Il grande archivio del blog di Vivere in modo naturale.

sabato 2 dicembre 2017

UN NUOVO STUDIO TROVA UNA "VASTA GAMMA DI RISCHI DEVASTANTI" ASSOCIATA AL VACCINO HPV

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
studio-trova-rischi-devastanti-nel-vaccino-HPV


Traduzione a cura di Vivere in modo naturale

ROBERT F. KENNEDY JR.1 ° DICEMBRE 2017


Un nuovo studio pubblicato su Clinical Rheumatology  mostra come i produttori di vaccini hanno usato placebo fasulli negli studi clinici per nascondere una vasta gamma di rischi devastanti associati ai vaccini HPV. Invece di usare veri placebo inerti e confrontare gli impatti sulla salute per un certo numero di anni, come richiesto per la maggior parte delle nuove approvazioni di farmaci, Merck e GlaxoSmithKline hanno arricchito i loro placebo con un adiuvante neurotossico di alluminio e tagliato i periodi di osservazione in pochi mesi.
I ricercatori dell'Istituto Nazionale di Cardiologia del Messico hanno esaminato oltre 28 studi pubblicati a gennaio 2017-16 studi randomizzati e 12 casi serie post-marketing, relativi ai tre vaccini contro il papillomavirus umano (HPV) attualmente sul mercato a livello globale. Nel loro rapporto peer-reviewed del luglio 2017  , gli autori, Manuel Martínez-Lavin e Luis Amezcua-Guerra, hanno scoperto prove di numerosi eventi avversi, tra cui lesioni mortali, disabilità permanenti, ospedalizzazioni e decessi, riportati dopo la vaccinazione con il vaccino bivalente Cervarix di GlaxoSmithKline e i vaccini HPV quadrivalenti o nove valenti di Merck (Gardasil e Gardasil 9). Gli scienziati delle società farmaceutiche hanno liquidato di routine, minimizzato o nascosto quelle lesioni usando espedienti statistici e  confronti invalidi progettati per diminuire il loro significato relativo.
Dei 16 studi randomizzati sul vaccino HPV, solo due hanno usato un placebo salino inerte. Dieci dei sedici hanno confrontato il vaccino HPV con un  adiuvante neurotossico di alluminio e quattro studi hanno utilizzato un vaccino contenente alluminio già approvato come confronto.
I ricercatori scientifici considerano i trial in doppio cieco come il  gold standard  per testare nuovi farmaci. Per minimizzare la distorsione, i ricercatori assegnano casualmente i pazienti a un gruppo di "trattamento" o a un gruppo di "controllo" (placebo) e quindi confrontano i risultati di salute. La pratica standard è quella di confrontare un nuovo farmaco con un placebo farmacologicamente inerte ". Per minimizzare le opportunità di parzialità, né i pazienti né i ricercatori sanno quali persone hanno ricevuto il farmaco e quali il placebo. Tuttavia, nelle sperimentazioni cliniche dei vari vaccini HPV, i ricercatori farmaceutici hanno evitato questo tipo di rigore e hanno invece utilizzato flimflam di prestigio per mascherare la gravità delle lesioni da vaccino.
Dei 16 studi randomizzati sul vaccino HPV, solo due hanno usato un placebo salino inerte. Dieci dei sedici hanno confrontato il vaccino HPV con un   adiuvante neurotossico di alluminio e quattro studi hanno utilizzato un vaccino contenente alluminio già approvato come confronto. Uno non deve essere uno scienziato per capire che l'uso di placebo contenenti alluminio può confondere il confronto tra i gruppi di trattamento e di controllo. I critici del vaccino HPV hanno indicato l'adiuvante di alluminio come la causa più probabile di reazioni avverse, e  alcuni ricercatori  hanno messo in dubbio la sicurezza dell'uso di adiuvanti di alluminio nei vaccini, a causa del loro  probabile ruolo come contributore alla malattia cronica. I placebo contenenti alluminio sembravano provocare numerose reazioni avverse tra i pazienti presumibilmente inconsapevoli di averli ricevuti, consentendo ai ricercatori del settore farmaceutico di mascherare la cascata di reazioni avverse simili tra i gruppi che hanno ricevuto i vaccini. Sebbene sia il placebo che i gruppi di studio abbiano sofferto di numerosi eventi avversi in questi studi, ci sono state differenze minime tra i due gruppi. I risultati avversi simili in entrambi i gruppi hanno permesso ai  ricercatori del settore  e  ai regolatori del governo di affermare che i vaccini erano perfettamente sicuri, nonostante le molteplici reazioni disturbanti. La meta-revisione dei ricercatori messicani conferma la difficoltà di accertare le differenze attribuibili al vaccino da questo pasticcio; i ricercatori hanno identificato solo alcune indicazioni di "eventi avversi sistemici significativamente aumentati nel gruppo vaccinale contro l'HPV rispetto al gruppo di controllo" attraverso i 16 studi di pre-licensure.
I promotori dell'HPV hanno trovato più difficile impiegare dispositivi ingannevoli nelle 12 revisioni sulla sicurezza post-marketing, e gli autori messicani riassumono alcuni dei risultati più degni di nota. In  Spagna , hanno riscontrato una decuplicazione superiore degli episodi di eventi avversi correlati al vaccino in seguito alla vaccinazione contro l'HPV rispetto a "altri tipi di vaccini". In  Canada, hanno riscontrato uno stupefacente tasso di visite al pronto soccorso ospedaliero tra gli individui vaccinati con HPV "Entro 42 giorni dall'immunizzazione". Tuttavia, i ricercatori del settore hanno fatto il possibile per minimizzare queste lesioni. I critici messicani criticano gli autori dei vari studi post-marketing per non aver fatto domande essenziali, per valutare i molti eventi avversi gravi o per elaborare le loro scoperte spesso preoccupanti.
In genere, la FDA richiede alle aziende farmaceutiche che cercano l'approvazione per un nuovo farmaco per osservare i risultati di salute sia nel gruppo placebo che nei gruppi di studio per 4-5 anni. I produttori di vaccini approfittano delle lacune normative della FDA che consentono un  rapido monitoraggio dei vaccini  e riducono tale periodo a poche settimane o addirittura a pochi giorni. Ciò significa che le lesioni che si manifestano, o che vengono diagnosticate, in seguito, nella maggior parte dei disturbi del neurosviluppo della vita, per esempio, sfuggiranno completamente all'attenzione.

Ulteriori cortine di fumo

Martínez-Lavin e Amezcua-Guerra indicano i dati delle sperimentazioni cliniche pubblicati sulla pagina web della  FDA per il vaccino quadrivalente di Gardasil approvato nel 2006. Tali studi clinici hanno schierato una panoplia del genere di inganni usati dall'industria e dai ricercatori del governo. A differenza di molti altri studi clinici sui vaccini HPV, questi studi clinici hanno impiegato un vero placebo salino.
Attraverso gli studi clinici di Gardasil, un gruppo di 15.706 femmine di età compresa tra 9 e 45 anni e maschi di età compresa tra 9 e 26 anni ha ricevuto il vaccino quadruplo di Gardasil. Un gruppo di controllo di 594 individui ha ricevuto un placebo salino inerte. I ricercatori del settore non spiegano mai le minuscole dimensioni relative del gruppo placebo salino; è interessante notare che le dimensioni ridotte avrebbero l'effetto di indebolire i segnali indesiderati. Ma un secondo gruppo di controllo di 13.023 ha ricevuto un cosiddetto placebo "a spillo" caricato con un adiuvante di alluminio (solfato di idrossifosfato di alluminio amorfo o AAHS). Le grandi dimensioni di questo gruppo con "placebo a spillo" suggeriscono che la decisione di mantenere piccolo il gruppo placebo salino era strategica.
Mettendo da parte la spinosa questione etica di sapere se ai partecipanti allo studio è stato detto di essere stati iniettati con una neurotossina con probabili associazioni con l'Alzheimer, la demenza e altre forme di malattia del  cervello, l'inclusione di placebo sia in soluzione salina che in alluminio ha fornito a questi ricercatori la possibilità di fare una vera scienza. Ma la pagina web della FDA mostra la trappola problematica che è stata poi impiegata dalla FDA e dalla Merck, che sembra intenzionalmente progettata per sfocare i set di dati al fine di mascherare gli effetti negativi durante gli studi clinici. La tabella che mostra reazioni avverse al sito di iniezione relativamente minori - da uno a cinque giorni dopo la vaccinazione - mostra tre colonne distinte per i tre gruppi: i riceventi di Gardasil, i destinatari di alluminio "placebo" e i riceventi di placebo salino (vedere la tabella seguente). Nella tabella, "le differenze di intergruppi sono ovvie", nelle parole dei ricercatori messicani. Ad esempio, circa tre volte e mezzo più ragazze / donne hanno avuto un gonfiore nel sito di iniezione nel gruppo Gardasil rispetto al gruppo salino (25,4% vs 7,3%). Infatti,
Quando arrivò il momento per Merck di riferire sul verificarsi di reazioni più gravi, "Reazioni avverse sistemiche" e "Disturbi autoimmuni sistemici", per esempio, gli scienziati della compagnia passarono a un formato molto diverso. In queste tabelle, la terza colonna che riporta i risultati per i destinatari del placebo salino scompare. Invece, Merck ha combinato i gruppi ricevendo il placebo di alluminio addizionato in una singola colonna con il gruppo che ha ricevuto il placebo salino genuino (vedi esempio sotto). La fusione dei due gruppi di controllo rende impossibile confrontare i risultati di Gardasil rispetto al placebo salino o al placebo in alluminio rispetto al placebo salino. In questo modo, i ricercatori di Merck hanno cancellato ogni speranza di creare un confronto di sicurezza significativo.
Rischi e vantaggi

Data la neurotossicità nota dell'alluminio e la sua associazione con condizioni autoimmuni debilitanti , non sorprende che non vi siano differenze osservabili tra Gardasil e AAHS / gruppi salini. Ma, nonostante gli sforzi dei ricercatori per documentare gli effetti negativi, non sono stati in grado di nascondere le devastanti lesioni alla salute delle loro cavie umane. La linea di fondo di questi studi rivela una verità sconvolgente: un allarmante 2,3% di entrambi i gruppi di studio e di controllo aveva indicatori di malattie autoimmuni! Questi dati sono ancora più allarmanti se si considera che il periodo di osservazione è stato ridotto dopo solo sei mesi. Con questo livello di rischio, sembrerebbe che nessun amorevole genitore permetterebbe alla figlia di ricevere questo vaccino, in particolare dato il rischio relativamente basso posto dall'HPV in paesi con test appropriati di screening del cancro cervicale. Anche in paesi come l'India, I medici indiani  sostengono che uno screening completo dovrebbe essere la principale priorità del paese piuttosto che la "panacea" della vaccinazione contro l'HPV.
Considera la matematica: secondo il National Institutes of Health (NIH), si stima che  2,4 donne su 100000  muoiano di cancro cervicale negli Stati Uniti ogni anno. D'altra parte, la Tabella 2 (sopra) della FDA mostra che  2,3 su 100  ragazze e donne hanno sviluppato una "condizione di incidente potenzialmente indicativa di una malattia autoimmune sistemica" dopo l'arruolamento nello studio clinico di Gardasil. È difficile capire come qualsiasi regolatore razionale possa consentire a più di due ragazze su 100 di correre il rischio di contrarre una malattia autoimmune permanente, soprattutto quando i Pap test stanno già facendo un lavoro efficace per identificare le anomalie cervicali. Il NIH rileva che l'incidenza e il tasso di mortalità per il cancro del collo dell'utero negli Stati Uniti sono  diminuiti di oltre il 60% dopo l'introduzione di Pap test screening.
Sulla base dei risultati numerici di questo studio, i ricercatori messicani hanno calcolato la probabilità di essere effettivamente "aiutati o danneggiati dal vaccino HPV a 9 valenze". 
Martínez-Lavin e Amezcua-Guerra si sforzano di illustrare i folli rapporti rischio-beneficio associati a questi vaccini quando discutono i risultati di uno dei 16 studi clinici. Lo  studio ha  confrontato circa 14.000 donne che hanno ricevuto Gardasil 9 o il Gardasil quadrivalente originale. Sulla base dei risultati numerici di questo studio, i ricercatori messicani hanno calcolato la probabilità di essere effettivamente "aiutati o danneggiati dal vaccino HPV a 9 valenze". La loro "preoccupante" scoperta è che il "numero necessario per danneggiare" è solo 140, mentre 1757 donne avrebbero bisogno di ricevere il vaccino per uno solo di loro per godere dei suoi benefici previsti.

Implicazioni per coadiuvanti di alluminio

Merck ha scoperto che i conteggi delle vittime di incidenti astronomici erano uguali tra i destinatari del "placebo" di Gardasil e dell'alluminio. L'implicazione ineluttabile è che i coadiuvanti di alluminio possono essere il  principale responsabile  del diluvio di lesioni riportate per i vari vaccini HPV. Questa conclusione, se vera, richiede una rivalutazione dell'uso di adiuvanti di alluminio in diversi altri vaccini, compresi alcuni dati ai bambini. I livelli di adiuvante di alluminio si sono moltiplicati a partire dalla rimozione del thimerosal nel 2003 da tre vaccini pediatrici. Il seguente grafico, preparato dal Dr. Sherri Tenpenny, illustra la straordinaria quantità di alluminio nei vaccini.
Diversi studi peer-reviewed hanno collegato l'esposizione dell'alluminio a una serie di  disordini autoimmuni e neurologici , tra cui la demenza e il morbo di Alzheimer, che sono diventati epidemici con queste esposizioni di alluminio. Una  revisione  nel  European Journal of Clinical Nutrition avverte di un pericoloso accumulo di alluminio nel cervello quando, come nel caso della vaccinazione, "i meccanismi protettivi gastrointestinali vengono bypassati". È ora di tornare al tavolo da disegno sui vaccini HPV e sui coadiuvanti di alluminio. Ancora più importante, la FDA deve iniziare a richiedere lo stesso rigoroso test di sicurezza di pre-autorizzazione per i vaccini che ha richiesto a lungo per altri farmaci. Tutti i vaccini esistenti, in particolare quelli contenenti alluminio, dovrebbero essere sottoposti a revisione di sicurezza in base a questi standard più rigorosi.
Iscriviti  per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e World Mercury Project. La tua  donazione  ci aiuterà a supportarci nei nostri sforzi.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

I RICERCATORI MOSTRANO DOVE L'ALLUMINIO VIAGGIA NEL CORPO E DOVE SOGGIORNA DOPO LA VACCINAZIONE.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
alluminio_dove_viaggia:nel_corpo_dopo_la_vaccinazione

Quando si tratta dell'ingrediente adiuvante più utilizzato nei vaccini, l'alluminio, molte domande devono ancora essere risolte, in particolare quando si tratta di dove l'alluminio va dopo l'iniezione del vaccino, un problema noto come biopersistenza.

Una delle ragioni per cui sorge questa domanda è perché è stato stabilito un ruolo causale nella cosiddetta lesofascite macrofagica (MMF) nei pazienti con encefalomielite mialgica o infiammazione cerebrale. Mialgia, artralgia, stanchezza cronica, disfunzione cognitiva, disautonomia e autoimmunità sono state temporaneamente associate alla somministrazione di vaccino contenente adiuvante in alluminio. 

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
www.collective-evolution.com

 ( Gherardi and Authier, 2003; Authier et al., 2003; Exley et al., 2009; Rosenblum et al. , 2011; Santiago et al., 2014; Brinth et al., 2015; Palmieri et al., 2016 ).
"La prova è che le particelle rivestite di alluminio fagocitate con il muscolo iniettato e i suoi linfonodi drenanti possono diffondersi all'interno dei fagociti in tutto il corpo e lentamente si accumulano nel cervello, suggerendo inoltre che la sicurezza dell'allume dovrebbe essere valutata a lungo termine." ( Fonte )
Questo studio ha spinto ulteriori ricerche a valutare i potenziali pericoli dell'alluminio iniettato, il che fa sorgere la domanda, perché non sono state pubblicate prove e valutazioni corrette che dimostrano che è sicuro iniettare alluminio nei bambini attraverso diversi vaccini in un breve periodo di tempo? Gli adiuvanti di alluminio possono essere efficaci per stimolare una risposta immunitaria, ma presumere semplicemente che non ci siano conseguenze per fare questo, o per non enfatizzare o addirittura dichiarare gli effetti avversi che sono stati scoperti, è, direi, penalmente negligente.
Tale negligenza non è rara quando si tratta di aziende farmaceutiche, tuttavia. Ad esempio, uno studio pubblicato sul  British Medical Journal  e condotto da ricercatori del Nordic Cochrane Center di Copenaghen ha dimostrato che le società farmaceutiche non hanno divulgato tutte le informazioni relative ai risultati dei loro studi sui farmaci.



Esempi di tale frode e corruzione sono infiniti e il risultato di ciò che molti hanno soprannominato la "corporatizzazione" della scienza. Molti all'interno del campo hanno pubblicato un sacco di lavoro con l'intenzione di creare più consapevolezza su questa triste realtà.
La dott.ssa Marcia Angell, un medico e redattore capo da lungo tempo del  New England Medical Journal  (NEMJ), una delle più prestigiose riviste mediche peer-reviewed al mondo, ha affermato che  "semplicemente non è più possibile credere a gran parte della ricerca clinica che viene pubblicata, o fare affidamento sul giudizio di medici di fiducia o linee guida mediche autorevoli. Non traggo piacere da questa conclusione, che ho raggiunto lentamente e con riluttanza durante i miei due decenni come redattore del  New England Journal of Medicine. "   ( Fonte )
È bello vedere che stiamo entrando in un'epoca in cui questi ingredienti vaccinali non sono solo ritenuti sicuri, specialmente l'alluminio, che non aveva posto sul pianeta Terra fino a quando l'uomo non ce l'ha fatta, e sicuramente non lo ha posto nel corpo umano. Poiché i vaccini sono stati storicamente considerati sostanze non tossiche, la FDA e i produttori di vaccini semplicemente non hanno condotto studi di tossicità adeguati per dimostrare la sicurezza degli ingredienti del vaccino, come l'alluminio. fonte )
Uno studio pubblicato su  BMC Medicine ha  mostrato che i vaccini contenenti allume erano associati alla comparsa di depositi di alluminio in organi distanti, come la milza e il cervello, ed erano  ancora rilevabili un anno dopo l' iniezione. Lo stesso gruppo francese ha pubblicato un altro studio due anni dopo , sottolineando che ci sono  "molte lacune nelle conoscenze sulle particelle di allume, compresi i loro esatti meccanismi di azione, il loro destino dopo l'iniezione, la loro disseminazione sistemica e la loro sicurezza a lungo termine.  Negli ultimi anni sono stati compiuti sforzi per sviluppare nuovi adiuvanti, ma non sono stati fatti tentativi per esaminare seriamente i problemi di sicurezza sollevati dal carattere bio-persistente e l'accumulo cerebrale di particelle di allume ".
Avanziamo rapidamente fino a quest'anno, sono stati pubblicati numerosi studi in vivo che dimostrano che l'alluminio iniettato e l'alluminio usati come adiuvanti nei vaccini non entrano nello stesso metodo di escrezione come l'alluminio che si accumula nel nostro corpo dal nostro cibo, per esempio . I nostri corpi fanno un buon lavoro nell'eliminare questo tipo di alluminio, ma lo stesso non si può dire dell'alluminio iniettato. Questo è il motivo per cui studi multipli stanno implicando l'alluminio iniettato con molteplici disturbi neurodegenerativi, come l'autismo a breve termine, o l'Alzheimer a lungo termine, perché l'alluminio potrebbe andare al cervello e rimanere lì per tutta la vita.
Oltre alle anomalie comportamentali osservate, lo studio del 2017 ha dimostrato che la  "misurazione della Al (T) di alluminio ha rivelato un livello di Al significativamente più alto nel cervello degli animali iniettati. rispetto ai cervelli del gruppo di controllo. " ( fonte )
Ciò che è anche interessante è che non è stato rilevato "nessun aumento significativo" negli animali a cui è stata iniettata una dose più elevata.
Riguarda, soprattutto perché sappiamo già che l'alluminio ambientale è stato a lungo sospettato di agire come cofattore in diverse malattie neurologiche croniche ( Van Rensburg et al., 2001; De Sole et al., 2013; Exley 2013, 2014 ). Si prega di fare riferimento a questi studi per vedere il meccanismo con cui questi autori suggeriscono che l'alluminio viene trasportato al cervello.
"Ricerca sperimentale . mostra chiaramente che gli adiuvanti di alluminio hanno un potenziale per indurre gravi disturbi immunologici negli esseri umani. "
  Dr. Lucija Tomlijenovic ( fonte )
Ecco una grande citazione del Dr. Jose G. Dores, professore presso il Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell'Università di Brasilia che ha recentemente pubblicato uno studio  sull'International Journal of Environmental Research e Public  Health . Nello studio, offre la seguente osservazione: " Nonostante il loro uso prolungato come agenti attivi di medicinali e fungicidi, i livelli di sicurezza di queste sostanze non sono mai stati determinati, né per gli animali né per gli umani adulti, né tanto meno per i feti, i neonati e i bambini. "   ( fonte )
Di seguito un video con il Dr. Christopher Shaw, un professore di UBC, che spiega perché l'alluminio iniettato è una preoccupazione. Recentemente abbiamo anche condotto un'intervista con lui e ne pubblicheremo presto alcune.
Ecco un bellissimo video del  Dr. Christopher Exley , professore di chimica bioinorganica presso la Keele University e professore onorario all'UHI Millennium Institute. È conosciuto come uno dei maggiori esperti mondiali di tossicità dell'alluminio.

Con così tanti studi che sollevano preoccupazioni, perché così poche persone conoscono questo?

La stessa cosa è successa con il mercurio. Non molto tempo fa, Robert F. Kennedy Jr., presidente del  World Mercury Project (WMP) , ha annunciato una  sfida da $ 100.000 dollari e un'iniziativa volta a porre fine all'inclusione del mercurio, una neurotossina 100 volte più velenosa del piombo, nei vaccini somministrati negli Stati Uniti e nel mondo. Ha tenuto una conferenza stampa presentando una serie di pubblicazioni scientifiche che sollevano diverse preoccupazioni per quanto riguarda l'iniezione di mercurio nei bambini. Come con l'alluminio, non ci sono studi che dimostrino che sia effettivamente sicuro farlo.
E una meta-analisi abbastanza recente pubblicata sulla rivista  Bio Med Research  International ha trovato:
Gli studi sui quali si basa il CDC e sui quali ha esercitato un certo livello di controllo riferiscono che non vi è un aumento del rischio di autismo dall'esposizione all'Hg organico nei vaccini, e alcuni di questi studi hanno anche riportato che l'esposizione a Thimerosal sembrava diminuire il rischio di autismo. Questi sei studi sono in netto contrasto con le ricerche condotte da ricercatori indipendenti negli ultimi 75 anni che hanno costantemente dimostrato che Thimerosal è dannoso. Come menzionato nella sezione Introduzione, molti studi condotti da investigatori indipendenti hanno trovato che il Thimerosal è associato a disturbi dello sviluppo neurologico. Considerando che ci sono molti studi condotti da ricercatori indipendenti che mostrano una relazione tra Thimerosal e disturbi del neurosviluppo, i risultati dei sei studi esaminati in questa recensione, in particolare quelli che mostrano gli effetti protettivi di Thimerosal, dovrebbero mettere in discussione la validità della metodologia utilizzata negli studi. (fonte )
Puoi leggere di più su questo qui .
Allora perché nessuno lo sa? L'insider politico Robert F. Kennedy Jr. spiega:
I vaccini sono un grande business. Pharma è un'industria da mille miliardi di dollari con vaccini che rappresentano 25 miliardi di dollari di vendite annuali. La decisione di CDC di aggiungere un vaccino al programma può garantire al produttore milioni di clienti e miliardi di entrate con costi minimi di pubblicità o marketing e completa immunità dalle cause legali. Alte puntate e il perfetto connubio tra Big Pharma e le agenzie governative hanno generato un sistema di regolamentazione opaco e distorto. .
La salute pubblica non può essere l'unico driver delle decisioni del CDC di mandare nuovi vaccini. Quattro scrupolosi studi federali, tra cui due del Congresso, uno del Senato degli Stati Uniti e uno dell'ispettore generale dell'HHS, dipingono il CDC come un pozzo nero di corruzione, cattiva gestione e disfunzione di allarmanti conflitti di interesse che completano le sue funzioni di ricerca, regolamentazione e policymaking . World Mercury Project )
Related World Mercury Project Articolo:   CDC: Corruzione, inganno e copertura
Ci sono esempi di vita reale di questo tipo, come William Thompson, uno scienziato senior di lunga data del CDC che ha pubblicato alcuni dei più citati studi pro-vaccino, che hanno dimostrato che non c'era assolutamente alcun legame tra il vaccino MMR e l'autismo ( Thompson,  et al. 2007,  Price, et al. , 2010 ,  Destefano, et al., 2004 ). Il Dr. Thompson ha  recentemente ammesso che è stato  "il punto più basso " della sua carriera quando  "è andato con quel documento".  Ha continuato dicendo che lui e gli altri autori  "non hanno riportato risultati significativi"  e che lui è  " completamente vergognoso "  di ciò che ha fatto. Era  "complice e andava d'accordo con questo" e si rammarica di aver  "preso parte al problema".  ( fonte ) ( fonte ) ( fonte )
Potrei andare avanti, ma concluderò dicendo che dobbiamo continuare a far sentire la nostra voce e chiedere trasparenza. Non dobbiamo permettere che il mondo aziendale continui a devastare e sacrificare la nostra salute per la loro avidità.

Sacrificare gli animali per la scienza 

L'evoluzione collettiva è una piattaforma di attivisti animali, e mi mette in conflitto a guardare costantemente agli studi in cui gli animali vengono allevati e cresciuti per tale sacrificio. Detto questo, forse per ora, in alcuni casi si può guardare al modo in cui gli indigeni guardavano gli animali che erano soliti sostenere. Puoi leggere di più su questo qui, in un articolo che parla di cosa potrebbero dire gli anziani nativi del Nord America su una dieta vegana e l'industria moderna della carne. Alcune delle cose a cui gli animali sono sottoposti in nome della "scienza" sono in realtà orribili. L'industria cosmetica, per citarne una, è un esempio da spezzare il cuore. Perché gli animali sono considerati esseri inferiori? Se questi prodotti sono per noi, dovrebbero essere testati sugli esseri umani. Forse un giorno saremo in grado di far crescere corpi umani, privi di ogni consapevolezza, per far progredire la scienza, ma poi entrano in gioco una serie di altre domande.
Per quanto riguarda i vaccini, a mio avviso iniettare alluminio in un animale è quasi inutile, perché per quanto mi riguarda, sappiamo già che il risultato non sarà buono, quindi qual è il punto per continuare a fare così? Sfortunatamente, il linguaggio della scienza è molto diverso, e forse questi animali, a un livello più profondo, hanno interpretato quel ruolo in modo che possiamo aprire gli occhi e vedere il quadro generale. Questo tipo di prospettiva è discusso nell'articolo collegato nel paragrafo precedente, storie di nativi nord americani e il loro rapporto con gli animali potrebbe aiutare in questa prospettiva.
Non in tutti i casi, ma in molti casi le alternative alla sperimentazione animale sono talvolta più efficaci, più rapide e più economiche. Ma questo potrebbe non essere vero per tutti i casi.
Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

Il Rapporto che evidenzia l'occultamento delle morti infantili post-vaccinali a mezzo Infanrix hexa della Glaxo

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
occultamento-morti-per-infanrix-hexa-della-glaxo-


Il vaccino in questione, "Infanrix hexa", che combina vaccini contro difterite, tetano, pertosse, epatite B, polio e influenza di tipo B, è prodotto da GlaxoSmithKline (GSK) ed è stato introdotto in Europa nell'ottobre 2000.
Puliyel e Sathyamala hanno scoperto l’occultamento analizzando i dati nei rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza (PSUR) relativi al vaccino che il suo produttore GSK deve fornire regolarmente all'Agenzia europea per i medicinali (EMA).






Secondo l'analisi, i medici hanno scoperto che l'ultima relazione sulla sicurezza del vaccino "Infanrix hexa" presentata da GSK (2015) ha cancellato i decessi riportati in precedenza dal produttore nel suo 16° rapporto (2012). Essi, tuttavia, notano che non è chiaro nella relazione come questi decessi siano stati cancellati.



Gli autori Puliyel e Sathyamala notano che dieci anni dopo la pubblicazione di un articolo del Centro di Controllo delle Malattie (CDC) che esaminava il rapporto tra MMR e autismo, uno degli autori William Thompson ha ammesso che lui e i suoi co-autori avevano omesso informazioni statisticamente significative – cioè che i maschi afroamericani a cui era stato somministrato il vaccino MMR prima dell'età di 36 mesi, erano ad aumento di rischio di autismo. Dopo che Thompson e i suoi colleghi hanno trovato prove di questo aumento del rischio, hanno eliminato i dati dei bambini senza certificati di nascita georgiana (e quindi hanno squalificato un numero sproporzionato di bambini neri) e hanno presentato i loro dati dicendo che non vi era un aumento del rischio di autismo. Non è chiaro se gli autori del PSUR 19 abbiano eseguito una simile squalifica retroattiva dei bambini documentati per essere deceduti nel PSUR 16.

"Se queste morti non fossero state cancellate, le morti dopo la vaccinazione sarebbero state significativamente superiori a quanto previsto per caso. Il produttore avrebbe dovuto ammettere all'EMA che il loro vaccino era la causa di tali morti in eccesso".

Puliyel e Sathyamala sostengono che il produttore "deve spiegare le cifre apparentemente difettose che ha presentato alle autorità regolatorie.
Fino ad ora il produttore ha affermato che le morti riportate dopo il vaccino sono "coincidenti" e che avrebbero avuto luogo in questi bambini anche se non avessero ricevuto vaccinazioni.
Tuttavia, nel loro commento nella rivista, Puliyel e Sathyamala sottolineano che la loro analisi ha dimostrato che l'83% delle morti riportate è avvenuto subito dopo la vaccinazione nei primi 10 giorni e solo il 17% è accaduto nei successivi dieci giorni.

"Se si trattasse di morti coincidenti, allora non si sarebbero tutte raggruppate immediatamente dopo la vaccinazione, ma sarebbero state distribuite uniformemente nel periodo di 20 giorni".

Puliyel e Sathyamala scrivono che qualsiasi argomento che sostiene che le morti improvvise dopo la vaccinazione sono compensate dalle vite salvate dal vaccino non è accettabile, allo stesso modo in cui sarebbe considerato  illecito uccidere una persona per usare i suoi organi per il salvataggio di altre cinque persone.
"Celare le morti dopo la vaccinazione può impedire o ritardare la valutazione del profilo di sicurezza del vaccino e questo può portare a morti inutili e difficilmente giustificabili eticamente.
Gli autori sottolineano che Hexavac - un vaccino simile fabbricato da Sanofi Pasteur e introdotto sul mercato anch’esso nel 2000 è stato ritirato dal mercato europeo nel 2005. Era stato trovato che aumentava la morte dei bambini entro due giorni dalla vaccinazione.
Nel contesto indiano, gli autori sottolineano che il Drug Controller General of India (DCGI) dovrebbe riconsiderare l'attuale politica di approvazione automatica di tutti i farmaci autorizzati negli Stati Uniti e in Europa. "Questo affidamento basato sulla dovuta diligenza da parte dell'EMA può essere errato e deve essere riesaminato".
"Pentavac", prodotto da Serum Institute of India e commercializzato in India, è simile a quello, ora sospeso, Hexavac e all'Infanrix Hexa qui riportato, tranne che il vaccino contro la pertosse a cellule intere è sostituito da un vaccino acellulare e ha un sesto componente, il vaccino della poliomielite iniettabile".
Alla luce del loro riscontro, Puliyel e Sathyamala suggeriscono che "è fondamentale che la DCGI sia a conoscenza dei rapporti PSUR forniti all'EMA e alle preoccupazioni sollevate attraverso questo commento". 


macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina