domenica 8 aprile 2018

I vaccini stanno iniettando segretamente tutti i virus che causano malattie, avverte l'autore scienziato di "Plague"

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
vaccini_iniettano_segretamente_virus_per_causare_malattie
Blue-Virus-Bacteria-model-in-3d


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com
tratto da www.vaccines.news

Judy A. Mikovits, Ph.D., è una ricercatrice, nonché coautrice del pionieristico libro,  Plague .  (Peste) Non tradotto per l'Italia.

Mikovits ha passato una vita a studiare malattie autoimmuni e neuroimmuni, cancro e altre condizioni causate da infiammazione cronica. 
Nello specifico, sta studiando i retrovirus e come contribuiscono all'insorgenza di queste condizioni che alterano la vita.
In un recente articolo, Mikovits fa luce su uno degli aspetti più preoccupanti dei retrovirus: il loro posto insospettabile nei vaccini.
Come spiega Mikovits, una delle fonti principali di retrovirus debilitanti è (si indovina) nei vaccini
In effetti, afferma che praticamente tutti i vaccini sono contaminati da una specie di retrovirus, proveniente da una famiglia di animali - molto probabilmente a causa di tutti quei deliziosi sottoprodotti di origine animale utilizzati per creare vaccini. 
Ad esempio, almeno il 6% degli americani ha raccolto retrovirus correlati al topo, molto probabilmente a causa dei vaccini. 
Infatti, fino a 20 milioni di americani probabilmente ospiteranno un retrovirus grazie a un'inoculazione che hanno ricevuto per volere dell'istituto medico principale.

Come esempio principale, Mikovits indica il controverso vaccino contro il rotavirus . 
Scrive, "Nel 2010, la Food and Drug Administration (FDA) ha convocato un gruppo di esperti per esaminare i risultati che i vaccini contro il rotavirus somministrati ai bambini negli Stati Uniti, Rotateq, prodotto da Merck Pharmaceuticals e Rotarix prodotto da Glaxo Smith Kline, sono contaminati da virus di maiale. "



Mikovits spiega che Rotarix conteneva acidi nucleici del virus del circovirus-1 (PCV1) suino. 
Allo stesso modo, RotaTeq è stato trovato contaminato con acidi nucleici da PCV1 e PCV2. 
Gli effetti a breve e a lungo termine di tale contaminazione non sono completamente noti, ma i rischi sono ancora presenti. 
Alla fine, il comitato consultivo ha concluso che "i benefici del vaccino superano i suoi rischi".

Mentre la rilevazione genetica a questo livello non era qualcosa a disposizione degli scienziati fino a poco tempo fa, Mikovits sostiene che i ricercatori sono stati a conoscenza del potenziale di trasferimento genico orizzontale (HGT) per molti anni. 
Quindi, mentre il rilevamento potrebbe non essere stato possibile, il potenziale rischio è stato almeno in parte riconosciuto all'interno della comunità scientifica. 

Nell'HGT, c'è un "assorbimento diretto e incorporazione di materiale genetico da una specie non correlata". 
Mikovits spiega che a differenza degli inquinanti chimici, che alla fine vengono scomposti e rimossi dal corpo, gli "inquinanti" genetici come gli acidi nucleici retrovirali sono essenzialmente infettivi. 
Questi acidi nucleici retrovirali sono in grado di infiltrarsi nei genomi, moltiplicandosi e diffondendosi. 
Quando gli acidi nucleici retrovirali si inseriscono nell'HGT, le cose possono diventare scure molto rapidamente dando molti effetti dannosi , tra cui malattie, riattivazione di virus dormienti e cancro.

Il dott. Mikovits spiega anche che in molti casi, come con i retrovirus PCV1 e PCV2, la combinazione di più vaccini può rendere ancora più gravi i potenziali rischi del materiale retrovirale. 
Lei nota nei suini, in particolare il PCV2, che causa sintomi simili all'AIDS, ma solo quando è in corso l'attivazione simultanea del sistema immunitario (come la vaccinazione concomitante). 
"Così, il simultaneo inoculo del vaccino contro il rotavirus contaminato con sequenze di DNA di PCV tipo 2 insieme a DTaP, Hib, PCV, IPV e Hep B, come attualmente raccomandato da ACIP, fornisce uno scenario ad alto rischio per la malattia negli esseri umani", scrive Mikovits.

Una cosa è chiara: i vaccini non sono sicuri quanto i cultori del vaccino vorrebbero che tu creda . 
Praticamente ogni aspetto di un vaccino può essere dannoso per l'uomo, ma i potenziali pericoli dei retrovirus sono davvero spaventosi; difficile da individuare e persino più difficile da dimostrare, ricercatori come Judy Mikovits hanno davvero il loro lavoro da fare.


Le fonti per questo articolo includono:



Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Nessun commento:

Posta un commento