Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

martedì 20 agosto 2019

Gli scienziati identificano due molecole che compongono la "fonte della giovinezza" e accelerano persino la guarigione delle ferite

stampa la pagina


Per le persone che si preoccupano dell'aspetto della loro pelle mentre invecchiano, uno studio condotto dai giapponesi raccomanda di  migliorare i livelli di una proteina di collagene richiesta dalle cellule staminali della pelle. I composti Y27632 e l'Apocinina possono aiutare a questo proposito aumentando i livelli di collagene 17.

Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Il collagene svolge un ruolo importante nel mantenere un aspetto sano e giovane. Secondo lo studio, l'invecchiamento provoca la perdita di collagene nelle cellule staminali 17. Anche l'esposizione alla luce ultravioletta ha un effetto simile.


Se privi di collagene 17, le cellule staminali smettono di aumentare di numero. Alla fine si trasformano in cellule epiteliali adulte.


Col passare del tempo, più cellule staminali vengono danneggiate dall'esposizione ai raggi UV. Poiché anche il numero di cellule sane diminuisce, non tutte le cellule danneggiate vengono sostituite.

Nella pelle, questo evento coinvolge due dei suoi tre strati: l'epidermide, che è lo strato più esterno, e il derma, che è costituito da vasi sanguigni, tessuto connettivo, capelli e ghiandole sudoripare.
Lo strato più alto dell'epidermide rilascia costantemente le cellule della pelle. I rimpiazzi provengono da una scorta di cellule staminali autoripristinanti nello strato inferiore.
Le cellule staminali sono radicate nella membrana basale che collega anche l'epidermide e il derma. Finché le cellule staminali rimangono ancorate a quella membrana, continueranno a dividersi e produrre nuove cellule che possono trasformarsi in sostituti di quelle danneggiate. (Correlato: una semplice vitamina potrebbe essere uno strumento anti-invecchiamento? )

Le cellule staminali danneggiate perdono un'importante proteina di collagene

Di solito, le cellule staminali epidermiche si dividono orizzontalmente. Le celle di nuova produzione si aggiungono al pool di celle sostitutive.

Tuttavia, quando le cellule staminali epidermiche si dividono verticalmente, le nuove cellule si trasformano in cellule cutanee adulte. Queste cellule mature si muovono lentamente verso la superficie della pelle.
La pelle si affida a questo processo di turnover cellulare per guarire i tagli e rimanere giovane in apparenza poiché consente alle vecchie cellule della pelle nello strato più esterno dell'epidermide di essere sostituite con nuove cellule dal fondo.

Tuttavia, quando le persone invecchiano, perdono naturalmente le cellule staminali, il che rallenta il ricambio cellulare. Ecco perché le persone che invecchiano hanno la pelle più sottile e più debole.
Nel loro studio, i  ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno riferito che le cellule staminali subiscono una divisione verticale quando sono danneggiate. Le potenziali cause di questo danno includono il normale processo di invecchiamento, il turnover cellulare stesso e l'esposizione alla luce ultravioletta e alle tossine. Anche la radice di una cellula staminale danneggiata si indebolisce, rendendola incapace di rimanere attaccata alla membrana basale.
Le cellule staminali che si dividono verticalmente finiscono per essere espulse dalla membrana. Come le nuove cellule che producono attraverso la divisione verticale, le cellule originali sono costrette a passare attraverso la maturazione in cellule adulte.

L'apocinina della canapa canadese può aumentare i livelli di collagene 17 nella pelle

Secondo il team di ricerca TMDU, le cellule staminali non danneggiate lavorano insieme per espellere le cellule danneggiate. Le cellule sane lo fanno per sbarazzarsi delle controparti malfunzionanti e prevenire le mutazioni che possono causare il cancro .

Nel tempo, tuttavia, troppe cellule staminali vengono danneggiate. Una volta che superano le cellule sane, queste cellule danneggiate ostacolano la capacità della pelle di ringiovanire e guarire le lesioni.

"La competizione delle cellule staminali tra cellule staminali epidermiche sostiene la giovinezza della pelle , ma il declino della competizione finisce con l'invecchiamento della pelle", ha spiegato Emi Nishimura, professore alla TMDU che ha guidato lo studio.
Il fattore decisivo in questo processo è il collagene 17. Questa proteina aiuta a mantenere le cellule staminali attaccate alla membrana basale. Bassi livelli di collagene 17 indeboliscono l'ancoraggio cellulare.
Fortunatamente, i ricercatori della TMDU hanno trovato un modo per aumentare i livelli di collagene 17 nelle cellule staminali. Indicano l'uso di due composti, vale a dire, Y27632 e apocinina.
Quando somministrato sulla pelle, Y27632 e l' apocinina aumentano i livelli di collagene 17 e accelerano la guarigione della ferita. L'apocinina appare in natura come componente di piante medicinali come la canapa canadese e il kutki ( Picrorhiza kurroa ).

stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento