Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

giovedì 26 settembre 2019

Bayer e morte: Vaccini e mito di un virus del 1918

stampa la pagina

“Le specie di uccelli e mammiferi si sono impadronite della terra circa 65 milioni di anni fa, cioè nello stesso periodo in cui i dinosauri si sono estinti. Così ha fatto l'influenza e altri virus di tutte le specie sopravvissute. Da allora, tutti quei virus si sono accoppiati e mutati tra loro senza che il cielo abbia ceduto a causa di alcuna infezione. Pertanto, qualsiasi chiacchierata su una pandemia di influenza aviaria o suina con la probabilità di uccidere milioni di persone è un'assurdità intenzionale o allucinogena di trarre profitto sulle spalle dell'innocente seguito. "

~ Shiv Chopra, microbiologo, esperto di vaccini

By J. Holcombe, D. Jacobson, and T. Ruhl
traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Nel 2005, i Centers for Disease Control affermarono di aver ricostruito il virus "virulento" del 1918:
"I ricercatori CDC e i loro colleghi hanno ricostruito con successo il virus dell'influenza che ha causato la pandemia di influenza del 1918-19, che ha ucciso oltre 50 milioni di persone in tutto il mondo."
Qualunque cosa il CDC abbia ricostruito, non è stato ciò che ha ucciso milioni di persone nel 1918-19.
Il CDC sembra inconsapevole del fatto che l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID) abbia dimostrato che non si trattava di un virus o di un'influenza, ma di un comune batterio respiratorio superiore che si era trasformato in grave infezione e poi polmoniti mortali dall'effetto di soppressione immunitaria dell'aspirina .
L'aspirina ha ucciso le persone, non un virus.
Nel 1918, la convergenza di una droga tossica, una massiccia pubblicità corporativa e pressioni governative, militari e mediche per l'uso della droga, portarono a decine di milioni di morti. Quella combinazione di gruppi si è riunita di nuovo, questa volta dietro i vaccini.
La domanda, però, è perché i vaccini vengono promossi a tutti per una pandemia "come l'influenza del 1918" poiché i decessi non sono stati causati da un'influenza?
Dato che si trattava di batteri comuni, le seguenti dichiarazioni CDC non hanno senso:
"Questo rapporto descrive la riuscita ricostruzione del virus dell'influenza A (H1N1) responsabile della pandemia di" influenza spagnola "del 1918 e fornisce nuove informazioni sulle proprietà che hanno contribuito alla sua eccezionale virulenza ..."
La pandemia di influenza del 1918-19 ha ucciso circa 20-50 milioni di persone in tutto il mondo, molte più delle successive pandemie del 20 ° secolo. Le proprietà biologiche che conferiscono virulenza ai virus dell'influenza pandemica sono state poco comprese. La ricerca per comprendere meglio in che modo i singoli geni del virus dell'influenza pandemica del 1918 contribuiscono al processo della malattia potrebbero fornire importanti spunti sulla base della virulenza. "
Il CDC sta dando una visione delle morti del 1918, che è una fantascienza completa. Non si adatta a dati storici o biologici. Né la loro visione del "virus virulento" risponde alle domande persistenti intorno al 1918, come ad esempio perché i giovani sono morti o perché le persone sono morte così rapidamente. Entrambi rispondono al lavoro del Dr. Karen Starko sull'uso e l'overdose di aspirina nel 1918.
Sebbene nessun virus fosse responsabile delle morti, il CDC ha un altro problema. Non ci sono state prove che dimostrino nemmeno la ricostruzione del virus. Il virologo tedesco Stefan Lanka indica la fonte della storia sulla ricostruzione e i pezzi mancanti nel virus, in questa intervista del 2005 :
"Il dottor Jeffery Taubenberger, da cui ha origine l'accusa di ricostruzione del virus pandemico del 1918, lavora per l'esercito americano e ha lavorato per più di 10 anni per produrre, sulla base di campioni di diversi cadaveri umani, brevi pezzi di sostanza genica mediante la tecnica di moltiplicazione biochimica PCR. Tra la moltitudine di pezzi prodotti ha selezionato quelli che si avvicinavano al modello della sostanza genetica dell'idea di un virus influenzale e li ha pubblicati."
In nessun cadavere, tuttavia, è stato visto o isolato un virus o era un pezzo di sostanza genica proveniente da un tale isolato. Per mezzo della tecnica PCR sono stati prodotti dal nulla pezzi di sostanza genica la cui precedente esistenza nel cadavere non poteva essere dimostrata."
Se fossero stati presenti virus, questi potrebbero essere stati isolati e da essi sarebbe stata isolata anche la loro sostanza genetica; non sarebbe stato necessario che nessuno producesse faticosamente, mediante la tecnica della PCR - con un'intenzione chiaramente truffa - una trapunta patchwork di un modello della sostanza genetica dell'idea di un virus influenzale. "
L'intervistatore ha quindi chiesto come un profano potesse controllare questo, a cui ha risposto:
A proposito di questi brevi frammenti di sostanza genica, che nel senso della genetica non sono completi e che non sono nemmeno sufficienti per definire un gene, si sostiene che insieme costituiranno l'intera sostanza genetica di un virus influenzale."
"Per vedere attraverso questa truffa, si deve solo essere in grado di sommare i pezzi di lunghezza pubblicati per accertare che la somma delle lunghezze dei singoli pezzi, che presumibilmente costituisce l'intera sostanza genica virale dell'influenza presunta virus, non costituisce il ... genoma del modello del virus dell'influenza."
“Ancora più semplice è chiedere in quale pubblicazione è possibile trovare la foto al microscopio elettronico di questo virus apparentemente ricostruito. Non esiste tale pubblicazione. "
Non trattando né l'infezione batterica né il ruolo dell'aspirina nel causare i decessi del 1918, e continuando il "mito virulento del virus", il CDC sta promuovendo la necessità di farmaci antivirali (che menziona per nome), anche come lo sviluppo di vaccini, ma nessuno di loro sarebbe appropriato per affrontare ciò che ha ucciso le persone durante il 1918.
Il CDC continua nella sua falsa promozione di decessi del 1918 correlati all'influenza e ignora i batteri respiratori comuni che NIAID ha dimostrato essere la fonte e l'errore medico globale dell'uso di aspirina tossica:
"Gli attuali antivirali e vaccini sono efficaci contro il virus del 1918?"
"Sì. Due tipi di farmaci antivirali, rimantadina (Flumadina) e oseltamivir (Tamiflu), hanno dimostrato di essere efficaci contro i virus dell'influenza simili al virus del 1918. I vaccini contenenti l'HA del 1918 o altre proteine ​​del sottotipo H1 erano efficaci nel proteggere i topi dal virus del 1918. In effetti, l'attuale vaccino contro l'influenza ha fornito un certo livello di protezione contro il virus del 1918 nei topi.
“Sono in corso nuove profilassi e terapie contro il virus del 1918?
"La ricostruzione del virus del 1918 consentirà al CDC di perseguire lo sviluppo di un virus di riferimento candidato al vaccino che fornirebbe una protezione ottimale contro questo o simili virus."
La caratterizzazione del CDC del 1918 come un'epoca in cui un virus virulento ha minacciato tutta l'umanità è palesemente falsa. Quella falsa visione fu  usata da George Bush per provocare il terrore che un nuovo virus virulento - correlato al virus del 1918 - si sarebbe verificato e avrebbe ucciso di nuovo milioni di persone.
Perché il CDC persiste in questo mito nonostante le prove contrarie? Evitando i motivi, si potrebbero solo suggerire alcuni effetti della proiezione del terrificante mito secondo cui milioni di persone potrebbero morire a causa del virus:
... 1. Distrazione dalla dura realtà che i trattamenti naturali erano gli unici

... trattamenti efficaci durante il 1918;
... 2. Il cloaking  di Bayer, l'aspirina e il ruolo dell'industria nel

... morti;
... 3. Vendite di miliardi di farmaci antivirali e sviluppo di vaccini;
... 4. Maggiore potere finanziario per l'industria farmaceutica nel controllo dei media e influenza il governo;

... 5. Aumento delle malattie e dei decessi per agenti chimici farmaceutici, uno dei più alti fattori di rischio;

... 6. Terribile dipendenza da "autorità medica esperta" e costosi complessi

... “Soluzioni” per salvare le persone;
... 7. Consegna di autorità illimitata alle agenzie regolatorie del governo a

... "Proteggere" il pubblico dai prodotti naturali;  
... 8. Uso dello spettro di milioni di morti come giustificazione per la

... rimozione dei diritti umani per "proteggere" il pubblico;
... 9. Il miglioramento dell'industria farmaceutica si sposta verso un incontestato

... monopolio globale sulla salute (vita e morte);
... 10. Industrializzazione,  commercializzazione e militarizzazione della "malattia"; e
 11. Una porta aperta all'uso  dell'emergenza pandemica per giustificare la legge marziale .
La verità - che le autorità mediche che usano l'aspirina Bayer (e l'aspirina generica) hanno ucciso così tanti milioni di persone che quelle morti sono diventate uno degli eventi più terrificanti della storia umana - fondamentalmente minaccia un settore degli investimenti multimiliardario globale costruito attorno a indiscussa "competenza medica" e il loro uso di droghe sintetiche.
Ma la verità più piena contiene qualcosa di più terribile per l'industria farmaceutica di "solo" i milioni di morti che hanno causato perché è accaduto anche qualcos'altro di grande significato: la medicina non industriale, quelli che usano sostanze organiche, ha salvato le persone dalla morte.
Il 1918 istituì un test globale che confrontava milioni di persone, quelle che erano state trattate dalla medicina industriale e quelle che erano state trattate dalla medicina organica. Il primo gruppo è morto in numero insondabile. Quasi tutto il secondo gruppo viveva.
Questa realtà risplende dal 1918, focalizzando storicamente l'attenzione del mondo all'indietro sull'ascesa dell'industria farmaceutica chimica sintetica dove una volta l'umanità aveva usato solo la natura.
Ciò che spicca è il fallimento e la tossicità di uno dei prodotti più antichi e affidabili del settore, l'aspirina, in misura disastrosa. Aggiungete alla pubblicità globale di Bayer il suo prodotto tossico, l'influenza del governo e dei media, e si sono combinati per aumentare la perdita della vita a un livello mai visto prima.
Il prodotto di Bayer ha prodotto così tanti milioni di morti che compete con la peste nera in numero di morti: da 20 a 50 milioni di morti nel 1918 e nel 1919 contro i 25-75 milioni nel corso di molti anni della peste bubbonica.
Ma quel singolo prodotto farmaceutico sintetico ha ormai superato di gran lunga il numero di decessi della malattia più infame della storia poiché, come dimostrerà una sezione successiva di Bayer, i decessi non si sono fermati fino ad oggi e sono di proporzioni epidemiche.
I professionisti della salute naturale sono quelli che hanno salvato la vita nel 1918 mentre l'aspirina veniva uccisa. Oggi il governo, sotto l'influenza di Bayer e di altre compagnie farmaceutiche, sta reprimendo l'accesso a prodotti per la salute naturale che non hanno letalità e salvato vite nel 1918, a favore di vaccini prevedibilmente letali, la cui necessità si basa su un mito estremamente mal diretto - incolpare un'influenza (o virus) che non era la causa.
Al di là delle morti causate da Bayer con la sua aspirina, negli anni '80, "vendette consapevolmente milioni di dollari di medicine per la coagulazione del sangue per gli emofiliaci - medicine che comportavano un alto rischio di trasmissione dell'AIDS", riportò il Sydney Morning Herald nel 2003. La medicina è stata sviluppata da donatori di plasma infetti da HIV. "Di conseguenza, migliaia di emofiliaci sono stati infettati dall'HIV", ha consigliato la CBS nel 2009. Ecco un video di notizie MSNBC meno permissivo sulla questione.
Alla luce dei milioni di morti del 1918 derivanti dall'invenzione dell'aspirina (un sintetico a base di catrame di carbone ) di Bayer e ora dai vaccini sintetici di Bayer (potenzialmente contaminati da qualsiasi cosa), viene avviata una rivalutazione automatica dei trattamenti naturali rispetto a quelli sintetici.
stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento