Iscriviti alla Newsletter

Cerca nel blog

giovedì 12 dicembre 2019

I tuoi bambini sono al sicuro dall'esposizione del tossico alluminio?

stampa la pagina


Hai protetto i bambini dalla casa, sei passato ad alimenti biologici e prodotti per la cura della persona e generalmente fai tutto il possibile per garantire che i tuoi piccoli siano al sicuro da eventuali danni. Tuttavia, un pericolo che potresti aver trascurato è l'alluminio.


Traduzione a cura di Vivereinmodonaturale.com

Potrebbe sembrare un'affermazione ridicola e superficiale; dopotutto, probabilmente hai avvolto il tuo cibo in un foglio di alluminio per anni e sei ancora vivo e vegeto. E questo in breve, è davvero il problema perché: l'alluminio è così pericoloso proprio perché così tante persone credono che sia innocuo e non ci pensano due volte.

La verità è che l'alluminio è una neurotossina dannosa per la salute e questi pericoli sono amplificati nei giovani. I bambini sono particolarmente vulnerabili al bioaccumulo di alluminio, che è una cattiva notizia se si considerano gli alti livelli di alluminio assorbibile che sono stati trovati in molte Formule per neonati.

In effetti, il sovraccarico di alluminio a cui sono sottoposti molti bambini può avere conseguenze che si sviluppano bene nella loro età adulta. Uno studio condotto dall'esperto di alluminio, il professor Chris Exley della Keele University nel Regno Unito, ha scoperto che i livelli di alluminio nei marchi popolari di Formula per lattanti (latte in polvere per neonati) erano fino a 40 volte superiori a quelli riscontrati nel latte materno umano e che poco era cambiato dalle chiamate negli anni '80 per la presenza del metallo in formula da ridurre. In effetti, è stato scoperto che un bambino che assumeva il "formula standard" ingeriva l'equivalente di 600 microgrammi di alluminio al giorno, che supera di gran lunga la dose massima giornaliera raccomandata dalla FDA.


Alcuni marchi popolari di latte in polvere Formula

Il problema è ancora maggiore nei bambini prematuri, a cui spesso vengono somministrate soluzioni di nutrizione parenterale (PN) caricate con alluminio nella cura neonatale, che è spesso seguita da una "formula" contenente alluminio una volta tornati a casa. Sfortunatamente, la barriera emato-encefalica può facilmente distruggere l'alluminio e la mancanza di protezione gastrointestinale di questi bambini significa che l'ingestione di alluminio danneggia la loro omeostasi intestinale al punto da essere considerata un fattore di rischio per le malattie infiammatorie intestinali. Inoltre, i reni dei neonati prematuri sono considerati funzionalmente immaturi e quindi incapaci di espellere l'alluminio.

Uno studio che ha seguito i neonati prematuri nell'adolescenza ha scoperto che gli adolescenti esposti all'alluminio parenterale hanno visto una ridotta massa ossea nei fianchi e nella colonna lombare, mettendoli a rischio di osteoporosi e fratture dell'anca.

Altre fonti di alluminio

Anche se i bambini non ottengono alluminio dalla Formula o dalla PN, molti vaccini contengono adiuvanti in alluminio, incluso l'iniezione per il neonato di vitamina Kil foglietto illustrativo della vitamina K di Pfizer afferma anche che "contiene alluminio che può essere tossico". Molti altri vaccini per l'infanzia contengono alluminio e quando viene somministrato insieme al mercurio, che può ancora essere trovato nei vaccini antinfluenzali, è ancora più pericoloso.

Altre potenziali vie di esposizione all'alluminio includono forniture idriche municipali, lattine di alluminio, utensili da cucina, fogli di alluminio, deodoranti e farmaci che contengono il metallo come ingrediente.

Uno studio del 2018 ha mostrato che le persone con disturbo dello spettro autistico avevano livelli costantemente elevati di alluminio nel cervello, mentre altri studi hanno trovato un legame tra l'esposizione all'alluminio e la gravità dell'autismo. Può anche contribuire alla malattia di Alzheimer, una delle malattie più devastanti del nostro tempo, e potrebbe persino causarla . In un articolo di revisione pubblicato su Frontiers in Neurology , il Dr. Exley definisce questi problemi una "conseguenza della vita nell'età dell'alluminio".

Uno dei maggiori problemi di questo scenario è il fatto che c'è così tanta compiacenza al riguardo. I produttori di vaccini e formulatori e regolatori allo stesso modo tendono ad essere sprezzanti per le preoccupazioni sull'alluminio , anche se alcuni scienziati stanno spingendo duramente per il cambiamento. Essendo il metallo più abbondante nella crosta terrestre, è improbabile che l'alluminio cada in disuso in queste applicazioni grazie alla sua disponibilità e convenienza, motivo per cui è così importante che le persone siano consapevoli dei suoi effetti neurotossici e limitino la loro esposizione - specialmente in bambini e neonati.

Le fonti per questo articolo includono:


stampa la pagina

Nessun commento:

Posta un commento