio dell'indagine si è posta come paletto quello di prendere in esame soltanto pazienti che inizialmente non soffrissero di alcun tipo di patologie cardiovascolari, renali, ulcere o altri tipi di problemi.
Il Professor Pedersen consiglia alle persone l'assunzione di altri principi attivi come ad esempio il paracetamolo o altri Fans.
Il diclofenac sarebbe stato causa dello sviluppo di patologie cardiovascolari nel 50% in più dei pazienti rispetto al paracetamolo, un dato che non subiva alcun tipo d'influenza in base ai connotati anagrafici o sessuali del paziente. 


Come riportato in The BMJ, copre lo studio che coinvolge un'iniziativa nazionale per la salute della popolazione in Danimarca. Segui il link per saperne di più sui risultati. 

https://www.bmj.com/content/362/bmj.k3426
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Ascorbato di potassio: un aiuto contro le malattie degenerative?

stampa la pagina

Questa sostanza, associata al ribosio, è la base del trattamento per malattie degenerative e tumori ideato nel 1947 dal dottor Pantellini e oggi applicato dalla Fondazione che porta il suo nome. Cerchiamo di capirne di più.


Fonte: terranuova.it
«L’ascorbato di potassio, anche e soprattutto associato a ribosio, sembra contrastare efficacemente il processo di danno cellulare che favorisce l’insorgenza delle malattie degenerative e del cancro». Il dottor Guido Paoli, fisico e responsabile scientifico della Fondazione Valsé Pantellini, e il dottor Andrea Bolognesi, medico e consulente della Fondazione stessa, fanno il punto sulle proprietà di una sostanza che negli ultimi anni sta iniziando a diventare oggetto d’attenzione anche da parte dei gruppi accademici di ricerca. La Fondazione, che collabora attivamente con ricercatori che hanno lavorato nelle università di Parma e Siena, ha raccolto l’eredità scientifica di Gianfrancesco Valsé Pantellini, chimico cui si deve la scoperta nel 1947 delle proprietà terapeutiche dell’ascorbato di potassio.
«Abbiamo sviluppato linee di ricerca sia in vitro su linee cellulari sane e tumorali(1), che in vivo(2) su bambini affetti da malattie rare e orfane, con aumentato rischio oncologico» spiega Paoli. «I risultati sono davvero incoraggianti e sono stati pubblicati su varie riviste scientifiche internazionali(3); la somministrazione di ascorbato di potassio con ribosio ha migliorato sensibilmente le condizioni generali e obiettive dei bambini. Per esempio, sono stati osservati miglioramenti dell’attività cardiaca, delle caratteristiche dei capelli e della cute e miglior controllo del peso. Ha anche ridotto significativamente i parametri di stress ossidativo, normalmente molto elevati e con un ruolo importante nella cancerogenesi. Da alcuni anni l’attenzione della Fondazione Pantellini sulle ricerche in vitro si è spostata sulla combinazione D-ribosio e bicarbonato di potassio quale ulteriore passo avanti nello sviluppo di una strategia che permetta una rapida azione per contrastare i tumori solidi. Su questo composto sono stati pubblicati due lavori del gruppo dell’università di Parma, con il nostro supporto, sulla rivista Cancer Cell International. Sono state prese in esame linee cellulari del tumore al seno e fibroblasti sani dello stesso seno. La somministrazione del composto non ha messo in evidenza alcuna tossicità e ha ridotto la velocità di crescita e sviluppo delle cellule tumorali. Il composto non è genotossico, cioè non va a creare problemi al DNA, ma agisce a livello metabolico. Nelle cellule sane, che continuano a crescere senza alcun problema, la sua azione va a regolare e modulare le funzioni, mentre in quelle tumorali, che hanno bisogno di utilizzare enormi quantità di glucosio, va a ridurre sempre più la loro riserva energetica, cioè cerca di affamarle».
L’azione anti-cancro
Nell’ipotesi iniziale del dottor Pantellini prima e della Fondazione adesso, la cancerogenesi verrebbe innescata a livello fisiologico dallo squilibrio fra sodio e potassio. «Quindi è comprensibile come un’azione diretta per ribilanciare questi elettroliti possa contrastare il processo degenerativo: la nuova immissione di potassio nella cellula cancerosa fa uscire il sodio, che si porta dietro il glucosio non metabolizzato» spiega ancora Paoli. «Questo non significa necessariamente eliminare ogni fonte di glucosio, ma per chi si trova ad affrontare un problema oncologico è essenziale ridurre le fonti di zucchero, soprattutto raffinato».
Una delle contestazioni che viene mossa al metodo Pantellini riguarda il fatto che una stessa sostanza possa contrastare ogni tipo di tumore. «La nostra idea, invece, è che, pur essendo il cancro una malattia multifattoriale, il meccanismo di innesco sia sempre lo stesso» prosegue il dottor Paoli, «e risieda, appunto, nello squilibrio elettrolitico fra sodio e potassio, innescato dallo stress ossidativo. Per questo è ragionevole l’ipotesi di lavoro, ammessa nella scienza, che una stessa molecola possa agire sulle varie forme di tumore, proprio in considerazione di questo unico meccanismo di innesco della patologia. L’ascorbato di potassio, sia nella formulazione classica che con ribosio, è importantissima anche a livello di prevenzione, proprio per cercare di mantenere le giuste concentrazioni di potassio a livello intracellulare e ottimizzare le funzioni metaboliche. Alle concentrazioni utilizzate sui pazienti che si rivolgono alla Fondazione, non c’è tossicità né a livello cardiaco né renale. Chiunque può assumere il composto, ma devono fare estrema attenzione le persone a rischio di ictus o ischemia (o con episodi recenti), le persone in dialisi e quelle con complesse situazioni cardiache. È sempre opportuno che venga fatta un’adeguata valutazione da parte del medico che deve conoscere bene la metodica; è sempre opportuno evitare il fai da te».
Il metodo Pantellini
La Fondazione sta, quindi, continuando a proporre ai pazienti una metodica terapeutica basata su ascorbato di potassio e ribosio e sugli schemi studiati a suo tempo dal dottor Pantellini. Uno dei consulenti medici di punta dell’ente è il dottor Andrea Bolognesi, che illustra questo approccio. «La metodica Pantellini consiste nell’uso di ascorbato di potassio con o senza ribosio, da somministrare in genere tre volte al giorno nei casi di patologia oncologica conclamata. 
A questa terapia di fondo si aggiungono, in casi particolari, a seconda della gravità e a discrezione del medico, altre sostanze farmacologiche, per via iniettiva o endovenosa, con la funzione di potenziare e rendere maggiormente biodisponibile l’ascorbato stesso. Tali sostanze, prevalentemente vitaminiche, hanno anche una funzione tonica e detossificante, utilissima per gli organismi messi a dura prova dalla malattia e dalle terapie. Durata e frequenza della somministrazione variano notevolmente da caso a caso e seguono in genere l’andamento clinico. Esistono poi situazioni nelle quali la nostra metodica non si può applicare, cioè quando si fa uso giornaliero di chemioterapici per via orale; in tali casi, suggeriamo l’uso di sostanze che hanno una tradizione consolidata».
L’efficacia
«Anche nei casi più gravi e avanzati, ho riscontrato un miglioramento delle condizioni generali, un recupero di energia vitale e una diminuzione del dolore e dei processi infiammatori» spiega il dottor Bolognesi. «Le potenzialità dell’ascorbato di potassio sono molto vaste e poco note. Spesso veniamo a conoscenza di miglioramenti anche in patologie non propriamente di nostra pertinenza, come il diabete, le cefalee, le artriti e l’ipertensione. Riteniamo quindi utile e auspicabile proseguire in questa direzione con ulteriori studi, raffronti e raccolta di casi clinici. Le malattie degenerative e i tumori sono la vera epidemia di questi tempi e le armi che si mostrano efficaci contro di essi vanno sviluppate e utilizzate».
1)In collaborazione con l’università di Parma (prof.sse Ida Ortalli e Simonetta Croci, dott. Luca Bruni)
2)In collaborazione con la prof.ssa Cecilia Anichini, pediatra e genetista dell’università di Siena
3) Si veda: Anichini C. et al., Beckwith-Wiedemann syndrome: potassium ascorbate with ribose therapy in a syndrome with high neoplastic risk in «Anticancer Research», 31, 2011, pag. 3973-3976; Anichini C. et al., Antioxidant effects of potassium ascorbate with ribose therapy in a case of Prader Willi syndrome in «Disease Markers», 33, 2012, pag. 179-183; Anichini C. et al., Antioxidant effects of potassium ascorbate with ribose in Costello syndrome in «Anticancer Research», 33, 2013, pag. 691-696; Anichini C. et al., Antioxidant strategies in genetic syndromes with high neoplastic risk in infant in «Tumori»,100,2014, pag. 590-599; Croci S. et al., Potassium bicarbonate and D-ribose effects on A72 canine and HTB-126 human cancer cell line proliferation in vitro in «Cancer Cell Int», 2011; Bruni L. et al. K-D:rib dampens Hs 578T cancer cell chemoinvasion and proliferation in «Cancer Cell Int», 2014; Bruni L., Croci S., K-D:rib cancer cell proliferation inibitor and DNAzyme folding promoter in «Journal of Biological Research», 2014
CENTENARIO DELLA NASCITA DEL DOTTOR PANTELLINI
Il 2 aprile 2017 ricorreranno 100 anni dalla nascita del dottor Gianfrancesco Valsé Pantellini. La Fondazione che porta il suo nome ne ricorderà la figura e la sua attività di ricerca e di studio in una giornata di testimonianze e contributi di chi lo ha conosciuto direttamente.
Info: www.pantellini.org  .


Prodotti consigliati.
Il Cofattore K+
Cinquant'anni di ricerca e terapie contro i tumori
€ 18

L'ascorbato di Potassio
Nella cura e nella prevenzione delle malattie degenerative
€ 37

Potassio Ascorbato - Pastiglie
Integratore alimentare con il 300% RDA di Vitamina C in 1 pastiglia
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 19.9
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

La radioterapia per il cancro provoca danni cerebrali, interrompendo il gusto e l'olfatto

stampa la pagina



Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

I medici sanno da tempo che il trattamento con radiazioni per i tumori della testa e del collo possono spesso portare a cambiamenti nell'olfatto o nel gusto di un paziente, ma hanno attribuito questo effetto principalmente alla temporanea distruzione delle papille gustative. Ma secondo uno studio pubblicato sulla rivista Practical Radiation Oncology nel luglio 2013, almeno alcuni degli effetti potrebbero essere dovuti al danno cerebrale indotto dalle radiazioni.



Danno nasofaringeo e ai lobi temporali?


Lo studio è stato condotto su 22 persone sottoposte a trattamenti con radiazioni per una famiglia di tumori cerebrali noti come gliomi. 
Quattordici partecipanti sono stati trattati per glioblastoma, tre per gliomi di grado,3 e cinque per gliomi di basso grado. 

I ricercatori hanno condotto un'analisi dell'istogramma dose-volume per stimare la quantità di radiazioni ricevute da ciascun paziente in diverse regioni della testa, tra cui il talamo, i lobi temporali, il nasofaringe, il solco olfattivo, il polo frontale e la nicchia delle cellule staminali periventricolari. 

Ai partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario per valutare eventuali odori o alterazioni del gusto all'inizio dello studio (prima della radiazione), nonché a tre e sei settimane dopo l'inizio della radioterapia.


Venti pazienti hanno presentato questionari utilizzabili; di questi, a metà del disturbo sentito a metà dell'odorato, durante la radioterapia, mentre il 70 per cento ha subito un disturbo al senso del gusto. 
Anche i pazienti che hanno avuto un disturbo del gusto più grave hanno avuto maggiori probabilità di subire gravi problemi di odore. 



I ricercatori hanno scoperto che un'aumentata dose di radiazioni al rinofaringe era associata ad un rischio significativamente maggiore di disturbi del gusto. 
Sebbene non sia tecnicamente parte del cervello, la faringe è un organo all'interno della testa che svolge un ruolo importante sia nella digestione che nella respirazione. 
Il nasofaringe o (rinofaringe) è la parte più alta di questo organo e si trova appena dietro il naso.



I ricercatori hanno inoltre scoperto che, quando i pazienti con tumori dei lobi temporali sperimentavano disturbi del gusto, questi disturbi erano molto più gravi di quelli sperimentati da altri pazienti. Questi disturbi del gusto più gravi potrebbero essere stati causati dal tumore stesso, o come effetto collaterale di una radiazione applicata direttamente al lobo temporale. 



"La tossicità del gusto indotta dalle radiazioni sembra essere più comune nei tumori del lobo temporale e può essere correlata alla dose ricevuta dalla nasofaringe", hanno concluso i ricercatori.



Un problema diffuso


Gli studi hanno dimostrato che quasi l'85 per cento di tutti i pazienti sottoposti a radioterapia alla testa e al collo subiscono una qualche forma di spiacevole cambiamento nel senso del gusto. Questi cambiamenti sono significativamente più comuni nei tumori della testa e del collo rispetto ad altre forme di cancro . 


Le modifiche al gusto e all'olfatto possono manifestarsi come una perdita di sensibilità, una distorsione della percezione (che include l'incapacità di identificare odori / sapori familiari) o persino un'allucinazione (come percepire odori / sapori che non sono effettivamente presenti).



Oltre all'effetto emotivo che questo può avere sui pazienti, può anche portare a cambiamenti pericolosi nei modelli dietetici, poiché i pazienti evitano cibi nutrienti che hanno assunto un odore o un sapore sgradevole. In effetti, uno studio ha rilevato che il 20% della cattiva salute nei pazienti oncologici potrebbe essere attribuito alla malnutrizione, piuttosto che al cancro stesso. 



La prevalenza di questo effetto collaterale rende essenziale che medici e pazienti siano meglio istruiti, secondo uno studio condotto da ricercatori del Wake Forest University Comprehensive Cancer Center e Virginia Tech e pubblicato su The Journal of Supportive Oncology nel 2009.



"Gli oncologi che comprendono i tipi e le cause del gusto e le anormalità olfattive potrebbero essere meglio preparati a discutere ed empatizzare con questi effetti collaterali negativi", hanno scritto i ricercatori. 



Le fonti per questo articolo includono: 




Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.